La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LULIVO Non vuole, per crescere, che aria, che sole, che tempo lulivo. Nei massi le barbe, e nel cielo le piccole foglie dargento. (G. Pascoli)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LULIVO Non vuole, per crescere, che aria, che sole, che tempo lulivo. Nei massi le barbe, e nel cielo le piccole foglie dargento. (G. Pascoli)"— Transcript della presentazione:

1

2 LULIVO Non vuole, per crescere, che aria, che sole, che tempo lulivo. Nei massi le barbe, e nel cielo le piccole foglie dargento. (G. Pascoli)

3 La notevole presenza di uliveti secolari, di straordinaria valenza paesaggistica, testimonia limportanza olivicola millenaria del nostro territorio

4 Uno degli aspetti più affascinanti della pianta di olivo è la sua longevità. In condizioni naturali può vivere secoli o addirittura millenni.

5 Lolivo invecchiando contorce il suo portamento esibendo un tronco bitorzoluto, pieno di gobbe, avvolgendosi su se stesso, assumendo a volte sembianze umane o di animali.

6

7

8

9

10

11

12

13 La bellezza e lunicità di questi tronchi ha determinato un commercio di alberi verso il nord del tutto innaturale e pericoloso per la tutela del nostro paesaggio.

14

15

16 CARTA DI IDENTITÀ Cognome Oleaceae Nome Olivo Data di nascita1009 Cittadinanza Fascia Mediterranea Residenza Zona collinare Stato civile Sempreverde Professione Produttore di olive Segni particolari Tronco incurvato e nodoso Abbiamo quattro petali bianchi. Fioriamo da marzo a giugno Siamo di forma lanceolata e disposte a due a due. Resistiamo al vento e alla pioggia.

17 CICLO BIOLOGICO Il ciclo annuale dellolio di oliva inizia a marzo quando le gemme dellolivo si schiudono e fanno capolino i deliziosi fiori bianchi composti da quattro petali riuniti in grappoli detti mignole. Tra maggio e giugno il vento diffonderà il polline fecondando i fiori. Dopo il percorso fecondativo si verifica lallegagione, ovvero la fecondazione del frutto detta drupa. Non tutti i fiori diventano frutto, solo due – cinque su cento. Parte ora la vera vita dellolivo che con il passare dei giorni aumenterà di peso e dimensioni. A novembre inizierà la invaiatura, ossia il passaggio dal colore verde al nero.

18 RACCOLTA delle olive verdi da tavola RACCOLTA delle olive per olio BRUCATURA PETTINATURA SU RETI PERMANENTI BACCHIATURA SCUOTITURA MECCANICA

19

20 di IMPIANTO POTATURA di RIFORMA di RINGIOVANIMENTO di PRODUZIONE SVILUPPO dei frutti

21 Io sono Rotondella Io sono Coratina Io sono Ogliarola Salentina Io sono Corniola Io sono Cellina di Nardò VI PRESENTO ALCUNI MIEI PARENTI PUGLIESI

22 DOVE SI NASCONDE LOLIO? Se sezioniamo unoliva e osserviamo al microscopio la polpa notiamo delle piccole linee, che segnano le divisioni tra le cellule. Lolio si trova negli spazi intercellulari o dentro le cellule rotondeggianti.

23 LA LAVORAZIONE DELLE OLIVE Dopo la raccolta, le olive vengono portate alloleificio o frantoio dove vengono sottoposte a vari passaggi per poter estrarre lolio. Le fasi principali possono essere distinte in: Lavaggio e mondatura Frangitura e gramolatura Estrazione Separazione e chiarificazione Stoccaggio

24 MI PRESENTO Sono lolio di oliva genuino, gustoso e assolutamente naturale. Sono alla base dellalimentazione mediterranea. Tutti i medici mi consigliano, perché fornisco energia pulita al tuo corpo. I miei grassi sono buoni e contengo, anche, vitamina A ed E.

25 Mettetemi in contenitori di acciaio e conservatemi in ambienti freschi, asciutti e privi di luce. Sono solo io, il re dei condimenti.

26 L'olio extravergine di oliva: l'unico olio vegetale ottenuto con sola pressione, senza manipolazione o additivi chimici, a differenza degli oli di semi (soia, arachide, girasole). Olio d'oliva raffinato o olio d'oliva: é composto da olio di oliva ottenuto dalla raffinazione (trattamento chimico/fisico come previsto per gli oli di semi) al quale viene aggiunto olio di oliva vergine per migliorarne.

27 ASSAPORIAMO LOLIO CON I SENSI Per comprendere le caratteristiche di un olio vergine è necessario sfruttare il senso della vista, lolfatto e, infine, il gusto. Bisogna osservare lolio controluce, agitandolo allinterno della bottiglia per valutarne la fluidità. È necessario scaldare lolio contenuto in un bicchiere con i palmi delle mani. Quindi inalare laroma piano, cercando di captare tutte le sensazioni, gradevoli e non. Durante lassaggio, bisogna muovere la lingua contro il palato per cogliere meglio tutti i gusti e gli aromi tipici del nostro territorio. Lolio extravergine di oliva è ideale per la dieta in tutte le età.

28 LA FILIERA NON È LISCIA COME LOLIO La filiera ricorda lidea di una successione obbligata di operazioni che si incastrano le une nelle altre come lungo un filo.

29 DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE La minifiliera è una filiera ridotta.

30 PROGETTO PON NATURAL…MENTE A SCUOLA a.s Esperto del corso: dott. Pasquale Venerito Con la collaborazione di: Dott. Felice Suma Dott.ssa Lucia Nacci Dott.ssa Maria Franco Tutor del corso: ins. Grazia Salinaro


Scaricare ppt "LULIVO Non vuole, per crescere, che aria, che sole, che tempo lulivo. Nei massi le barbe, e nel cielo le piccole foglie dargento. (G. Pascoli)"

Presentazioni simili


Annunci Google