La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia D.Lgs.150 del 27/10/09 in attuazione dellart. 7 della L. delega 15/2009 Il decreto introduce.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia D.Lgs.150 del 27/10/09 in attuazione dellart. 7 della L. delega 15/2009 Il decreto introduce."— Transcript della presentazione:

1 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia D.Lgs.150 del 27/10/09 in attuazione dellart. 7 della L. delega 15/2009 Il decreto introduce significative modificazioni al D. Lgs. 165/01 E in vigore dal 15/11/09 LE SANZIONI DISCIPLINARI BERGAMO FEBBRAIO 2010

2 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia TITOLO IV CAPO V (artt ) sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici PROCEDURE DISCIPLINARI le nuove disposizioni in materia di procedure disciplinari e le nuove fattispecie sanzionatorie introdotte dal decreto 150 sono definite norme imperative e in quanto tali inserite di diritto nel contratto collettivo nazionale di lavoro (articolo 1319 codice civile) e, in conseguenza, inderogabili da parte del CCNL

3 I vincoli contrattuali al potere organizzativo nellart. 5.2 del dlgs. 165/2001 Testo originario Nell'ambito delle leggi e degli atti organizzativi di cui all'articolo 2, comma 1, le determinazioni per l'organizzazione degli uffici e le misure inerenti la gestione dei rapporti di lavoro sono assunte dagli organi preposti alla gestione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro Testo modificato Nellambito delle leggi e degli atti organizzativi di cui allarticolo 2, comma 1, le determinazioni per lorganizzazione degli uffici e le misure inerenti alla ge- stione dei rapporti di lavoro sono assunte in via esclusiva dagli organi preposti alla gestione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, fatta salva la sola informazione ai sindacati, ove prevista nei contratti di cui allarticolo 9. Rientrano, in particolare, nellesercizio dei poteri dirigenziali le misure inerenti la gestione delle risorse umane nel rispetto del principio di pari opportunità nonché la direzione, lorganizzazione del lavoro nellambito degli uffici La legge con funzioni di regolazione del Rapporto di Lavoro Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia

4 PERSONALE DOCENTE INFRAZIONI SANZIONI TERMINI COMPETENZE

5 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia D. LGS 297/94 richiamato dal 150/09 SANZIONI PERSONALE DOCENTE ART. 492 – SANZIONI ART 493 – CENSURA ART. 494 – SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO FINO A 1 MESE ART. 495 – SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO DA 1 A 6 MESI ART. 496 – SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO DA OLTRE 6 MESI E UTILIZZAZIONE IN COMPITI DIVERSI ART. 497 – EFFETTI DELlA SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO ART. 498 – DESTITUZIONE ART. 499 – RECIDIVA ART. 500 – ASSEGNO ALIMENTARE ART RIABILITAZIONE

6 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE INFRAZIONI: mancanze non gravi riguardanti i doveri inerenti alla funzione docente o i doveri dufficio: Atti non conformi alle responsabilità, ai doveri e alla correttezza inerenti alla funzione o per gravi negligenze in servizio Violazione del segreto dufficio inerente ad atti o attività non soggetti a pubblicità Omissione di atti dovuti in relazione ai doveri di vigilanza SANZIONI: ART. 493 – CENSURA: dichiarazione di biasimo scritta e motivata ART. 494 – SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO O DALLUFFICIO FINO A 1 MESE: divieto di esercitare la funzione docente con la perdita del trattamento economico ordinario, salvo quanto disposto dallarticolo 497

7 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE INFRAZIONI: nei casi previsti dallart. 494 qualora abbiano carattere di particolare gravità Uso dellimpiego ai fini di interesse personale Atti in violazione dei propri doveri che pregiudichino il regolare funzionamento della scuola e per concorso negli stessi atti Abuso di autorità SANZIONI: ART. 495 – SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO O DALLUFFICIO DA OLTRE UN MESE A SEI MESI

8 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE INFRAZIONI: Atti di particolare gravità integranti reati puniti con pena detentiva non inferiore nel massimo a 3 anni con sentenza irrevocabile ( 1° grado + appello) o per interdizione dai p.u. o sospensione dallesercizio della podestà dei genitori. ( atti non conformi ai doveri specifici inerenti la funzione e incompatibili con lesplicitazione del rapporto educativo) SANZIONI: ART. 496 – SOSPENSIONE DALLINSEGNAMENTO O DALLUFFICIO PER UN PERIODO DI SEI MESI E UTILIZZAZIONE IN COMPITI DIVERSI

9 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE INFRAZIONI: Atti in contrasto con i doveri inerenti la funzione Attività dolosa con grave pregiudizio alla scuola, alla publica amministrazione, agli alunni, alle famiglie Uso illecito o distrazione dei beni della scuola o di somme amministrative o tolleranza di tali atti commessi da altri ( solo se si ha funzione di vigilanza) Gravi atti di inottemperanza a disposizione legittime commessi pubblicamente nellesercizio delle funzioni o concorso negli stessi Richiesta o accettazione di compensi o benefici in relazione ad affari trattati per ragioni di servizio Gravi abusi di autorità SANZIONI: ART 498- DESTITUZIONE (CESSAZIONE DLE RAPPORTO DI LAVORO)

10 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: a) falsa attestazione della presenza in servizio, b) assenza priva di valida giustificazione ( più di 3 giorni nel biennio, più di 7 gg in 10 anni) c) ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall'amministrazione per motivate esigenze di servizio; d) falsità documentali o dichiarative e) reiterazione nell'ambiente di lavoro di gravi condotte aggressive o moleste o minacciose o ingiuriose o comunque lesive dell'onore e della dignità personale altrui; f) condanna penale definitiva, SANZIONI: LICENZIAMENTO DISCIPLINARE ART.55 QUATER D.LGS 150/09 Nei casi previsti dalle lettere a), d), e) ed f) il licenziamento è senza preavviso. Il licenziamento disciplinare si applica anche nel caso in cui l'amministrazione di appartenenza valuti insufficiente il rendimento del dipendente a causa di reiterate violazioni degli obblighi concernenti la prestazione lavorativa.

11 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: falsa attestazione della presenza in servizio, mediante alterazione del sistema di rilevamento o altre modalità fraudolente Giustificazione dellassenza dal servizio mediante certificazione falsa SANZIONI: ART.55 Quinquies D.LGS 150/09 Ferme restando le responsabilità disciplinare e penale si ha Obbligo di risarcimento del danno patrimoniale pari alla retribuzione del periodo per cui è accertata la mancata prestazione a cui si aggiunge il danno di immagine per la p.a.

12 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: Se la p.a. è condannata a risarcire il danno derivante da violazione da parte del dipendete degli obblighi di lavoro stabiliti dalla legge, dai regolamenti, dai contratti e atti o provvedimenti della p.a. o dai codici di comportamento (art. 54) SANZIONI: ART.55 SEXIES D.LGS 150/09 ove non ricorrano presupposti per altre sanzioni sospensione dal servizio senza retribuzione da 3 gg a 3 mesi

13 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DOCENTE le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: INEFFICIENZA O INCOMPETENZA PROFESSIONALE ACCERTATA DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ( VEDI VALUTAZIONE) CHE CAGIONINO GRAVI DANNI ALLA P.A. SANZIONI: ART.55 SEXIES D.LGS 150/09 COLLOCAMENTO IN DISPONIBILITA CON EVENTUALE RICOLLOCAMENTO IN ALTRE AMMINISTRAZIONI.

14 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PROCEDURE E COMPETENZE PER LAPPLICAZIONE DELLE SANZIONI (ART. 55 BIS E TER D.LGS 150/09) PERSONALE DOCENTE TERMINI SENZA INDUGIO ENTRO 20 GG DALLA NOTIZIA CON PREAVVISO DI ALMENO 10 GG CON ATTO DI ARCHIVIAZIONE O SANZIONE ENTRO 60 GG DALLA CONTESTAZIONE NOTIZIA DI COMPORTAMENTI DISCIPLINARMENTE RILEVANTI CONTESTAZIONE DEGLI ADEBBITI CONVOCAZIONE PER LA DIFESA ISTRUTTORIA CONCLUSIONE

15 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DIRIGENTE SCOLASTICO U.P.D. ( il responsabile della struttura trasmette gli atti entro 5 gg dalla notizia del fatto) RIMPROVERO VERBALE CENSURA SOSPENSIONE DAL SERVIZIO FINO A 10 GG SANZIONE > 10 GG o Responsabile della struttura no dirigente LA VIOLAZIONE DEI TERMINI COMPORTA PER LA P.A. LA DECADENZA DALLAZIONE DISCIPLINARE PER IL DIPENDENTE DECADENZA DALLESERCIZIO DEL DIRITTO DI DIFESA

16 PERSONALE A.T.A. INFRAZIONI SANZIONI TERMINI COMPETENZE

17 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. INFRAZIONI ART. 92 del CCNL Codice di Comportamento di cui allART. 54 del D.LGS.150/09 Nuove infrazioni ART. 55 QUATER, 55 QUINQUIES, 55 SEXIES del D.LGS 165/01 ( novellato)

18 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. SANZIONI ART. 93 PRIMO COMMA del CCNL ART. 95 del CCNL ART. 55 QUATER del 165/01 (novellato)

19 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A ART. 93 COMMA 1 1. RIMPROVERO VERBALE 2. RIMPROVERO SCRITTO 3. MULTA ( MAX 4 ORE) 4. SOSPENSIONE DAL SERVIZIO CON PRIVAZIONE DELLA RETRIBUZIONE FINO A 10 GG 5. LICENZIAMENTO CON PREAVVISO 6. LICENZIAMENTO SENZA PREAVVISO ART 95 INOSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI DI SERVIZIO CONDOTTA NON CONFORME A PRINCIPI DI CORRETTEZZA VERSO I SUPERIORI O ALTRI DIPENDENTIO NEI CONFRONTI DEI GENITORI, DEGLI ALUNNI, DEL PUBBLICO NEGLIGENZA NELLESECUZIONE DEI COMPITI ASSEGNATI INSUFFICIENTE RENDIMENTO RISPETTO A CARICHI DI LAVORO E NELLASSOLVIMENTO DEI COMPITI ASSEGNATI

20 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: a) falsa attestazione della presenza in servizio, b) assenza priva di valida giustificazione ( più di 3 giorni nel biennio, più di 7 gg in 10 anni) c) ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall'amministrazione per motivate esigenze di servizio; d) falsità documentali o dichiarative e) reiterazione nell'ambiente di lavoro di gravi condotte aggressive o moleste o minacciose o ingiuriose o comunque lesive dell'onore e della dignità personale altrui; f) condanna penale definitiva, SANZIONI: LICENZIAMENTO DISCIPLINARE ART.55 QUATER D.LGS 150/09 Nei casi previsti dalle lettere a), d), e) ed f) il licenziamento è senza preavviso. Il licenziamento disciplinare si applica anche nel caso in cui l'amministrazione di appartenenza valuti insufficiente il rendimento del dipendente a causa di reiterate violazioni degli obblighi concernenti la prestazione lavorativa.

21 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: falsa attestazione della presenza in servizio, mediante alterazione del sistema di rilevamento o altre modalità fraudolente Giustificazione dellassenza dal servizio mediante certificazione falsa SANZIONI: ART.55 Quinquies D.LGS 150/09 Ferme restando le responsabilità disciplinare e penale si ha Obbligo di risarcimento del danno patrimoniale pari alla retribuzione del periodo per cui è accertata la mancata prestazione a cui si aggiunge il danno di immagine per la p.a.

22 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: Se la p.a. è condannata a risarcire il danno derivante da violazione da parte del dipendete degli obblighi di lavoro stabiliti dalla legge, dai regolamenti, dai contratti e atti o provvedimenti della p.a. o dai codici di comportamento (art. 54) SANZIONI: ART.55 SEXIES D.LGS 150/09 ove non ricorrano presupposti per altre sanzioni sospensione dal servizio senza retribuzione da 3 gg a 3 mesi

23 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: INEFFICIENZA O INCOMPETENZA PROFESSIONALE ACCERTATA DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (VEDI VALUTAZIONE) CHE CAGIONINO GRAVI DANNI ALLA P.A. SANZIONI: ART.55 SEXIES D.LGS 150/09 COLLOCAMENTO IN DISPONIBILITA CON EVENTUALE RICOLLOCAMENTO IN ALTRE AMMINISTRAZIONI.

24 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. le novità introdotte dal decreto 150/09 PROCEDURE E COMPETENZE PER LAPPLICAZIONE DELLE SANZIONI E QUELLA GIA PREVISTA NEL CCNL REITERATA DAGLI ART. 55 BIS E TER D.LGS 150/09

25 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE A.T.A. TERMINI SENZA INDUGIO ENTRO 20 GG DALLA NOTIZIA CON PREAVVISO DI ALMENO 10 GG CON ATTO DI ARCHIVIAZIONE O SANZIONE ENTRO 60 GG DALLA CONTESTAZIONE NOTIZIA DI COMPORTAMENTI DISCIPLINARMENTE RILEVANTI CONTESTAZIONE DEGLI ADEBBITI CONVOCAZIONE PER LA DIFESA ISTRUTTORIA CONCLUSIONE PER IL RIMPROVERO VERBALE PERMANE LA PROCEDURA PREVISTA DAL CCNL

26 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DIRIGENTE SCOLASTICO U.P.D. ( il responsabile della struttura trasmette gli atti entro 5 gg dalla notizia del fatto) RIMPROVERO VERBALE RIMPROVERO SCRITTO MULTA SOSPENSIONE DAL SERVIZIO FINO A 10 GG SANZIONE > 10 GG o Responsabile della struttura no dirigente LA VIOLAZIONE DEI TERMINI COMPORTA PER LA P.A. LA DECADENZA DALLAZIONE DISCIPLINARE PER IL DIPENDENTE DECADENZA DALLESERCIZIO DEL DIRITTO DI DIFESA

27 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE ATA Competenze del D.s. PERSONALE ATA Competenze del D.s. Il dirigente scolastico è sicuramente competente per quanto riguarda il personale ATA per l'irrogazione delle sanzioni del rimprovero verbale, del rimprovero scritto, della multa e della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a dieci giorni. La competenza per le sanzioni del licenziamento con preavviso e senza preavviso (che potrebbero anche entrare in conflitto come fattispecie con la nuova sanzione del licenziamento disciplinare introdotta dal decreto 150) è attribuita, invece all ufficio per i procedimenti disciplinari;

28 PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE INFRAZIONI SANZIONI TERMINI COMPETENZE

29 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DIRIGENTE INFRAZIONI: Art. 30 ccnl/2006 Fatti e comportamenti, anche estranei allattività lavorativa, di gravità tale da essere ostativi alla prosecuzione, seppur provvisoria del rapporto di lavoro Art. 55 bis comma 7 D.Lgs 165/01 Rifiuto di collaborazione allautorità disciplinare procedente con dichiarazioni false e reticenti SANZIONI: Recesso per giusta causa Ex. Art c.c. Sospensione dal servizio max 15 gg senza retribuzione

30 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PERSONALE DIRIGENTE le novità introdotte dal decreto 150/09 INFRAZIONI: Art. 55 sexies: mancato esercizio o decadenza azione disciplinare per omissione o ingiustificato ritardo degli atti del procedimento Per valutazioni irragionevoli o infondate di comportamenti aventi palese rilievo disciplinare Art. 55 septies: mancato controllo assenze del personale SANZIONI: sospensione dal servizio max 3 mesi senza retribuzione Se la fattispecie comporta il licenziamento mancata retribuzione di risultato per un importo pari a quello spettante per il doppio del periodo di sospensione Sospensione cautelare: art. 39 del CCNL Area V^

31 RESPONSABILITADIRIGENZIALE Piena autonomia e responsabilità del dirigente, quale datore di lavoro pubblico, nella gestione delle risorse umane e nella individuazione dei profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti istituzionali e al raggiungimento degli obiettivi (spettano in via esclusiva – informazione alle rappresentanze sindacali)

32 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia RESPONSABILITADIRIGENZIALE Potere del dirigente di valutare i dipendenti (sulla base degli indicatori di efficienza e di efficacia predisposti dallOrganismo indipendente di valutazione della performance) e di riconoscere loro premi incentivanti. Divieto per il dirigente di distribuire i premi in mancanza delle verifiche e attestazioni. Lassenza delle verifiche e attestazioni configura responsabilità dirigenziale qualora sia determinata da dolo o colpa grave

33 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia In caso di accertamento del mancato rispetto del dovere di vigilanza sul personale assegnato agli uffici, in riferimento agli standard quantitativi e qualitativi fissati dallamministrazione, si procederà, sentito il Comitato dei Garanti, previa contestazione e nel rispetto del principio del contraddittorio, ad una decurtazione della retribuzione di risultato proporzionale alla gravità della violazione, fino alla misura massima dell80%; RESPONSABILITA DIRIGENZIALE Mancato esercizio del dovere di vigilanza

34 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia Mancata individuazione da parte del dirigente responsabile delle eccedenze delle unità di personale :Responsabilità per danno erariale Mancata osservanza delle disposizione per prevenire o contrastare nellinteresse della funzionalità dellufficio,le condotte assenteistiche: Applicazione della sanzione della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione in proporzione alla gravità dellinfrazione non perseguita, fino ad un massimo di tre mesi in relazione alle sanzioni sanzionabili con il licenziamento ed altresì la mancata attribuzione della retribuzione di risultato per un importo pari a quello spettante per il doppio del periodo della durata della sospensione RESPONSABILITA DIRIGENZIALE

35 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia RESPONSABILITADIRIGENZIALE Si valorizzano i dirigenti che dimostrano maggiori capacità individuali nel raggiungimento degli obiettivi fissati, attraverso la leva del trattamento economico accessorio.Divieto di corrispondere lindennità di risultato ai dirigenti in assenza del sistema di valutazione

36 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia Responsabilità dirigenziali per inadempimenti organizzativi LORGANIZZAZIONE

37 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia Presidi Incaricati Laddove l'istituzione scolastica sia affidata ad un preside incaricato (non avente qualifica dirigenziale) la norma dell'articolo 55-bis del decreto 165/2001, introdotto dall'articolo 69 del decreto 150, pone un problema di notevole rilevanza: infatti, nei confronti del personale ATA il preside incaricato può sicuramente irrogare la sanzione del rimprovero verbale, mentre tutte le altre sanzioni devono essere irrogate dall'ufficio per i procedimenti disciplinari; nei confronti del personale docente, invece, non può irrogare alcuna sanzione, dal momento che il primo grado (articolo 492, ultimo comma) è costituito dall'avvertimento scritto, superiore al rimprovero verbale che per il personale docente è addirittura inesistente. Ogni atto di procedimento disciplinare deve, quindi, essere trasmesso all'inesistente ufficio per i procedimenti disciplinari

38 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia PROCEDURA e ORGANISMO COMPETENTE Direttore Generale USR

39 Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia TUTELA AVVERSO LE SANZIONI la contrattazione collettiva non può istituire procedure di impugnazione dei provvedimenti disciplinari Scompare la possibilità del ricorso gerarchico Permane la possibilità di impugnazione al giudice ordinario previo tentativo obbligatorio di conciliazione (DEVOLUZIONE AL GIUDICE ORDINARIO DI TUTTE LE CONTROVERSIE RELATIVE AL PROCEDIMENTO E ALLE SANZIONI DISCIPLINARI) E escluso il ricorso allarbitro unico


Scaricare ppt "Imerio Chiappa Coordinatore Regionale D.S. Cisl Lombardia D.Lgs.150 del 27/10/09 in attuazione dellart. 7 della L. delega 15/2009 Il decreto introduce."

Presentazioni simili


Annunci Google