La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I USR – Emilia Romagna Indicazioni operative per la progettualità distituto (POF e Curricolo dIstituto) e per la valutazione e certificazione delle competenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I USR – Emilia Romagna Indicazioni operative per la progettualità distituto (POF e Curricolo dIstituto) e per la valutazione e certificazione delle competenze."— Transcript della presentazione:

1 I USR – Emilia Romagna Indicazioni operative per la progettualità distituto (POF e Curricolo dIstituto) e per la valutazione e certificazione delle competenze Piero Cattaneo SMS G. Griffini Casalpusterlengo (LO) Università Cattolica S. Cuore Milano e Piacenza 15 e 22 novembre 2010 Ottobre, novembre,dicembre

2 Articolazione della comunicazione 1. cambiano i Governi, cambiano i Ministri: che cosa rimane delle varie proposte di riforma? 2. la progettualità distituto nelle scuole dellautonomia * vincoli * aree discrezionali 3. il rapporto tra POF (Piano dellofferta formativa) e C.I. (Curricolo di Istituto); tra Curricolo dIstituto e le Indicazioni Nazionali e PA ( Programma Annuale) 4. progettare per competenze; quali competenze? Come si definiscono le competenze? Come si valutano e come si certificano? 5. esempi di POF e di curricoli di istituto disciplinari

3 1. Cambiano i Governi, cambiano i Ministri: che cosa rimane delle varie proposte di riforma? I punti fermi del progetto/disegno riformatore A. Autonomia scolastica (Legge n. 59/1997 – DPR n. 275/1999) * Autonomia Didattica * Autonomia Organizzativa * Autonomia Ricerca e Sviluppo * Autonomia finanziaria (Legge Costituzionale n. 3/2001) * tutela costituzionale dellautonomia delle singole istituzioni scolastiche * competenza esclusiva dello Stato, competenza esclusiva delle Regioni * concorrenza di competenze tra Stato e Regioni

4 B. La riforma del sistema scolastico italiano (Moratti) legge n. 53/2003 D.lgs. n. 59/2004 Indicazioni Nazionali per i piani di studio personalizzati D.lgs. n. 225/2007 DM Indicazioni per il curricolo (Fioroni) DM 139/2007 Il nuovo obbligo scolastico Assi Culturali Competenze chiave di cittadinanza

5 (Gelmini) art. 1 – D.L. n. 137/2008 (Convertito con la legge n. 169/2008) I Regolamenti n del (Riduzione tempi scuola – Maestro prevalente) Il Regolamento sulla Valutazione del (voti – comportamento – Prove Invalsi – Esame conclusivo 1° ciclo Documento di indirizzo per la sperimentazione dellinsegnamento di Cittadinanza e Costituzione (DM ) Atto di indirizzo per il primo ciclo ( ) -armonizzazione delle Indicazioni Nazionali -essenzializzazione dei curricoli Riforma della scuola secondaria di 2° grado (D.I. 10 maggio 2010)

6 2. Quali linee culturali, pedagogiche, metodologiche sono presenti nel sistema scolastico italiano? A.La progettualità distituto, il Piano dellofferta formativa e il Curricolo dIstituto B.Labolizione dei programmi scolastici D.M DPR n. 104 del D.M C.Lintroduzione delle Indicazioni Nazionali - mappe culturali a disposizione dei Collegi dei Docenti delle scuole autonome D.Il significato del POF; il rapporto tra POF e il Curricolo distituto E.Indicazioni Nazionali e Curricolo dIstituto

7 F. La definizione degli esiti (profilo formativo) in competenze G. Chiarimenti e riferimenti culturali circa le competenze * conoscenze/saperi * abilità * competenze( vedasi esempi ) H. Valutazione e certificazione delle competenze * verifica * valutazione * validazione * certificazione * debiti/crediti formativi

8 3. Indicazioni operative per lelaborazione del POF e del Curricolo dIstituto Piano dellofferta formativa Le scelte educative (dai bisogni formativi agli esiti espressi in competenze) Lorganizzazione del sistema scuola -organizzazione della didattica -organizzazione delle risorse personali e professionali (organigramma – ruoli e funzioni) -organizzazione dellattività educativa e gestionale della scuola -organizzazione degli spazi e delle risorse strumentali, delle attrezzature e dei laboratori -organizzazione delle collaborazioni con altre scuole e/o Enti

9 4. Il Curricolo dIstituto competenze trasversali (es. C & C – Cittadinanza e Costituzione) competenze disciplinari conoscenze Competenze abilità disposizioni personali Esempi -M. Pellerey, Schema 1 -Le Boterf, Schema 2 -Linee Guida (TN), Schema 3 in allegato -Linee Guida (BZ), Schema 4 in allegato

10 5. Memoria storica Evoluzione dellistituzione scolastica (razionalizzazione; aggregazione; sperimentazione; adesione a progetti innovativi; cambiamento dellutenza; …) Criteri di valutazione; criteri, strumenti e tempi di verifica; tipologia dei protocolli di verifica (Archivio Docimologico dIstituto) Criteri e modalità di documentazione delle esperienze educative e didattiche Manifestazioni/tradizioni della scuola; appuntamenti con eventi e manifestazioni legati allambiente

11 6. Il Progetti migliorativi ( legge n° 440 /1997 – miglioramento dellofferta formativan della scuola) Caratteristiche / requisiti: a livello di istituto ( n° limitato – significativi) collegati a esperienze didattiche particolari a livello di consorzio tra scuole e/o con altri Enti del territorio 7.PA Programma Annuale ( vedasi allegato: Regolamento contabilità)

12 Bibliografia minima - Piero Cattaneo, in Scuolainsieme, n. 1/2008/9, La Tecnica della Scuola, Dossier su Il Piano dellofferta formativa - Piero Cattaneo, in Scuoladidattica , La Scuola, Brescia, Il curricolo di Istituto. - Piero Cattaneo, Progettare, SEI, Torino 2010 Indirizzi – link (esempio di POF e di Curricolo dIstituto della SMS G. Griffini di Casalpusterlengo (LO)


Scaricare ppt "I USR – Emilia Romagna Indicazioni operative per la progettualità distituto (POF e Curricolo dIstituto) e per la valutazione e certificazione delle competenze."

Presentazioni simili


Annunci Google