La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNA RIVISITAZIONE DEL MODELLO DI LEONTIEF PER INTERPRETARE LA COMPLESSITÀ DELLECONOMIA DELLE IMPRESE E LA STRUTTURA DEI SETTORI DI PRODUZIONE Sintesi preliminare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNA RIVISITAZIONE DEL MODELLO DI LEONTIEF PER INTERPRETARE LA COMPLESSITÀ DELLECONOMIA DELLE IMPRESE E LA STRUTTURA DEI SETTORI DI PRODUZIONE Sintesi preliminare."— Transcript della presentazione:

1 UNA RIVISITAZIONE DEL MODELLO DI LEONTIEF PER INTERPRETARE LA COMPLESSITÀ DELLECONOMIA DELLE IMPRESE E LA STRUTTURA DEI SETTORI DI PRODUZIONE Sintesi preliminare dei risultati della ricerca svolta nellambito della tesi di Dottorato in Finanza Aziendale - XVI CICLO - Elena COLONNA Seminario : Dinamiche di Sistemi complessi nella Finanza Moderna 17 febbraio 2004

2 Struttura logica della presentazione Il contesto Il modello I test Le conclusioni

3 Il ruolo dellinnovazione nelleconomia della conoscenza globalizzazione dei mercati rapidità del progresso tecnologico accesso a nuove conoscenze e tecnologie cambiamento dei fattori di competitività rivoluzione dei rapporti di forza tra sistemi economici ….per tenere il passo la via è lINNOVAZIONE

4 Il ruolo delle PMI La ricerca si è svolta inizialmente sul piano qualitativo e processuale : Esiste una relazione tra uno specifico profilo dimpresa (in termini di caratteristiche strutturali: dimensione e modello organizzativo) ed efficacia degli investimenti in R&S, cioè degli investimenti a monte di qualsivoglia innovazione ?

5 Il ruolo delle PMI Nei settori tradizionali Nei settori tradizionali dominano ancora i modelli organizzativi lineari ovvero la visione ingegneristica dellimpresa in cui è il laboratorio ad orientare i processi dinnovazione Nei settori high tech Nei settori high tech (per definizione, ad un maggior tasso di innovazione) dominano i modelli chain link o interattivi che sposano una visione allargata dimpresa, in cui clienti e fornitori sono parte integrante della catena del valore ed essi stessi driver fondamentali per linnesco del processo dinnovazione.

6 Il ruolo delle PMI dibattito sulla dimensione dimpresa ottimale per generare e gestire i processi innovativi è aperto fin dallepoca di Schumpeter (1942)

7 Il ruolo delle PMI complementarità ( cooperazione/competizione) In tema di innovazione grande e piccola impresa convivono secondo rapporti di complementarità ( cooperazione/competizione). PMI beneficiano di know-how e nascono per spin off e/o di spin out da grandi imprese GRANDI IMPRESE, nella logica di razionalizzazione degli investimenti in unottica di breve e brevissimo termine, acquistano innovazioni in fase avanzata di beta-testing da Pmi high tech e kwowledge-based per introdurle in sistemi tecnici più vasti, senza sostenerne così lelevato rischio iniziale!

8 Il finanziamento: bottleneck allinnovazione difficoltà di accesso al capitale da parte delle imprese in fase di start up Il ciclo virtuoso susseguente allintroduzione dellinnovazione è di fatto ostacolato nel contesto comunitario* dalle difficoltà di accesso al capitale, di credito e di rischio, da parte delle imprese tipicamente più dinamiche nei settori ad alto contenuto tecnologico: le imprese in fase di start up. (*) Fonte: Community Innovation Survey, Commissione Europea 2000.

9 Rovesciamento P.O.T. per Start up high tech Levidenza empirica dimostra che la pecking order theory – secondo la quale in un mercato dei capitali, con informazione imperfetta e asimmetrica tra insiders e outsiders, le fonti di capitale non sono tra loro perfetti sostituti, ma esiste una vera e propria gerarchia delle fonti in cui lautofinanziamento è preferito allindebitamento e questultimo alla emissione diretta di azioni - deve essere riconsiderata se si vuole tener conto delle fonti di capitale di fatto accessibili alle imprese innovative.

10 Rovesciamento P.O.T. per Start up high tech caratteristiche strutturali delle imprese innovative Le caratteristiche strutturali delle imprese innovative : Giovani (senza track records ) di piccole dimensioni Investimenti immateriali ( intangibles ) Investimenti altamente firm specific (illiquidità, difficoltà di smobilizzo) NO garanzie reali ( inside collateral ) NO operating cash flow per il servizio del debito.

11 PE vs. missing market private equity bottleneck Lintroduzione e lo sviluppo del private equity consente (in parte) di superare il grave bottleneck che oggi penalizza la nascita e la crescita delle PMI innovative così come la competitività dellintero sistema- Paese.

12 Il Financial Growth Cycle …anche nel caso di PMI permane una gerarchia delle fonti ma lordine di scelta dipende dal grado di sviluppo raggiunto dalla impresa Poiché il fabbisogno finanziario e il grado di rischio dipendono dallo stadio di sviluppo raggiunto, in imprese innovative a differenza delle imprese tradizionali, il capitale di rischio precede il capitale di debito. Soltanto dopo che il private equity ( organized & informal) ha svolto la funzione di produzione di informazione e ridotto il grado di opacità informativa attorno allimpresa innovativa, questa può ricorrere allindebitamento bancario ed alle altre fonti tradizionali.

13 Fabbisogno finanziario RischioSeed Start up Early Growth Sustained Growth 1)inside capital, informal PE, finanziamento pubblico agevolato 2)organized PE: VC financing 3)autofinanziamento, debiti vs. banche e/o di fornitura 4)emissione di obbligazioni e/o public equity Il Financial Growth Cycle

14 PE & reputational capital apporto congiunto di financial & reputational capital Il private equity è il protagonista dellavvio del ciclo virtuoso del finanziamento dellinnovazione e risolve con l apporto congiunto di financial & reputational capital – che favorisce la way out, liberazione del capitale a scadenza ( IPO o trade sale ) - le cause di fallimento di mercato

15 Come promuovere la diffusione del PE? E necessario - come insegna lesperienza USA e lintroduzione dei Nuovi Mercati in UE - che: trasparente ed efficiente secondo mercato 1.esista un trasparente ed efficiente secondo mercato in grado di favorire lo smobilizzo dellinvestimento e riavviare il venture capital cycle strumenti di supporto alle decisioni 2.si sviluppino adeguati strumenti di supporto alle decisioni, capaci di dirimere e analizzare con oggettività lincertezza che caratterizza i progetti imprenditoriali innovativi

16 La valutazione di Start up innovative alto livello di rischio che di incertezza La valutazione di start up innovative, caratterizzata da inefficienza ed asimmetria informativa, costi di agenzia e necessità di difesa del vantaggio del first mover, presenta sia un alto livello di rischio – elevata probabilità di rendimento inferiore a quello atteso – che di incertezza – eminente imponderabilità del contesto innovativo - ancor più quando lottica di valutazione è quella dell outsider.

17 La simulazione per il supporto alle decisioni La familiarità con le tecniche di simulazione economico-finanziaria (sensitivity analysis, decision tree analysis, opzioni reali) diviene oggi una necessità per il supporto alle decisioni in condizioni di incertezza, sia del datore che del prenditore di fondi.

18 Agenda Il contesto Il modello I test Le conclusioni

19 Simulazione & Bilancio Nella seconda parte della ricerca: simulazione bilancio il filone della simulazione è al centro dellindagine come metodologia decisionale abbinata al bilancio come modello di rappresentazione della realtà aziendale Avvalendosi di dati storici di settore e/o di aggregati di imprese comparables, è possibile ricondurre lanalisi dellincertezza che permea la valutazione di uno start up high tech sul piano deterministico, elaborando i diversi scenari possibili nella logica della sensitivity analysis

20 La teoria… Modello macroeconomico di riferimento: Modello macroeconomico di riferimento: elaborato fra il 1930 e 1940 da Wassily Leontief (1951). Con tale modello lautore propose una visione particolareggiata del sistema economico-sociale e intese favorire la formulazione di previsioni riguardanti il suo sviluppo futuro.

21 La teoria… I/O analysis Nella I/O analysis : Il sistema economico-sociale nazionale viene suddiviso in un certo numero di settori produttivi I flussi tra i settori sono raffigurati in una tavola a doppia entrata in cui gli impieghi dei fattori ( input ) trovano completa giustificazione nella produzione ( output ) destinata al reimpiego in un altro settore o al consumo finale (domanda esogena) Il problema fondamentale che si pone è: quali output netti possono risultare dal processo di produzione disponibili per il consumo finale, e in che quantità ciascun input entrerà nelle attività produttive intraprese per fruttare questi output, ovvero in che quantità ciascun output verrà reimpiegato sotto forma di input in un altro settore?

22 Ipotesi e restrizioni vincolo di natura tecnicacostante tra i flussi in entrata (fonti) ed in uscita (impieghi) esiste un vincolo di natura tecnica costante nel periodo di programmazione, che condiziona la quantità di prodotto assorbita da ciascun settore. la quantità di ogni fattore acquistata da un settore è proporzionale alla quantità complessivamente prodotta dallo stesso secondo un coefficiente a ij, detto coefficiente tecnico.

23 …dalla teoria verso la pratica Traduzione della teoria macroeconomica delle interdipendenze economiche di Leontief (1951): in un modello aziendale in uno strumento informatico di previsione (tavola I/O in cui introducendo un dato, o un insieme di dati, sia possibile ottenere soluzioni diverse in funzione dellobiettivo perseguito ) Elaborazione di un originale supporto metodologico ed operativo per indirizzare la valutazione degli stakeholder nel finanziamento dellinnovazione.

24 I settori in senso lato = gruppi di conti omogenei accesi alle attività, alle passività, agli elementi del capitale netto, o ai loro flussi, ai costi e ai ricavi Adattamento aziendale Azienda=> micro-sistema economico=> suddivisibile in settori tra i quali avvengono degli scambi. Azienda => micro-sistema economico => suddivisibile in settori tra i quali avvengono degli scambi. I settori in senso stretto = sezioni aziendali o centri di costo

25 La funzione di produzione in senso lato Funzione di produzione La Funzione di produzione : definisce una relazione complessa – attinente a tutte le fasi produttive – fra un numero grandissimo di sezioni e processi produttivi e può essere rappresentata soltanto in forma matrice (Fanni, 1981). È la funzione di produzione in senso lato È la funzione di produzione in senso lato, a soddisfare pienamente i requisiti richiesti dalla teoria delle interdipendenze economiche in quanto: è funzione di tutti i movimenti di investimenti e finanziamenti, riferiti ad un determinato periodo di tempo.

26 Eq. generale della dinamica patrimoniale e P.D. La funzione di produzione in senso lato: equazione generale della dinamica patrimoniale è contenuta nell equazione generale della dinamica patrimoniale ( I A + D P + D Nd + D Nd + D Nd + C) = (D A + I P +I Nd + R) metodo della partita doppia è interpretabile nella logica binomiale della matrice a doppia entrata di Leontief con il metodo della partita doppia che consente di rappresentare il potere di acquisto generico dellimpresa ed i suoi movimenti nelle due dimensioni : 1.la natura degli elementi patrimoniali (A + P) in cui il potere si incorpora 2.lorigine del potere (C, R e N)

27 …la pratica: dati di input e prospettiva dell outsider I° fase: elaborazione tavola a doppia entrata (Matrice di Input) Complicazione => Complicazione => preservare lusabilità dello strumento di simulazione a outsider, quale il potenziale finanziatore-investitore che generalmente non possiede informazioni ulteriori rispetto al business plan

28 Derivazione dei dati di input Si è ricercato un procedimento informatico che – in assenza della contabilità interna - ricostruisca i movimenti contabili intervenuti nel corso dellesercizio in modo standardizzato (e quindi automatizzabile!) a partire dal minimo set di dati di cui inevitabilmente è necessario disporre per soddisfare le ipotesi teoriche del modello di Leontief.

29 Set dati input E necessario disporre delle rimanenze iniziali e finali delle voci patrimoniali ovvero di due prospetti consecutivi di Stato Patrimoniale, e dellinterpretazione causale delle loro variazioni ovvero del prospetto del Conto del Risultato Economico (necessario e sufficiente per il solo secondo periodo contabile in esame).

30 Ricostruzione dati input Bilancio dinamico*. Grande utilità per le finalità di ricostruzione contabile infrannuale, è la disponibilità di tutte le informazioni a cui conduce lanalisi dei flussi, nella struttura del Bilancio dinamico*. (*) Per lottenimento dei Bilanci Dinamici si è utilizzato il software Fund Accounting - Finanza Moderna. (**) Def. Bilancio Dinamico: struttura contabile che riporta le rimanenze iniziali e finali e gli incrementi e decrementi (o flussi) di un qualsiasi fondo separandoli nelle due classi: autogenerati (legati ai costi ed ai ricavi dellattività produttiva) e strutturali (dipendenti da movimenti di investimenti e finanziamenti).

31 Ricostruzione dati input Lanalisi a ritroso dei Bilanci Dinamici, ovvero per densità di fondo crescente (dal CL al CN), consente di calcolare le differenze tra coppie di flussi autogenerati attinenti a fondi successivi (per densità), e interpretarle come movimenti contabili aventi come contropartita le componenti elementari definitorie del fondo più denso che non rientrano nel livello successivo.

32 Ricostruzione dati input Esempio ( flusso autogenerato CDFN - flusso autogenerato CL) = 100 Dal cfr. B.D. di CDFN: Ricavi di vendita netti non riscossi = 150 Costi dacquisto non pagati = 50. contropartita contabile: Crediti di funzionamento e Debiti di funzionamento!!

33 Ricostruzione dati input Sfruttando il max. dettaglio disponibile e ripetendo il collegamento intelligente tra elementi patrimoniali e gli scostamenti tra fonti (Ricavi) e impieghi (Costi) autogenerati di stratificazioni di fondi contigui (RfL/CfL e Rf/Cf; Rf/Cf e Rnfb/Cnfb; Rnfb/Cnfb e Rcp/Ccp) si giunge all individuazione di n. 113 movimenti contabili lordi che hanno una dimensione causale ovvero che non hanno carattere permutativo tra conti della I serie o elementare Per questultima categoria è necessario un compromesso di approssimazione: la Liquidità è la contropartita per spiegare leventuale porzione della variazione periodale di una data voce patrimoniale (differenza tra Ri e Rf), che non corrisponde ad alcun movimento derivato

34 Organizzazione in P.D. il passaggio successivo per lutilizzo dei dati ricostruiti nella Tavola di input iniziale, ha richiesto lorganizzazione delle operazioni contabili identificate secondo la logica della partita doppia (P.D.) ovvero da due punti di vista, come fonte e impiego del potere generico dacquisto

35 Passaggi metodologici Il flow chart seguito dipende strettamente dai passaggi matematici previsti nella formulazione teorica originale.

36 1. Matrice di Input 1. Definizione righe/colonne Si è ricercato il più efficiente compromesso tra esigenza di dettaglio e lunghezza della matrice quadrata di input: Matrici alternative da 17 e 27* righe/colonne e differenziatesi tra di esse per il livello di dettaglio dedicato alla categorizzazione di costi, ricavi e flussi autogenerati 2.Collegamento tra Matrice di Input e movimenti in P.D. per convenzione: gli addebitamenti (mov. dare) nelle colonne; gli accreditamenti (mov. avere) nelle righe. i totali di riga e colonna devono essere uguali => devono essere inseriti i valori di bilanciamento (saldi/variazioni intervenute nel corso del periodo contabile esaminato). (*) in corso di realizzazione Input!

37 2. Matrice dei coefficienti tecnici Modello microeconomico aziendale: autosostenibile gli input complessivi richiesti da tutti i settori non superano le capacità complessive del sistema cui si riferiscono somme dei coefficienti di ogni colonna non maggiore di 1 e almeno una delle somme di colonna minore di 1 per la procedura di calcolo adottata, la somma dei coefficienti tecnici per ogni colonna è sempre al massimo unitaria lineare gli elementi a ij della matrice dei coefficienti tecnici sono considerati invariabili i singoli elementi della matrice di input [x ij ] e il totale della colonna di appartenenza X j variano nella stessa proporzione Coeff. Tecnici Impieghi! Tecnici Impieghi!

38 3. Matrice di Leontief Caratterizzata dal fatto di avere tutti gli elementi positivi lungo la diagonale principale e elementi negativi altrove (… altro non è se non una matrice identica a cui è stata sottratta la matrice dei coefficienti tecnici ). Matr. Leontief Impieghi! Leontief Impieghi!

39 4. Matrice di Leontief inversa (o dei coefficienti di attivazione) coefficienti di attivazione: Lobiettivo fondamentale dellanalisi dellinterdipendenze economiche è raggiunto con la determinazione dei coefficienti di attivazione: il coefficiente di attivazione (A ij ), costruito in dipendenza di tutti i coefficienti tecnici che legano tra loro le grandezze accolte nella tavola di input, indica di quanto loutput x i del settore i-esimo aumenta (o diminuisce) allaumento (o diminuzione) di una unità della quantità del settore j-esimo Matr. Leontief Inversa _Impieghi! Leontief Inversa _Impieghi!

40 5. Matrice di Output (o del risultato finale) 1.vettore dati obiettivo C(i) x matrice dei coefficienti di attivazione [A] = nuovo vettore output totali V(s) 2.nuovo vettore output totali V(s) x matrice degli originari coefficienti tecnici [a] = nuova tavola delle interdipendenze economiche …dalla quale è possibile analizzare come i dati esogeni ipotetici posti come obiettivo hanno influenzato i settori in essa considerati. Progr _ Progr _ Impieghi!

41 6. Matrice Trasposta Per consentire la pianificazione delle fonti (e non solo degli impieghi): trasposizione automatica della Matrice di Input iniziale e replica della procedura di costruzione delle matrici di elaborazione (Matrice dei coefficienti tecnici, di Leontief, dei coefficienti di attivazione) e di output Input_ Trasposta!

42 7. Organizzazione e interpretazione dei risultati Tavole di riepilogo dei movimenti netti e lordi Tavole di riepilogo dei movimenti netti e lordi generati nelle fonti (impieghi) per effetto della programmazione Stato Patrimoniale Riclassificato sintetizzato Stato Patrimoniale Riclassificato sintetizzato nelle macro-categorie essenziali per la giustapposizione formale strumentale alla Flow & Fund Accounting e la comparabilità tra dati consuntivi e il risultato della previsione effettuata. Conto del Risultato Economico per densità di potere generico dacquisto Conto del Risultato Economico per densità di potere generico dacquisto, che consente lagevole calcolo dei flussi autogenerati (versione dopo gli interessi e prima delle imposte sul reddito) ed il confronto tra i dati. Risultato_ Impieghi!

43 7. Organizzazione e interpretazione dei risultati Grafico riepilogativo dei flussi autogenerati di CL, CDFN, CDN e CN Grafico riepilogativo dei flussi autogenerati di CL, CDFN, CDN e CN (versione dopo gli interessi e prima delle imposte sul reddito). Prospetto del Cash Flow in una variante del sistema americano - FASB Prospetto del Cash Flow in una variante del sistema americano - FASB con la conseguente determinazione del cash flow operating, investing, financing (da capitale di terzi e proprio) Selezione di alcuni indicatori di bilancio ( Selezione di alcuni indicatori di bilancio ( ROI, ROS, ROE, rapporto di leverage etc. Risultato_ Impieghi Risultato_ Impieghi 2-4!

44 Agenda Il contesto Il modello I test Le conclusioni

45 Case studies Il caso: la start up high tech alfa Il caso: la start up high tech alfa Lidea imprenditoriale: realizzazione di dispositivi propri della robotica mobile e di servizio con tecnologie digitali innovative, da utilizzare negli ambienti più disparati, quali ad esempio magazzini, depositi esterni od interni, ambienti ostili o pericolosi per offrire servizi alluomo in abitazioni, ospedali, comunità, ausilio per disabili, aiuto ad anziani etc. Il settore: la"robotica di servizio" Il settore: la"robotica di servizio" ingegnerizzazione e produzione di dispositivi mobili (robot) controllati da uno o più calcolatori, capaci di muoversi tra persone o cose in un ambiente civile, ed in grado di eseguire uno o più servizi utili alluomo. Caratteristiche distintive dellofferta : missione di navigazione nellambiente in autonomia guidata; capacità di co-operazione con altri robot e/o con esseri umani.

46 I Test 1.Analisi marginale comparativa simulazione economico-finaziaria - nella logica del what if - legata a variazioni unitarie consente il confronto diretto delle performance e della struttura contabile tra imprese e/o aggregati di imprese a prescindere dalla dimensione delle stesse 2.Analisi dimensionamento fatturato Ricerca delleventuale sovra/sotto- dimensionamento del fatturato rispetto agli investimenti pianificati nel BP di Alfa Ovviamente il giudizio formulato non potrà che essere un giudizio relativo, ovvero un giudizio espresso in seguito ad un confronto, un paragone.

47 I termini del confronto 1.Analisi marginale comparativa Per lanno di regime (3°) Incremento 1 di L 1.aAlfa 1.bn. 350 società operanti in Italia nel settore identificato dal codice ISTAT (settore nazionale della robotica di servizio) 1.cn. 5 società operanti in FVG nel settore ISTAT (settore regionale della robotica di servizio) 2.Analisi dimensionamento fatturato per i primi 3 anni del ciclo di vita Inv. programmati nel BP tutte n. 11 società operanti nel settore ISTAT fondate nel aper il primo (1999), 2.bsecondo (2000) 2.cterzo (2001) anno di operatività

48 Base dati di input 1.bilancio aggregato* di tutte le (350) società operanti in Italia nel settore identificato dal codice ISTAT – Attività connesse allinformatica 2.bilancio aggregato* di tutte (5) le società operanti nel settore ISTAT – Attività connesse allinformatica e con sede legale nella Regione Friuli Venezia Giulia. 3.bilancio aggregato* delle (11) società del settore di appartenenza della start up in esame fondate nel 1999, rispettivamente per il primo, secondo, terzo anno di operatività. (*) Fonte: Banca Dati AIDA, ringraziamento particolare a Daria Marassi

49 Limiti dindagine ex ante La robotica di sevizio più propriamente rientrerebbe allinterno del sub-settore Servizi di Robotica cod. ISTAT , ma i codici attribuiti nella banca dati utilizzata, non consentono la distinzione tra e Conseguenetemente si è utilizzato laggregato di livello superiore: settore ISTAT – Attività connesse allinformatica Il bilancio desercizio 2002, disponibile al momento della costruzione dellaggregato si riferiva solo a n. 69 / 150 imprese. Per assicurare la comparabilità tra i dati si è deciso di limitare lanalisi al 2001.

50 TEST 1/3: Analisi marginale I° fonte attivata

51 TEST 1/3: Analisi marginale AlfaSettore ItaliaSettore FVG I° fonte è autogenerata per il 67%) Impossibile: perdita des. (elevata incidenza Ccp) Impossibile: perdita des. (elevata incidenza Cfnl) II° fonte strutturale: disinvestimento Immobilizzazioni immateriali (per il 17%)=> segnale non positivo investimenti che tipicamente rappresentano la base per lo svolgimento del core business di una impresa innovativa I° fonte è strutturale apporto di Capitale Netto (per il 56%) I° fonte è strutturale incremento dei debiti di finanziamento a breve (per il 48%) => segno di una maggior fiducia del sistema della finanza regionale verso le iniziative imprenditoriali innovative?

52 Lanalisi marginale comparativa ha acceso un campanello dallarme nella valutazione del business plan di Alfa: lordine di scelta delle fonti non riflette il circuito della liquidità proprio del settore nazionale e regionale che non consente il ricorso alla fonte interna, in assoluto privilegiata dalla start up e privilegia le fonti esterne (o strutturali) rispettivamente rappresentate da nuovi apporti di capitale di rischio e dallaccensione di nuovi debiti di finanziamento a breve. TEST 1/3: Analisi marginale

53 TEST 4: Analisi fatturato Il termine di riferimento adottato è rappresentato da tutte le società italiane comparables ad Alfa per settore di operatività ed anzianità di presenza sul mercato Obiettivo: Obiettivo: applicazione matrici dei coefficienti di attivazione che tipicamente caratterizzano le imprese del settore nel I°, II° e III° anno di operatività: ….tali coefficienti sono il motore della simulazione!

54 TEST 4: Analisi fatturato Obiettivi della programmazione:

55 TEST 4: Analisi fatturato sovradimensionamento del volume dei ricavi previsti nel piano dimpresa, in particolare il terzo anno o anno di regime

56 TEST 4: Analisi fatturato Gonfiamento dei ricavi per il 100% nel I°, e per il 44% nel II° anno per effetto di Rcp (… ci sono i presupposti?) Evidente sopravalutazione del fatturato al III° anno (dato alla base delle proiezioni dal potenziale finanziatore/investitore istituzionale) palesemente al di sopra (88%) del dato settoriale di riferimento.

57 TEST 4: Analisi fatturato Ridimensionamento delle conclusioni in considerazione della base-dati utilizzata (anni )? La differenza osservata è talmente importante che difficilmente anomalie nellandamento economico congiunturale possono giustificare un rovesciamento del giudizio Solo unanalisi qualitativa (strategica e di mercato) che identificasse nellidea imprenditoriale un servizio di robotica veramente rivoluzionario (e non meramente evoluzionario!) e un business model propriamente innovativo, potrebbe alterare queste conclusioni!

58 Agenda Il contesto Il modello I test Le conclusioni

59 Le caratteristiche del modello Punti di forza: percentualizzazione automatica della struttura contabile di aggregati dimprese comunque costituiti (settore, comparables per localizzazione geografica, fase del ciclo di vita, etc.) assoluta flessibilità/libertà nella pianificazione degli obiettivi: singole fonti o impieghi o più contemporaneamente.

60 Le caratteristiche del modello STATICO STATICO DETERMINISTICO DETERMINISTICO APERTO APERTO Mancanza di flessibilità… no manipolazione da parte del valutatore Garanzia di oggettività della simulazione Estrema libertà di pianificazione degli obiettivi

61 …un benchmark per il finanziamento dellinnovazione Esplorazione delle potenzialità di applicazione tramite casi concreti Ricerca di release informatiche più evolute e particolareggiate …rappresentano la naturale evoluzione della ricerca condotta che si propone di supportare le decisioni nella prima fase di approccio con il piano dimpresa, quando cioè lopacità e lasimmetria informativa è massima e non vi sono punti di riferimento oggettivi.

62


Scaricare ppt "UNA RIVISITAZIONE DEL MODELLO DI LEONTIEF PER INTERPRETARE LA COMPLESSITÀ DELLECONOMIA DELLE IMPRESE E LA STRUTTURA DEI SETTORI DI PRODUZIONE Sintesi preliminare."

Presentazioni simili


Annunci Google