La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LO SVILUPPO DELLA RICERCA IN UN CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA IL MODELLO BRESCIANO Miriam Guana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LO SVILUPPO DELLA RICERCA IN UN CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA IL MODELLO BRESCIANO Miriam Guana."— Transcript della presentazione:

1 1 LO SVILUPPO DELLA RICERCA IN UN CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA IL MODELLO BRESCIANO Miriam Guana

2 2 ATTUALE EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLOSTETRICA/O dal 1996 al 2000 DIPLOMA UNIVERSITARIO DI OSTETRICA/O Formazione triennale Dal 2001 I luoghi della formazione FACOLTA DI MEDICINA –UNIVERSITA Accesso Media superiore quinquennale TEST DI ACCESSO RIFORMA UNIVERSITARIA 509/99 Corso di Laurea per Ostetrica/o Corso di laurea in OSTETRICIA dal A.A. 2003/2004

3 3 METAPARADIGMA E CAMPI PARADIGMATICI DELLA DISCIPLINA OSTETRICA MED 47 – Scienze Infermieristiche ostetrico- ginecologiche Il settore si interessa dellattività scientifica e didattico- formativa, nonché dellattività assistenziale a essa congrua nel campo delle I. speciale ostetrica e ginecologica; il settore ha specifici ambiti di competenza nella teoria e metodologia della ricerca e dellassistenza ostetrica e nellassistenza speciale ostetrico-neonatale e nella metodologia e organizzazione della professione ostetrica del settore. DM 2 aprile 2001 Denominazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie DM 2 aprile 2001 Denominazione delle classi delle lauree specialistiche universitarie delle professioni sanitarie

4 4 SCOPO DELLINTERVENTO PRESENTAZIONE DI UN MODELLO DI SVILUPPO DELLA RICERCA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Il Foro Romano BRESCIA CON ATTIVITA DI RICERCA

5 5 LAUREA QUINQUENNALE AMPIO PROGETTO FORMATIVO LOBIETTIVO FORMATIVO GENERALE LAUREA IN OSTETRICIA LO STUDENTE, NEL PERCORSO FORMATIVO TRIENNALE DEVE ACQUISIRE / RAGGIUNGERE /SVILUPPARE: o UNA INCLINAZIONE VERSO LATTIVITÀ DI RICERCA OSTETRICA o UN LIVELLO DI COMPETENZA DI BASE FONDAMENTALE PER CAPIRE ED APPLICARE IL PROCESSO DI RICERCA; o UNA CAPACITÀ DI RIFLESSIONE E DI GIUDIZIO CRITICO NEI CONFRONTI DEI RISULTATI SCIENTIFICI DELLA RICERCA

6 6 FORMAZIONE TEORIA ACQUISIZIONE DI CONOSCENZE METODI STRUMENTI TESI (dissertazione) DI LAUREA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO DI RICERCA APPRENDIMENTO delle competenze nellambito della ricerca scientifica MIDWIFERY Obiettivo COGNITIVO PERFORMANCES D.M. 740/94 – L.42/99

7 7 PROPEDEUTICA DELLE SCIENZE BIOLOGICHE, UMANISTICHE FISIOLOGIA UMANA, DELLA RIPRODUZIONE E DEL PROCESSO DELLA NASCITA DISCPLINA OSTETRICA FISIOPATOLOGIA IN OSTETRICIA GINECOLOGICA DISCIPLINA OSTETRICA SCIENZE UMANE APPLICATE SESSUOLOGIA MEDICINA PREVENTIVA SOCIOLOGIA SCIENZE GIURIDICO/ECONOMICHE DEL MANAGEMENT METODOLOGIA DELLA RICERCA PROPEDEUTICA INGLESE SCIENTIFICO INFORMATICA SCIENZE UMANE APPLICATE SCIENZE MEDICHE SCIENZE PEDIATRICHE FISIOPATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA E MEDICINA DELLETA PRENATALE DISCIPLINA OSTETRICA DEONTOLOGIA E MEDICINA LEGALE BIOETICA PRIMO SOCCORSO INGLESE SCIENTIFICO INFORMATICA INSEGNAMENTO CLINICO Le discipline fondamentali del piano di studi

8 8 METODOLOGIA DELLA RICERCA APPLICATA ALLA PROFESSIONE, SOCIOLOGIA SANITARIA CREDITI N. 4 N. 120 Ore CORSIO INTEGRATO 3° ANNO 1° SEMESTRE SIGLE Sett.Sc.Disc. DISCIPLINA MED/42 Igiene gener. e appl. Epidemiologia MED/01 Statistica medica MED/47 Sc. Inf. Ostetrico- ginecol. Ricerca nella disciplina ostetrica SPS/07 Sociologia generale Sociologia e metodol della ric. Sociale INF/01 Informatica Metodologia dell'informatica SPS/07 Sociologia generale Metodologia della Ricerca bibliografica L.LIN/12 Inglese Scientifico Inglese scientifico - Traduzioni

9 9 DISCUSSIONE TESI DI LAUREA ESAME DI STATO ABILITANTE ESAME PRATICO SVILUPPO DELLA RICERCA NELLA MIDWIFERY ATTRAVERSO LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI TESI SPERIMENTALI UNA IMPORTANTE ED EFFICACE STRATEGIA

10 10 IL PROCESSO FORMATIVO………… PROGETTO DI RICERCA - INIZIA ALLA FINE DEL 2° ANNO DI CORSO (incontri studenti) -PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO PER LINDIVIDUAZIONE DEL PROBLEMA O STUDIO DI UN FENOMENO/EVENTO - LARGOMENTO A SCELTA DELLO STUDENTE -INCONTRI PERIODICI CON GLI STUDENTI (tutorship su progetto di ricerca e supervisione) -SCELTA DEGLI ESPERTI IN SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RICERCA (dei relatori e correlatori) -GLI ESPERTI – RELATORI TRA I DOCENTI DEL CORSO -GLI ESPERTI - CORRELATORI ANCHE ESTERNI -ASPETTI AMMINISTRATIVI ED ETICI - DIVULGAZIONE DEI RISULTATI ATTRAVERSO INTERNET – congressi /convegni/seminari

11 11 AMBITI DELLA RICERCA OSTETRICIA GINECOLOGIA NEONATOLOGIA STUDI EPIDEMIOLOGICI AMBITI ASSISTENZIALI ORGANIZZAZIONE ASSISTENZA IMPIEGO DI STRUMENTI TECNOLOGIE STORIA DELLA DISCIPLINA ORGANIZZAZIONE PROFESSIONE SI OSSERVAZIONALI DISEGNI DI RICERCA ??? SPERIMENTALI SI OSSERVAZIONALI DISEGNI DI RICERCA ??? NO SPERIMENTALI

12 12 LARGOMENTO A SCELTA DELLO STUDENTE………. STUDIO FENOMENI EVENTI PROBLEMI MED 47 DISCIPLINA OSTETRICA TUTTI I SETTORI SCIENTIFICO DISCIPLINARI PIANO DI STUDI INTERDISCIPLINARIETA

13 13 vita intrauterina nascita pubertà adolescenza età fertile gravidanza puerperio menopausa climaterio parto AMBITI OPERATIVI Area ostetrica Area ginecologica Area neonatale CAMPO PROPRIO DELLE ATTIVITA E RESPONSABILITA PROFESSIONALI DM 740/99 – profilo dellostetrica/o OGGETTO DI STUDIO ??? IDEE ???? modello teorico concettuale ciclo vitale Organizzazione professione I mutamenti Socio culturali Fonti di riferimento Il curriculum formativo Esperienze di tirocinio Tecnologie

14 14 CHI COLLABORA ATTIVAMENTE NELLA RACCOLTA DATI? SEDI DI TIROCINIO AZIENDE SANITARIE TERRITORIO E OSPEDALI I PROFESSIONISTI IL MONDO DEL LAVORO LOCALE REGIONALE LE UTENTI LE PAZIENTI I CITTADINI COLLEGI/ORDINI PROFESSIONALI ASSOCIAZIONI GLI ISTITUTI SCOLASTICI BIBLIOTECHE BANCHE DATI PROGETTO DI RICERCA

15 15 vita intrauterina nascita pubertà adolescenza età fertile gravidanza parto puerperio menopausa climaterio Il ruolo dellostetrica/o nelleducazione sessuale delladolescente Contraccezione: analisi del comportamento sessuale e del ruolo dellostetrica/o nel counselling Evoluzione del ruolo del partner nel processo riproduttivo Essere donna, essere madre: aspettative, evoluzione e conflittualità Motivazioni alla maternità in età attempata Allattamento al seno: aspetti fisici, psicologici e socio- culturali La comunicazione in travaglio di parto Partorire fuori casa: etnie a confronto Problematica psicoemotiva nel tumore mammario La cartella ostetrica nel percorso riproduttivo (gravidanza, parto, puerperio) Organizzazione sanitaria e salute della donna La deontologia professionale dellostetrica/o Bioetica nel processo riproduttivo

16 16 vita intrauterina nascita pubertà adolescenza età fertile gravidanza parto puerperio menopausa climaterio Il Giornale per le levatrici: strumento per la valutazione scientifica e culturale Indagine conoscitiva sullepidemiologia e sul livello di informazione delle donne che si sottopongono ad esame-citologico La libera professione dellostetrica/o oggi: modello organizzativo, limiti e possibilità di esercizio La vita sessuale della donna: evoluzione rispetto al ciclo della vita Lostetrica/o e la puericultura Il parto a domicilio: possibilità e limiti La gestione del dolore nel travaglio di parto: due epoche a confronto Lostetrica/o e leducazione sanitaria La formazione permanente dellostetrica/o La fecondazione artificiale: mutamenti biologici, psicologici, socio-culturali Gestione delle emergenze nei Punti Nascita di Brescia La gravidanza nelle adolescenti CICLO VITALE Modello teorico- concettuale

17 17 vita intrauterina nascita pubertà adolescenza età fertile gravidanza parto puerperio menopausa climaterio Medicina alternativa in gravidanza Valutazione incremento ponderale in gravidanza Dimissione precoce protetta: aspetti assistenziali e di economia sanitaria Indagine conoscitiva sui corsi di preparazione al parto in Lombardia occiadentale Modelli di assistenza al periodo espulsivo nel parto fisiologico nella realtà bresciana Indagine conoscitiva sui corsi di preparazione al parto in Lombardia orientale CICLO VITALE Modello teorico- concettuale Maternity blues e fattori sociali La musicoterapia nel percorso nascita Il massaggio terapeutico in travaglio di parto Informazione e attività sessuale in gravidanza: indagine conoscitiva La sindrome della morte improvvisa del neonato: aspetti epidemiologici, patogenetici e clinici La vita prenatale e lOstetrica Intervento assistenziale dellostetrica/o: tutela della salute riproduttiva e sessuale della donna rispetto agli eventi e fenomeni naturali del ciclo vitale Effetto immunomodulante del latte materno

18 18 vita intrauterina nascita pubertà adolescenza età fertile gravidanza parto puerperio menopausa climaterio Un dilemma nella storia dellOstetrica: parto strumentale o decorso naturale? Uroginecologia: incontinenza urinaria in menopausa e riabilitazione Il ruolo del dizionario nella formazione delle levatrici nellOttocento Per una storia dellarmamentario della levatrice CICLO VITALE Modello teorico- concettuale Corso di educazione sessuale per gli adolescenti Prevenzione diagnosi cura delle infezioni sessualmente trasmissibili e delle IVG nelle donne che si prostituiscono Il ruolo dei mass media nella prevenzione dei tumori della sfera sessuale Per una storia della libera professione ostetrica Linfertilità di coppia ed il ruolo dellOstetrica/0nellaccompagna mento della coppia infertile Intervento assistenziale dellostetrica/o: tutela della salute riproduttiva e sessuale della donna rispetto agli eventi e fenomeni naturali del ciclo vitale CICLO VITALE Modello teorico- concettuale

19 19 CONCLUSIONI IL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA RAPPRESENTA UN IMPORTANTE REALTA PER LO SVILUPPO DELLE CONOSCENZE DI SETTORE ATTRAVERSO LA RICERCA

20 20 LAUREA TRIENNALE LAUREA MAGISTRALE SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE MASTER MED 47 RICERCA MED 47 RICERCA AMPIO PROGETTO FORMATIVO

21 21 Strategie curriculari del SSD MED 47 nella Laurea magistrale in scienze infermieristiche ed ostetriche Presso luniversità degli Studi di Brescia il curriculum formativo della Laurea quinquennale è stato progettato per garantire un upgrading specialistico disciplinare e non transdisciplinare, ovvero lavanzamento delle competenze attese comprende un approfondimento specifico della propria disciplina: ostetriche sulle questioni ostetriche e gli infermieri sulle questioni degli infermieri). Tale scelta didattico/pedagogica ha come obiettivo lo sviluppo di leadership, competenze manageriali, didattiche e di ricerca nello specifico settore disciplinare.

22 22 La ricerca assicura maggiore autorevolezza sociale alla categoria in quanto determina lo sviluppo di un corpo unico del sapere scientifico, ovvero di una struttura disciplinare peculiare (architettura teorica autentica) Il MED 47, settore di forte impatto sociale, affinché assuma sempre più un autonomo valore scientifico esige uno espansione dellattività di ricerca da parte di un corpo docente dello specifico settore

23 23 DISCIPLINE DMI E TECNOL- BIOMEDICHE Dipartimento Materno Infantile e Tecnologie Biomediche Direttore: Prof. Francesco Castelli

24 24 MED 47 Scienze Infermieristiche ostetrico-ginecologiche Prof.ssa Miriam Guana MGUANA LINEE DI RICERCA PROMOZIONE DELLA SALUTE/BENESSERE DELLA DONNA, IN CAMPO SESSUALE- RIPRODUTTIVO E DELLETA EVOLUTIVA TECNOLOGIE APPLICATE ALLA PRATICA OSTETRICA MODELLI ORGANIZZATIVI (FORMAZIONE E MANAGEMENT OSTETRICO ) Associazione Siryo

25 25 LEVOLUZIONE DELLA RICERCA DEL MED 47 IN SEDE LOCALE HA CONTRIBUITO IN QUESTI ANNI ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA OSTETRICA attraverso la ricerca FONDAZIONE


Scaricare ppt "1 LO SVILUPPO DELLA RICERCA IN UN CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA IL MODELLO BRESCIANO Miriam Guana."

Presentazioni simili


Annunci Google