La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL CRISTIANESIMO ED I SUOI MODELLI UN CAMMINO LUNGO 2000 ANNI Consultare testo pag 312-316.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL CRISTIANESIMO ED I SUOI MODELLI UN CAMMINO LUNGO 2000 ANNI Consultare testo pag 312-316."— Transcript della presentazione:

1 IL CRISTIANESIMO ED I SUOI MODELLI UN CAMMINO LUNGO 2000 ANNI Consultare testo pag

2 IL modello COMUNITA Consultare testo pag

3 La Comunità cristiana (…) vi siete rivestiti in Cristo. Non esiste più Giudeo né Greco, non esiste schiavo né libero, non esiste uomo o donna, tutti voi siete una sola persona in Cristo Gesù.(…). (Gal 3, 26-29;) Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio e spezzavano il pane a casa prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo. Intanto il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati. (At 2,42-48;)

4 Il tesoro dellesperienza comunitaria Nasce il principio di uguaglianza Si propone un modello di umanità nuova La povertà da motivo di esclusione diventa soggetto di cambiamento sociale Si vive il sacerdozio universale Producono i vangeli (canonici et apocrifi)

5 LE COMUNITA degli APOCRIFI (Consultare sito scuola)

6 I CRISTIANI DELLA PARUSIA Consultare sito scuola

7 Cristiani nel mondo (…) Tenete presente solo una cosa, carissimi: un giorno solo davanti al signore è come 1000 anni e 1000 anni come un giorno solo. Il Signore (…) non vuole che alcuno perisca, ma che tutti giungano alla salvezza. Il giorno del Signore infatti arriverà come un ladro; allora i cieli passeranno (…) (2° Pt 3, 3-10;) La nuova lettura si articola in 3 passaggi fondamentali: Il tempo non appartiene a Dio, è dimensione umana (un giorno come mille anni…) e quindi i Cristiani non possono dettarne le tappe. Il Signore non vuole che alcuno perisca… Dio è Amore/Agape che si è manifestato in Gesù. Per questo la Storia continua, perché Dio vuole che tutti gli uomini, di ogni tempo, conoscano il suo amore e si salvino. Il giorno del Signore, cioè la Parusia, cioè la manifestazione gloriosa di Gesù Risorto, diventa allora, per ogni uomo, il giorno della sua morte (che arriva come un ladro)

8 Di nuovo dentro la STORIA

9 Lettera a Diogneto (…) I cristiani non si distinguono dagli altri uomini né per la lingua che parlano, né per il modo di vestire. Non si isolano nelle loro città, non usano un linguaggio particolare, né conducono uno speciale genere di vita. La loro dottrina non è conquista di genio irrequieto di uomini indagatori, né professano, come fanno alcuni, un sistema filosofico umano. Abitano in città greche o barbariche, come a ciascuno è toccato in sorte, e adattandosi alle tradizioni locali nel vestire, nel cibo e in tutto il resto del vivere, danno esempio di una loro forma di vita sociale meravigliosa, che, confessione di tutti, ha dellincredibile(…) (Anonimo,150d.C ca)

10 Il modello cittadinanza Lesperienza cristiana si diffonde La comunità credente deve aprirsi alla società I Cristiani sono chiamati ad essere cittadini del mondo La parola chiave diventa adattamento

11 I 3 principi del rapporto con la politica nel NT Consultare testo pag e sito della scuola la necessità del potere la superiorità della legge (etica) di Gesù La desacralizzazione del potere politico

12 IL MONACHESIMO Quando il cielo e la terra si toccano Consultare sito della scuola

13 LE MONACHE CRISTIANE Consultare sito della scuola

14 Modello invasivo Consultare testo pag ; ; ; Cristianizzazione diritto Cristianizzazione politica Società diventa cristiana Chiesa e società coincidono Sovrano diventa garante struttura religiosa della società De Monarchia dantesco, i 2 soli

15 La societas christiana …una delle misure di Costantino destinata ad avere una vasta influenza nella storia della Chiesa fu la legge del 318, che autorizzava i Vescovi a giudicare le cause non solo fra cristiani, ma anche fra i pagani. A lui ci si poteva rivolgere quando non si era in grado di sostenere le spese legali o addirittura quando le presunte violazioni non trovavano eco nei tribunali. Allorché le parti avessero accettato questa soluzione…la sentenza del Vescovo veniva riconosciuta dallo Stato ed aveva effetto immediato… In cambio di questo servizio la Chiesa riceveva elargizioni in denaro o donazioni che sostenevano lincessante opera in favore delle fasce più deboli della popolazione… Il Vescovo di contro era chiamato sempre più spesso ad occuparsi di rapporti istituzionali e/o politici che lo portavano a trascurare il ruolo pastorale ed a curare la gestione di un patrimonio sempre più cospicuo e significativo… (G.Martina, Storia della Chiesa)

16 Crisi modello invasivo Consultare sito (Movmento religioso XII sec.) –Rinnovare la vita cristiana e seguire la legge di Cristo, con una condotta di vita simile a quella degli apostoli, con la rinuncia a tutti i beni terreni, in povertà volontaria; –la predicazione itinerante dellEvangelo; –denunciare la Chiesa gerarchica e il clero cattolico, fino a quando non vivessero in modo veramente cristiano, evangelico ed apostolico, e smascherarli come indebiti successori degli apostoli. –Rendere accessibile a tutti la lettura della Bibbia (Valdo) –Rinnovare Monachesimo (Cluny) (nascono ordini Francescano e Domenicano)


Scaricare ppt "IL CRISTIANESIMO ED I SUOI MODELLI UN CAMMINO LUNGO 2000 ANNI Consultare testo pag 312-316."

Presentazioni simili


Annunci Google