La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso su QualiWare Form Designer Docente: ing. Pier Alberto Guidotti Product Manager QualiWare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso su QualiWare Form Designer Docente: ing. Pier Alberto Guidotti Product Manager QualiWare."— Transcript della presentazione:

1 Corso su QualiWare Form Designer Docente: ing. Pier Alberto Guidotti Product Manager QualiWare

2 Le aziende richiedono sempre più spesso la gestione di flussi di workflow personalizzati basati non su file ma su moduli (form). A questa esigenza attualmente si risponde scrivendo codice (su QualiWare o su altri sistemi come Sharepoint, Lotus Notes, ecc.). Questo significa non solo costi aggiuntivi, ma soprattutto tempi lunghi per la creazione o la modifica. Ora possiamo consentire ai nostri clienti di creare e gestire i propri form con la stessa facilità con la quale possono creare nuove categorie documentali, gestendoli poi con la stessa logica dei documenti (workflow). Il tutto con continuando ad utilizzare una piattaforma stabile e di facile utilizzo come QualiWare, e senza dovere acquisire sistemi complessi come SharePoint e/o Lotus Notes, con i relativi costi di licenza e di gestione. Modulistica personalizzata

3 E una tecnologia innovativa messa a punto da Analysis per consentire ad utenti non esperti di configurare facilmente sia le maschere di richiesta dati per i nuovi documenti (fino ad oggi si era costretti a definire manualmente ciascun campo custom) sia veri e propri moduli di raccolta dati, gestiti con la stessa logica dei documenti. QualiWare Form Designer

4 Possibilità di progettare con facilità in ambiente grafico qualsiasi tipo di modulo di raccolta dati (più semplice di Access!) Utilizzo delle modalità operative tipiche della gestione documentale di QualiWare (nessuna formazione aggiuntiva per gli utenti) Basso TCO (Total Cost of Ownership) QualiWare Form Designer: caratteristiche

5 Comera prima La configurazione dei campi custom (fino a 10) avveniva in modalità non grafica.

6 Comè ora La configurazione dei campi custom avviene ora in modalità grafica

7 Comè ora La configurazione dei campi custom avviene ora in modalità grafica

8 File o form? Accanto alla classica gestione di file vi è ora la possibilità di gestire moduli dove i contenuti vengono unicamente inseriti tramite il form progettato tramite il FD. Viene comunque generato un file che rappresenta la stampa del modulo, ma esso non è editabile e lutente può inserire i dati solamente attraverso linterfaccia creata con il FD. Il modello di stampa può essere creato con Word, Excel o Crystal Reports.

9 File o form?

10

11 Lambiente grafico Tavolozza dei componenti

12 Lambiente grafico Questa tavolozza contiene tutti i possibili tipi di oggetto che possono essere inseriti nel form. E sufficiente cliccare sul tipo di oggetto selezionato e successivamente cliccare sul form nel punto in cui si vuole inserirlo.

13 Lambiente grafico Area di progettazione del form

14 Lambiente grafico Griglia delle proprietà delloggetto

15 Lambiente grafico Strumenti di allineamento e dimensionamento

16 Lambiente grafico Pulsante per il test immediato del form

17 Proprietà comuni degli oggetti Colori Font

18 Proprietà comuni degli oggetti IndiceTab: consente di definire lordine di tabulazione degli oggetti

19 Proprietà comuni degli oggetti (Nome): Definisce il nome delloggetto. E importante perché è il nome col quale nella gestione degli eventi ci si riferirà alloggetto per modificarne o leggerne il valore. Non può contenere spazi

20 Proprietà comuni degli oggetti Campo: Definisce il nome del campo della tabella DOCUMENT nel quale il valore delloggetto verrà memorizzato. Sono disponibili i seguenti campi: -CUSTOM1-25: campi di testo max 254 caratteri -CUSTOM26-30: campi di testo di lunghezza illimitata -FLAG1-40: campi logici -DATE1-20: campi data -NUMBER1-20: campi numerici

21 Proprietà comuni degli oggetti Descrizione campo: Definisce la descrizione del campo che comparirà nellindice e nei menu di Word ed Excel. E da non confondere con il nome del campo.

22 Proprietà comuni degli oggetti SolaLettura: Se True significa che il campo non sarà modificabile.

23 Proprietà comuni degli oggetti Fascicola: Se True significa che il campo verrà utilizzato per la fascicolazione automatica.

24 Proprietà comuni degli oggetti Richiesto: Se True significa che il campo è obbligatorio, e nel caso non venga compilato dallutente il sistema ritornerà un messaggio derrore impedendo il salvataggio dei dati.

25 Proprietà comuni degli oggetti MostraNellIndice: Se True significa che il campo verrà mostrato nellindice dei documenti

26 Proprietà comuni degli oggetti RuoliAbilitati: Indica quali ruoli del workflow sono abilitati alla compilazione del campo. I ruoli si specificano tramite una serie di caselle di scelta che si aprono in automatico sulla freccia.

27 Proprietà comuni degli oggetti RuoliVisualizzatori: Indica quali ruoli del workflow possono visualizzare il campo. I ruoli si specificano tramite una serie di caselle di scelta che si aprono in automatico sulla freccia.

28 Proprietà comuni degli oggetti SuggerimentoRapido: Consente di specificare il testo che si presenta allutente quando si posiziona col mouse sul campo.

29 Proprietà comuni degli oggetti ValorePredefinito: E il valore che il campo contiene di default quando si crea un nuovo modulo.

30 Etichetta di testo Testo: Rappresenta il testo che verrà visualizzato.

31 BottoniRadio Gruppo: Rappresenta il gruppo cui il BottoneRadio appartiene. Più BottoniRadio appartenenti allo stesso gruppo rappresentano opzioni differenti dello stesso campo, e per questo devono avere lo stesso campo collegato e la stessa descrizione campo.

32 BottoniRadio ValoreOpzione: Rappresenta il valore che verrà scritto nel campo quando il BottoneRadio è selezionato.

33 Liste di ricerca (caselle di testo e caselle a discesa) QueryLista: Consente di definire una query che rappresenta lelenco dei valori fra i quali è possibile scegliere il valore da inserire nel campo.

34 Si può scegliere fra query già pronte per agganciarsi alle anagrafiche, oppure definirla liberamente. E anche possibile comporre la lista specificandone i valori e separandoli con un ; Liste di ricerca (caselle di testo e caselle a discesa)

35 VincolatoAllaLista: Se True indica che il valore del campo potrà essere inserito solamente scegliendolo dalla lista (lutente non potrà quindi inserire un valore digitato a piacere).

36 Eventi In QWFD è possibile inserire frammenti di codice che vengono eseguiti in risposta ad eventi particolari. Sia il form che i singoli oggetti hanno eventi associati che possono essere gestiti.

37 Eventi sul form CambiaForm Evento attivato al cambiamento del valore di un qualsiasi campo del form. Può essere utilizzato per: modificare i valori di uno o più campi in base al valore inserito in uno o più campi fornire allutente messaggi di avviso in base al valore inserito in uno o più campi.

38 Eventi sul form Caricamento Evento attivato al caricamento di un form (si esso esistente o nuovo). Può essere utilizzato per: assegnare valori a campi che non corrispondono a campi del database ma sono la combinazione di uno o più di essi (campi calcolati)

39 Eventi sul form Salva Evento attivato al salvataggio del form Può essere utilizzato per: validare i dati: è possibile infatti inibire il salvataggio nel caso i dati inseriti non rispettino regole specifiche che possono essere inserite nel codice di gestione dellevento, il quale dovrà ritornare il valore false nel caso il salvataggio debba essere inibito.

40 Eventi sugli oggetti Cambia Evento attivato al cambiamento del valore nel campo Può essere utilizzato per: assegnare altri campi in base al valore inserito nel campo verificare la validità del valore inserito dando eventualmente un messaggio allutente

41 Codice di gestione degli eventi Il codice di gestione degli eventi utilizza i linguaggi di programmazione con i quali QualiWare è stato sviluppato, che sono: dBL (dBase) per la versione client/server Visual Basic per la versione Web

42 Esempio di gestore evento dBL if not empty(this.value) q=new table() q.session=form.dmd.ref.SESSION1 q.database=form.dmd.ref.DB q.sql="select * from CLIFOR where CODICE=:CODICE" q.params["CODICE"]=this.value q.active=true if q.rowset.first() this.parent.RAGSOC.value=q.rowset.fields["RAGSOC"].value this.parent.INDIRIZZO.value=q.rowset.fields["VIA"].value this.parent.LOCALITA.value=q.rowset.fields["CAP"].value+" "+q.rowset.fields["CITTA"].value+" ("+q.rowset.fields["PROV"].value+") "+q.rowset.fields["NAZIONE"].value endif q.active=false endif Il seguente frammento di codice gestisce levento Cambia di un campo nel quale viene inserito il codice di un cliente. Si vogliono riempire in automatico i campi Indirizzo e Località, attingendo le informazioni dallanagrafica.

43 Esempio di gestore evento dBL q=new table() q.database=form.dmd.ref.DB q.sql="select sum(QT) from DOCTRASP join RIDOCTRA on doctrasp.NUMDOC=ridoctra.NUMDOC where str(doctrasp.NUMDOC)=:NUMDOC" q.params["NUMDOC"]=left(this.value,10) q.requestlive=false q.active=true if q.rowset.first() this.parent.QUANTITA.value=q.rowset.fields[1].value endif q.active=false Questo frammento di codice gestisce levento Cambia di un campo nel quale viene inserito il numero di un DDT scelto da una lista. Allinserimento del valore, viene riempito in automatico il campo Quantita con la somma delle quantità contenute nelle righe del DDT specificato.

44 Stampa del form I campi inseriti in un form possono essere utilizzati allinterno di modelli di documento (nel caso di gestione a file) o di modelli di stampa (nel caso di gestione a form). I modelli di stampa sono realizzabili con Word, Excel o Crystal Reports. Nel caso si utilizzino Word o Excel, analogamente a quanto accade per i modelli, i campi possono essere riportati allinterno del file utilizzando il menu Campi presente nella barra degli strumenti aggiuntiva di QualiWare. I campi vengono riportati nel menu con la descrizione inserita durante la fase di progettazione del form allinterno della proprietà DescrizioneCampo.

45 Stampa del form

46 Riutilizzo dei form progettati E possibile riutilizzare i form progettati esportandoli e poi reimportandoli in unaltra categoria o in un altro database. Le funzioni di Esportazione/importazione sono disponibili nel menu File dellambiente di progettazione.

47 8D-Report Infortunio e quasi-infortunio Richieste dacquisto Certificazione di Conformità Help-Desk …. QualiWare Form Designer: esempi di applicazione

48 Libreria di form sul forum Esempi, suggerimenti, e una libreria di form pronti per luso verranno inseriti sul forum:


Scaricare ppt "Corso su QualiWare Form Designer Docente: ing. Pier Alberto Guidotti Product Manager QualiWare."

Presentazioni simili


Annunci Google