La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. 2 0 Lindagine Il piano di campionamento e le interviste effettuate - 1.726 interviste dirette al pubblico - 6 differenti location E stato realizzato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. 2 0 Lindagine Il piano di campionamento e le interviste effettuate - 1.726 interviste dirette al pubblico - 6 differenti location E stato realizzato."— Transcript della presentazione:

1 1

2 2 0 Lindagine Il piano di campionamento e le interviste effettuate interviste dirette al pubblico - 6 differenti location E stato realizzato un campionamento stratificato sulla base di una stima di affluenza complessiva alle singole manifestazioni

3 3 1 Il pubblico di Contemporary

4 4 1 Ingressi ai singoli eventi e confronto con il 2011

5 5 1 Il pubblico di Contemporary La provenienza complessiva Diminuisce il pubblico internazionale, cresce larea metropolitana

6 6 1 Il pubblico di Contemporary I pubblici delle diverse manifestazioni per fasce di età Artissima è la manifestazione con un pubblico più maturo. La fascia 25/35 è quella più rappresentata in quasi tutte le manifestazioni

7 7 1 Il pubblico di Contemporary La provenienza per singole manifestazioni Artissima e Operae esercitano un maggiore appeal verso Italia ed estero.

8 8 1 Il pubblico di Contemporary Design e arte contemporanea: chi attrae chi? Nel 2012 cresce il design come elemento attrattivo Nel 2012 crescono anche i visitatori casuali

9 9 1 Il pubblico di Contemporary La durata del soggiorno a Torino

10 10 1 Il pubblico di Contemporary Le strutture utilizzate per il pernottamento confronto con il 2011 O 2012 O 2011

11 11 2 La ricaduta economica

12 12 2 La ricaduta economica La spesa media degli escursionisti La spesa media degli escursionisti è 38,26 Euro La spesa media degli escursionisti era 37,39 Euro O 2012 O 2011

13 13 2 La ricaduta economica La spesa media dei turisti La spesa media dei turisti è 84,78 Euro La spesa media dei turisti era 111,42 Euro O 2012 O 2011

14 14 2 La ricaduta economica Acquisti di opere darte e oggetti di design Il 18% degli intervistati ha intenzione di acquistare opere darte o oggetti di design. Linteresse maggiore è su prodotti non superiori ai 100 Euro. Il 14% ha una capacità di spesa superiore ai 1000 Euro

15 15 2 La ricaduta economica La ricaduta economica diretta È pari a circa 3,5 milioni di euro*. Rispetto al 2011: un maggiore afflusso di pubblico compensa la minore capacità di spesa * La ricaduta è generata dalla spesa del pubblico di turisti ed escursionisti che si sono recati a Torino per partecipare agli eventi del WACD

16 16 3 Le relazioni tra i diversi attrattori Un confronto con il 2011

17 17 3 Le gallerie torinesi e il loro rapporto con il sistema dellarte contemporanea

18 18 3 Le gallerie torinesi Introduzione alla ricerca 15 interviste face to face in profondità. rappresentatività del panorama complessivo gallerie storiche vs gallerie di recente apertura collocazione urbana mercato prevalente Obiettivi attività della galleria in una prospettiva diacronica/rapporto con pubblico e clientela; posizionamento attuale del Sistema Torino; rapporto della galleria con gli eventi del WACD. Qual è il settore di riferimento della galleria? Come valuta la risposta del pubblico e dei collezionisti agli eventi organizzati? Riscontra un pubblico diverso durante il week end delle arti contemporanee? Ha senso la concentrazione degli eventi o dovrebbe essere favorita una dilatazione temporale più lunga? Come si colloca il sistema Torino nel panorama nazionale e internazionale? ALCUNE DOMANDE

19 19 3 Le gallerie torinesi Le principali evidenze Il WACD rappresenta il momento clou dellintero anno; Il pubblico presente in città che entra nelle gallerie è molto diverso da quello abituale; Il pubblico non specialistico è sempre più numeroso, non sempre interessato allacquisto ma attento verso gli eventi dalle gallerie; Generale contrazione dei big spender; Ampliamento del segmento di acquirenti interessati ad opere di costo più contenuto (sotto i 5 mila euro); Per le gallerie, il valore aggiunto di Artissima e degli altri eventi del WACD riguarda soprattutto il ritorno di immagine.

20 20 3 Le gallerie torinesi Le principali evidenze Capacità del WACD di mantenere alta lattenzione del mondo dellarte contemporanea su Torino, confermando il suo primato almeno su scala nazionale; Generale preoccupazione sulle prospettive future del sistema torinese dellarte contemporanea che mantiene un vantaggio sugli altri competitor (Milano e Bologna in primis) più per demeriti altrui che per meriti propri; Rispetto allo scenario internazionale il WACD rappresenta uno strumento di marketing territoriale e di attrazione di pubblico qualificato.

21 21 3 Le gallerie torinesi Le principali evidenze La concentrazione di eventi nel medesimo weekend… OPINIONI DIVERGENTI Per il proprio business lunica manifestazione rilevante è Artissima E preferibile una distribuzione delle iniziative lungo lanno Fare massa consenta di attrarre a Torino un pubblico che difficilmente si sposterebbe Si deve concentrare il più possibile perché c'è un'attenzione anche maggiore di quello che viene da fuori Sono favorevole, perché tutti gli interessati vengono da in giro e si fanno un'overdose d'arte e si portano a casa l'idea che Torino sia fighissima La concentrazione in quattro giorni non ha senso va divisa. Si può fare Paratissima in primavera e farla sui giovani. Il design si può spostare in un altro momento La risposta cè. Splittiamo gli eventi

22 22 3 Le gallerie torinesi Alcune citazioni Discreto fermento dal 2005 alla prima parte del 2008, dal 2008 si è spenta la luce ed è sempre stato peggio. Attività della galleria Posizionamento del Sistema Torino Galleria e eventi del WACD il 2011 è stato l'anno dell'apertura quindi il 2012 è andato nettamente meglio, probabilmente perché si è partecipato anche a Fiere fuori Torino. Nel 2007 il voto che avrei dato sarebbe stato molto alto, ora non più. Il voto basso è legato certamente alla scarsità di risorse, ma anche alla programmazione degli spazi. Una volta eravamo un piccolo punto di riferimento. Il primato di Torino è scemato, ma ancora nessuno ha preso il nostro posto perché non si riesce a fare in 5 anni quello che è stato fatto in 25. Il mio parere è super favorevole nei confronti del WACD. L'offerta è sufficiente, gente ne viene, il pubblico c'è ed è interessato. L'80% sono facce che si vedono già girare ma gli eventi portano un % di facce nuove. Pubblico speciale, ci sono i curatori, è tutto diverso.

23 23 3 Le gallerie torinesi Le gallerie intervistate Federico Correa, Caracol Arte Contemporanea, aperta nel 2012; Guido Costa, Guido Costa Projects, aperta nel 1999, dal 2002 nella sede attuale; Riccardo Costantini, Riccardo Costantini Arte Contemporanea, aperta nel 2011, nella sede di Biasutti, dopo unesperienza a Milano; Silvano Costanzo, SpazioBianco, aperta al pubblico nel 2011; Raffaella De Chirico, De Chirico Arte Contemporanea, aperta nel 2011; Liliana Dematteis, Galleria Martano, aperta nel1965, dal 1987 nella sede attuale; Galo, Galo Art, aperta nel 2010; Norma Mangione, Norma Mangione Gallery, aperta nel 2009; Franco Noero, Franco Noero, aperta nel 1999; Alberto Peola, Alberto Peola Arte Contemporanea, aperta nel 1989; Giorgio Persano, Giorgiopersano, aperta nel 1970, dal 2005 nella sede attuale; Elena Salomon, Galleria Salomon, aperta nel 2001; Marco Sciarpa, Elettroshock, aperta nel 2012; Paolo Tonin, Paolo Tonin Arte Contemporanea, aperta nel 1974, ha cambiato numerose sedi prima di quella attuale; Carlo Weber, Weber e Weber, aperta nel 1976, da circa 10 anni nello spazio nuovo.


Scaricare ppt "1. 2 0 Lindagine Il piano di campionamento e le interviste effettuate - 1.726 interviste dirette al pubblico - 6 differenti location E stato realizzato."

Presentazioni simili


Annunci Google