La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bergamo, 23 maggio 2001 Marco Mazzoleni ( Massimo Valle (

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bergamo, 23 maggio 2001 Marco Mazzoleni ( Massimo Valle ("— Transcript della presentazione:

1 Bergamo, 23 maggio 2001 Marco Mazzoleni ( Massimo Valle ( Sicurezza & E-commerce

2 Sommario Principi di e-security La riservatezza Lintegrità Autenticazione Non ripudio Crittografia:la base per la sicurezza Cosè Firma digitale SSL VPN Le-security è sicura? Vulnerabilità Case Studies (egghead.com, patchwork…) Sommario Nuovi business e business esistenti Modelli di ecommerce B2C B2C: e-shop B2C: e-mall B2C: buyer aggregator B2C: english auction B2C: dutch auction B2C: sealed auction Scenario quantitativo B2C B2B E-distribution E-procurement Virtual marketplace Scenario quantitativo B2B Portali B2C & e-hub B2B Esempi pratici

3 Lutilizzo di Internet Incrementare il numero di canali e raggiungere nuovi clienti Disintermediare i canali Creare nuovi intermediari Trasformare value delivery Mercato elettronico Infomediari Comunità virtuale Ottimizzare il modello di business attuale Penetrare nuovi segmenti/ mercati Ristrutturare la catena del valore attuale Sviluppare nuovi modelli di business Fonte: McKinsey Ridurre i costi Migliorare il livello di servizio al cliente

4 Sviluppo di nuovi business Supporto ai business esistenti Progetti Corporate E-strategy OrganizzazioneTecnologia Lutilizzo di Internet e la e-strategy

5 Nuovi business e business esistenti Business esistenti Nuovi business B2EB2BB2C

6 BtoC: chl.it

7 BtoB: bravobuild.com

8 BtoE: quantomipagano.it

9 Supporto ai business esistenti Produzione Funzioni amministrative Progettazione Approvigionamento materiali Logistica Marketing Vendita B2E Rapporti con il personale / Processi interni B2B Business to Business B2C Business to Consumer

10 Modelli B2C E-shop: versione virtuale di un negozio E-mall: equivalente su Internet di un mall o shopping center Buyer aggregator: aggrega ordini provenienti da diversi clienti al fine di ottenere una riduzione del prezzo di acquisto dei prodotti E-auction: consente a privati o imprese di mettere e/o comprare allasta prodotti/servizi English auction: ogni partecipante allasta rilancia con unofferta maggiore rispetto a quella corrente Dutch auction: il prezzo del prodotto messo allasta scende gradualmente finché un partecipante non dichiara lintenzione di acquistare Sealed auction: ogni partecipante dichiara segretamente il prezzo che è disposto a pagare per il prodotto messo allasta; lofferta migliore vince, e il vincitore non sempre viene reso pubblico

11 B2C: e-shop

12 B2C: e-shop

13 B2C: e-shop

14 B2C: e-shop

15 B2C: e-mall

16 B2C: buyer aggregator

17 B2C: english auction Offerta corrente Nuova offerta Chiusura dellasta Prodotto allasta

18 B2C: dutch auction Prezzo corrente Acquisto del prodotto al prezzo corrente

19 B2C: sealed auction

20 Scenario quantitativo B2C Utenti Internet in Italia Web shoppers in Italia Previsioni vendite Italia B2C Settori merceologici Italia (B2C) Multichannel vs pure play Penetrazione vendite online USA (B2C) Penetrazione vendite online (B2C)

21 Utenti Internet in Italia Milioni di utenti Fonte: IDC, 2000

22 Web shoppers in Italia Migliaia di utenti Fonte: IDC, 2000

23 Previsioni vendite Italia B2C Miliardi di $ Fonte: IDC, 2000

24 Abbigliamento ed accessori * 17% 2% 4% 11% 2% 8% 5% 26% 41% 12% 8% 5% 14% 8% Settori made in Italy: -41% dei siti -20% del fatturato (arredamento, turismo, oggetti artigianali ed artistici, abbigliamento ed accessori, alimentare) * 2% 25% Altro Editoria Servizi Finanziari Turismo * Pluriprodotto Alimentare * Musica & Audiovisivi HW e SW Settori merceologici Italia (B2C) Fonte: Shoplab 2001

25 Penetrazione vendite online USA Fatturato online/fatturato online + offline (99) Fonte: Forrester Research Inc. and Merrill Lynch Internet research, 2000

26 Penetrazione vendite online (B2C) Fatturato online/fatturato online + offline USA (2002) Fonte: Forrester Research Inc. and Merrill Lynch Internet research, 2000

27 Multichannel vs pure play Pure Play Multichannel Nel 2000 i Multichannel sono prevalenti sui Pure Play Fonte: Shoplab 2001

28 business models B2B E-distribution (Extranet transazionale a valle) E-procurement (Extranet transazionale a monte) Virtual marketplace Internet Exchange Catalog aggregator Auction Request for quote/proposal

29 B2B : e-distribution

30 B2B : e-procurement Volvo Fiat Enel Lucent ………….

31 B2B: virtual marketplace Virtual marketplace vs Extranet Standardizzazione di: applicazioni SW (standard tecnologici) codifiche (standard semantici) Benefici Frammentazione (potere negoziale) ? ? Virtual Marketplace Bassa Alta Extranet Alta (potere negoziale di filiera distribuita) Bassa (alto potere negoziale di una delle due controparti) Rilevanza della personalizzazione (complessità, specificità)

32 B2B: virtual marketplace Percentuale e-commerce B2B gestito dai vmarketplace Fonte: Durlacher, 2000 Europa

33 B2B: virtual marketplace Fonte modificata: Morgan Stanley Dean Witter, 2000 Modelli transazionali

34 B2B: virtual marketplace Auction

35 B2B: virtual marketplace Internet exchange

36 B2B: virtual marketplace Catalog order

37 B2B: virtual marketplace Request for proposal

38 Commerce-based B2B: virtual marketplace Spot sourcing Systematic sourcing Operating imputsManufacturing imputs Ariba W.W Grainger MRO.com BizBuyer.com Sciquest.com Plasticsnet.com E-Steel PaperExchange.com Altra Energy IMX Exchange Employease Adauction.com Capacityweb.com

39 Commerce-based B2B: virtual marketplace buyer centric Neutrali supplier centric Verticale Orizzontale Covisint.com Freemarkets.com proxchange.com Globalfoodexchange.com Gofish.com Tradeout.com Grainger.com Chemconnect.com e-steel.com

40 Scenario quantitativo B2B Previsioni vendite Italia B2B Penetrazione vendite online USA (2000) Penetrazione vendite online USA (2003)

41 Previsioni vendite Italia B2B Miliardi di $ Fonte: IDC, 2000

42 Fonte: Forrester Research Inc. and Merrill Lynch Internet research, 2000 Penetrazione vendite online USA (B2B) Fatturato online/fatturato online + offline (2000)

43 Penetrazione vendite online USA (B2B) Fatturato online/fatturato online + offline (2003) Fonte: Forrester Research Inc. and Merrill Lynch Internet research, 2000

44 Portali B2C & e-hub B2B Portali B2C generalisti verticali E-hub B2B generalisti verticali

45 Portale generalista B2C: Service Commerce Content Community Context

46 Portale generalista B2C: Service Commerce Content Community Context

47 Portale verticale B2C: Service Commerce Content Community Context

48 E-hub generalista B2B: Service Commerce Content Community Context

49 E-hub verticale B2B: Service Commerce Content Community Context

50 Diffusione Esplosione della tecnologia Web Inizio dot.com IPO USA 97/98 IPO Europa 1999 E is best dot.com diminuzione dello share Disillusione degli investitori Fallimento di molte dot.com Fallimento della comunicazione Disillusione delle-business Veracrescita dell e-business Ottimizzazione delle-business Aziende Post-Net Picco di aspettative non realistiche Curva della disillusione Chiarezza Linea della redditività Conclusioni … We are at the first two minutes of the game... [A. Tjan]

51 Principi di e-security Riservatezza. c ertezza che la comunicazione inviata sia letta solo dal destinatario e non intercettabile da terzi Internet consente a chiunque, in qualsiasi parte del mondo, di comunicare con qualcun altro, senza tuttavia garantire alcuna protezione.

52 Riservatezza Internet

53 Principi di e-security Riservatezza. c ertezza che la comunicazione inviata sia letta solo dal destinatario e non intercettabile da terzi Internet consente a chiunque, in qualsiasi parte del mondo, di comunicare con qualcun altro, senza tuttavia garantire alcuna protezione. Integrità piena conformità della comunicazione trasmessa rispetto all'originale ovvero la certezza che la comunicazione non sia stata in alcun modo modificata da terzi.

54 Integrità Internet 1000 a Luca 1000 a Gianni

55 Principi di e-security Riservatezza. c ertezza che la comunicazione inviata sia letta solo dal destinatario e non intercettabile da terzi Internet consente a chiunque, in qualsiasi parte del mondo, di comunicare con qualcun altro, senza tuttavia garantire alcuna protezione. Integrità piena conformità della comunicazione trasmessa rispetto all'originale ovvero la certezza che la comunicazione non sia stata in alcun modo modificata da terzi. Autenticazione certezza dell'effettiva provenienza della comunicazione da colui che afferma di essere il mittente delle stessa.

56 Autenticazione 1000 a Luca 1000 a Luca Internet

57 Principi di e-security Riservatezza. c ertezza che la comunicazione inviata sia letta solo dal destinatario e non intercettabile da terzi Internet consente a chiunque, in qualsiasi parte del mondo, di comunicare con qualcun altro, senza tuttavia garantire alcuna protezione. Integrità piena conformità della comunicazione trasmessa rispetto all'originale ovvero la certezza che la comunicazione non sia stata in alcun modo modificata da terzi. Autenticazione certezza dell'effettiva provenienza della comunicazione da colui che afferma di essere il mittente delle stessa Non ripudio i i l mittente non deve poter negare linvio dellinformazione. Fornitori e acquirenti esigono la certezza che una volta stipulato un contratto, nessuna delle due parti sia più in grado di recedere.

58 Crittografia - la base delle-security La crittografia è una tecnologia fondamentale per il commercio elettronico, le reti Intranet ed Extranet e per altre applicazioni Web. Il suo scopo è quello di codificare i dati in modo tale che siano intellegibili solo per specifici destinatari. Dal punto di vista aziendale, le funzioni di sicurezza fornite dalla crittografia sono: autenticazione, riservatezza, integrità. Dal punto di vista tecnico, la crittografia è la scienza che si occupa di proteggere i dati trasformandoli matematicamente in un formato non leggibile.

59 Crittografia – la base delle-security ^&$Bqwx#FUHO(klpT?"ca

60 Crittografia – medodi: chiave simmetrica Crittografia a chiave simmetrica: una chiave Si basa sull'utilizzo di una singola chiave posseduta sia dal mittente che dal destinatario. Questa chiave, utilizzata sia per la crittografia che per la decrittazione, è denominata chiave segreta. La perdita o la compromissione della chiave segreta rende vulnerabili i dati crittografati.

61 Crittografia – medodi: chiave pubblica Crittografia a chiave pubblica: due chiavi Si basa sullutilizzo di due chiavi, una chiave pubblica e una chiave privata. La chiave pubblica può essere scambiata apertamente tra le parti o pubblicata in un repository pubblico, ma la chiave privata correlata rimane tale. Queste chiavi sono complementari, in quanto gli oggetti crittografati con la chiave pubblica possono essere decrittografati solo con la corrispondente chiave privata e viceversa.

62 Crittografia – metodi: chiave pubblica Ogni chiave può essere usata sia per criptare (firmare) che per decifrare un messaggio, ma non per entrambe le cose. Se io cripto con la mia chiave privata, il messaggio può essere decifrato solo usando la mia chiave pubblica e viceversa. In questo senso le chiavi sono dette asimmetriche. ^&$Bqwx#FU HO(klpT?"ca

63 Crittografia – metodi: chiave pubblica Utilizzando la crittografia a chiave pubblica siamo in grado quindi di garantire la riservatezza e lintegrità dei dati. Per qualsiasi società, soprattutto nelle logiche di B2B, è importante essere certi al 100% dellidentità dei propri acquirenti/fornitori. Questo permette di poter stipulare accordi vincolanti e legalmente validi anche tramite Internet. Firma Digitale (Autenticazione e Non-ripudiabilità)

64 Crittografia – Firma Digitale (legge) "Per firma digitale s'intende il risultato della procedura informatica (validazione) basata su un sistema di chiavi asimmetriche a coppia, una pubblica e una privata, che consente al sottoscrittore tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l'integrità di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici." dpr n.513 del 10 novembre 1997.

65 Crittografia – Firma Digitale (applicazioni) Alcune applicazioni possibili grazie allutilizzo della firma digitale: comunicazioni ufficiali con le amministrazioni pubbliche risposte a bandi e gare pubbliche moduli di richiesta di vario genere dichiarazioni fiscali e di altro tipo trasmissione di documenti legali rapporti contrattuali su reti aperte (Internet) fornitura elettronica di beni e servizi transazioni finanziarie identificazione e/o autorizzazione gestione di attività in gruppi/sistemi chiusi o a partecipazione controllata gruppi di lavoro e di ricerca transazioni personali

66 Crittografia – Firma Digitale (elementi) Elementi chiave: Coppia di chiavi asimmetriche Autorità di certificazione: un Ente pubblico o privato autorizzato dallo Stato Italiano in base alla legislazione vigente, la cui funzione è di "certificare" il legame tra una chiave pubblica e l'utente della chiave stessa Certificato digitale: l'associazione tra i dati che identificano una persona e la sua chiave pubblica

67 Crittografia – Firma Digitale Cosa deve fare l'Utente che desidera ottenere un certificato digitale? generare una chiave pubblica ed una privata, inviare la chiave pubblica allAutorità di Certificazione tramite la procedura di sottoscrizione, identificarsi in uno dei modi previsti dal Manuale Operativo (insieme di regole) dellAutorità di Certificazione. Dopo l'identificazione certa e la verifica di validità della chiave pubblica, lAutorità di Certificazione invia un certificato digitale all'utente e pubblica la chiave pubblica.

68 Crittografia – Firma Digitale (passi) Passi da seguire per la costituzione di una firma digitale Partiamo dal documento da firmare. Applicare al testo una funzione di hash (=rimescolamento) in modo tale da ottenere limpronta del documento. Si crea cosi una corrispondenza univoca tra documento ed impronta (10 48 tentativi per ottenere unimpronta identica con documento diverso); Limpronta viene firmata crittografandola con la propria chiave privata (che si trova ad es. su una smart card) Il destinatario del testo firmato, confronta limpronta con ciò che ottiene applicando alla firma la chiave pubblica del mittente (deducibile dal certificato digitale del mittente o dal registro pubblico)

69 Crittografia – Firma Digitale (passi) Come si verifica una firma digitale? 1. chi riceve il messaggio firmato si procura il certificato del mittente (spesso è in allegato al messaggio stesso) e, dopo averne controllato la validità, ne estrae la chiave pubblica che è contenuta. 2. con questa chiave pubblica il ricevente può decriptare la firma digitale ed estrarre il digest che il mittente aveva calcolato per il messaggio. 3. a questo punto il ricevente calcola un suo digest per lo stesso messaggio, avendo cura di usare lo stesso sistema del mittente; 4. il ricevente confronta i due digest, quello che ha appena calcolato e quello estratto dalla firma digitale: se sono uguali significa che il messaggio non è stato in alcun modo alterato durante la spedizione. 5. il fatto poi che l'operazione di crittografia per estrarre il digest sia riuscita significa che esso era stato criptato, al momento della spedizione, con l'unica chiave privata corrispondente a quella pubblica contenuta nel certificato. Questo garantisce anche l'identità del mittente.

70 Crittografia – Firma Digitale (es.) Es. Ammettiamo che io voglia inviare un documento ufficiale firmato elettronicamente al comune di Bergamo 1.Io dovrò semplicemente dire al programma di firmarlo, con un click del mouse sull'icona della firma digitale. Il programma, dopo aver eventualmente verificato con richiesta di password che l'utente che firma è lo stesso che ha generato la chiave privata, cripta il messaggio, e lo fa due volte. 2. Per prima cosa cripta il messaggio utilizzando la chiave privata del mittente (la mia chiave privata). Questa è la firma vera e propria, sufficiente nel caso di un documento pubblico (tutti sono autorizzati a leggerlo). Chiunque lo legga saprebbe con certezza che il documento è mio, in quanto si può leggerlo decifrandolo con la mia chiave pubblica.

71 Crittografia – Firma Digitale (es.) 3.Ma se il documento è riservato ad uno specifico destinatario il programma fa anche una seconda importante criptazione. Utilizza la chiave pubblica del destinatario (nell' esempio la chiave pubblica del Comune Bergamo), prendendola dal proprio archivio, alimentato per via telematica (Internet) da un server che funge da registro delle chiavi pubbliche. Alla chiave pubblica del comune è associato il relativo certificato, rilasciato dall'autorità di registrazione, che attesta che quella è proprio la chiave pubblica del comune di Bergamo. 4. Invio infine il documento, che arriva al comune di Bergamo

72 Crittografia – Firma Digitale (es.) 5.Ora il mio documento può essere decifrato, e quindi letto solo se: a.ad esso viene applicata la chiave privata del Comune di Bergamo, essenziale per la decifrazione, in quanto per la criptazione si è usata la relativa chiave pubblica. Quindi nessun altro può leggerlo. E' garantita la riservatezza. b.ad esso viene applicata la mia chiave pubblica (in quanto si è usata per la criptazione la mia chiave privata), che il comune recupera, insieme al certificato che attesta che è mia, da un pubblico registro. E' garantita l'autenticazione e il non ripudio del documento. Solo io posso aver apposto la mia chiave privata

73 Crittografia – Firma Digitale (es.) c.Non è stata apportata nessuna modifica al documento dopo la criptazione (la mia firma). Se ciò fosse avvenuto, il documento non sarebbe decifrabile in alcun modo. E' garantita l'integrità del documento. Ciò che contiene è ciò che io ho scritto e firmato. 6.In questo quadro, la condizione essenziale per evitare falsificazioni di firma è che il titolare della coppia di chiavi mantenga riservata la propria chiave privata.

74 Crittografia – Firma Digitale (es.) 7. A tal proposito, le norme tecniche prescrivono (art. 8): 1. Le chiavi private sono conservate e custodite allinterno di un dispositivo di firma. È possibile utilizzare lo stesso dispositivo per conservare più chiavi. 2. È vietata la duplicazione della chiave privata o dei dispositivi che la contengono. 3. Per fini particolari di sicurezza, è consentita la suddivisione della chiave privata su più dispositivi di firma.

75 Crittografia – Firma Digitale (es.) 4. Il titolare delle chiavi deve: a.conservare con la massima diligenza la chiave privata e il dispositivo che la contiene al fine di garantirne lintegrità e la massima riservatezza; b.conservare le informazioni di abilitazione alluso della chiave privata in luogo diverso dal dispositivo contenente la chiave; c.richiedere immediatamente la revoca delle certificazioni relative alle chiavi contenute in dispositivi di firma di cui abbia perduto il possesso o difettosi."

76 SSL – VPN SSL – Secure Socket layerVPN – Virtual Private Network Sicurezza a livello di applicazione. Utilizzato per condividere informazioni sicure a livello di Internet – Intranet - Extranet Sicurezza a livello di rete. Utilizzata per condividere informazioni sicure a livello di Extranet

77 VPN Concetti chiave: Sostituiscono di fatto le connessioni CDN le applicazioni risultano indipendenti dall'infrastruttura di protezione sottostante. I dati sono protetti indipendentemente dalle applicazioni che li hanno generati. Per consentire la comunicazione tramite IPSec tra due host, è prima necessario stabilire le direttive generali per la sessione, ad esempio il metodo di autenticazione e l'algoritmo di crittografia Protezione end to end. Solo il mittente e il destinatario devono essere consapevoli dei dettagli relativi alla sicurezza Tramite IPSec i dati vengono protetti tra host, router di rete o firewall

78 SSL – 1° passo verso la sicurezza SSL fondamentalmente permette di utilizzare la crittografia nelle sessioni Web, utilizzando i Certificati Digitali. Meccanismo tramite il quale possiamo accuratamente identificare qualcosa (ad es. un individuo o un web server), in un mondo completamente aperto come Internet.

79 SSL – come funziona 1 Il protocollo SSL deve essere installato sia sul lato client sia sul lato server. I due principali browser in commercio (Netscape ed Explorer) incorporano già il protocollo SSL. E costituito da sue sotto-protocolli: SSL record – definisce il formato utilizzato per trasmettere materialmente i dati SSL handshake – si occupa della fase di autenticazione tra un client e un server.

80 Client Il Client verifica il Server e se richiesto gli invia la propria identità.Terminata lautenticazione il Client invia al Server una chiave A criptata con la chiave pubblica B del server. SSL – come funziona 2 Server Il Client inizia una connessione Il Server risponde inviando il proprio ID ed eventualmente richiedendone uno per verificare il Client B Una volta stabilta la connessione si instaura lo scambio commerciale sicuro tra Server e Client con la chiave di sessione A. A

81 SSL – quanto è sicuro?

82 Lutilizzo del protocollo SSL da solo non garantisce la sicurezza delle transazione via web: SSL assicura che la connessione tra noi ed il server remoto è sicura Lintegrità dellorganizzazione a cui sto inviando i miei dati è assicurata dalla combinazione SSL+ Certificato Digitale Attacco forza bruta, luomo in mezzo, bug software, negligenza…

83 SSL – attacco forza bruta Forza Bruta: attacco che ha come scopo la decifrazione di messaggi criptati pur non conoscendo le regole note alle persone autorizzate. *secondo la legge di Moore tali tempi si dimezzano ogni circa 18 mesi.

84 SSL – luomo in mezzo E possibile che il server che io sto contattando non sia quello che io ho richiesto! Lhacker crea una copia in locale un sito dove vengono richiesti i numeri delle carte di credito Viene cosi allestito un Sito web vero e proprio che eroga i contenuti appena copiati. Chiaramente le form di inserimento dei dati puntano localmente, al nuovo sito gemello. Vengono alterate le cache dei DNS di qualche provider, in modo tale che gli utenti che utilizzano tale provider vengano instradati verso il clone del sito.

85 SSL – luomo in mezzo Diventa fondamentale seguire alcune avvertenze: Prima di premere il pulsante invio, con il quale si sta trasmettendo il modulo con i propri dati, verificare che lindirizzo visualizzato in quel momento sia https:// e non Verificare che nel codice sorgente della pagina il form esegua un POST e non un GET Verificare il Certificato digitale controllando che non sia scaduto, di prova, legittimo…(es. Fineco, Finital)FinecoFinital

86 SSL – bug software 17 Maggio 2001: nuove vulnerabilità sono state scoperte in IE 5.01 e 5.5. Quando viene abilitata lopzione del controllo della lista dei certificati revocati, IE può smettere di eseguire tre importanti verifiche: 1.verifica che il certificato non sia scaduto; 2.verifica che il nome del server coincida con quello del certificato; 3.verifica che il certificato provenga da un utente fidato.

87 SSL – negligenze Usare le carte di credito per acquistare online è pericoloso ma non perché i numeri sono intercettati durante le transazioni dai pirati "cattivi", ma perché le aziende che fanno commercio elettronico non sono adeguatamente sensibili al problema della sicurezza; Gli ultimi eventi dimostrano che la sicurezza non è solo un problema di solidità della piattaforma utilizzata, ma dipende anche e soprattutto da una corretta amministrazione. I rischi maggiori non si corrono inviando i propri dati online, ma una volta che il merchant li ha memorizzati sui propri server;

88 SSL – negligenze Alcuni dati: Il 56% delle violazioni di siti Web segnalate nel 1999 sono state causate dalla mancata applicazione da parte degli amministratori delle patch disponibili. Nei casi segnalati nel 2000 la percentuale sale al 99%! Un nuovo server collegato ad Internet senza tutte le patch di sicurezza disponibili ha meno del 20% di probabilità di superare le tre settimane di vita senza essere stato attaccato e violato in qualche modo.

89 Case Studies – PatchWork

90 Nel corso del 2000 più di 40 siti di e-commerce e di e-banking, in più di venti stati americani, sono stati attaccati da gruppi di hacker. Più di un milione di numeri di carte di credito sono state rubati Tutti i server attacati erano basati sul SO Windows NT In base alle informazioni raccolte dallFBI sulle vulnerabilità dei sistemi NT e sulle tecniche di hacking sfruttate nel corso di questo attacco è stato creato PatchWork

91 Case Studies – PatchWork Si tratta di un piccolo programma di appena 30Kbyte distribuito gratuitamente dal Center for Internet Security (http://www.cisecurity/patchwork.html).http://www.cisecurity/patchwork.html Verifica se sul sistema sono installate le patch di sicurezza rilasciate da Microsoft per eliminare queste vulnerabilità e se sul sistema sono presenti particolari file, utilizzati dagli hacker per violare i sistemi. Non è un sistema di protezione dagli attacchi !!

92 Case Studies – Egghead.com 22 Dicembre 2000 Egghead.comEgghead.com, uno dei più famosi siti di commercio elettronico dichiara che i 3,7 milioni di numeri di carte di credito memorizzate sui loro server sono in pericolo. Un hacker è penetrato nei loro sistemi ma non si riesce a capire se è riuscito o meno ad impossessarsi dei dati. Le banche e le compagnie delle Carte di Credito si muovono subito spendendo milioni di dollari per cancellare i numeri delle carte di credito in pericolo.

93 Case Studies – Egghead.com 9 Gennaio 2001 Dopo settimane di indagini, si scopre che i dati delle carte di credito non sono stati rubati. Lhacker è penetrato e anche se i dati sono stati rubati o meno, il danno è risultato in ogni caso molto pesante. Se la società avesse avuto un buon sistema di sicurezza e di log, sarebbe stata in grado di risalire nel giro di pochi giorni allesito dellintrusione, salvando cosi milioni di dollari e la perdità di credibilità.

94 Links utili Microsoft Security(http://www.microsoft.com/security/default.asp)Microsoft Security Windows IT Security(http://www.windowsitsecurity.com/)Windows IT Security Verisign(http://www.verisign.it)Verisign AIPA(http://www.aipa.it)AIPA SecurityFocus.com(http://www.securityfocus.com)SecurityFocus.com ShieldsUp!(https://grc.com/x/ne.dll?bh0bkyd2)ShieldsUp!( CERT(http://www.cert.org/)CERT


Scaricare ppt "Bergamo, 23 maggio 2001 Marco Mazzoleni ( Massimo Valle ("

Presentazioni simili


Annunci Google