La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La censura del Decameron nel 500 Budapest, Boccaccio 700, 6 febbraio 2013 Paolo M.G. Maino, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La censura del Decameron nel 500 Budapest, Boccaccio 700, 6 febbraio 2013 Paolo M.G. Maino, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano."— Transcript della presentazione:

1 La censura del Decameron nel 500 Budapest, Boccaccio 700, 6 febbraio 2013 Paolo M.G. Maino, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

2 Il percorso della lezione 1. Il contesto storico del Concilio di Trento ( ) 1.1. Concilio e letteratura 2. Libertà e sperimentazione nella letteratura pre-conciliare 2.1. la poetessa Vittoria Colonna 2.2. il divino Pietro Aretino 3. Il Decameron allIndice 3.1. Firenze e la prima rassettatura di Vincenzio Borghini (1573) 3.2. la seconda rassettatura fiorentina di Lionardo Salviati (1582) 4. Scopi e modi della censura di Salviati 4.1. Salviati filologo 4.2. Salviati linguista 4.3. Salviati riscrittore del Decameron

3 Il Concilio di Trento ( ) Papa Paolo III apre il Concilio di Trento con il duplice obiettivo di provare a sanare la spaccatura tra chiesa protestante e chiesa romana e di riformare e riorganizzare la chiesa romana stessa. Nel tentativo di guardare ad ogni aspetto della vita umana anche la letteratura è oggetto delle discussioni dei padri conciliari Creazione dellIndice dei libri Per essere stampato un libro deve aver limprimatur della Congregazione dellInquisizione

4 I letterati al Concilio di Trento ( ) Dionisotti: «Nel collegio cardinalizio che promosse linaugurazione del Concilio di Trento, erano due italiani, letterati fino allosso e letterati di fama europea, Pietro Bembo e Jacopo Sadoleto, entrambi settantenni e vicini al termine: morirono entrambi a distanza di pochi mesi nel La concordia umanistica tra i due era perfetta, come era stata sempre, fin da quando insieme erano entrati ufficialmente in curia nel Ma al di là, per il Bembo si era aperta unampia zona di invenzione e discussione e collaborazione nellaltro campo, nella letteratura volgare, che il Sadoleto aveva fermamente escluso. [...] [Bembo] avvicinandosi il momento non più dun consulto de emendanda ecclesia, ma di un paragone politico, a carte scoperte, coi riformatori oltremontani, poteva, benché vecchio, mobilitare a favore della Chiesa una folta schiera di uomini nuovi e validi della cultura italiana, che tuttavia riconoscevano maestro lui, Bembo, e lui solo, non come ventanni innanzi, lui e il Sadoleto insieme» (Geografia e storia della letteratura italiana, p. 232). Tiziano, Ritratto del cardinale Pietro Bembo, olio su tela, ( ), National Gallery of Art, Washington

5 La sperimentazione letteraria negli anni del Concilio: Vittoria Colonna ( ) Mentre io qui vissi in voi, lume beato, E meco voi, vostra mercede, unita Teneste l'alma, era la nostra vita Morta in noi stessi e viva nell'amato, Poichè per l'alto e divin vostro stato Non son più a tanto ben qua giù gradita, Non manchi al cor fedel la vostra aita Contro il mondo vêr noi nemico armato, Sgombri le spesse nebbie d'ogn'intorno Sì ch'io provi a volar spedite l'ali Nel già preso da voi destro sentiero. Vostro onor fia, ch'io chiuda ai piacer frali Gli occhi in questo mortal fallace giorno, Per aprirgli nell'altro eterno e vero. Vittoria Colonna ( ), Sonetto IX Michelangelo Buonarroti, Crocifissione per Vittoria Colonna, gessetto su carta, (1545), British Museum, Londra

6 NANNA. Come non vuoi tu che io sospiri? Ritrovandomi Pippa mia figliuola di sedici anni e volendone pigliar partito, chi mi dice «Fàlla suora, che, oltre che risparagnerai le tre parti della dote, aggiungerai una santa al calendario»; altri dice «Dàlle marito, che ad ogni modo tu sei sì ricca, che non ti accorgerai che ti scemi nulla»; alcuno mi conforta a farla cortigiana di primo volo, con dire «Il mondo è guasto; e quando fosse bene acconcio, facendola cortigiana, di subito la fai una signora, e con quello che tu hai, e con ciò che ella si guadagnerà, tosto diventerà una reina»: di sorte che io son fuora di me. Sì che puoi pur vedere che anco per la Nanna ci sono dei guai. La sperimentazione letteraria negli anni del Concilio: Pietro Aretino ( ) Pietro Aretino ( ), dal Ragionamento della Nanna e della Antonia Ecco il flagello / de principi, il divin Pietro Aretino L. Ariosto, Orlando Furioso XLVI 14, 3-4 Tiziano, Ritratto di Pietro Aretino, olio su tela, (1545), Palazzo Pitti, Firenze

7 Il Decameron allIndice donec corrigatur 1559: Primo Indice dei libri proibiti promulgato dalla Congregazione dellInquisizione su mandato di Paolo IV. Tra i libri anche: Boccatii Decades seu Novellae centum, quae hactenus cum intollerabilibus erroris impressae sunt, et quae posterum cum eisdem erroribus imprimentur. 1564: nellIndice tridentino condanna delle Boccacii Decades seu Novellae centum, quamdiu expurgatae ab iis, quibus rem Patres commiserunt, non prodierint Il Decameron può essere salvato propter sermonis elegantiam et proprietatem

8 Le due rassettature fiorentine del Decameron: 1573 e : il Decameron emendato dai Deputati fiorentini guidati dal filologo Vincenzio Borghini (monaco e spedalingo degli Innocenti) Una sola stampa, subito ritirata dal mercato perché non bene accolta né dai fiorentini né dallInquisizione 1582: la rassettatura di Lionardo Salviati Almeno dieci stampe entro il 1638 (le prime quattro entro il 1587)

9 I testi a confronto: Boccaccio, Deputati, Salviati. Codice Mannelli (1384): «Fu in Lunigiana paese non molto da questo lontano uno monistero gia di sanctità e di monaci piu copioso che oggi non è. Nel quale tra glaltri era un monaco giovane, il vigore del quale né la frescheza né i digiuni né le vigilie potevano macerare» (I 4,4). Decameron 1573 (Borghini): « Fu in Parigi un collegio già di dottrina, et di scolari più copioso, che hoggi non è, nel quale tra gli altri era un giovane, il vigore del quale, né la freschezza, né le fatiche degli studij, né le vigilie potevano macerare» (I 4,4). Decameron 1573 (Borghini): « Fu in Parigi un collegio già di dottrina, et di scolari piu copioso, che hoggi non è, nel quale tra gli altri era un [-] giovane, il vigore del quale, né la freschezza, né le fatiche degli studij, né le vigilie potevano macerare» (I 4,4). Decameron 1582 (Salviati): «Fu in Lunigiana, paese non molto da questo lontano (secondo, che ancora hoggi raccontano gli huomini della contrada) ne primi tempi della falsa religione, un tempio, di santità, secondo quella lor legge, e di sacerdoti piu copioso che poi non fu: nel quale, tra gli altri giovani, che sotto la custodia dun vecchio sacerdote sammaestravano ne sacrificij di quella Dea, nera uno, il vigore del quale, né la freschezza, né gli esercizij, né le fatiche potevano macerare» (I 4,4). Salviati trasporta le vicende dei racconti scabrosi nel mondo pagano o musulmano, così da farli diventare modelli morali a rovescio, che mostrano la depravazione regnante fuori del cristianesimo

10 Perché martoriare così Boccaccio? Il caso limite: la novella di Alibech (III 10) Glossa di Salviati a margine: Si lasciano questi fragmenti per salvare più parole e più modi di favellare che si può

11 Salviati filologo: la ricerca della vera lezione Mannelli (1384): alla valle delle donne pervennero. Dentro dalla quale per una via assai stretta, dalluna delle parti della quale un chiarissimo fiumicello correva, entrarono (VI con, 19) [a margine deficiebat]. Deputati (1573): alla valle delle donne pervennero. Dentro dalla quale per una via assai stretta, dalluna delle parti della quale un chiarissimo fiumicello correva, entrarono (VI con, 19). Salviati (1582): alla valle delle donne pervennero. Dentro dalla quale per una via assai stretta, dalluna delle parti della quale un chiarissimo fiumicello...., entrarono (VI con, 19). Branca (1976): alla valle delle donne pervennero. Dentro dalla quale per una via assai stretta, dalluna delle parti della qual è un chiarissimo fiumicello, entrarono (VI con, 19). «Più tosto cè piaciuto di lasciarci le difficultà, che di torle via, come si dice a capriccio» Lionardo Salviati ai lettori

12 Salviati grammatico: la dolcezza della favella fiorentina provvedimento sopraggiungere soddisfare per poter la cosa amata possedere un uomo un magnifico convito non istà bene similmente dove la fortuna mabbia condotto avea aveva bacio licenzia verdi erbette malvage non vuogli legittima peggior Lezione di SalviatiLezione di Mannelli e Deputati provedimento sopragiungere sodisfare per potere la cosa amata possedere uno uomo uno magnifico convito non sta bene similemente dove la fortuna mabbi condotto aveva avea bascio licentia verdi herbette malvagie non vogli ligittima piggior Raddoppiamento per univerbazione apocop e prostesi sincop e grafia polimorfia fenomeni del vocalismo

13 Le riscritture moraleggianti. Un esempio: Nastagio degli Onesti (V 8). Testo non censurato (V 8,32): «e dopo alquanto gli venne nella mente questa cosa dovergli molto poter valere» Testo di Salviati: «e dopo alquanto, come huomo idiota, et accecato nella sua passione, non conoscendo lo nganno del demonio, che quelle false imagini, per dannazione della sua giovane e di se stesso gli faceva vedere, gli venne nella mente, questa cosa dovergli molto poter valere» Testo non censurato (V 8,44): «Et non fu questa paura cagione solamente di questo bene, anzi sì tutte le ravignane donne paurose ne divennero che sempre poi troppo più arrendevoli a piaceri de gli uomini furono, che prima state non erano» Testo di Salviati: «Così la Divina bontà, della maligna intenzione del comune inimico fece ad onta di lui buono effetto seguire. E non sarebbe questa paura stata cagione solamente di questo, anzi si tutte le Ravignane donne paurose ne divennero, che sempre poi troppo piu arrendevoli a piaceri degli huomini state sarebbono, che prima state non erano, se per li savi huomini in iscrittura, quelle essere state diaboliche apparenze con verissime dimostrazioni, sicome avvenne, non si fosse manifestato»

14 Il tessuto fonomorfologico della riscrittura di Salviati. «e dopo alquanto, come huomo idiota, et accecato nella sua passione, non conoscendo lo nganno del demonio, che quelle false imagini, per dannazione della sua giovane e di se stesso gli faceva vedere, gli venne nella mente, questa cosa dovergli molto poter valere» [...] «Così la Divina bontà, della maligna intenzione del comune inimico fece ad onta di lui buono effetto seguire. E non sarebbe questa paura stata cagione solamente di questo, anzi si tutte le Ravignane donne paurose ne divennero, che sempre poi troppo piu arrendevoli a piaceri degli huomini state sarebbono, che prima state non erano, se per li savi huomini in iscrittura, quelle essere state diaboliche apparenze con verissime dimostrazioni, sicome avvenne, non si fosse manifestato» lo nganno: forma aferetica (5 occ. nel Dec. e 13 nel Voc. 1612) imagini: il tipo con la scempia è unico nel codice Mannelli (mentre nel Voc al contrario si propende decisamente per la forma geminata) in iscrittura: forma prostetica tipica prescrizione di Salviati (19 occ. nel Voc. 1612) inimico: forma attestata in Mannelli a I intr, 43 (stesso passo citato nel Voc. 1612) per li savi: forma arcaica non palatalizzata (Salviati è meno prescrittivo rispetto a Bembo. Nel Voc per li: 317 occ. per gli: 134 occ.) sarebbono: forma fiorentina già usata in Mannelli poco sopra a V 6,15 (esempio citato nel Voc insieme ad altre 14 occorrenze di tale forma)


Scaricare ppt "La censura del Decameron nel 500 Budapest, Boccaccio 700, 6 febbraio 2013 Paolo M.G. Maino, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano."

Presentazioni simili


Annunci Google