La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA 1 AA 2013-2014 LEZIONE 7b.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA 1 AA 2013-2014 LEZIONE 7b."— Transcript della presentazione:

1 Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA 1 AA LEZIONE 7b

2 RASSEGNA STUDI SU POPOLAZIONE E TERRITORIO con riferimento allItalia Il più immediato legame tra popolazione e territorio riguarda I fenomeni di mobilità. Dal secondo dopoguerra a oggi lItalia ha vissuto importanti fenomeni di spostamento di popolazione sul territorio, come mai prima. A una prima fase in cui URBANESIMO E URBANIZZAZIONE andavano di pari passo, è succeduta una fase in cui pur in presenza di urbanesimo, il livello di urbanizzazione, inteso come la proporzione di popolazione residente nei poli urbani, si era arrestato. Il dibattito scientifico ha cercato di misurare, interpretare e spiegare questo cambiamento. Sono state proposte molte tecniche e indicatori per valutare I fenomeni in corso: in comune il problema dellunità areale Classificazione del territorio in urbano/rurale

3 APPROCCIO ATOMISTICO: la trasformazione urbana secondo Golini-Cantalini Due fasi Anni spostamenti Sud-Nord e Campagna-Città Anni 70 Redistribuzione nei centri periurbani Dagli anni 80 relativa stabilità Flussi migratri dallestero Negli anni più rcenti, il riemergere della mobilità interna

4 12,5 mln 25% 15,7 mln 29% 51% 46%

5

6

7 APPROCCIO ATOMISTICO: il malessere demografico Una popolazione si trova in condizione di malessere demografico quando non è più in grado di rigenerarsi autonomamente e, in mancanza di interventi esterni, è destinata ad esaurirsi. I due principali studi sul malessere demografico nascono per interpretare due fenomeni storicamente importanti: 1)Spopolamento delle aree rurali 2)Invecchiamento della popolazione

8 La rosa dei venti di Ascolani

9 Aumento delle emigrazioni Cambiamento di struttura conseguente alle emigrazioni Rilancio dellurbanizzazione dei comuni più periferici. I comuni con perdita migratoria si riducono nel numero e nella dimensione della perdita. Si fanno sentire gli effetti delle precedenti emigrazioni sul saldo naturale Ripresa delle immigrazioni. Il ciclo si conclude per tutti I comuni

10

11 per i comuni del sud si osserva una scarsa attitudine allattrazione migratoria e quindi i comuni si dispongono nei settori contraddistinti da saldi migratori negativi, inoltre, i comuni tendono a muoversi nella parte superiore del piano, a conferma di saldi naturali generalmente positivi

12 Matrici di transizione Nel la maggior parte dei comuni (59) si trova nel settore 4; ben 48 vi rimangono nel 61-71: il 4 è il settore principale. I comuni più dinamici sono nel settore 3 (29): nel decennio successivo ben 12 di essi riacquistano vitalità migratoria e si riportano nel primo quadrante Solo 4 scivolano nel settore 4 Tra il e il il settore principale diventa il primo: grazie soprattutto ai contributi dei settori 2 e 3 Alcuni comuni (15+2) del settore 4 peggiorano e vanno nei settori di malessere 3+3 comuni superano il malessere e vanno direttamente nei settori 7 e 8 Tra il e il il settore 1 si riempie grazie al travaso dal 2 Il settore 5 si svuota in favore di 7 e 8

13 Le aree di malessere demografico di Golini Per Golini il malessere demografico è determinato dallinvecchiamento della popolazione: quanto è molto elevato la popolazione è destinata ad esaurirsi se linvecchiamento non è controbilanciato da un elevato livello della fecondità Propone unanalisi dinamica del malessere legandolo a 2 indicatori Golini intercetta il malessere demografico attraverso il tasso dincremento naturale (saldo naturale per 1.000) e lo classifica in 3 livelli: - forte, se il tasso dincremento naturale t n < intenso, se –10 <= t n <–5 - moderato, t n > -5 ma negativo (proxy del TFT)

14 Distribuzione percentuale dei comuni secondo il livello di invecchiamento e fecondità: Liguria e Molise,

15 Distribuzione dei comuni al 1981 e tasso dincremento naturale medio annuo (in corsivo) in funzione del livello di invecchiamento e fecondità: Liguria e Molise Es. I 44 comuni liguri che al Censimento del 1981 avevano un livello della fecondità inferiore al 20% (cioè un TFT < 1400) e un livello dinvecchiamento almeno del 35% hanno manifestato nel decennio successivo un tasso dincremento naturale pari a -17 (Malessere forte)

16 APPROCCIO CONTESTUALE: area metropolitana Gli studi che possono essere classificati nellambito dellapproccio contestuale si riferiscono a unità territoriali immerse nel contesto di riferimento. AREE OMOGENEE (somiglianza) AREE FUNZIONALI (contiguità)..aree metropolitane/pendolarismo … Larea metropolitana può definirsi come un territorio appartenente ad uno o più comuni che comprende più centri abitati vicini, con una organizzazione di tipo urbano unitaria ed integrata tra le sue varie parti, facente capo a un centro nettamente più importante degli altri che ne riveste il ruolo di capoluogo. Elementi distintivi: 1) il suo carattere sistematico e funzionale; 2) linsieme delle interdipendenze che caratterizza un complesso metropolitano non sottintende necessariamente unarea omogenea e neppure unarea individuata nel medesimo territorio ma secondo svariate dimensioni funzionali

17 Martinotti: 5 definizioni 1) 1959 IUR Criterio omogeneo a livello europeo PARADIGMA DELLA METROPOLITANIZZAZIONE NUCLEO/POLO = comuni con pop. > ab. + COMUNI con pop. Attiva in attiv. Extra agricole > 65% > ab. Italia, 1961, 30 AM, 32% pop.

18 2) 1970 Cafiero-Busca (SVIMEZ), Italia Italia, 1951, 26 AM 1961, 32 AM, 43% pop. Comuni con densità > 100 attivi extra-agricoli per kmq risulterebbe trascurata la componente legata alle comunicazioni tra le parti dellarea

19 3) Anni 70 CNR Individuazione dei comuni urbani; Aggregazione in aree di sviluppo (struttura economica, attrazione gravitazionale e incremento demografico) 4) Hall e Hay Individuazione dei poli = comuni con almeno occupati + aree di gravitazione commerciale 5) FUR Criterio europeo nuclei con almeno abitanti + comuni con indice di pendolarismo > 15% AM (1982) = 17

20

21

22 11 9

23 4% 11%

24 58%

25

26


Scaricare ppt "Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA 1 AA 2013-2014 LEZIONE 7b."

Presentazioni simili


Annunci Google