La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sommario Quanto e come i Romani sapevano leggere? Cosera un libro per i Romani? Esistevano biblioteche pubbliche o private? Chi leggeva e come si fruiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sommario Quanto e come i Romani sapevano leggere? Cosera un libro per i Romani? Esistevano biblioteche pubbliche o private? Chi leggeva e come si fruiva."— Transcript della presentazione:

1 Sommario Quanto e come i Romani sapevano leggere? Cosera un libro per i Romani? Esistevano biblioteche pubbliche o private? Chi leggeva e come si fruiva dei volumi fatti copiare dagli editori?Chi leggeva e come si fruiva dei volumi fatti copiare dagli editori? Qual era limportanza della scuola nella diffusione del libro?Qual era limportanza della scuola nella diffusione del libro? Cosa è giunto fino a noi del patrimonio librario di Roma antica?Cosa è giunto fino a noi del patrimonio librario di Roma antica? © Loescher Editore - Torino

2 Limportanza delle epigrafi nel processo di alfabetizzazioneLimportanza delle epigrafi nel processo di alfabetizzazione Esisteva un soggetto intermedio tra lintellettuale e il lettore di epigrafi?Esisteva un soggetto intermedio tra lintellettuale e il lettore di epigrafi? Chi erano i lettori di «livello intermedio»?Chi erano i lettori di «livello intermedio»? Un esempio particolare: le tavolette di VindolandaUn esempio particolare: le tavolette di Vindolanda Conclusioni: quanto e come i Romani sapevano leggere?Conclusioni: quanto e come i Romani sapevano leggere? © Loescher Editore - Torino

3 Leggere nel mondo romano: i libri e le epigrafi © Loescher Editore - Torino

4 Quanto e come i Romani sapevano leggere? Due questioni impediscono di rispondere: lenorme estensione spaziale e cronologica del mondo romano; lesistenza di diversi livelli di alfabetizzazione. © Loescher Editore - Torino

5 Un pezzo unico, scritto a mano da scrivani la diffusione libraria era limitata Cosera un libro per i Romani? © Loescher Editore - Torino

6 Particolari da un affresco pompeiano, I secolo d.C. (Napoli, Museo Archeologico Nazionale). © Loescher Editore - Torino

7 Esistevano biblioteche pubbliche o private? Biblioteche private: di Cicerone e Attico a Roma; di Celso a Efeso; della «Villa dei Papiri» a Ercolano. Biblioteche pubbliche: due aperte da Augusto a Roma; una aperta da Adriano ad Atene. © Loescher Editore - Torino

8 La facciata della Biblioteca di Celso, a Efeso, d.C. © Loescher Editore - Torino

9 Chi leggeva e come si fruiva dei volumi fatti copiare dagli editori? Leggevano letterati e poeti, come Cicerone. I libri erano generalmente letti ad alta voce, come era prassi nel mondo antico. I volumi potevano essere utilizzati nelle scuole come sussidiario per insegnare le lettere dellalfabeto. © Loescher Editore - Torino

10 Qual era limportanza della scuola nella diffusione del libro? Sappiamo da diverse fonti (Orazio, Quintiliano) che le opere più famose venivano utilizzate per insegnare, come: lOdysia di Livio Adronico; gli Annales di Ennio; lEneide di Virgilio. © Loescher Editore - Torino

11 Cosa è giunto fino a noi del patrimonio librario di Roma antica? I libri erano prevalentemente scritti su papiro, materiale deperibile. Sono conservati, grazie al clima secco assai favorevole, numerosi papiri in lingua greca provenienti dallEgitto romano; tra i pochi papiri latini vi è quello del poeta elegiaco latino Cornelio Gallo. copie medievali delle opere latine. © Loescher Editore - Torino

12 Limportanza delle epigrafi nel processo di alfabetizzazione Erano il «sussidiario» per coloro che non frequentavano la scuola. Le «lettere cubitali» con cui erano scritte erano facilmente riconoscibili. Utilizzavano formule fisse e abbreviazioni che aiutavano nellinterpretazione del contenuto. © Loescher Editore - Torino

13 Stele funeraria di un medico della flotta di Ravenna; nella prima riga dell'iscrizione di legge D M (abbreviazione per DIS MANIBUS); II secolo d.C. (Ravenna, Museo Nazionale). © Loescher Editore - Torino

14 Piccolo altare dedicato alle Matrone, proveniente da Brienno (Como), che si chiude con la formula v(otum) s(olvit) l(ibens) me(erito), cioè «sciolse il voto volentieri al dio che se l'è meritato» (Milano, Civiche Raccolte Archeologiche). © Loescher Editore - Torino

15 Basamento di età imperiale con iscrizione S(enatus) P(opulus)Q(ue) R(omanorum). © Loescher Editore - Torino

16 Esisteva un soggetto intermedio tra lintellettuale e il lettore di epigrafi? Risposta dai graffiti parietali di Pompei: diverse persone sapevano, oltre che leggere, anche scrivere e avevano quindi frequentato la scuola; ci sono graffiti parietali che «imitano» o ripetono versi di opere letterarie note. © Loescher Editore - Torino

17 Riproduzione di un graffito rinvenuto a Pompei, quindi certamente anteriore al 79 a.C. Il testo recita Fullones ululamque cano / non arma virumque, riprendendo il verso iniziale dellEneide. © Loescher Editore - Torino

18 Chi erano i lettori di «livello intermedio»? Militari, burocrati, funzionari locali con una cultura scolastica media: per costoro Plinio il Vecchio scrive la Naturalis historia; utilizzano reminiscenze letterarie nei loro epitaffi. © Loescher Editore - Torino

19 Epigrafe funeraria che ricorda il carme 101 di Catullo. Ac(c)ipe nunc frater supremi munus honoris (incipit dellepigrafe) Accipe fraterno multo manantia fletu (verso del carme) © Loescher Editore - Torino

20 Un esempio particolare: le tavolette di Vindolanda scritte dai soldati dellaccampamento di Vindolanda, a sud del Vallo di Adriano; contengono rendiconti, inventari, rapporti militari, lettere ai familiari; caso particolare: una tavoletta riporta un esercizio di trascrizione di alcuni versi dellEneide. © Loescher Editore - Torino

21 Tavoletta rinvenuta a Vindolanda che recita interea pavidam volitans pinna/ta ubem seg riproponendo quasi alla lettera il verso di Eneide 9,473 interea pavidam volitans pinnata per urbem © Loescher Editore - Torino

22 Conclusioni: quanto e come i Romani sapevano leggere? Letteratura ed epigrafia fanno supporre unalfabetizzazione abbastanza diffusa. Gli esponenti delle élites sapevano leggere e scrivere e disponevano di biblioteche. La lettura delle lettere epigrafiche era propria di gran parte della popolazione. Esisteva una «classe media» di individui in grado di leggere e scrivere, con una superficiale conoscenza di testi letterari. © Loescher Editore - Torino


Scaricare ppt "Sommario Quanto e come i Romani sapevano leggere? Cosera un libro per i Romani? Esistevano biblioteche pubbliche o private? Chi leggeva e come si fruiva."

Presentazioni simili


Annunci Google