La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ELETTRONICA E STRUMENTAZIONE PER INDAGINI BIOMEDICHE ED ELETTROENCEFALOGRAFIA Tecniche elettro- neurofisiopatologiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ELETTRONICA E STRUMENTAZIONE PER INDAGINI BIOMEDICHE ED ELETTROENCEFALOGRAFIA Tecniche elettro- neurofisiopatologiche."— Transcript della presentazione:

1 ELETTRONICA E STRUMENTAZIONE PER INDAGINI BIOMEDICHE ED ELETTROENCEFALOGRAFIA Tecniche elettro- neurofisiopatologiche

2 1.Elettrodi 2.Elettrodi speciali 3.Tecniche di pulizia e sterilizzazione 4.Montaggi adulto, bambino e neonato 5.Montaggi poligrafici 6.Ambiente di registrazione e sicurezza elettrica 7.Elettroencefalografo –analogico-digitale 8.Banda di frequenza dellEEG 9.Amplificatori e filtri 10.Tecniche di registrazione: 11. Accoglienza pz e anamnesi 12. Artefatti fisiologici, dellapparecchio e ambientali 13. Prove di attivazione 14. Deprivazione di sonno 15. Sonno 16. Polisonnografia 17. Video-eeg 18. Holter-eeg 19. Mappe cerebrali 20. Coma 21. Morte cerebrale

3 ELETTRODI E MONTAGGI LEEG registra i potenziali generati dal tessuto cerebrale; essi sono di ampiezza molto bassa (micronvolt) e la loro registrazione può essere disturbata sia da rumori generati dallapparecchiatura e dallambiente di registrazione (rumori di amplificazione, potenziali elettrostatici) che da potenziali fisiologici che possono falsare o coprire del tutto il segnale EEG.

4 Quando si registra dallo scalpo si è sempre relativamente distanti dal generatore di impulsi e con gli elettrodi di superficie si riesce a captare solo lattività che si origina dai generatori più grandi, localizzati sulla convessità del cervello e costituiti dallattivazione sincrona dei neuroni che ricoprono almeno 6 cm²

5 Altri generatori localizzati sulla superficie media e basale del cervello, così come quelli situati nelle scissure e nei solchi, sono sempre troppo lontani dal punto di registrazione e pertanto difficili da captare.

6 Anche lo scalpo e le ossa craniche costituiscono elementi di alta resistenza al passaggio di corrente, in rapporto al diverso spessore di tali strutture nei vari punti del cranio.

7 Gli elettrodi di registrazione sono trasduttori che trasportano segnali bioelettrici allelettroencefalografo per la necessaria ed adeguata amplificazione.

8 E neccessario utilizzare elettrodi che: assicurino un contatto stabile e prolungato con la cute permettano una resistenza cute-elettrodo più bassa possibile abbiano una superficie di contatto sufficientemente piccola per evitare la diffusione del potenziale

9 NellEEG di routine si usano: elettrodi a placca tenuti fissi mediante cuffia a lattice elettrodi a coppetta direttamente fissati allo scalpo elettrodi ad ago ipodermici

10 Elettrodi di superficie: A: elettrodo a coppetta B: elettrodi a placca con due tipi di raccordo con il cavo di registrazione C: elettrodi ad ago

11 Esistono anche elettrodi speciali (nasofaringei, sfenoidali, etmoidali, subdurali, epidurali e profondi) utilizzati per indagini particolari e che necessitano di metodiche in genere invasive.

12 ELETTRODI A COPPETTA Sono elettrodi in oro o in argento clorurato a forma di piccola coppa del diametro di 0,5-1 cm, forniti di foro centrale e direttamente saldati al filo conduttore.

13 Vengono fissati alla cute mediante pasta adesiva e conducente (es. pasta alla Bentonite) oppure mediante garzina imbevuta di collodio se la registrazione EEG deve essere di lunga durata (Holter-eeg, polisonnografia, poligrafia)

14 Il collodio deve essere asciugato con un normale phon ad aria fredda e gli elettrodi possono essere rimossi a fine registrazione con dellacetone. Gli elettrodi in tal modo resistono anche a bruschi movimenti senza perdere un ottimale contatto con la cute.

15 ELETTRODI TENUTI FISSI MEDIANTE CUFFIA Sono in argento clorurato, con placchetta del diametro di circa 0,5-1 cm, collegata ad una breve asta filettata o vuota al suo interno, montata su un piede in plastica. La placca è rivestita di garza. Il filo conduttore può essere connesso allelettrodo con un morsetto od uno spinotto.

16 Gli elettrodi sono tenuti fissi allo scalpo mediante una cuffia in lattice o plastica, regolabile ed adattabile di volta in volta secondo le misure di ogni singolo paziente.

17 Esempio di montaggio eseguito con elettrodi a placca trattenuti da cuffia in lattice con snodi regolabili

18 Gli elettrodi a placca, come quelli a coppetta, devono essere posizionati sullo scalpo seguendo un posizionamento standard a livello internazionale e riproducibile.

19 Questo posizionamento è dato dal Sistema Internazionale Esso utilizza come punti di repere il nasion e linion per la linea mediana antero-posteriore ed i punti preauricolari per la linea coronale latero-laterale.

20 Il termine si riferisce al fatto che gli elettrodi sono posti in vari punti dello scalpo a distanza del 10% e 20 % dellintera lunghezza delle linee ideali che collegano i punti di repere suddetti.

21 Identificazione dei punti di posizionamento degli elettrodi di superficie secondo il Sistema Internazionale 10-20

22 A seconda delletà del paziente si dovranno applicare 21 elettrodi (adulto) oppure meno (14 o 9 elettrodi, bambino)

23 Si otterranno dunque montaggi a 21 elettrodi oppure a 9 o meno frequentemente a 14 elettrodi.

24 Disposizione sullo scalpo degli elettrodi di superficie in un montaggio con 21 elettrodi (adulto)

25 Disposizione sullo scalpo degli elettrodi di superficie in un montaggio a 14 (A) e a nove elettrodi (B)

26 Da alcuni anni sono state introdotte sul mercato cuffie realizzate in tessuto elasticizzato e con elettrodi già incorporati e predisposti secondo il S.I

27 Per il buon funzionamento degli elettrodi nei fori corrispondenti va inserito con un ago smusso un gel elettroconduttore. La cuffia è collegata al preamplificatore mediante un cavo multiplo con raccordo ad innesto rapido.

28 ELETTRODI AD AGO IPODERMICI Sono costituiti da aghi di platino o acciaio e non richiedono clorurazione. sono lunghi 1-2 cm e di diametro circa 1 mm. La loro inserzione al di sotto del derma deve essere effettuata in maniera obliqua con unangolazione di circa 30°.

29 La loro applicazione è rapida seppur invasiva, per cui essi vengono utilizzati prevalentemente nelle Unità di Terapia Intensiva e Rianimazione nei pazienti in coma e per il monitoraggio EEG durante interventi chirurgici.

30 Gli elettrodi ad ago presentano una più elevata resistenza (10-15 Kohm) rispetto agli elettrodi a contatto e ciò può determinare distorsioni di segnale e maggior facilità di comparsa di artefatti da rumore.

31 Altri inconvenienti che limitano luso degli elettrodi ad ago nella attività di routine sono linvasività degli stessi, causa di fastidio al paziente nella loro inserzione, e la possibilità che essi veicolino infezioni nel caso non siano accuratamente sterilizzati.

32 CLORURAZIONE La clorurazione rende gli elettrodi relativamente non polarizzabili (elettrodi reversibili) assicurando una corretta registrazione dei fluttuanti potenziali EEG.

33 La clorurazione può essere ottenuta ponendo gli elettrodi dargento in una soluzione di NaCl alla concentrazione dello 0,9%. Successivamente essi vengono resi positivi (mediante collegamento con il polo positivo di una batteria) rispetto ad un filo dargento anchesso posto in soluzione. Lanione Clˉ, in soluzione, muove quindi verso lelettrodo dargento positivo e forma molecole neutre di AgCl che vi rimangono adese.

34 ELETTRODI SPECIALI Sono elettrodi particolari la cui applicazione è eseguita da personale medico poiché richiede particolari e delicate tecniche. Tali elettrodi permettono di captare lattività elettrica di strutture profonde altrimenti non indagabili. Vengono utilizzati solo in Centri altamente specializzati.

35 Elettrodi naso-faringei: sono costituiti da una lunga e flessibile asta metallica isolata del diametro di circa 2 m; vengono inseriti nelle narici in modo che lestremità dargento, non isolata, venga a contatto con la mucosa del faringe postero-laterale. Sono utili per lo studio dellattività della superficie inferiore dei lobi temporali, ma conducono a molti artefatti da deglutizione, movimento, respiro.

36 Elettrodi naso-etmoidali: sono anchessi inseriti attraverso le narici e la loro estremità raggiunge la lamina cribrosa dellosso etmoide. Sono utili per lo studio della faccia inferiore del lobo frontale.

37 Elettrodi sfenoidali: sono aghi isolati, eccetto che allestremità, e vengono inseriti sotto larco zigomatico fino alla zona del forame ovale. Sono utili per registrare la parte inferiore del lobo temporale e dellarea orbitale del lobo frontale.

38 Elettrodi epi- e subdurali (ECoG): sono applicati con metodiche neurochirurgiche direttamente sulla superficie corticale, con o senza interposizione della dura madre. Possono essere singoli o conglobati in piattine di materiale plastico flessibile che ne contengono un certo numero (grid). Sono particolarmente utili per localizzare attività epilettiche di tipo focale.

39 Elettrodi profondi (Stereo-EEG): Sono elettrodi con punti di contatto multipli che vengono inseriti, mediante metodiche invasive, nelle strutture cerebrali profonde secondo coordinate stereotassiche. Sono in acciao, oro o platino. Possono registrare direttamente da strutture cerebrali non altrimenti raggiungibili e sono di rilevante importanza nella precisa localizzazione del focus epilettogeno in vista di una successiva ablazione chirurgica.

40 PULIZIA E STERILIZZAZIONE DEGLI ELETTRODI In caso di malattie di qualsiasi genere lapplicazione degli elettrodi può essere fonte di contagio, a causa di piccole tracce ematiche provocate dallabrasione della cute per lusuale pulizia o per lapplicazione del gel con lago smusso.

41 Una volta terminata la registrazione gli elettrodi devono essere rimossi e puliti con acqua di rubinetto. Poi devono essere immersi per almeno 30 min, in una soluzione liquida disinfettante (glutaraldeide al 2%, fenoli, alcool, ipoclorito di sodio al 5%)

42 Per malattie infettive quali epatite B o C, AIDS e Jacob-Creutzfeld, il tempo di applicazione del disinfettante deve essere prolungato per alcune ore; al termine gli elettrodi devono essere sciacquati con acqua di rubinetto e sterilizzati in autoclave a 132°c per 2 ore, facendo attenzione che la temperatura sia comunque sempre al di sotto dei 177°C per non danneggiare lisolamento degli elettrodi.

43 COSA FARE PER OTTENERE UNA BUONA REGISTRAZIONE EEG Una volta individuato il punto dello scalpo dove applicare lelettrodo (a placca od a coppetta), occorre pulire accuratamente la cute con del cotone imbevuto di alcool, al fine di abbassare il più possibile le resistenze cutanee, fonte di disturbi elettrici.

44 Le resistenze cutanee dovrebbero essere portate a valori compresi tra 500 e 5000 Ohm, con valore il più possibile omogeneo per i vari elettrodi.

45 Al di sotto di ogni elettrodo va frapposta della pasta elettroconduttrice che permette una migliore adesione dellelettrodo alla cute e soprattutto permette i movimenti ionici determinati dal passaggio di corrente di origine cerebrale dal paziente allelettroencefalografo.

46 Negli apparecchi tradizionali, attualmente in via di sostituzione con quelli digitali di più moderna concezione, ai 21 elettrodi standard va aggiunto un elettrodo detto di terra (GND) che permette che eventuali correnti di dispersione dellapparecchio possano causare danni al paziente.

47 Nei nuovi apparecchi digitali, oltre allelettrodo di terra, deve essere aggiunto quello di referenza, che è quello al quale ogni elettrodo è riferito nel calcolo della differenza di potenziale tra due elettrodi.

48 Una volta posti sullo scalpo tutti gli elettrodi necessari, essi devono essere collegati allapparecchio di registrazione mediante dei cavetti di collegamento al preamplificatore (detto anche testina paziente), negli ingressi corrispondenti a ciascun elettrodo.

49 Può a questo punto può essere iniziata la registrazione, testando prima le resistenze interelettrodiche tramite il test delle impedenze, e valutando la corretta amplificazione dellapparecchio mediante la calibrazione.

50 Si invita il paziente a chiudere gli occhi e a rilassarsi favorendone la distensione psicofisica. Nel corso della registrazione devono essere evidenziate sul tracciato le modificazioni dei parametri standard (filtri, costanti di tempo etc.), il comportamento del paziente, le prove di attivazione svolte e le eventuali stimolazioni impiegate.

51 Devono essere segnalati i vari montaggi di acquisizione, a meno che non si stia registrando con apparecchi digitali nei quali è indifferente il montaggio di registrazione.

52 Nel caso di apparecchi analogici, con penne scriventi su carta collegate a galvanometri, si possono utizzare, ognuno per alcuni minuti, comuni montaggi quali: P 1, P 2, P 3, HV, J, Z


Scaricare ppt "ELETTRONICA E STRUMENTAZIONE PER INDAGINI BIOMEDICHE ED ELETTROENCEFALOGRAFIA Tecniche elettro- neurofisiopatologiche."

Presentazioni simili


Annunci Google