La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL DOLORE E' una sensazione spiacevole provocata (in genere) da fattori potenzialmente dannosi per le cellule. Le cellule offese liberano molecole che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL DOLORE E' una sensazione spiacevole provocata (in genere) da fattori potenzialmente dannosi per le cellule. Le cellule offese liberano molecole che."— Transcript della presentazione:

1 IL DOLORE E' una sensazione spiacevole provocata (in genere) da fattori potenzialmente dannosi per le cellule. Le cellule offese liberano molecole che agiscono direttamente o attivano altri fattori che stimolano i recettori del dolore.

2 I RECETTORI DEL DOLORE (nocicettori) Problema: recettori specifici o esagerata stimolazione di altri recettori? Sono terminazioni nervose libere. Sono distribuiti nel derma (strato sottocutaneo), nelle capsule che avvolgono gli organi, nel parenchima (non sempre), nei visceri

3 LE FIBRE DOLORIFICHE Sono piccole fibre mielinizzate (A ), o fibre amieliniche (C). Danno luogo a due tipi di dolore: acuto, pungente, abbastanza localizzato; urente, male localizzato, con maggiore sofferenza

4 LE VIE DEL DOLORE Il neurone afferente si interrompe nelle corna posteriori del midollo spinale, fa sinapsi con un secondo neurone che attraversa la linea mediana, sale nella via anterolaterale e arriva al talamo; il terzo neurone raggiunge la corteccia somestesica primaria. A livello della prima sinapsi avviene un controllo delle afferenze dolorifiche.

5

6 IL CONTROLLO DELLA PORTA Il neurone primario libera sostanza P. Linterneurone inibitorio (inibizione presinaptica) libera encefalina. Linterneurone inibitorio è stimolato sia da altre vie afferenti sia da vie discendenti. La percezione dolorifica è così controllata sia da stimoli periferici (tatto, vibrazione), sia dal controllo superiore (esempi)

7

8 IL DOLORE RIFERITO Spesso il dolore che nasce da organi interni è percepito come dolore cutaneo (es. cuore/braccio). Concetto di dermatomero: convergenza di neuroni primari a livello segmentale sullo stesso neurone secondario. Importanza del dolore riferito per la semeiotica.

9

10

11

12 ALTERAZIONI DELLA PERCEZIONE DOLORIFICA Iperalgesia: stimolazioni non dolorifiche provocano dolore (si può accompagnare ad arrossamento e contrattura dei muscoli). Dolori spontanei: lorigine della percezione dolorifica non è nelle terminazioni nervose (es. arto fantasma)

13 ANESTESIA E ANALGESIA Attenuazione o abolizione della percezione dolorifica: centrale o periferica, fisiologica o farmacologica.

14 SIGNIFICATO DEL DOLORE Il dolore è un fenomeno fisiologico che ha lo scopo di avvertire lorganismo dello stato di sofferenza delle sue cellule. Spesso è eccessivo e rappresenta il maggior segno di uno stato alterato. Per questo si cerca di abolirlo. Uno stato di analgesia è però pericoloso.

15 RITMI BIOLOGICI Molte funzioni sono cicliche. Ritmi: mensili, circadiani (diurni) Variazioni circadiane: alcuni ormoni, temperatura, stato di attenzione, sonno/veglia. Lorologio biologico è localizzato nel nucleo soprachiasmatico (ipotalamo),

16 IL SONNO È un ritmo circadiano regolato dal ciclo luce/ombra. In assenza di stimolazioni luminose (o altri segnali) il ritmo si allunga. Il sonno è un fenomeno attivo, che comprende diverse fasi.

17 ELETTROENCEFALOGRAMMA Registrazione dalla superficie del cranio con elettrodi bipolari multipli: si registrano onde EEG che variano in ampiezza e frequenza. Onde piccole ad alta frequenza: desincronizzazione. Onde ampie a bassa frequenza: sincronizzazione.

18 STATO DI VEGLIA Rilassata: onde a circa 12 Hz Attenzione: brusco passaggio a rtimo a Hz e basso voltaggio Attività specifiche: onde fasiche

19 FASI DEL SONNO Da 1 a 4: progressiva riduzione di frequenza e aumento di ampiezza delle onde EEG. Riduzione progressiva del tono muscolare; aumento della soglia per il risveglio. Fase REM (rapid eye movements): brusca comparsa di onde EEG ad alta frequenza. Caduta del tono muscolare, movimenti degli occhi e del corpo, sogni; soglia per il risveglio molto elevata.

20 MECCANISMI DEL SONNO Importanza della sostanza reticolare bulbo- mesencefalica; sincronizzazione del talamo. Sonno indotto dalla stimolazione di particolari aree; abolito dalla distruzione delle stesse. Possibilità di interventi farmacologici (es. serotonina).

21 SIGNIFICATO FISIOLOGICO DEL SONNO È uno stato attivo, non rappresenta una riduzione di attività nervosa. La sincronizzazione di ampie aree di cervello probabilmente facilita lomeostasi del SNC. Al sonno REM è attribuita importanza per la fissazione della memoria. La deprivazione prolungata di sonno (patologica o comportamentale) porta a morte.


Scaricare ppt "IL DOLORE E' una sensazione spiacevole provocata (in genere) da fattori potenzialmente dannosi per le cellule. Le cellule offese liberano molecole che."

Presentazioni simili


Annunci Google