La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CULTURA DELLACQUA Lacqua Percorso ideale per stare bene in acqua Schemi motori terrestri ed acquatici, maturazione sviluppo ed apprendimento. Lacqua è

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CULTURA DELLACQUA Lacqua Percorso ideale per stare bene in acqua Schemi motori terrestri ed acquatici, maturazione sviluppo ed apprendimento. Lacqua è"— Transcript della presentazione:

1 CULTURA DELLACQUA Lacqua Percorso ideale per stare bene in acqua Schemi motori terrestri ed acquatici, maturazione sviluppo ed apprendimento. Lacqua è nostra amica, non dobbiamo combatterla per avanzare, ma diventare parte integrante fino al punto che questa ci permetterà di muoverci meglio e più veloci … Alexander Popov

2 Lacqua e luomo Nel mondo le terre emerse non arrivano al 30% il resto è solo acqua (trascurando fiumi, laghi, lagune ect). Il peso del corpo umano di un adulto è dato per circa il 75% dall'acqua, percentuale che inizia a decrescere in modo irreversibile con il passare degli anni fino ad arrivare nelle persone anziane a poco più del 60%. Un uomo senzacqua può resistere un paio di giorni o poco più – negli atleti uno dei maggiori pericoli è la disidratazione che porta, anche se contratta in misura leggera, ad un decrescere notevole della prestazione. Da sempre gli insediamenti civili delluomo sono ubicati nelle vicinanze di corsi dacqua o comunque di approvvigionamenti della stessa (pozzi, sorgenti ect.).

3 Peculiarita dellacqua Incolore, insapore, inodore (per quello da così fastidio il cloro) ma soprattutto incomprimibile (probabilmente ci interessa ????? – per avanzare dobbiamo trovare la maniglia). 800 volte la densità dellaria quindi la velocità è cmq relativa rispetto a quella a cui siamo abituati sulla terraferma perché cè molta più resistenza in termini di movimento, locomozione ed avanzamento. Resistenza in termini di respirazione, consigliata come terapia agli asmatici però ….le prime volte è difficile effetto palloncino. Riduzione forza gravità finchè il corpo è in acqua ma attenzione quando la bracciata effettua il recupero, partenza ……..

4 LACQUA - 1 Grembo materno : noi una volta siamo stati in un ambiente acquatico per 9 mesi poi però nasciamo e diventiamo degli animali terrestri – prima riusciamo a tornare in acqua e tanto meglio e prima recuperiamo in nostro idilliaco rapporto con lacqua (molto dipende dallambiente che abbiamo intorno a noi che ci protegge con le frasi celebri). Sensazioni nuove : in acqua siamo in perenne equilibrio instabile e non fermi come sulla terra, è un elemento con cui bisogna interagire ed integrarsi. che si muoveranno cmq peggio di un normotipo Riduzione del peso : per cui in acqua sono, relativamente, sciolti e veloci anche gli ippopotami, è un ambiente adatto anche a persone fortemente sovrappeso, che si muoveranno cmq peggio di un normotipo ma il loro gap rispetto ai movimenti terrestri risulterà molto ridotto – hanno dalla loro parte il galleggiamento.

5 LACQUA - 2 Scivolamento + che potenza = una macchina sul ghiaccio pattina a vuoto e similmente applicare la potenza al massimo porta a perdere i punti di appoggio soprattutto in fase di presa – è tipico dei principianti entrare smanacciando lacqua tirando fendenti a destra e sinistra e disperdendo così una montagna di energia che non porta a nessun vantaggio pratico. Sensibilità + che spinta = bisogna trovare la maniglia – la bracciata è in accelerazione per cui la parola meravigliosa di cui voi dovete farvi portavoce è RITMO senza il quale il movimento risulterà sempre grezzo e non si evolverà mai in qualcosa di più – è una cosa che va insegnata.

6 LACQUA - 3 Idrodinamicità + che postura = assumere, soprattutto con la testa, una posizione per fendere lacqua con riferimento alle fasi di partenza e spinta dal muretto – far si che la mano sia orientata in maniera tale da contribuire allavanzamento nella maniera migliore. Rilassamento + che equilibrio = qualità che viene evidenziata molto nella vasca piccola, successivamente, se il lavoro è stato fatto bene, la persona sta sempre meglio in acqua fino ad arrivare al punto di essere più rilassato/a quando esce dallacqua a fine lezione di quando è entrato/a allinizio.

7 IL NUOTO - 1 Adatto per ogni età: In piscina troviamo un range di clienti che non si trovano in nessun altro sport dai 3 mesi ai 90 anni - comprese le donne in gravidanza e le persone che hanno avuto traumi anche importanti - ovviamente il loro stare in piscina e le esercitazioni a loro rivolte saranno diverse. Blocco di partenza per altri sport : E una base motoria per partire, in età più avanzata, con altre discipline intimamente connesse con lacqua sub acquagym, nautica, nuoto acque libere, triathlon ect., tutte (acquagym a parte) richiedono grande ambientamento.

8 IL NUOTO - 2 Aiuta a rimettere in piedi lapparato scheletrico e/o muscolare : perché è, fondamentalmente, uno sport simmetrico. Libertà (mare – laghi) : permette di poter effettuare divagazioni (solitamente estive) in ambienti acquatici diversi. Non ha controindicazioni: E difficile farsi male in maniera seria rispetto ai traumi possibili in altri sport (la patologia della spalla è tipica esclusivamente degli atleti).

9 TERRA - ACQUA Riparametrizzazione e adattamenti relazione spazio tempo comunemente usata. Sulla terra gli arti inferiori sono il motore e gli arti superiori servono da equilibrio, in acqua accade esattamente il contrario. In acqua molti dei movimenti avvengono nel semi-piano posteriore escludendo di fatto lanalizzatore visivo e rendendo fondamentale quello cinestetico.

10 PERCORSO OK IN ACQUA Ambientamento – 1° step per ottenere in qualsiasi contesto una prestazione fisica ottimale per le proprie caratteristiche - ogni nuova situazione richiede ambientamento. Movimento – confrontarsi con la situazione nuova e produrre degli spostamenti, in prima istanza goffi ed innaturali, successivamente sempre più precisi. Prestazione – massima produzione fisica di quel soggetto relativamente a quel determinato contesto (non si può ottenere se le fasi precedenti non sono state esperite completamente e correttamente) – ovviamente non è detto che la max prestazione di un soggetto corrisponda a quella di un altro.

11 PERCORSO OK IN ACQUA-1 Rimozione della paura – i bambini vivono in mondi fantasiosi proprio per stare lontani dalle paure – negli adulti che imparano tardi si cercherà di rimuovere una parte delle paure pregresse. Stare in acqua volentieri, bene, rilassati. Sentire lacqua non come un corpo estraneo freddo e ostile ma come unimmersione in un liquido che aiuta il rilassamento.

12 PERCORSO OK IN ACQUA-2 Padroneggiare il corpo in acqua, riuscire a muoversi e fermarsi quando e come si vuole, affondare se lo si vuole e galleggiare se lo si vuole. Galleggiamento naturale grezzo – così come viene staccati da terra. Galleggiamento statico secondo una postura. Galleggiamento dinamico sentendo lacqua e offrendo la minore resistenza allavanzamento, troppe volte si enfatizza quello che si vede allesterno e non si pensa che la cosa realmente importante è ciò che accade allinterno dellacqua e non si vede.

13 PERCORSO OK IN ACQUA-3 Sola la competenza motoria può far emergere il talento sportivo (successivamente). Importanza di una tecnica elastica che non sia ingabbiata in rigidi schemi perché ….noi cresciamo (didattica braccia distese) La scarsità di abilità motorie giovanile crea grattacieli senza fondamenta non destinati a durare. Il vero campione ha avuto la fortuna di trovare un bravo istruttore sulla sua strada. Liper specializzazione precoce non porta distante. Multilateralità ecco la soluzione.

14 FATTORI PRESTAZIONE STRUTTURA FISICA CARATTERE E COMPORTAMENTO CAPACITA CONDIZIONALI CAPACITA COORDINATIVE ABILITA MOTORIE CAPACITA TECNICHE FORTUNA

15 Allenamento ed età Fasce di etàCaratteristiche dellallenamento 6-8Attività motoria ludica, gioco in tutte le sue forme (100%) 9-11Attività motoria ludica (80%) formazione di base (20%) 12-14Formazione generale (50%) introduzione allapprendimento di tecniche specialistiche (40- 50%) 15-16Formazione generale (40%) avviamento alla specializzazione (50-60%) > 16Specializzazione

16 ETÀ (anni) FORZARAPIDITÀ RESISTENZA ORGANICA CAPACITÀ COORDINATIVE MOBILITÀ ARTICOLARE 6-8 Blando intervento sul trofismo muscolare Intervento progressivo Instabilità psicologica per impegni ripetitivi e prolungati Età ottimale di intervento Blando intervento 9-11 Intervento progressivo sul trofismo muscolare Età ottimale di intervento Intervento progressivo Età ottimale di intervento Intervento progressivo sulla forza relativa (carico naturale) Tende a stabilizzarsi per poi decrescere Progressivo e graduale intervento Tendono a stabilizzarsi per poi decrescere Età ottimale di intervento Progressivo e graduale intervento (forza generale e forza rapida) con carico naturale e pesi liberi da bassi a medi Tende a decrescere Età ottimale di intervento (anche resistenza specifica) Tendono a decrescere (alcune) Tende a stabilizzarsi per poi decrescere

17 Tra i 7-8 anni di età l'organismo risponde allo sforzo di durata in maniera quantitativa, ovvero aumentando solo la frequenza cardiaca e respiratoria. Questo avviene in quanto sono ancora ridotti i volumi cardiaci e polmonari. Il vero limite alla resistenza nel bambino deriva comunque dalla naturale scarsa propensione allo sforzo monotono e prolungato e, quindi, alla mancanza di stimoli sempre diversi e di carattere ludico. A 9-10 anni si può già iniziare un progressivo allenamento alla resistenza generale. Il massimo incremento naturale della resistenza si ha intorno ai anni, mentre a anni si raggiunge la massima capacità di resistenza. A proposito di resistenza e giovani

18 Un corretto percorso porta allapprendimento e ad una buona probabilità di successo nella prestazione (vuol dire esprimere il proprio 100% non vincere le olimpiadi). Purtroppo la tendenza comune è quella di pensare che non ci possa essere feedback tra esercitazioni terrestri ed acquatiche, ma la vera nuova frontiera stà nelle esercitazioni coordinative non in ambiente terrestre ma acquatico.

19 LE REMATE Esercizi di sensibilità in acqua per riuscire ad essere più efficaci nella bracciata. Ne esistono di semplici, mediamente complesse, molto complesse. Possono essere suddivise per una parte specifica della bracciata oppure essere generali. Avanzamento dovuto alla capacità di agganciare lacqua non solo per semplice compressione ant/post – braccio praticamente disteso – mani vero motore.

20 IL QUINTO STILE Perché lo scivolamento in subacquea è così vantaggioso – suzuki & c. La base di partenza – la posizione idrodinamica (impossibile senza ambientamento – come si muove una persona senza ambientamento). Il corpo a trazione posteriore. Leffetto saponetta.

21 LA FREQUENZA Come è cambiato il nuoto con i gommati. La seconda metà di gara, eh eh eh Gli analisti matematici e le loro previsioni !! Limportanza della frequenza – parametro facile da misurare che da accesso a …... La cosa più importante lefficacia della nuotata (alias rendimento parametro fondamentale per definire unazione).

22 ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE Struttura base di una lezione riscaldamento ripasso abilità motorie conosciute nuovo obbiettivo (se ok fase precedente) ancora ripasso (in modi diversi) ulteriore nuovo obbiettivo ( se cè tempo) fase ludica (non necessariamente alla fine)


Scaricare ppt "CULTURA DELLACQUA Lacqua Percorso ideale per stare bene in acqua Schemi motori terrestri ed acquatici, maturazione sviluppo ed apprendimento. Lacqua è"

Presentazioni simili


Annunci Google