La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LIDEA ORIGINARIA E LE FINALITA DEL SIL Direttore Area Formazione Professionale Orientamento e Lavoro Marinella Confalonieri PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LIDEA ORIGINARIA E LE FINALITA DEL SIL Direttore Area Formazione Professionale Orientamento e Lavoro Marinella Confalonieri PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA."— Transcript della presentazione:

1 LIDEA ORIGINARIA E LE FINALITA DEL SIL Direttore Area Formazione Professionale Orientamento e Lavoro Marinella Confalonieri PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

2 1979 nasce il CFP/H di Desio per disabili intellettivi professionalizzabili LA STORIA 1982 viene istituito il Consorzio Desio Brianza per la Formazione Professionale il territorio di riferimento è lUSSL 63: Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Desio, Muggiò, Nova Milanese, Varedo PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

3 1988 nasce il SIL per i paesi dell USSL63 LA STORIA 1996 il SIL allarga i propri confini anche allUSSL 62: Barlassina, Giussano, Lentate sul Seveso, Meda, Seregno e Seveso PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre Cusano Milanino 2010 Ceriano Laghetto, Cogliate, Lazzate, Limbiate, Misinto

4 Legge nazionale - 2 aprile 1968, n. 482 "Disciplina generale delle assunzioni obbligatorie presso le pubbliche amministrazioni e le aziende private" IL CONTESTO ISTITUZIONALE Legge regionale - 7 gennaio 1986, n. 1 "Riorganizzazione e programmazione dei servizi socio- assistenziali della Regione Lombardia" PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

5 Il Comitato di gestione dellUSSL 63 su proposta del Comitato di Coordinamento dei Comuni con atto n.102/88 approva lattuazione del progetto sperimentale per favorire lintegrazione lavorativa di soggetti portatori di disabilità fisiche, psichiche e intellettive. LA NASCITA DEL SIL Le amministrazioni comunali del territorio dellUSSL 63 attraverso il Consorzio Desio Brianza per la formazione professionale promuovono e gestiscono corsi di formazione rivolti a soggetti portatori di handicap al fine di sostenere e guidare il percorso mirato al lavoro. PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

6 Viene costituito un gruppo di lavoro composto da 2 operatori del CFP/H e da 2 operatori dellUSSL 63 dellUnità Operativa per la Tutela della Salute nei luoghi di lavoro LA NASCITA DEL SIL Nel quadro nel progetto sperimentale viene istituito il 1/9/1988 un progetto di durata biennale, dal titolo: IL PROGETTO SIL SERVIZIO PER LINTEGRAZIONE LAVORATIVA di soggetti disabili a ridotte capacità lavorative che intende perseguire lobbiettivo di una corretta integrazione lavorativa. PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

7 Punto di incontro tra il mondo della disabilità e quello del lavoro Attivazione di un approccio di mediazione per mettere in comunicazione questi due mondi percepiti come conflittuali FINALITA DEL SIL Ottenere lintegrazione sociale e lavorativa del soggetto disabile che presuppone il riconoscimento della dignità di cittadino e dei diritti che la Costituzione gli riconosce. PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

8 Formazione dellutenza professionalizzabile attraverso percorsi personalizzati e collegati al CFP/H per fornire una adeguata qualifica professionale LE FASI DEL PROGETTO Valutazione delle potenzialità e delle capacità lavorative residue del soggetto disabile attraverso strumenti (es. il metodo AET) Collocamento lavorativo attraverso il coinvolgimento di tutte le agenzie interessate: le amministrazioni locali, le associazioni imprenditoriali, gli uffici di collocamento ordinario e obbligatorio PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

9 Tirocini propedeutici GLI STRUMENTI DI INTERVENTO Integrazione salariale Copertura degli oneri sociali PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010 Metodo AET

10 Il metodo AET, attraverso lanalisi ergonomica dei posti di lavoro, garantisce un sufficiente dettaglio analitico della conoscenza di una mansione lavorativa. E quindi in grado di stabilire una compatibilità per lavvio al lavoro di un soggetto disabile. Analizzare in dettaglio una situazione lavorativa con un criterio di lettura dei posti di lavoro permette di conoscere il reale contenuto dei compiti lavorativi richiesti. GLI STRUMENTI DI INTERVENTO

11 Buona conoscenza del territorio GLI ELEMENTI QUALIFICANTI Censimento delle imprese Censimento dei soggetti disabili Avvio di inserimenti lavorativi concreti Sistema informativo computerizzato Potenziamento dei rapporti con le amministrazioni comunali e le USSL PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

12 Interdisciplinarietà GLI ELEMENTI QUALIFICANTI Accesso alle conoscenze Ottimizzazione delle risorse PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

13 Esperienza e professionalità degli operatori CONCLUSIONI Coraggio degli enti locali e delle associazioni I beneficiari del servizio La capacità di costruire nel corso degli anni una rete di sinergie tra le diverse persone e figure che ruotano intorno allinserimento lavorativo PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

14 Oggi il SIL è diventato un punto di riferimento consolidato per le persone che rivolgono ai servizi sociali. CONCLUSIONI Il SIL è il punto di incontro tra le diverse realtà che ruotano attorno al tema dellinserimento e dellintegrazione lavorativa. PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA Lesperienza del SIL del Consorzio Desio-Brianza a dieci anni della legge 68/99 Cesano Maderno, 23 Settembre 2010

15


Scaricare ppt "LIDEA ORIGINARIA E LE FINALITA DEL SIL Direttore Area Formazione Professionale Orientamento e Lavoro Marinella Confalonieri PROMUOVERE LINTEGRAZIONE LAVORATIVA."

Presentazioni simili


Annunci Google