La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado."— Transcript della presentazione:

1 COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado 14 Maggio h ORDINE DEL GIORNO 1.Lettura ed approvazione del verbale della seduta precedente. 2.Adozione dei libri di testo. 3.Esami licenza: modalità per la stesura della relazione finale delle classi, esame bozza calendario impegni esame. 4.Scuola potenziata. 5.Criteri da adottare per la valutazione finale degli alunni e scrutini del 2° quadrimestre. 6.Formazione in materia di sicurezza 7.Formazione classi prime 8.Varie ed eventuali

2

3

4

5

6

7

8 Tetti di spesa Classe prima: % Classe seconda: % Classe terza: % Spesa sostenuta Classe prima: Classe seconda: Classe terza:

9 Esami di Stato conclusivi del primo ciclo di istruzione RIUNIONE PRELIMINARE MARTEDI 12 GIUGNO 2012 ORE 8.00 PROVE SCRITTE: ITALIANO MERCOLEDI ORE MATEMATICAGIOVEDI ORE INGLESEVENERDI ORE FRANCESE SABATO ORE PROVA NAZIONALE LUNEDI 18 GIUGNO 2012

10 GIORNIDATAOREN. ALUNNICLASSE MARTEDI N° 73A MERCOLEDI N° 7 3 B N° 53 B GIOVEDI N° 63B N° 73A VENERDI N° 73 A N° 63 C SABATO N° 63 C LUNEDI N° 63 C N° 73 D MARTEDI N° 73 D N°63D MERCOLEDI SCRUTINI3A, 3D, 3C 14.30SCRUTINIO 3B 15.30RATIFICA FINALE RATIFICA PROVE SCRITTE MARTEDI 19 GIUGNO ORE COLLOQUI DESAME ( 1 ALUNNO OGNI 40 MIN ) TOTALE CANDIDATI 76

11 Sorveglianze alle prove scritte 13 GIUGNOITALIANO 3A3B3C3DRISERVA BORRELLIMAURANTONIOPATERNOALBERINIERCOLANI CASTAGNAFERRARIBARBIERICODIFAVA RONZASALIERNO 14 GIUGNO SCIENZE MATEMATICHE TECNOLOGIA 3A3B3C3DRISERVA CANOSSABOLLINIFERRARESI ERCOLANI CASTAGNANACCARELLABARBIERICENNA FERRARISALIERNO

12 16 GIUGNO FRANCESE 3A3B3C3DRISERVA CAPURSIRONZAMINARDOCODIFAVAMAIETTI CASTAGNACENNABARBIERIORLANDINI MOLINARISALIERNO ERCOLANI 15 GIUGNOINGLESE 3A3C3DRISERVA MAIETTICENNAORLANDINIFERRARINACCARELLA CASTAGNARONZABARBIERICODIFAVA MOLINARISALIERNO ERCOLANI 18 GIUGNO PROVA NAZIONALE 3A3B3C3DRISERVA ALBERINIBORRELLIMAURANTONIOPATERNOERCOLANI CASTAGNAFERRARESICANOSSACENNA MOLINARIBARBIERI SALIERNO

13 a)Impegni per i docenti: - Completare in ogni parte il registro personale; - Aggiornare le programmazioni disciplinari; - Predisporre progetti e attività per la.s ; - Ordinare la biblioteca scolastica ( in particolare i nuovi testi); -Eliminare il materiale non più utilizzabile dalla sala insegnanti. Il calendario degli incontri verrà comunicato a breve termine e comunque si prevedono: 11 Giugno ore COMITATO DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO 12 Giugno ore CONSEGNA SCHEDE DI VALUTAZIONE 12 Giugno ore CDU 15 Giugno ore FORMAZIONE CLASSI PRIME

14 b) Impegni per i coordinatori: - Controllare la compilazione del registro di classe; - Completare in ogni parte il registro dei verbali di classe; - Presenziare alla consegna delle schede di valutazione.

15 Schema di regolamento per il coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e per ulteriori modalità applicative dellart. 3 del DL137/2008, convertito dalla Legge 169 del (conversione D.L. 137/08) Art. n°3 Valutazione del rendimento scolastico degli studenti della Scuola secondaria di I grado Dallanno scolastico2008/2009, la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti e del comportamento degli alunni è effettuata mediante lattribuzione di voti numerici espressi in decimi, riportati in lettere nei documenti di valutazione.

16 Schema di regolamento per il coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e per ulteriori modalità applicative dellart. 3 del DL137/2008, convertito dalla Legge 169 del (conversione D.L. 137/08) Art.n°3 Valutazione del rendimento Scolastico degli studenti della Scuola secondaria di I grado Relativamente alla valutazione finale,definita in sede di scrutinio,sono ammessi alla classe successiva al primo e al secondo anno di corso gli alunni che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline e nel comportamento. La valutazione del comportamento dellalunno ha una importante valenza formativa,considera atteggiamenti, correttezza e coerenza nellesercizio dei diritti e nelladempimento dei doveri e modalità di partecipazione alla vita della scuola per lintero arco temporale del periodo scolastico.

17 Valutazione diagnostica come analisi della situazione iniziale dei prerequisiti di base per affrontare un compito di apprendimento. Comporta: prove oggettive, osservazioni sistematiche e non, valutazione del contesto socio famigliare. Valutazione formativa per una costante verifica della validità dei percorsi formativi. Serve ai docenti per monitorare il percorso di apprendimento in itinere e scegliere le soluzioni migliori, riprogettando eventualmente il percorso. Comporta: osservazioni sistematiche e non, verifiche oggettive degli obiettivi intermedi e finali, analisi della congruenza tra obiettivi e risultati. Valutazione periodica (intermedia) e annuale (finale) Legge n.169/2008 di conversione del D.L. 137/2008 fa un bilancio consuntivo degli apprendimenti degli alunni/e, mediante lattribuzione di voti numerici espressi in decimi, e delle competenze acquisite. Essa svolge una funzione comunicativa non solo per lalunno/a ma anche per le famiglie. VALUTAZIONE

18 VALUTAZIONE ALUNNI La valutazione dello studente da parte del Consiglio di classe : – deve essere un momento in cui si intrecciano elementi di diversa natura che coinvolgono conoscenze, competenze, abilità e fattori relazionali; – deve tener conto,oltre che dei risultati raggiunti in termini di apprendimento, anche di altre componenti che attengono alla personalità dellalunno: impegno, serietà nello studio, progressione nellapprendimento; – deve essere il più possibile formativa, in modo che ognuno possa superare le proprie difficoltà.

19 Lindividuazione dei criteri di valutazione deve corrispondere quanto più possibile allesigenza di porre punti di riferimento condivisi,volti a rendere omogenei gli standard utilizzati dai singoli Consigli di Classe; CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE Raggiungimento degli obiettivi didattici oggettivi conseguiti nelle varie discipline. Acquisizione di conoscenze ed abilità. Metodo di lavoro. Ritmi di apprendimento. Impegno e intersesse nel lavoro didattico. Progressi manifestati in relazione alla situazione di partenza. Partecipazione. Particolari e documentate situazioni personali, familiari e socio ambientali. Progressi nel livello di maturazione personale

20 Valutazione alunni in situazioni particolari Alunni certificati Alunni DSA Alunni stranieri ATTENERSI ALLE NORMATIVE DI RIFERIMENTO


Scaricare ppt "COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO COLLEGIO DEI DOCENTI scuola secondaria di primo grado."

Presentazioni simili


Annunci Google