La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giacomo Leopardi pag. 926-945 pag. 946-1019 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giacomo Leopardi pag. 926-945 pag. 946-1019 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne1."— Transcript della presentazione:

1 Giacomo Leopardi pag pag /05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne1

2 Recanati

3 Casa natale di Leopardi Stemma famiglia Leopardi

4 Casa Leopardi

5 Monumento di Leopardi a Recanati

6 Biblioteca di casa Leopardi

7 La tomba di Leopardi (Parco vergiliano a Piedigrotta o Parco della Tomba di Virgilio, Napoli)

8 Torre del passero solitario

9 Casa di Silvia

10 Recanati (Stato pontificio), 1789 da Monaldo e Adelaide Antici Nobili decaduti economicamente, padre reazionario di cultura accademica Linfluenza di un ambiente bigotto e conservatore nella psicologia del poeta Sette anni di studio matto e disperatissimo dopo listruzione ecclesiastica Istruzione arcadico-illuminista ari da e disconnessa dai saperi del tempo 1815: la conversione dallerudizione al bello e lamicizia con P. Giordani 1819: il tentativo di fuga dalla casa paterna e la prostrazione interiore Prima percezione nullità di tutte le cose, nucleo fondante del suo pensiero La maturazione della produzione poetica: Zibaldone, Idilli e Canzoni : la deludente esperienza romana e il rientro a Recanati Il nuovo lavoro con leditore Stella e i soggiorni di Roma, Bologna e Pisa La creazione dei Grandi Idilli: A Silvia Il ritorno a Recanati a causa dei mancato guadagni: 16 mesi di notte orribile 1830: lultima ripartenza da Recanati grazie allaiuto di amici fiorentini Nuova fase intellettuale, confronto con i liberali e ciclo di Aspasia Lamicizia particolare con Antonio Ranieri e il trasferimento a Napoli La morte nel 1837 poco prima della composizione de La ginestra 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne10

11 Zibaldone: testimone processo idee meditate e sviluppate in continuum Centro meditazione leopardiana: il motivo pessimistico dellinfelicità 1830: la teoria di un piacere sensibile e materiale, eredità sensismo 1700 La tensione inappagata verso un piacere infinito: origine dellinfelicità Nessuna spiritualità o metafisica: la concreta realtà Prima fase pessimismo: Natura, madre benigna e provvidenziale Origine infelicità: allontanamento umanità dal piacere (v. Greci e Romani) Dicotomia Natura-Ragione\Antichi-Moderni La critica alla società del tempo: il titanismo contro la codarda età Il pessimismo storico: condizione infelicità come esito processo storico Linfelicità relativa: condizione di dolore riservata anche agli antichi (illusi) Il male: elemento stesso della natura Il dualismo male-fato fino allintuizione della Natura matrigna e malevola Lapprodo alla concezione finalistica, meccanicistica e materialistica Uomo vittima innocente della Natura, autrice disinteressata alla sua felicità Origine infelicità uomo: i mali esterni (malattie, eventi negativi, vecchiaia) Pessimismo cosmico: natura condanna intera umanità in ogni tempo e luogo Abbandono titanismo: linutilità della protesta Latarassia: contemplazione e ironia 11

12 Irraggiungibilità piacere infinito, figurazione piaceri infiniti con immaginazione Realtà immaginata: compensazione realtà vissuta di noia e infelicità Il vago e lindefinito: il lontano, lignoto Teoria della visione: la vista impedita da uno ostacolo scintilla dimmaginazione Teoria del suono: il canto che si affievolisce, lo stormire tra le fronde Il bello poetico: levocazione di sensazioni riaffioranti dalla fanciullezza La rimembranza: poesia = recupero visione fanciullezza tramite memoria Gli antichi: immaginosi come fanciulli perché vicini alla Natura La perdita di tale immaginosità nei moderni Differenza tra poesia dimmaginazione e poesia sentimentale La mancata rinuncia alla immaginosità dei suoi versi: il vagheggiare 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne12

13 La formazione classicista e la lontananza dalle posizione dei romantici Critica alla artificiosità retorica romantica in contrapposizione ai classicisti Il dissenso alladerenza del vero, tomba di ogni immaginazione La riproposizione dei classici come modello di freschezza e spontaneità Il classicismo romantico e la predilezione per la lirica La contrapposizione alla poetica romantica manzoniana e lombarda La vicinanza i romantici dOltralpe 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne13

14

15 : periodo di sperimentazioni (idilli, elegie, canzoni, tragedie, inni) Canzoni: impianto classicistico, linguaggio aulico (tradizione foscoliana) Impegno civile e polemica vs civiltà presente affogata nella nebbia di tedio Ad Angelo Mai: caro immaginar e leggiadri sogni persi in conoscenza vero Ultimo canto di Saffo: il titanismo eroico Idilli: temi intimi e biografici, linguaggio colloquiale, limpida semplicità Espressioni di sentimenti, affezioni, avventure storiche del mio animo (istantanee di vita interiore) LInfinito, Alla Luna (ricordanza), La sera del dì di festa (esclusione vita sociale), Il sogno (giovinezza spezzata) Il silenzio artistico dal 1823 al 1828: il lamento per le fine delle illusioni giovanili, dellimmaginazione e del sentimento Linvestigazione dellarido vero: le Operette Morali (passaggio a pessimismo assoluto) Atteggiamento più distaccato verso la realtà La ripresa della produzione artistica grazie al soggiorno a Pisa (A Silvia) : Le ricordanze, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dellAsia, Il passero solitario (ripresa primi idilli) 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne15

16 Distanza dai Primi Idilli: la consapevolezza del vero e la vanità degli ameni inganni La felicità creata dalla memoria e accampata sullo sfondo del nulla Il vero della delicatezza e del riserbo, la distanza dal caro immaginar Lassenza di slanci e impeti disperati figlia del pessimismo assoluto e immobile Dal linguaggio aspro e tragico (Bigi) a quello misurato ed equilibrato La metrica assecondante la vaghezza e limmaginifico: settenari, endecasillabi, gioco libero di rime e assonanze 1830: il ciclo di Aspasia, vicende personali fiorentine e nuove tematiche (contatto diretto con gli uomini) Lincontro con Fanny Targioni Tozzetti e la fine dellinganno estremo La messa in opera di una poesia nuda e severa, priva di sensibilità, con atteggiamenti energici, combattivi ed eroici La critica ai progressisti e ottimisti esaltatori del progresso. No ai liberal-moderati Lopposizione del materialismo allo spiritualismo religioso romantico La religione come favola infantile e sciocca, nel contempo vile La satira della Palinodia al marchese Gino Capponi Paralipomeni della Batracomiomachia: il fallimento dei moti liberali (topi, liberali napoletani; rane, borbonici) La ginestra: testamento spirituale dellautore (chiusura suo percorso poetico) e la possibilità di un miglioramento grazie alla social catena (poetica anti-idillica) 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne16

17 1824: composizione Operette morali al ritorno del deludente viaggio romano Prose di argomento filosofico: invenzioni fantastiche, narrazione mitiche, storie paradossali, dialoghi tra personaggi favolosi (Ercole, la Terra, la Luna, Colombo, Tasso) In alcune, interlocutore Leopardi; in altre, forma narrativa Scrittura non bonaria o umoristica; linfelicità inevitabile, la noia e il dolore nuclei fondanti Sguardo fermo e lucido con il distacco delloggettività e del dominio intellettuale 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne17


Scaricare ppt "Giacomo Leopardi pag. 926-945 pag. 946-1019 06/05/2014Elettra Gambardella - ITU Pisogne1."

Presentazioni simili


Annunci Google