La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Monica Spagolla, Grzegorz Karwasz e Antonio Zecca Dipartimento di Fisica, Università di Trento, I-38050 Povo, TN, Italy UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Monica Spagolla, Grzegorz Karwasz e Antonio Zecca Dipartimento di Fisica, Università di Trento, I-38050 Povo, TN, Italy UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO."— Transcript della presentazione:

1 Monica Spagolla, Grzegorz Karwasz e Antonio Zecca Dipartimento di Fisica, Università di Trento, I Povo, TN, Italy UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Le notizie di grandi piogge, di inondazioni, di uragani fuori del normale si fanno sempre più frequenti e ci impressionano perché provocano danni visibili alle popolazioni colpite. Altri danni stanno colpendo in maniera silenziosa le popolazioni animali e il mondo vegetale. Non ce ne accorgiamo perché queste cose non fanno notizia. Ma dobbiamo renderci conto che sono originati dagli stessi cambiamenti climatici e che questi cambiamenti potrebbero diventare minacciosi per la nostra vita. I cambiamenti climatici globali in corso sono stati innescati dalle attività umane. Abbiamo immesso in atmosfera tanti inquinanti da modificarne la composizione e le proprietà. La Terra si sta scaldando (vedi gli altri poster qui vicino) e un aumento di temperatura fa aumentare l energia accumulata nell atmosfera e per questo gli eventi meteorologici estremi sono più frequenti. I cammini delle perturbazioni cambiano e le precipitazioni aumentano in certi luoghi e in certe stagioni e diminuiscono in altri posti e in altre stagioni. Le previsioni (anche le più ottimistiche) dicono che tutto questo si aggraverà nei prossimi decenni. Uno studio recentissimo ha messo insieme le conoscenze accumulate negli ultimi cinquanta anni sulla risposta di animali e piante ai cambiamenti climatici in corso. I risultati sono sorprendenti. Per esempio più della metà delle specie di insetti e di uccelli studiate hanno cambiato il loro habitat. Anche alberi e altre piante hanno spostato i territori occupati verso il polo e - nelle zone di montagna – verso le quote più alte. Per quanto riguarda l Italia, nel 2002 gli uccelli migratori sono arrivati con quindici giorni di anticipo. Le piante da frutto fioriscono in media con quindici giorni di anticipo (con un rischio aumentato di subire poi gelate improvvise). La ginestra, che di solito fiorisce solo a maggio, nel 2002 è fiorita anche ad ottobre. Il riscaldamento globale in corso è l episodio più rapido che sia avvenuto dalla fine dell ultima glaciazione anni fa. Non solo: se non si prenderanno rapidamente misure di adattamento, l innalzamento di temperatura potrebbe essere il più grande dell ultimo milione di anni. Da ricerche recenti risulta che in Svizzera gli alberi originari del luogo vengono sostituiti da specie esotiche che trovano ora un clima più caldo che un secolo fa. Il comportamento osservato di animali e piante conferma (ma non ce ne era bisogno) che il riscaldamento globale è in corso. Dall altro lato costituisce un duplice campanello di allarme. Per prima cosa sappiamo che animali e piante riescono ad adattarsi ai cambiamenti con una certa facilità, mentre le nostre società e i nostri sistemi economici potranno adattarsi solo con dei costi. Questi costi al momento attuale sarebbero molto moderati, ma cresceranno tanto più quanto più si ritarderanno le misure di adattamento (vedete i poster sull energia). In secondo luogo è noto che animali e piante riescono ad adattarsi se i cambiamenti sono abbastanza piccoli e abbastanza lenti. E la nostra vita dipende da quella di animali e piante. DIPARTIMENTO DI FISICA


Scaricare ppt "Monica Spagolla, Grzegorz Karwasz e Antonio Zecca Dipartimento di Fisica, Università di Trento, I-38050 Povo, TN, Italy UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO."

Presentazioni simili


Annunci Google