La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STRUTTURA DELLUNIVERSITA in una prospettiva storica I. Università negli anni 50 e 60 Organi di Ateneo: - Consiglio di Amministrazione - Senato Accademico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STRUTTURA DELLUNIVERSITA in una prospettiva storica I. Università negli anni 50 e 60 Organi di Ateneo: - Consiglio di Amministrazione - Senato Accademico."— Transcript della presentazione:

1 STRUTTURA DELLUNIVERSITA in una prospettiva storica I. Università negli anni 50 e 60 Organi di Ateneo: - Consiglio di Amministrazione - Senato Accademico (solo Presidi di Facoltà) - Rettore Facoltà: responsabile della didattica (Corsi di Laurea) e gestita dal Preside e dal Consiglio di Facoltà (solo Professori Ordinari, a Scienze persone)

2 Corsi di Laurea di 4 o 5 anni con lo stesso regolamento didattico a livello nazionale stabilito dal Ministero (stessi insegnamenti, salvo quelli complementari), inclusivo della tesi di laurea Docenti: i) Professori Ordinari arruolati con Concorsi locali che fornivano 3 idonei, in numero (e disciplina) fissati dal Ministero, ii) Professori Incaricati assegnati annualmente dal Consiglio di Facoltà A Scienze: Matematica, Fisica, Chimica, Chimica Industriale, Biologia, Scienze Naturali, Geologia.

3 Istituti Universitari: sede dellattività di ricerca. Originariamente: Istituti Monocattedra tipicamente organizzati con 1 Professore Ordinario 2-5 Professori Incaricati 4-8 Assistenti Organizzazione verticistica: un Professore Ordinario (Barone) a capo di una struttura molto rigida che dava poca autonomia ai sottoposti (figura dellAssistente!) Schema organizzativo importato dalla Germania (metà 800)

4 Fine anni 60 ed anni 70: trasformazione da Università di elite ad Università di massa Conseguenze: i) ampliamento del personale docente (da Istituti Monocattedra a Istituti Policattedra) ii) Crisi dei meccanismi di governo: rifiuto del ruolo subalterno da parte di Professori Incaricati ed Assistenti. iii) Crisi dei meccanismi di reclutamento (sospensione dei concorsi ad Ordinario, stabilizzazione dei Professori Incaricati e loro inclusione nel Consiglio di Facoltà)

5 Una comparazione con lorganizzazione universitaria negli Stati Uniti Organizzazione degli studi dipendente dalla sede, ma strutturata su due livelli: 1) Laurea (Bachelor of Science) tipicamente di 4 anni (senza tesi!) e 2) dottorato (Ph.D.) di 4 o più anni Organizzazione della Ricerca basata su Dipartimenti: insieme di professori di una stessa area disciplinare. Progressione della carriera secondo il tenure track: 1) Assistant Professor 2) Associate Professor 3) Full Professor Ogni Professor assieme con dottorandi e Postdoc (borsisti) costituisce un gruppo di ricerca indipendente! Organizzazione della ricerca molto elastica e che consente una elevata autonomia ai Professori/ricercatori; ma che presuppone elevati finanziamenti pubblici alla ricerca.

6 Anni 80: riforma secondo la Legge 382 Organizzazione del personale docente (a tempo indeterminato) su tre livelli: 1) RU - Ricercatori Universitari (concorso locale) 2) PA - Professori Associati (concorso nazionale) 3) PO - Professori Ordinari (concorso nazionale) E previsto un concorso nazionale biennale per PO o PA di una disciplina. Difficoltà: i) macchinosità procedurale (concorsi tenuti circa ogni 5 anni) ii) conflitto tra giudizio di merito sui candidati ed esigenze scientifiche della sede iii) eccessivo potere della Commissione concorsuale nazionale Eliminazione degli Istituti ed introduzione dei Dipartimenti (sul modello USA) Però, dato il basso tasso di finanziamento della ricerca, persistono gruppi di ricerca con più docenti. Implicazione: scarsa autonomia dei giovani (RU) Modifica degli organi di governo dellUniversità: Consiglio di Facoltà costituito dai PO, PA e rappresentanti dei RU e degli studenti.

7 Anni (Ministro Ruberti) : Autonomia Finanziaria delle Università Ad ogni Università viene assicurato un contributo ministeriale (FFO: Fondo per il Funzionamento Ordinario) sulla base del pregresso. Ogni Università è libera di disporre dei propri finanziamenti (FFO+tasse degli studenti + contributi dei privati), ad esempio per incrementare il numero di docenti (RU, PA, PO) Viene enunciato il principio che il FFO debba essere redistribuito secondo valutazioni delle efficacia delle attività didattica e di ricerca: principio mai attuato! Viene stabilita per legge la regola che le singole Università non possono spendere più del 90% del FFO per spese di personale: regola nei fatti non rispettata da alcune Università!

8 1998 (Ministro Berlinguer): vengono (re-)introdotti i concorsi locali per le posizioni di PO e PA con due idonei (però senza nessuno controllo ministeriale sul numero di posti!) Collasso dei meccanismi concorsuali nazionali! Conseguenze: 1) alcune Università attuano una politica di eccessivo ampliamento dellorganico (con conseguente sforamento del tetto del 90% del FFO) 2) scarsa mobilità del personale docente: per ragioni finanziarie, vengono privilegiati le promozioni rispetto alle chiamate da altre Università 3) fenomeni di nepotismo nellambito di discipline a forte valenza professionale.

9 Attuale decennio Riforma Berlinguer (Legge 509 successivamente modificata con la Legge 270) del cosiddetto 3+2: attuazione del progetto europeo (Dichiarazione di Bologna) di uniformare gli studi universitari secondo lo schema: 3 (Laurea) + 2 (Laurea Magistrale) + 3 (Dottorato) Elementi negativi dei Corsi di Laurea 1) troppo lunga durata degli studi (a Chimica 7 anni in media) 2) troppo elevata dispersione (a Chimica 70% delle matricole non riescono a laurearsi) 3) troppo pochi laureati rispetto alle necessità del mondo produttivo Caratteristica saliente: parziale autonomia delle sedi universitarie nella scelta dellordinamento didattico entro dei vincoli fissati dal Ministero. Aspetti positivi: eliminazione degli elementi negativi dei Corsi di Laurea Aspetti negativi: i) burocraticità dei vincoli fissati dal Ministero ii) moltiplicazione eccessiva dei corsi studio (ma corretta recentemente con la Legge 270) iii) dispersione culturale ed eccessiva enfasi sulla professionalizzazione

10 2005 (Ministero Moratti): Legge 230 per larruolamento del personale docente 1)Vengono (re-)introdotti i concorsi nazionali per conseguire lidoneità a PA o PO in una data disciplina 2) Concorso locale a cui possono partecipare gli idonei per le posizioni di PA o PO 3) Dal 2013 spariscono i RU a tempo indeterminato, sostituiti da contratti di 6 anni per Ricercatori Universitari. La legge 230 non è stata applicata (per cui permangono i concorsi locali per PA e PO) 2008: Legge 133 (Decreto Tremonti): tagli al FFO ed al turnover, fondazioni universitarie


Scaricare ppt "STRUTTURA DELLUNIVERSITA in una prospettiva storica I. Università negli anni 50 e 60 Organi di Ateneo: - Consiglio di Amministrazione - Senato Accademico."

Presentazioni simili


Annunci Google