La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LICEBERG DELLA LEGALITA Liceo Piero Gobetti Genova (Paolo Martinelli)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LICEBERG DELLA LEGALITA Liceo Piero Gobetti Genova (Paolo Martinelli)"— Transcript della presentazione:

1 LICEBERG DELLA LEGALITA Liceo Piero Gobetti Genova (Paolo Martinelli)

2 1) LEGALITA E … SOPRAVVIVENZA INDIVIDUALE La soddisfazione delle vostre esigenze quotidiane più elementari (di bere, mangiare, proteggervi dal clima, difendervi da aggressioni) è affidata ad una rete sociale di costruttori, produttori, trasportatori, venditori, prestatori di attività, che azionano sistemi tecnologici più o meno avanzati. Nessuno è in grado, da solo, di sopravvivere senza tutto ciò. Ogni vostra giornata vi pone in relazione con migliaia di nodi delle rete; la tenuta di questa rete è assicurata da un sistema di regole, invisibile quando funziona. Questo sistema è la legalità.

3 2) LEGALITA E … VIOLENZA La violenza corrisponde, in natura, alla paura dellaltro o alla competizione per conquista (Hobbes, Il Leviatano); il sorgere degli Stati ha il monopolio della violenza come esercizio e controllo del potere in mano pubblica. Ciò ha portato (rispetto alle epoche precedenti alla fondazione degli stati nazionali, e contrariamente a ciò che si pensa normalmente) una diminuzione delle morti violente con una proporzione allincirca da 4 a 1 (includendo i morti in guerra); in Inghilterra tra il 1300 al 2000 (vale come esempio) gli omicidi sono diminuiti di circa 100 volte (Pinker, capitoli 2 e 3). Questa è levoluzione storica della legalità.

4 3) LEGALITA E… PUNIZIONE Quando qualcuno viola le regole della legalità, convivono oggi punizioni molto diverse: la pena di morte per i reati più gravi (in 68 Stati e non in Italia); il carcere o le multe; percorsi riparativi, in Italia di regola per i minorenni (messa alla prova, sperimentazioni di metodologie di gruppo per reati a sfondo sessuale); lavori di pubblica utilità per gli adulti (pena riparativa prevista nel caso di guida in stato di ebbrezza senza vittime). Anche la pena di morte è legale, negli Stati nei quali la legge la prevede; la legalità può avere la stessa forma ma contenuti diversi, che possono essere anche molto duri. Ci sono legalità di diversa qualità, su cui sono possibili giudizi politici o morali.

5 4) LEGALITA E… SOSTENIBILITA Come ha dimostrato lILVA di Taranto (una per tutte) lindustria può danneggiare lambiente e la popolazione. Oggi un solo europeo consuma energia quanto 10 indiani (Gallino, p.133); ma gli europei sono circa 740 milioni, mentre i soli indiani sono più di ; e, con lIndia, tutto il mondo non occidentale sta ora percorrendo la via dello sviluppo. Le norme (abbastanza) attente che abbiamo in Europa sono spesso eluse; nel resto del mondo mancano anche le regole. Le risorse naturali non sono infinite, e gli Organismi internazionali e Stati faticano a trovare accordi (v. Kyoto); spesso libere associazioni e ONG intervengono per imporre problemi allattenzione mondiale. Non potrà esserci sostenibilità senza legalità

6 5) LEGALITA E… DEMOCRAZIA In Italia viviamo una crisi di passaggio da un modello parlamentare a un modello più presidenziale: le diverse forme di governo corrispondono infatti a diverse opzioni: le repubbliche presidenziali privilegiano limportanza della decisione rapida, quelle parlamentari (come la nostra) privilegiano la ricerca di ampi consensi preventivi su ogni scelta. Nei sistemi parlamentari prevale labilità dei politici nella ricerca del consenso, in quelli presidenziali emerge in primo piano la responsabilità personale di chi decide. Anche le forme della legalità e il senso della rappresentanza possono dunque entrare complessivamente in crisi.

7 6) LEGALITA E … INGANNO Oggi la politica non è più basata sullesistenza di Stati nemici. In una fase storica di crisi e di risorse limitate, le scelte dei politici implicano (dovrebbero implicare) soprattutto la condivisione pubblica delle perdite e delle rinunce irreversibili che ogni scelta comporta. Ciò però contrasta con la raccolta del consenso, difficile da ottenere se si impongono sacrifici; per cui spesso i politici discutono in modo da nascondere e sottrarre alla discussione pubblica i contenuti irreversibili delle scelte legate alla crisi. Ma i governati (noi tutti) possono riconoscere le parole fraudolente, e tentare di premiare lonestà di dialogo. La legalità non garantisce lonestà; ma i cittadini possono farsi custodi della legalità

8 7) LEGALITA E … RESPONSABILITA COLLETTIVE Ormai sappiamo che il futuro dellumanità è legato alla conservazione di un ambiente naturale vivibile; lesigenza di legalità riassume «la subordinazione del vantaggio presente alle esigenze a lunga scadenza del futuro» (Jonas, 182). Contenere la corruzione, abbandonare le promesse di benessere illimitato, indirizzare la ricerca e la scienza alle esigenze di sopravvivenza della specie, tutto ciò richiede la capacità di reinventare (con le tecnologie di oggi) gli strumenti di uno «Stato buono», che però non abbia caratteri di assolutezza, anzi sia continuamente perfettibile secondo le esigenze che le scienze e i popoli individueranno (democrazia rappresentativa+ strumenti di democrazia diretta?). Siamo alle ricerca di legalità forti ma flessibili

9 8) LEGALITA E … RESPONSABILITA INDIVIDUALE Sin dalla nascita (Tomasello) i cuccioli di uomo sono gli unici a presentare una tendenza istintiva a cooperare. Ma il rapporto con il futuro implica una dimensione di tipo etico, nella quale la reciprocità non è sempre evidente. A Dio, che gli chiedeva di Abele, Caino risponde «Sono forse io il custode di mio fratello?». Ciascuno di voi risponde a questa domanda ogni giorno, ogni vostro gesto è un prendere posizione sul futuro. «Dare uno stile al proprio carattere» (Nitzsche) è cercare un senso alla propria vita. Ma mentre parole e pensieri contengono spesso un desiderio di altro (altro dalla realtà), sono solo di vostri comportamenti concreti che vi traghettano nel futuro. Vostro e di tutti. E tu?

10 QUALCHE PRINCIPIO Art.1 Costituzione, II c. : La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Art.10, I c.: Lordinamento giuridico italiano si conforma alle norme di diritto internazionale generalmente riconosciute. Art.23: Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge. Art. 24, II c.: La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento. Art.25, II c.: Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso.

11 QUALCHE LETTURA Hannah Arendt, Sulla violenza, Guanda Franco Di Sciullo, Dopo la storia (la democrazia tra ostilità e ragione pubblica), Editoriale Scientifica Luciano Gallino, Tecnologia e democrazia, Einaudi Hans Jonas, Il principio responsabilità, Einaudi Salvatore Natoli, Ledificazione di sé, Laterza Steven Pinker, Il declino della violenza, Mondadori Michael Tomasello, Altruisti nati, Bollati Boringhieri Gustavo Zagrebelsky, Contro letica della verità, Laterza


Scaricare ppt "LICEBERG DELLA LEGALITA Liceo Piero Gobetti Genova (Paolo Martinelli)"

Presentazioni simili


Annunci Google