La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Perdono o Vendetta? Analisi di un percorso. del Prof. Claudio Raspollini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Perdono o Vendetta? Analisi di un percorso. del Prof. Claudio Raspollini."— Transcript della presentazione:

1 Perdono o Vendetta? Analisi di un percorso. del Prof. Claudio Raspollini

2 Nell'ottica di Dio Dall'immagine di Maria Maddalena del Caravaggio al senso del perdono.

3 Leggiamo il brano evangelico riferito al quadro. La peccatrice perdonata 36 Uno dei farisei lo invitò a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. 37 Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; 38 e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui e cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato. 39 A quella vista il fariseo che l'aveva invitato pensò tra sé. «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna è colei che lo tocca: è una peccatrice». 40 Gesù allora gli disse: «Simone, ho una cosa da dirti». Ed egli: «Maestro, dì pure». 41 «Un creditore aveva due debitori: l'uno gli doveva cinquecento denari, l'altro cinquanta. 42 Non avendo essi da restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi dunque di loro lo amerà di più?». 43 Simone rispose: «Suppongo quello a cui ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene». 44 E volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato nella tua casa e tu non m'hai dato l'acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. 45 Tu non mi hai dato un bacio, lei invece da quando sono entrato non ha cessato di baciarmi i piedi. 46 Tu non mi hai cosparso il capo di olio profumato, ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. 47 Per questo ti dico: le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco». 48 Poi disse a lei: «Ti sono perdonati i tuoi peccati». 49 Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è quest'uomo che perdona anche i peccati?». 50 Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; và in pace!». Luca 7,36-50

4 L'atteggiamento della Maddalena riferito al brano ed al quadro Nel brano Evangelico: non chiede; gli bacia i piedi; lava i piedi di Gesù con il suo pianto; asciuga i piedi con i propri capelli. Nel quadro: Rimane silenziosa Abbandonata capo chino, consapevole delle colpe. i gioielli abbandonati per terra indicano il cambiamento

5 Chi perdona la Maddalena nel Brano Evangelico e nel quadro? Nel brano evangelico è Gesù, che rispondendo ai Farisei che accusano la donna, la perdona virtù del suo molto amare. Nel quadro Gesù non è presente come pure non ci sono i farisei; il Caravaggio rimanda il giudizio a chi osserva il quadro. Siamo noi che dobbiamo formulare un giudizio, noi dobbiamo perdonare o condannare.

6 violenza e vendetta hanno la stessa radice. L'immagine a lato descrive una situazione di violenza. Se osservate è impossibile distinguere chi è il buono o il cattivo, potrebbe essere un gesto compiuto per vendetta o per giustizia, comunque sia rimane soltanto violento.

7 Noi di fronte alle ingiustizie; che fare? Analizziamo ora, alcune situazioni limite e con l'aiuto del Vangelo, proviamo a vedere perché il perdono produce più frutti che non la vendetta.

8 Antiche e nuove violenze. Una donna adultera; Un assassino; Un usuraio; Violenza negli stadi; Il terrorismo; Violenza sulle donne e sui bambini.

9 La donna adultera Giovanni - Capitolo 8 1 Gesù si avviò allora verso il monte degli Ulivi. 2 Ma all'alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava. 3 Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo, 4 gli dicono: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. 5 Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». 6 Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo. Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra. 7 E siccome insistevano nell'interrogarlo, alzò il capo e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei». 8 E chinatosi di nuovo, scriveva per terra. 9 Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi. Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. 10 Alzatosi allora Gesù le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». 11 Ed essa rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neanch'io ti condanno; và e d'ora in poi non peccare più». Neanch'io ti condanno; và e d'ora in poi non peccare più

10 Un usuraio; la storia di Zaccheo Luca - Capitolo 19 Zaccheo 1 Entrato in Gerico, attraversava la città. 2 Ed ecco un uomo di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, 3 cercava di vedere quale fosse Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, poiché era piccolo di statura. 4 Allora corse avanti e, per poterlo vedere, salì su un sicomoro, poiché doveva passare di là. 5 Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». 6 In fretta scese e lo accolse pieno di gioia. 7 Vedendo ciò, tutti mormoravano: «E' andato ad alloggiare da un peccatore!». 8 Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto». 9 Gesù gli rispose: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa, perché anch'egli è figlio di Abramo; 10 il Figlio dell'uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto». Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; e se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto

11 Un assassino sulla Croce; il primo Santo! Il "buon ladrone" 39 Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!». 40 Ma l'altro lo rimproverava: «Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? 41 Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male». 42 E aggiunse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». 43 Gli rispose: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso». Luca 23, Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni

12 Violenza negli stadi. Perdonare non vuol dire non fare o Tacere PERDONARE vuol dire far comprendere l'assurdità di tali gesti e ricevere la Giusta pena per ciò che una persona fa.

13 In nome di dio si muore negando la vita propria e altrui. Il loro obiettivo provocare paura e una reazione in modo da giustificare il proprio operato

14 Donne e bambini violati; la peggior INGIUSTIZIA è il NOSTRO SILENZIO

15 il perdono presuppone la Giustizia, non il silenzio. LA DONNA ADULTERA ZACCHEO IL LADRONE CROCIFISSO I PRESUPPOSTI DEL PERDONO: VA E NON PECCARE PIU' RESTITUISCO CIO' CHE HO TOLTO INGIUSTAMENTE RICEVIAMO LA GIUSTA PUNIZIONE DELLE NOSTRE AZIONI

16 LA VIOLENZA PORTA VIOLENZA Questa è l'immagine simbolo dell'odio e della vendetta, ma anche della denuncia e della SPERANZA. La Biblioteca di Sarajevo distrutta dai Serbi, durante l'assedio della città. L'odio ha fatto sparire la cultura, ha fatto della vendetta la ragione della storia e questo è il risultato. L'immagine ci dice che solo nell'armonia generata dal PERDONO è possibile ricostruire la storia e guardare al futuro. La violenza porta soltanto alla violenza.

17 LA VECCHIA LEGGE E LA NUOVA Il CODICE DI HAMMURABI DICEVA: Occhio per occhi, dente per dente IL VANGELO DICE: Ama il prossimo tuo come te stesso. A NOI LA SCELTA!

18 Conclusione Perdonare vuol dire compiere la giustizia. Perdonare non vuol dire ignorare o chiudere gli occhi alla verità. Perdonare presuppone che chi ha sbagliato riconosca il suo errore e chieda perdono Vendicarsi vuol dire usare la violenza. far vivere l'ingiustizia alimentare l'odio mai costruire ma solo distruggere

19 Perdonare Riparare al male fatto Impegnarsi a non commetterlo più Cambiare vita Sono i frutti del perdono, Ma quali sono quelli della vendetta provate a scriverli:


Scaricare ppt "Perdono o Vendetta? Analisi di un percorso. del Prof. Claudio Raspollini."

Presentazioni simili


Annunci Google