La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I MECCANISMI DI DIFESA Testi di riferimento Psicologia e formazione A.Cencini A. Manenti Psicologia A.M. Ravaglioli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I MECCANISMI DI DIFESA Testi di riferimento Psicologia e formazione A.Cencini A. Manenti Psicologia A.M. Ravaglioli."— Transcript della presentazione:

1 I MECCANISMI DI DIFESA Testi di riferimento Psicologia e formazione A.Cencini A. Manenti Psicologia A.M. Ravaglioli

2 QUELLO CHE VORREI – Vasco Rossi Ed è proprio quello che non si potrebbe che vorrei, ed è sempre quello che non si farebbe che farei, ed è come quello che non si direbbe che direi quando dico che non è cosi il mondo che vorrei non si può sorvolare le montagne non può andare dove vorresti andare sai cosa cè ogni cosa resta qui qui si può solo piangere e alla fine non si piange neanche più ed è proprio quando arrivo lì che già ritornerei ed è sempre quando sono qui che io ripartirei ed è come quello che non cè che io rimpiangerei quando penso che non è cosi il mondo che vorrei non si può fare quello che si vuole non si può spingere solo lacceleratore guarda un pò ci si deve accontentare qui si può solo perdere e alla fine non si perde neanche più!

3 Definizione: ogni giorno ci imbattiamo in minacce alla stima di noi stessi: uniniziativa andata male, una brutta figura, unumiliazione ricevuta… tutto questo ci fa sentire deboli, incerti, non amati. Il nostro io ne soffre e si affretta a medicare la ferita narcisista. Chiudere gli occhi, guardare da unaltra parte, osservare in modo sfuocato, estraniarsi dai rumori: tutte azioni che ci riparano da stimoli noiosi. Lautodifesa è la più antica legge della natura.

4 I meccanismi di difesa indicano un processo mentale abituale, inconscio e a volte patologico, che lio usa per far fronte a conflitti con la realtà esterna e/o la realtà interna affettiva. Difesa indica quindi autoprotezione contro tutto ciò che minaccia la propria autoconsiderazione. E un difendere o recuperare la stima di sé ma su basi scorrette cioè eludendo il problema.

5 Allopposto, la persona non difensiva guarda in faccia la realtà anche se imbarazzante, e si costruisce un sistema di vita in cui tiene conto anche dei propri difetti e timori.

6 I meccanismi di difesa assolvono alcuni scopi: Mantenere lequilibrio dellio di fronte a situazioni difficili: come rimarginare il dolore per la perdita di un oggetto amato? Come stimarsi ancora dopo un fallimento? Come gratificare se stessi nonostante le proibizioni e i divieti della società?...

7 Proteggere o restaurare la stima di sé minacciata dalle forze pulsionali: ho fatto una scelta di vita eppure continuo a sentire emozioni contrarie; sono disponibile agli altri, ma cè anche il rancore che mi disturba; mi piace vedermi forte, ma ogni tanto incontro la paura che non conferma limmagine prestante che mi sono fatto di me…

8 Neutralizzare conflitti con persone o parti della realtà sentiti come altrimenti irrisolvibili: se la realtà non conferma le mie opinioni che fare? Quando sono scoperto nei miei torti come uscire dallimbarazzo? Se il mio collega è un rivale come vincerlo senza rischiare la lotta aperta?

9 INCONSCI MA RICONOSCIBILI Tutti i meccanismi di difesa hanno tre caratteristiche comuni: Negano, falsificano o deformano la realtà interna ed esterna Sono automatici e non atti deliberati Operano nellinconscio così che la persona non è consapevole di ciò che avviene

10 Proprio perché inconsci non sono sempre osservabili direttamente, ma a partire dai loro effetti. Producono infatti distorsioni sistematiche, danno luogo a stili difensivi e possono simbolizzarsi in tratti corporali come la fissità e la rigidità, il sorriso stereotipato, comportamenti sprezzanti, ironici, arroganza.

11 Le difese più che entità puntuali sono dei processi: danno origine a stili difensivi. Stile significa un modo di funzionare costante dellindividuo, identificabile attraverso una serie di atti specifici: un modo di pensare, di percepire, sentire, stare con gli altri, reagire alle situazioni.

12 Le difese si manifestano in uno stile indurito, fatto di modi di reazioni automatici, ripetitivi e cronici. Da chi è osservabile questo io indurito? Innanzi tutto da un osservatore esterno che sappia cogliere non solo il contenuto dellatto (che cosa si fa), ma lo stile dellatto (come si fa): questo è possibile se losservatore è abbastanza libero dalle proprie difese.

13 Le difese alterano la percezione della realtà interna ed esterna. Coprono impulsi inaccettabili con desideri o convinzioni di copertura alternativi e a volte antitetici a quelli originali; il tutto viene sentito dallinteressato come disagio, come non libertà interiore: non conosce i termini del problema, ma il problema lo avverte. Ma a questo punto si possono aggiungere altre difese: difendersi dal dover ammettere di difendersi.

14 NORMALI O PATOLOGICI? Se lio vuole funzionare bene anche nel pericolo deve rimanere organizzato a un livello efficiente. In questo lo aiutano i meccanismi di difesa che, grazie alla loro funzione di protezione, non sono di per sé patologici. Es. se questa sera sono stanco è saggio lasciar perdere il problema e andare a riposare per affrontarlo meglio domani. Es. se debbo superare un esame è bene che concentri lattenzione sugli aspetti intellettuali isolando fuori i sentimenti di ansietà.

15 Tutto questo si può fare in modo automatico senza bisogno di un atto di volontà Tre criteri distinguono luso adattivo o disadattivo delle difese: SCOPO: se le difese vanno nella direzione della soluzione del conflitto in termini realistici, sono adattive (favoriscono ladattamento alla realtà). Sono disadattive se vanno nella direzione dellevitare il conflitto

16 Es. si noti la differenza dellintellettualizzazione usata dal ricercatore che vuole arrivare a una teoria per capire la realtà e lintellettualizzazione usata da un marito o moglie incapace che si arrampica sugli specchi per ignorare la miseria del proprio matrimonio.

17 MODALITA DUSO: una difesa è adattiva quando è flessibile cioè appropriata alla situazione, e quando il suo uso è limitato ad essa. E disadattiva quando è rigida, automatica e generalizzata. La prima è una risposta alla realtà, la seconda è una reazione ai propri impulsi. Vedi la differenza di scegliere di essere allegro per sollevare latmosfera pesante e dover sempre fare il buffone di corte.

18 EFFETTI: la difesa è adattiva se permette di controllare il conflitto, in quanto protegge e abilita la persona a funzionare meglio. E disadattiva se perpetua il conflitto o crea ulteriori svantaggi alla personalità intera. Es. si noti la differenza fra laumento di vigilanza che spinge a cercare nuove informazioni e laumento di vigilanza che porta a esagerare lentità del pericolo e, con il tempo, essere sospettoso verso tutti e tutto.

19 I LIVELLI DI DIFESA La stima di sé data dalle difese è fittizia poiché raggiunta distorcendo i fatti: come può bastare una stima che non regge alla prova della realtà? Fermarsi qui sarebbe terrificante: mi credo allegro e invece rido per non piangere. Mi reputo rispettoso dellautorità e invece non ho il coraggio delle mie idee. Ecc.ecc. queste illusioni possono bastarmi?

20 Infatti non bastano Nessuno può tollerare una stima di sé costruita a scapito della realtà. Una sicurezza artificiale non dà sicurezza. La personalità si può organizzare intorno a un sistema di difese, alcune più centrali e altre più periferiche. Quelle più centrali servono per difendersi da un conflitto. Quelle più periferiche servono per negare a noi stessi luso delle prime. Razionalizzazione contro la negazione La formazione reattiva per non riconoscere di aver represso…

21 Parliamo di due classi di difese: Difese strategiche: sono operazioni psichiche centrali grazie alle quali la persona fa fronte ai propri bisogni infantili. Ad es.: nego levidenza di certi fatti per non cambiare comportamento, sposto lattenzione da un problema più urgente ma più penoso ad uno meno urgente ma meno difficile da accettare; mi presento sempre disponibile per essere stimato, sono compiacente con gli altri per ottenere favori.

22 Difese tattiche: sono operazioni psichiche secondarie che servono per non riconoscere consciamente luso delle difese strategiche. Nego a me stesso dico che non sto negando bensì vivendo la virtù della pazienza. Scarico rabbia sugli altri, ma mi convinco che invece sto lottando per degli ideali. Ho una relazione infantile di dipendenza affettiva, ma la presento a me stesso come relazione per il bene dellaltro attualmente in necessità di aiuto.

23 Ci vogliono mesi e a volte anni per portare una persona ad accettare che si sta difendendo. Solo se si accetta anche in sé la possibilità di illudersi senza volerlo, si potrà passare a identificare i punti nodali della propria personalità che maggiormente chiedono conversione. Prima di convertirsi, occorre sentire la necessità della conversione e, prima ancora, ammettere che è normale, cioè che può capitare che luomo si racconti delle storie e poi le prenda come verità.

24 Che la difesa sia la norma e non leccezione basta guardarci attorno. Ai nostri figli diciamo zitto tu io sono tuo padre; alle nostre mogli mandiamo il messaggio silenzioso non tirare fuori i problemi ai loro familiari gli anziani trasmettono il messaggio sono vecchio e fragile. Se mi scuoti ne muoio e tu lo avrai a coscienza…

25 DEFINIZIONE DEI MECCANISMI DI DIFESA Ci riferiamo solo a quelle più frequenti. …riconoscerle significa sapere dove si trova il vero problema di una persona, di un gruppo e impostare bene il problema è speranza per la sua soluzione.

26

27 RIFIUTO DEL REALE-PROBLEMI DI COMPORTAMENTO Ritiro sociale: tendenza a ripiegarsi su se stessi come conseguenza del disagio nei confronti della realtà e dei propri sentimenti. Si esprime come mancanza di iniziativa, incertezza sul proprio ruolo, disagio nei rapporti sociali… Acting-out: letteralmente significa buttare fuori. E la scarica diretta di un desiderio o impulso inconscio per evitare di diventare consapevole dellaffetto che accompagna tale desiderio o impulso. La scarica avviene attraverso un atto che è impulsivo, senza passare attraverso la valutazione razionale.

28 Diversi significati dellacting -out Primo significato: prepotenza del ragazzo. Con quellatto il soggetto acting-out tenta di rimuovere da sé, ponendolo violentemente fuori di sé, ciò che non può essere sopportato ed elaborato. Secondo significato: paura della perdita dellio. Attraverso lacting –out si cerca di rassicurare la propria integrità liberandola dalla tensione

29 Terzo significato: la richiesta mascherata. E il livello più profondo che contiene il nucleo essenziale dellacting-out. La tensione da scaricare è dovuta alla presenza di un affetto che non si vuole riconoscere. Non riconoscere la propria sete di affetto che butta fuori di sé in confezione aggressiva. Il vero messaggio della prepotenza è un grido di aiuto, ma che il soggetto non ammette.

30 E come buttare una bottiglia in mare con un foglio scritto in codice Si cerca di rubare una risposta senza però far vedere la richiesta. Ad es. un genitore codifica il messaggio del figlio, la sua richiesta di aiuto, pone attenzione a lui, il soggetto acting-out aumenta la negazione, fa ancora più dispetti. Se si vogliono aiutare simili persone bisogna proteggere questa loro clandestinità. Dare senza farlo vedere…

31 Scissione: alternativa attivazione di stati dellio contraddittori e tenuti separati luno dallaltro, ma entrambi attivi in modo alternato. Proiezione: la proiezione sposta allesterno il pericolo interno. E il meccanismo pagliuzza- trave: vedo la trave altrui (reale o immaginaria), trascuro la mia pagliuzza e non mi rendo conto che a volte la trave altrui è solo la mia pagliuzza ingigantita. Proiezione supplementare: evitare di riconoscere i propri impulsi inaccettabili attribuendoli ad altri (non sono io ad avere il nervoso, ce lhai tu)

32 Proiezione complementare: attribuire ad altri i motivi che spiegherebbero i propri turbamenti (io ho il nervoso, ma me lo hai fatto venire tu)… Negazione: aspetti dolorosi della realtà sono inconsciamente trattati negando la loro esistenza. Es. dopo un lutto almeno per qualche tempo diremo non è vero non è possibile.

33 Regressione: tornare indietro. Si trattano i conflitti e le frustrazioni ritornando a modi di gestione che sono primitivi. Lesempio classico è il bambino che alla nascita del fratellino o il primo giorno di scuola torna a bagnare il letto o a succhiarsi il dito. Annullamento retroattivo: si cerca di cancellare a posteriori una condotta riconosciuta come indesiderabile: è il caso della persona che dedica al ricordo appassionato di un congiunto defunto quelle attenzioni che gli aveva rifiutato in vita.

34 TRASFORMAZIONE DEL REALE: PROBLEMI DI IMMAGINE Onnipotenza: fantasie e comportamenti che tradiscono una pretesa di potere assoluto. Tendenza di grandiosità, convinzione inconscia di dover essere onorati, riveriti, pretesa di essere perfetti… alla base cè un sentimento di insicurezza e inferiorità da cui sfuggire.

35 Idealizzazione primitiva: tendenza a vedere situazioni, persone o ideali come totalmente buoni, in modo da neutralizzare gli aspetti negativi di essi o su di essi proiettati. Es. il religioso che vede la vita comunitaria perfetta; la ragazza che vede il proprio amante solo e sempre perfetto.

36 Questa idealizzazione influisce negativamente sul formarsi di un ideale oggettivo: non interessa lideale in sé, ma la sua forza protettiva per me.

37 PROTEZIONE DI CHE COSA Protegge il proprio io dalle contaminazioni derivanti dalla realtà con i suoi limiti e difetti. Es. Vedendo molti malati saprò ancora credere nella salute? Meglio vedere i sani. Protegge lideale contro gli attacchi distruttivi da parte degli affetti contrari Es. se il mio ragazzo è una persona meravigliosa, io mi posso abbandonare a lui in uno stato di estasi dove non ci sarà più solitudine, paura, incertezza. La sua grandezza affoga ogni mia perplessità.

38 Protegge il senso di onnipotenza personale. Si deve vedere tutto bello perché altrimenti lambivalenza della vita può intristire e la pluralità dei sentimenti contrastanti far nascere il dubbio: sarò capace di tener duro? Se riconosco i difetti di chi mi sta accanto saprò apprezzarlo ancora?

39 Lidealizzazione normale mantiene queste ambivalenze e quindi non esonera il dubbio. Lidealizzazione primitiva dà lillusione che questo rischio non si presenti mai più…. A livello sociale questa difesa è responsabile della dipendenza eccessiva dei discepoli al proprio leader. …

40 REINTERPRETAZIONE DEL REALE: PROBLEMI DI AUTOSTIMA Formazione reattiva: esprimere un pensiero, affetto o comportamento che nella forma o nella direzione manifesta sono diametralmente opposti al sottostante impulso inaccettabile. Es. far troppo buon viso a cattiva sorte; ridere per non piangere: super compiacenza con chi ci dà fastidio. La difesa si ravvisa nel troppo.

41 Il soggetto pensa, sente, fa esattamente il contrario di ciò che istintivamente penserebbe, farebbe, sentirebbe. La persona fa vedere a se stessa cose che in realtà non sente.

42 Da cosa fuggiamo? Da qualsiasi bisogno, ma da alcuni in particolare: Aggressività: lincapacità di gestire questo impulso socialmente inaccettabile può far diventare eccessivamente remissivi o compiacenti. Salvo poi trasformarsi in prepotenti quando una piccola contrarietà punge sul viso.

43 Dipendenza affettiva: il bisogno di affetto è coperto da comportamenti diametralmente opposti: indifferenza, la simulata assenza di sensibilità, freddezza esteriore. Laffamato di affetto erige un muro contro ogni offerta affettuosa assumendo atteggiamenti acidi, per poi tentare di rubare quellaffetto senza che nessuno se ne accorga.

44 Sessualità: la paura a cedere spinge ad avere comportamenti rigidamente puritani che rigettano ogni forma di intimità come indegna delluomo. Insicurezza: per paura di trasgredire ci si attacca al dovere legalistico. Si esagera da una parte perché si ha paura che emerga laltra. Ma più di tutto emerge la propria insicurezza.

45 Razionalizzazione: la ragione dovrebbe consentirci un adattamento migliore alla realtà. Con luso difensivo della ragione succede il contrario: la persona cerca di adattare la realtà ai propri impulsi o credenze. Razionalizzare significa portare ragioni plausibili per le proprie opinioni, azioni: si crede così di spiegarle ignorando le vere motivazioni, meno accettabili, che ne sono la vera sorgente.

46 Esempi: Ricordiamo la volpe e luva acerba; Si attribuisce lirritabilità al caldo; Nostro figlio è violento con gli amici e noi minimizziamo: sono cose da ragazzi; Sosteniamo la teoria dellequilibrio dialettico, ma in realtà abbiamo paura di inimicarci persone che contano…

47 Intellettualizzazione: anche qui si tratta di un uso difensivo della ragione, ma meno elaborato. Consiste nellaffrontare il problema pratico affrontandolo a un livello teorico. Cè qualcosa che tra noi non va? Dirlo brucia e allora non lo tiriamo fuori, ma parliamo della teologia della comunità.

48 Ho difficoltà affettive? Lasciamo perdere e costruisco la teoria generale dellaffettività. Si tratta di una fuga nei concetti intellettuali che sono emotivamente neutri per evitare sentimenti o problematiche imbarazzanti.

49 Isolamento: evitare il sorgere di una reazione affettiva minacciosa confinando selettivamente la propria attenzione sugli aspetti cognitivi, non emotivi, del sottostante desiderio o impulso. … E luomo tutto testa. Laffetto è incapsulato.

50 Spostamento: dirigere laffetto verso un oggetto diverso da quello appropriato. Es. è la storiella dellimpiegato che non potersela prendere con il capo si scarica con la moglie, la quale non potendo ribattere si scarica sul figlio che a sua volta rompe con lamico

51 Repressione: può essere considerato questo meccanismo di difesa come la madre di tutte le difese. Escludere dalla coscienza contenuti psichici (idee o impulsi) al fine di evitare lansia. Il dimenticare della repressione è di tipo speciale perché spesso sconfessato da un comportamento simbolico che indica che il rimosso non è realmente dimenticato.

52 Ciò che è rimosso non è abolito, ma attutito. Un cestino che brucia non può essere impunemente chiuso in un armadio. Per evitare il ritorno del rimosso occorrono difese ulteriori. In tal senso la repressione è la madre di tutte le difese.

53 Realtà accettata Soppressione: decisione conscia o semiconscia di posporre, anzi a rinunciare alla gratificazione di un qualche impulso, desiderio, bisogno, esercitando un certo controllo. Anticipazione: anticipo realistico o preparazione ad un futuro disagio interiore Umorismo: saper trovare ed apprezzare il risvolto comico delle cose e delle situazioni; sorridere di se stessi, senza alcun disprezzo

54

55

56 LA FAVOLA MIA Ogni giorno racconto LA FAVOLA MIA la racconto ogni giorno, chiunque tu sia... E mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi! Queste luci impazzite si accendono e tu cambi faccia ogni sera,ma sei sempre tu... Sei quell'uomo che viene a cercare l'oblio, la poesia che ti vendo, di cui sono il dio! Dietro questa maschera c'è un uomo e tu lo sai! L'uomo di una strada che è la stessa che tu fai. E mi trucco perché la vita mia, non mi riconosca e vada via... Batte il cuore ed ogni giorno è un'esperienza in più... La mia vita e nella stessa direzione,tu... E mi vesto da re perché tu sia, tu sia il re di una notte di magia!!! Con un gesto trasformo la nuda realtà, poche stelle di carta il tuo cielo ecco qua! Ed inventa te stesso la musica mia... E dimentichi il mondo con la sua follia!

57 Tutto quello che c'è fuori rimane dov'è, tu sorridi, tu piangi, tu canti con me... Forse torni bambino e una lacrima va sopra a questo costume che a pelle mi sta! Dietro questa maschera c'è un uomo e tu lo sai! Con le gioie, le amarezze ed i problemi suoi... E mi trucco perché la vita mia, non mi riconosca e vada via... Batte il cuore ed ogni giorno è un'esperienza in più... La mia vita e nella stessa direzione, tu... E mi vesto da re perché tu sia, tu sia il re di una notte di magia!!! Dietro questa maschera lo sai ci sono io... (Sono io soltanto io!) Quel che cerco, quel che voglio,lo sa solo Dio... (E lo sa soltanto Dio!) Ed ogni volta nascerò. Ed ogni volta morirò. Per questa favola che è mia! Vieni ti porto nella FAVOLA MIA!!!


Scaricare ppt "I MECCANISMI DI DIFESA Testi di riferimento Psicologia e formazione A.Cencini A. Manenti Psicologia A.M. Ravaglioli."

Presentazioni simili


Annunci Google