La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi per bucato» LSP-L Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi per bucato» LSP-L Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi."— Transcript della presentazione:

1 Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi per bucato» LSP-L Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi per bucato» LSP-L Uniniziativa del nostro settore per dei detersivi più «sostenibili» Giugno2010

2 2 Le iniziative dellA.I.S.E. per uno «sviluppo sostenibile» Obiettivi Promuovere e dimostrare un miglioramento continuo della nostra industria a favore di uno sviluppo sostenibile Comunicare in modo proattivo con i consumatori e gli «opinion leader» Far crescere la fiducia del pubblico nei confronti della nostra industria

3 3 Code of Good Environmental Practice (1997) Washright (1998) Laundry Sustainability Projects (2006 +) Save Energy and Water project (2006) Sommario delle iniziative DUCC (2000) HERA* (1999) Safe Use Icons (2005) Charter for Sustainable Cleaning (2004) EPAA (2005) AFPSP (2007) CLEANRIGHT* (2008) (*con il Cefic)

4 4 I progetti A.I.S.E. LSP: la storia Il Codice ( ) Prodotti coinvolti: tutti i detersivi per bucato (per uso domestico) Paesi coperti: UE 15 + CH, IS, LI, NO Periodo: 1 gennaio dicembre 2001 Partecipazione: 100 aziende in 18 paesi (>90% del mercato) «Compattazione» Dosaggi medi raccomandati: – –150g/lavaggio nel 1997 – –110g/lavaggio nel 2002 Benefici (sui 5 anni): – –Meno 1 milione di tonnellate di detersivi – –Meno tonnellate di materiali di imballaggio

5 5 I progetti A.I.S.E. LSP: lesperienza LSP-1 ( ) Prodotti coinvolti: tutti i detersivi per bucato in polvere (per uso domestico) Paesi coperti: UE 27+ regione dei Balcani Periodo: 1 gennaio dicembre 2008 Partecipazione: 17 aziende in 12 paesi (nella regione delllEuropa centro-orientale) (>80% del mercato) «Compattazione» ( 33% in peso) Dosaggi medi raccomandati: – –150g/lavaggio nel 2005 – –100g/lavaggio nel 2007 Benefici (sui 3 anni): – –Meno tonnellate di detersivi – –Meno tonnellate di materiali di imballaggio

6 6 LSP-2 ( ) Prodotti coinvolti: tutti i detersivi per bucato in polvere (per uso domestico) Paesi coperti: UE 27 + CH, IS, LI, NO Periodo: 1 gennaio dicembre 2010 Partecipazione: 13 aziende in 19 paesi «Compattazione »: dosaggio medio raccomandato 85g/lavaggio Benefici attesi (sui 2 anni di vita del progetto) : – –Meno tonnellate di detersivi – –Meno tonnellate di materiali di imballaggio I progetti A.I.S.E. LSP: lesperienza

7 7 Codice LSP-1 LSP-2 Un successo: > 80% del mercato coinvolto Significativi benefici di sostenibilità raggiunti ma: Focalizzati solo sui detersivi in polvere Opportunità per una iniziativa simile per i detersivi per bucato liquidi => L iniziativa A.I.S.E. LSP-L I progetti A.I.S.E. LSP: lesperienza

8 8 LSP-L: Dettagli del progetto Principi: Seguito del Codice di Buona Pratica Ambientale, LSP-1 e LSP-2 Paesi coperti: UE 27 + Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera Le aziende possono scegliere i paesi nei quali vogliono partecipare Prodotti coinvolti: Detersivi per bucato liquidi (uso domestico) Progetto aperto a tutte le aziende che mettono sul mercato dei detersivi liquidi nella regione (associate e/o non-associate a una Associazione Nazionale dellA.I.S.E.)

9 9 LSP-L: Dettagli del progetto Impegni per le aziende: Concentrare tutti i loro detersivi per bucato liquidi, per avere un dosaggio raccomandato* 75 ml Ridurre/ottimizzare lutilizzo dei materiali dimballaggio, assicurando un alto livello di riempimento delle bottiglie (almeno in linea con i livelli attuali) Comunicare ai consumatori luso corretto dei prodotti concentrati tramite una comunicazione sulle bottiglie, basata sul materiale sviluppato dallA.I.S.E. (vedere in seguito) * per un lavaggio standard cioé per un bucato «normalmente sporco» e una durezza media dellacqua

10 10 LSP-L: Calendario del progetto 1 luglio 2009: «Apertura» del progetto Data a partire dalla quale le aziende possono firmare una «Lettera dimpegno» su base confidenziale con lA.I.S.E. Promozione interna in seno alla rete associativa e allindustria da parte delle Associazioni Nazionali. 1 luglio 2010: «Attivazione» del progetto Data a partire dalla quale le aziende possono mettere sul mercato i loro detersivi «concentrati» nel contesto di LSP-L e possono utilizzare il materiale di comunicazione A.I.S.E. sui loro imballaggi (come specificato nella «Lettera di impegno»). Luglio 2010 – Giugno 2011: «Implementazione» del progetto (Periodo di vita del progetto)

11 11 LSP-L: Benefici potenziali Benefici attesi Dopo la sua implementazione complessiva, si stima che LSP-L porterà ad una diminuzione* annuale di: tonnellate di detersivi liquidi tonnellate di materiali dimballaggio camion * Rispetto al 2008

12 12 Comunicazione ai consumatori Materiale e piano di comunicazione (indicativo) sviluppato dallA.I.S.E. per accompagnare i cambiamenti e incoraggiare i consumatori ad un consumo sostenibile, invitandoli ad ADATTARE i loro dosaggi alle nuove raccomandazioni Informazioni chiare su: La nuova iniziativa volontaria dellindustria Suggerimenti concreti sulla necessità di cambiare i dosaggi Comunicazione «on-pack »/messaggi-chiave: => ELEMENTI OBBLIGATORI: 1.Un «logo» specifico sul davanti 2.Un «logo» specifico associato alla tabella dei dosaggi (sul retro) => ELEMENTI FACOLTATIVI 3. Il pannello «Lavagiusto» (Washright)

13 13 Materiale on-pack => Per i prodotti concentrati nel contesto LSP-L Fronte Retro Un segnale chiaro che il dosaggio deve essere cambiato Da utilizzare nella tabella dei dosaggi N.B. : il numero di 40 lavaggi e il dosaggio di 75 ml sono solo a titolo indicativo

14 14 Fronte (facoltativo) Retro (facoltativo) Materiale on-pack => Per i prodotti già concentrati N.B. : il numero di 40 lavaggi e il dosaggio di 75 ml sono solo a titolo indicativo

15 15 NB:Luso di questo pannello è raccomandato a tutte le aziende che commercializzano dei detersivi per bucato nellambito della UE Obiettivo: Indicare chiaramente ai consumatori i benefici legati ai cambiamenti delle loro abitudini di dosaggio Forte raccomandazione di inserire, se possibile, il pannello A.I.S.E. Washright sugli imballaggi (nei diversi formati) Materiale on-pack => Per tutti i detersivi per bucato

16 16 => «Collarini»: Sviluppati centralmente Modello di testo e design forniti Da mettere su tutti i prodotti che: - saranno concentrati - o sono stati appena concentrati Libera scelta/decisione delle aziende impegnate nel progetto di sviluppare, utilizzare e pagare per lutilizzo di questo materiale Comunicazione ai consumatori – altre opportunità

17 17 Messaggi ai consumatori Meno impatto sullambiente Meno liquido per lavaggio Meno trasporto per lavaggio Meno imballaggio per lavaggio Seguite le istruzioni di dosaggio per ottenere il meglio dal vostro detersivo! Dosate correttamente – usate un dosatore per misurare il vostro detersivo liquido Fate attenzione al numero di lavaggi e non alla grandezza della bottiglia Seguite i consigli per ottenere i migliori risultati Seguite le indicazioni per minimizzare limpatto sullambiente La stessa efficacia con meno detersivo Più concentrato I nuovi contenitori si distinguono bene grazie ai loghi specifici Nuovi istruzioni duso Minor quantità di detersivo per lo stesso numero di lavaggi

18 18 LSP-L: external support « WWF International appoggia liniziativa industriale A.I.S.E. che mira a promuovere la concentrazione dei detersivi per il bucato in casa (…). Incoraggiamo fortemente tutti a partecipare e ad unirsi nel cammino verso i detersivi super- compatti in qualsiasi forma e di qualsiasi marca essi siano. E meglio per i produttori, per gli utilizzatori e per lambiente ». Maria Boulos Director Corporate Relations WWF International

19 19 => Campagne di comunicazione in comune con la Grande Distribuzione Vari elementi di comunicazione sviluppati dallA.I.S.E. per una campagna «in-store/nel negozio» con la Grande Distribuzione: Mezzo ottimale per sensibilizzare i consumatori Sforzo comune da parte dellindustria e della Grande Distribuzione per promuovere un consumo più sostenibile (cf EU Retail Forum) Le Associazioni Nazionali legate allA.I.S.E. responsabili di studiare la fattibilità di tali campagne e coordinare la loro implementazione con la Grande Distribuzione a livello locale Materiale a disposizione: Materiale per i carrelli Insegne per gli scaffali+ pop-up Volantini Espositori Poster Comunicazione ai consumatori – altre opportunità

20 20 Campagna con la distribuzione Carrello

21 21 Insegne per gli scaffali + Pop-up Campagna con la distribuzione

22 22 Volantino (A5 recto verso) Campagna con la distribuzione

23 23 LSP-L: Trade campaign Volantino distributore

24 24 Poster Campagna con la distribuzione

25 25 Un «budget centrale» (a livello dellA.I.S.E.) è stato previsto per far fronte a tutte le spese centrali. Vari «budgets nazionali» devono essere previsti dalle varie Associazioni Nationali per poter far fronte a le spese per la comunicazione locale in ciascun paese. Contributi centrali : tutte le aziende che partecipano al progetto devono contribuire al budget centrale sulla base della loro quota regionale del mercato dei detersivi liquidi per bucato nel 2008 (la media delle loro VMS* nationali, pesate secondo la dimensione dei mercati nazionali) Le aziende con una VMS regionale <1.0% contribuiscono al budget centrale con una quota fissa di 1,000 Contributi locali : solo le aziende con una VMS nazionale nel 2008 > 1.0% contribuiscono ai budget locali, per i paesi nei quali si sono impegnate, secondo la loro VMS/quota di mercato nazionale dei detersivi liquidi per bucato nel 2008 * VMS = Value Market Share LSP-L: Aspetti finanziari

26 26 LSP-L: Conclusioni Cosa fare? Continuare le discussioni interne Ottenere il sostegno dei Comitati Direttivi delle Associazioni Nazionali e delle aziende associate Coinvolgere le aziende non-associate Coinvolgere la Grande Distribuzione per: Informarli sui futuri cambiamenti sul mercato Attirare la loro attenzione per i loro prodotti a marchio proprio Esaminare la possibilità di attività di comunicazione in comune Coinvolgere gli «opinion leader» più importanti Sviluppare degli eventi di comunicazione Implementare e sostenere il progetto

27 27 GRAZIE! Domande / Risposte


Scaricare ppt "Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi per bucato» LSP-L Il progetto A.I.S.E. di «Sviluppo Sostenibile per i detersivi liquidi."

Presentazioni simili


Annunci Google