La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Scenario, opportunità, percorso, supporto Alessandro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Scenario, opportunità, percorso, supporto Alessandro."— Transcript della presentazione:

1 Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Scenario, opportunità, percorso, supporto Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna – Energia, innovazione e sviluppo sostenibile Queste slide ed altro materiale sono accessibili a partire da: (cartella Gare Gas «seminari»)http://tinyurl.com/bn6vk6t I seminario ATEM PC1 e PC2 20 maggio 2013 In evidenza: 20 giugno Bologna 10:00 – 13:00 Kick-off Conto Termico – SAVE THE DATE

2 Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) DM 226/2011 in pillole Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna – Energia, innovazione e sviluppo sostenibile Queste slide ed altro materiale sono accessibili a partire da: (cartella Gare Gas)http://tinyurl.com/bn6vk6t

3 Gli ATEM e le scadenze in RER Start = 11/8/12 Start = 11/2/13 Start = 11/8/13 Start = 11/2/14 Start = 11/8/14 Start = 11/2/15 Entro 15 mesi da Start gara (18 in ATEM senza capoluogo) Accorpamenti consentiti Start = convocazione comuni concedenti da parte di capoluogo o provincia

4 I comuni dellATEM esercitano il servizio di distribuzione del gas in forma associata da definirsi secondo la normativa vigente in materia di Enti locali (TUEL) Start = 11/2/14 Capoluogo Clienti = 84KPdR QA= 116K QC = 293K Start = 11/2/15 Provincia Clienti = 56KPdR QA = 56K QC = 199K ATEM PC1ATEM PC2 Comuni1933 Clienti Distributore prevalente ~ 67%40% Comuni maggiori59,50%13%

5 Composizione ATEM PC1 + PC2 (52 comuni - gestori uscenti diversi) 48 comuni della Provincia di PC (tutti) 3 comuni della Provincia di PR (in PC2) –Bore, Pellegrino PR, Varsi 1 comune della Provincia di PV (in PC1) –Roverscala

6 I comuni dellATEM esercitano il servizio di distribuzione del gas in forma associata da definirsi secondo la normativa vigente in materia di Enti locali (TUEL) Quale governance per la forma associata?

7 Situazione oggi Comune1 Comune2 Comune3 Comune4 Comune45 Comune… Comuni concedenti Distributori uscenti Contratti, condizioni, piani di sviluppo specifici per ogni comune

8 Situazione a gara aggiudicata Forma Associata Comune1 Comune2 Comune3 Comune4 Comune48 Comune… Unico contratto di servizio Unico piano di sviluppo di ATEM Condizioni omogenee per tutti Comuni concedenti Distributore Entrante N.B. AllATEM partecipano anche i comuni che hanno esperito gare

9 Ruoli -Ruoli -Comuni concedenti: titolari della concessione (attuale e futura) -Comune Capoluogo(PC1) o Provincia(PC2): obbligo di convocazione e avvio formale del processo -Forma associata: esercizio del servizio pubblico e vigilanza e controllo contratto -Stazione appaltante (delegata dai comuni): preparazione, indizione gara, firma atti contrattuali -Se nellATEM cè il comune capoluogo la Stazione Appaltante è il Capoluogo -Se nellATEM NON cè il capoluogo i comuni devono individuare Stazione Appaltante Il primo atto per tutti i comuni sarà delibera di CC con delega alla stazione appaltante a: Predisporre la gara Firmare il contratto di servizio

10 DM 226/11: date limite e comuni coinvolti ATEM PC1: 11 feb 2014 ATEM PC2: 11 feb 2015 ATEM PC1: 11 mag 2015ATEM PC2: 11 mag 2016 ATEM PC1 e PC2: ~ mesi 12 anni Comuni che hanno già esperito gare: -Scadenza contrattuale entro i primi 12 anni subentra gestore ATEM -Scadenza oltre primi 12 anni scadenza ope legis In ogni caso le informazioni sullimpianto vanno inserite nella I gara tutti i comuni dellATEM sono coinvolti nelle attività di predisposizione della gara (delibere)

11 Il quadro degli oneri economici del gestore entrante A favore comuni concedenti Canoni Remunerazione Capitale Investito (tasso fisso su quota rete pubblica) Fino al 5% Capitale di Località + quota ammortamento annuale TOSAP/Cosap (sulla quota di rete del gestore) Monetizzazione anticipata TEE offerti in gara Le differenze rispetto ai canoni attuali vanno valutate a seguito di: Definizione consistenza impianto (materiali, date dei lavori….) Perimetrazione proprietà pubblica e privata (opere urbanizzazione…) Parametri di valutazione del Valore: –condizioni inserite nelle concessioni –prezziari Dati forniti da gestore uscente e verificati da Comuni (in contradditorio)

12 Prime indicazione operativa Da subito 1.avviare attività di censimento atti comunali rilevanti per la perimetrazione proprietà 2.Raccogliere le informazioni relative alla consistenza della proprietà comunale Fattori determinanti: Valori relativi a intero impianto complesso ma oggettivo Perimetrazione della proprietà impianti su base atti comunali

13 DM 226/11: Criteri di aggiudicazione delle offerte Offerta economicamente più vantaggiosa condizioni economiche 28/100 criteri di sicurezza e di qualità 27/100 piani di sviluppo degli impianti 45/100 Condizioni economiche Sconto tariffario (massimo fissato) Sconto corrispettivi di prestazione servizi Metri di rete in più oltre al piano di sviluppo Canone: max 5% Capitale di località Entità investimenti in efficienza energetica Altri oneri economici sono fissati da DM A favore clienti A favore comune A favore territorio

14 Il quadro degli oneri economici del gestore entrante A favore comuni concedenti Canoni Remunerazione Capitale Investito (tasso fisso su quota rete pubblica) Fino al 5% Capitale di Località + quota ammortamento annuale TOSAP/Cosap (sulla quota di rete del gestore) Monetizzazione anticipata TEE offerti in gara Rimborsi per attività: Una tantum fissa rimborso oneri di gara Quota per stazione appaltante Quota per comuni concedenti 1% Capitale di Località rimborso attività vigilanza quote fisse (no rendiconto spese) a favore ATEM

15 DM 226/11: Rimborsi per attività ATEM PC1: 11 feb 2014 ATEM PC2: 11 feb 2015 ATEM PC1: 11 mag 2015ATEM PC2: 11 mag 2016 ATEM PC1 e PC2: ~ 2030 Una tantum fissa per Stazione appaltante Comuni concedenti (definita da AEEG) Canone fisso per ATEM (definita da DM 226/11)

16 Il quadro dei rimborsi per attività ATEM PC1 e PC2 ATEM PC1ATEM PC2PC1+PC2 Una tantum stazione appaltante , , ,50 Una tantum comuni concedenti , , ,46 Canone rimborso vigilanza 1% CdL PC1 1% CdL PC2 1% CdL (PC1+PC2)

17 Rimborsi per attività Rimborsi (a carico del gestore entrante): -Comuni concedenti (compreso capofila): a rimborso della raccolta dati da gestori… quota fissa per lATEM da ripartire in funzione di chi fa cosa -SOA (capofila): a rimborso di coordinamento ATEM, predisposizione atti di gara, pubblicazione, aggiudicazione…. quota fissa -Forma associata: a rimborso dellattività di monitoraggio del contratto canone annuo = 1% del Capitale di Località (~ 80 – 150 K da verificare valore reale)

18 Attività prima del contratto con nuovo gestore Le attività: -Comuni concedenti -Perimetrazione proprietà impianto (di chi è cosa) -Valutazione del Valore Industriale Residuo -Definizione estensione e sviluppo rete -SOA -Due diligence convenzioni in essere (criteri estimativi e scadenza) -Formazione quadro conoscitivo (consistenza impianto, VIR….) -Stesura linee guida programmatiche (estensioni, manutenzione, potenziamento) -Stesura atti di gara e gestione gara -Forma associata -Definizione modello decisionale e governance -Struttura e organizzazione ufficio associato (comitato di monitoraggio)

19 Serve tempo ATEM PC1: 11 feb 2014 ATEM PC2: 11 feb 2015 ATEM PC1: 11 mag 2015ATEM PC2: 11 mag Ruoli -Comuni concedenti: titolari della concessione -Comune capofila: convocazione e gestione creazione Forma Associata -SOA (delegata dai comuni): preparazione e indizione gara -Forma associata: esercizio del servizio pubblico e vigilanza e controllo contratto ATEM PC1 e PC2: ~ 2030 Preparazione gara: NON SOLO ATTIVITA TECNICO-AMMINISTRATIVA! Si prendono rilevanti decisioni e si definisce la governance dellATEM Serve creare preventivamente consapevolezza condivisa in materia PREPARAZIONE

20 Energia: è tutto come in passato? Cosa sta già accadendo? Cosa succederà? ATEM RN: ~ 2030

21 Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Scenario energetico al ~2030 Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna – Energia, innovazione e sviluppo sostenibile Queste slide ed altro materiale sono accessibili a partire da: (cartella Gare Gas)http://tinyurl.com/bn6vk6t

22 Volumi di gas Prov RN* per destinazione (*non coincidente con ATEM RN)

23 Decarbonizzazione economia (a favore di occupazione) Roadmap europea: – 20% al 2020 (18% ITA) – 40% al 2030 – 60% al 2040 – 80+% al 2050 Roadmap europea SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 19% al Strategie e Politiche locali (es: Patto dei Sindaci) Scenario energetico al ~ 2030 Durante contratto con nuovo gestore Ipotizzabile – 35% al ~ 2030? Quanto incide sul gas naturale nellATEM?

24 Decarbonizzazione economia Roadmap europea: – 20% al 2020 – 40% al 2030 – 60% al 2040 – 80+% al 2050 Roadmap europea SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 19% al Strategie e Politiche Locali (es: Patto dei Sindaci) Direttiva 11/09/2012 : Efficienza energetica – vincolo ai venditori di riduzione volumi del 1,5%/anno fino al 2020Direttiva 11/09/2012 – SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 24% al 2020 Attuazione direttiva UE 31/2010: prestazioni energetiche in edilizia –Edifici a consumo «quasi» zero (NZB) entro il 2020 (il 2018 per proprietà pubblica) (MED in Italy)MED in Italy –Sempre più spesso nuove urbanizzazioni con scarsi consumi gas naturale (altre fonti) Durante contratto con nuovo gestore Scenario energia al Quanto incide sul gas naturale? Ipotizzabile – 35% al ~ 2030

25 Decarbonizzazione economia Roadmap europea: – 20% al 2020 – 60% al 2030 – 95% al 2050 Roadmap europea SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 19% al 2020 Strategie locali di riduzione dipendenza da fonti fossili (es: Patto dei Sindaci) Direttiva 11/11/2012 : Efficienza energetica – vincolo ai venditori di riduzione volumi del 1,5%/anno fino al 2020Direttiva 11/11/2012 – SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 24% al 2020 Attuazione direttiva UE 31/2010: prestazioni energetiche in edilizia –Edifici a consumo «quasi» zero entro il 2020 (il 2018 per proprietà pubblica) (MED in Italy)MED in Italy –Sempre più spesso nuove urbanizzazioni senza consumi gas (altre fonti) Costo gas –Ultimi tre anni +85% materia prima, + 50% tariffa domestica –Povertà energetica fenomeno emergente Durante contratto con nuovo gestore Scenario energia al Ipotizzabile ~ – 35% entro 2030 Quanto incide sul gas naturale?

26 Decarbonizzazione economia: paradigma 26 Quota che contribuisce alloccupazione locale (venditori & distributori)

27 Decarbonizzazione economia Roadmap europea: – 20% al 2020 – 60% al 2030 – 95% al 2050 Roadmap europea SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 19% al 2020 Strategie locali di riduzione dipendenza da fonti fossili (es: Patto dei Sindaci) Direttiva 11/11/2012 : Efficienza energetica – vincolo ai venditori di riduzione volumi del 1,5%/anno fino al 2020Direttiva 11/11/2012 – SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 24% al 2020 Attuazione direttiva UE 31/2010: prestazioni energetiche in edilizia –Edifici a consumo «quasi» zero entro il 2020 (il 2018 per proprietà pubblica) (MED in Italy)MED in Italy –Sempre più spesso nuove urbanizzazioni senza consumi gas (altre fonti) Costo gas –Ultimi tre anni +85% materia prima, + 50% tariffa domestica –Povertà energetica fenomeno emergente Bio-metano in rete (Attuazione Dlgs 28/ doc in consultazione AEEG)doc in consultazione AEEG –Impatti su piani di sviluppo rete e localizzazione impianti di produzione Durante contratto con nuovo gestore Scenario energia al ~ 2030 Ipotizzabile ~ – 35% entro 2030 Quanto incide sul gas naturale?

28 Decarbonizzazione economia Roadmap europea: – 20% al 2020 – 60% al 2030 – 95% al 2050 Roadmap europea SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 19% al 2020 Strategie locali di riduzione dipendenza da fonti fossili (es: Patto dei Sindaci) Direttiva 11/11/2012 : Efficienza energetica – vincolo ai venditori di riduzione volumi del 1,5%/anno fino al 2020Direttiva 11/11/2012 – SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 24% al 2020 Attuazione direttiva UE 31/2010: prestazioni energetiche in edilizia –Edifici a consumo «quasi» zero entro il 2020 (il 2018 per proprietà pubblica) (MED in Italy)MED in Italy –Sempre più spesso nuove urbanizzazioni senza consumi gas (altre fonti) Costo gas –Ultimi tre anni +85% materia prima, + 50% tariffa domestica –Povertà energetica fenomeno emergente Bio-metano in rete (Attuazione Dlgs 28/ doc in consultazione AEEG)doc in consultazione AEEG –Impatti su piani di sviluppo e localizzazione impianti di produzione Competizione con altre fonti energetiche e smart grid –Contatori e rete intelligenti (smart metering) –Teleriscaldamento, geotermia bassa entalpia, pompe di calore…. Durante contratto con nuovo gestore Scenario energia al ~ 2030 Ipotizzabile ~ – 35% entro 2030 Quanto incide sul gas naturale?

29 Decarbonizzazione economia Roadmap europea: – 20% al 2020 – 40% al 2030 – 60% al 2040 – 80+% al 2050 Roadmap europea SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 19% al Strategie e Politiche locali (es: Patto dei Sindaci) Direttiva 11/11/2012 : Efficienza energetica – vincolo ai venditori di riduzione volumi del 1,5%/anno fino al 2020Direttiva 11/11/2012 – SEN: Strategia Energetica Nazionale: - 24% al 2020 Attuazione direttiva UE 31/2010: prestazioni energetiche in edilizia –Edifici a consumo «quasi» zero ( NZB ) entro il 2020 (il 2018 per proprietà pubblica) (MED in Italy)MED in Italy –Sempre più spesso nuove urbanizzazioni senza consumi gas (altre fonti) Costo gas –Ultimi tre anni +85% materia prima, + 50% tariffa domestica –Povertà energetica fenomeno emergente Bio-metano in rete (Attuazione Dlgs 28/ doc in consultazione AEEG)doc in consultazione AEEG –Impatti su piani di sviluppo rete e localizzazione impianti di produzione Competizione con altre fonti energetiche e smart grid –Contatori e rete intelligenti (smart metering) –Teleriscaldamento, geotermia bassa entalpia, pompe di calore …. Sicurezza, efficienza impianti di consumo: obblighi AEEG e controlli EE.LL. –Efficienza nei processi dei controlli di sicurezza ed efficienza (vs povertà) Durante contratto con nuovo gestore Scenario energia al ~ 2030 Ipotizzabile – 35% al ~ 2030 Quanto incide sul gas naturale? Le leve su cui agire per governare il sistema energetico locale sono molteplici.

30 Governance vs evoluzione energetica Vincolare la forma associata unicamente al servizio di distribuzione gas comporta: Rigidità nella attuazione di politiche energetiche integrate Impreparazione di fronte ai cambiamenti del sistema energetico Difficoltà nel definire strategie di area vasta nel corso del contratto Rischi di incapacità strutturale di cogliere opportunità che si presenteranno La forma associata deve garantire il quadro conoscitivo dellenergia dellATEM, (Osservatorio permanente?) per abilitare i comuni a: esercitare politiche energetiche attive e consapevoli, favorire lo sviluppo economico locale

31 Energia: da commodity a strategia politica locale Strategia di tutela delle comunità locali dagli impatti dei fenomeni globali –Povertà energetica –Competitività del territorio Strategia di sviluppo economico –Fonti fossili occupazione residuale –Efficienza energetica occupazione locale –Produzione FER occupazione locale Occupazione locale = occupazione non delocalizzabile

32 La forma associata Convenzione ex art. 30 del TUEL Assemblea dei sindaci (concedenti) Organo di governo (definire modello decisionale) Presidente (Delegato da comuni concedenti) Utenti? famiglie? Imprese? Altri? Distributore GAS Atti contrattuali Verifiche e ispezioni Comitato di monitoraggio Ufficio Associato Altre fonti e vettori energetici Consumi di imprese e famiglie Intesità energetica (PIL vs energia) Povertà energetica Sicurezza impianti Monitoraggio piani energetici ……..

33 Nuova programmazione UE /05/2013Patto dei Sindaci 20% Energia come strategia modello generale Energia come modello per nuove politiche integrate

34 Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Tempi e percorso Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna – Energia, innovazione e sviluppo sostenibile Queste slide ed altro materiale sono accessibili a partire da: (cartella Gare Gas)http://tinyurl.com/bn6vk6t

35 DM 226/11: Tempi e adempimenti date limite ATEM PC1: entro 11 feb 2014 ATEM PC1: entro 11 mag 2015 ATEM PC1: ~ 2030 Elezioni Amministrative 2014 Campagna elettorale Insediamento nuovi CC e nuove giunte Indicazione operativa: avviare subito attività dellATEM per consegnare a nuove giunte gran parte di lavoro già fatto

36 Definizione di una «cabina di regia» transitoria per costruire il consenso tra i tutti i comuni dellATEM sulla forma convenzionale –rappresentatività vs efficienza –Consapevolezza dei decisori e competenze Decisione su unificazione o meno degli ATEM PC1 e PC2 Passaggio nei CC della delibera di: –Individuazione della stazione appaltante –Delega o meno a Stazione appaltante a trattare con i gestori uscenti –Schema di convenzione ex- art 30 del TUEL finalizzata alla predisposizione gara Forma associata: Convenzione quadro, ampio oggetto. Poi convenzioni attuative quando ci sono dati condivisi su cui basare le decisioni –Modello decisionale adeguato alla composizione dellATEM –Valutazioni su partecipazione utenti (e ruolo: consultivo, decisionale?) «Stimolo» alla delega della funzione «gas ed energia» agli ambiti (LR 21/2012) –Si accelera la definizione di politiche energetiche locali attive –Si diminuisce il numero di interlocutori della forma associata a favore di efficacia e governance Forma associata: percorso proposto

37 Ipotesi di programma per ATEM PC Entro 1 luglio 2013 Atto di giunta? Istituzione cabina di regia congiunta PC1 e PC2 Individuazione RUP di ogni comune concedente Individuazione rappresentanza Tempo 90 giorni? Approvazione convenzione quadro ANCI e I piano di attività Entro dicembre 2013 Atto di CC Individuazione Stazione appaltante Approvazione convenzione quadro forma associata Approvazione Piano di lavoro e criteri riparto una tantum Entro settembre 2014 Attività operative – fase 1 Valutazione VIR a approvazione nei CC Formazione quadro conoscitivo ATEM ANCI: Due diligence convenzioni in essere incontri preliminari con comuni/unioni Comuni concedenti: perimetrazione proprietà pubblica Comuni concedenti: contradditorio con i gestori

38 Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Il supporto di ANCI Emilia-Romagna Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna – Energia, innovazione e sviluppo sostenibile Queste slide ed altro materiale sono accessibili a partire da: (cartella Gare Gas)http://tinyurl.com/bn6vk6t

39 In corso (da ago 2011) azione di sistema di stimolo e sostegno alle politiche energetiche locali come: –strategia di sviluppo economico locale –definizione di politiche di tutela dal rischio di povertà energetica Convenzione con RER – DG Att. Prod e Energia per: –sostegno regionale al Patto dei Sindaci (impegno formale con UE fino al 2020) –Attuazione del Piano Energetico Regionale per lo sviluppo della Green & White Economy Raccoglie e diffonde esperienze regionali e nazionali in materia di: –nuovi paradigmi energetici e decarbonizzazione economia –modelli attuativi che si renderanno disponibili nella graduale attuazione della normativa gas Sostiene le attività del Gruppo di Lavoro Energia degli Enti LocaliGruppo di Lavoro Energia degli Enti Locali –istituito in aprile 2012 da presidenti regionali di ANCI, UPI, UNCEM, Lega autonomie A fianco dei comuni e delle loro forme associative per facilitare la definizione di modelli di governance adeguati alla composizione dellATEM Ha costituito una propria in-house - ANCICOM srl –adeguata alla recente normativa (spending review) –per adeguare ed elevare il livello di servizio ai comuni associati Nella attuazione del DM 226/11 costituisce fattore di garanzia: –terzietà nei confronti dei gestori uscenti –inclusività dei comuni minori nella governance (transitorio e regime) –Efficacia del funzionamento dellufficio associato (osservatorio permanente energia dellATEM) Attività in corso ANCI-ER

40 Ambito del supporto ANCI-ER -SUPPORTO ALLAVVIO DELLATEM -Coordinamento istituzionale dei comuni dellATEM -Due diligence convenzioni in essere -Raccolta dati allinterno del quadro conoscitivo dellATEM -Supporto al contradditorio con gestori uscenti per comuni che delegano stazione appaltante -Redazione atti di gara -Definizione Forma Associata -COSTITUZIONE E PARTECIPAZIONE ALLUFFICIO ASSOCIATO -Profilazione attività ufficio associato (osservatorio energia ATEM e vigilanza contratto GAS) -Formazione personale dellufficio -Condivisione alte professionalità a supporto dellufficio con altri ATEM

41 Schema di ingaggio ANCI-ER ATEM Convenzione quadro tra ANCI Emilia-Romagna e Comuni dellATEM –Ambito: supporto a politiche energetiche –Durata: lungo periodo (~ 2030 come contratto di servizio) Piano di attività con Capofila –Obiettivo: definizione documenti di gara e forma associativa –Coordinamento e supporto istituzionale alla redazione atti di gara –Formazione del quadro conoscitivo dellATEM Piano di attività con Forma Associata –Obiettivo: costituzione ufficio associato –Condivisione alte competenze condivise con altri ATEM

42 Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Scenario, opportunità, percorso, supporto Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna – Energia, innovazione e sviluppo sostenibile Queste slide ed altro materiale sono accessibili a partire da: (cartella Gare Gas «seminari»)http://tinyurl.com/bn6vk6t I seminario ATEM PC1 e PC2 20 maggio 2013 In evidenza: 20 giugno Bologna 10:00 – 13:00 Kick-off Conto Termico – SAVE THE DATE


Scaricare ppt "Esercizio in forma associata del servizio di distribuzione del gas naturale (attuazione DM 226/2011) Scenario, opportunità, percorso, supporto Alessandro."

Presentazioni simili


Annunci Google