La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia delle Reti e Commercio Elettronico (G.Gottardi) Temi trattati nella I lezione I nuovi asset fondamentali: Informazione e Conoscenza –Nuove tecnologie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia delle Reti e Commercio Elettronico (G.Gottardi) Temi trattati nella I lezione I nuovi asset fondamentali: Informazione e Conoscenza –Nuove tecnologie."— Transcript della presentazione:

1 Economia delle Reti e Commercio Elettronico (G.Gottardi) Temi trattati nella I lezione I nuovi asset fondamentali: Informazione e Conoscenza –Nuove tecnologie per facilitare la produzione e lo scambio dei nuovi asset: le ICT. Azienda come organizzazione information e knowledge-based. –ICT e reti organizzative –Nozione di rete. Tipi di reti. Modelli matematici di reti. Reti economiche e Reti digitali Il Paradigma Internet

2 Numerosi sistemi complessi hanno una struttura nascosta governata da reti Il cervello è una rete di cellule nervose connesse da assoni Le cellule sono connesse da reti di segnali biochimici Le società umane sono reti di persone collegate da relazioni (professionali, di parentela, di amore, di amicizia) Molte tecnologie sono strutturate a rete: –Reti di distribuzione specializzate: acqua, energia (gas, elettricità, calore) –Reti viarie; reti ferroviarie; reti aeree –Reti di trasmissione dell'informazione (telecomunicazioni) –Reti digitali multimediali (Internet)

3 Internet

4 Elementi di teoria delle reti Teoria tradizionale delle reti: sistemi di nodi con collegamenti random Teoria delle reti aleatorie (anni '50; Erdos e Reny) Un risultato della teoria delle reti aleatorie: In una rete aleatoria i nodi seguono una distribuzione di Poisson Nonostante la disposizione casuale dei collegamenti, la probabilità che un nodo abbia un dato numero di collegamenti si addensa attorno a un valore medio

5 Reti aleatorie Nelle reti aleatorie è raro trovare nodi che abbiano un numero di collegamenti nettamente maggiore o minore di un valor medio Non esistono nodi che ne hanno un numero >> o << Se una rete sociale fosse una rete aleatoria, il numero di relazioni di ogni persona non si discosterebbe molto da quello di tutte le altre persone Ricerche recenti hanno rivoluzionato questi assunti E stato scoperto che moltissime reti hanno proprietà statistiche molto diverse

6 Reti scale-free Tracciando mappe del Web (rilevazione del numero di link di ogni pagina) si è scoperto che la struttura del collegamenti non è affatto aleatoria Nel Web la grandissima maggioranza dei nodi ha pochi collegamenti; solo una piccolissima minoranza ha moltissimi collegamenti (meno dello 0,01% ha oltre 1000 collegamenti) La rete Web non segue una distribuzione di Poisson, ma una legge di potenza p = A (1/k n ) –con p <1 = probabilità di un nodo di avere k collegamenti –(Barabasi e Réka, 2002, Statistical Mechanics of Complex Networks, Reviews of Modernm Physics, n. 74, Jan., pp.47-97). Barabasi Albert-Laszlo, 2002, Linked: The New Science of Networks, Perseus Publishing. Mendes J.F.F., Dorogovtsev, Sergei N., 2003, Evolution of Networks: From Biological Nets to the Internet and WWW, Oxford University Press. Team Santa Fe Univ.)

7 reti aleatorie reti scale-free p = A (1/k n ) S u scala bi-logaritmica il grafico di una legge di potenza è una retta: log p = log A - n log k

8 Reti aleatorie e reti scale free Rete autostradale Rete aerea

9 Caratteristiche delle reti scale-free Nelle reti scale-free dominano pochi grandi hub (gli hub non esistono in una rete aleatoria) Hub delle reti aeroportuali Hub di Internet: es. Yahoo, Google Scale-free significa 'senza proporzioni: non c'è un nodo medio o tipico –Nella popolazione umana laltezza è strettamente distribuita attorno a 1,70 cm. In una rete scale-free ci sarebbe un piccolo numero di persone alte 100 metri Reti scale-free (che seguono una legge di potenza) sono presenti in un gran numero di campi molto diversi

10 Esempi di Reti scale-free p = A (1/k n ) –Trasporti aerei (hub aeroportuali) –Reti scientifiche (reti delle citazioni dei paper) –Reti digitali. Address di posta elettronica –Reti di alleanze tra imprese (farmaceutica, biotech.) –Reti sociali (es. n. di connessioni via cellulare) –Reti di relazioni sessuali In tutti questi casi (diversissimi) il valore dell'esponente n è circa lo stesso! 2 < n < 3

11 Reti economiche e reti digitali Reti di servizi (reti idriche, reti di energia, reti di trasporti): veicolano grandezze fisiche Reti digitali: veicolano grandezze immateriali Reti di imprese: intrattengono relazioni sia fisiche che immateriali (informative, cognitive) Le reti digitali sono linfrastruttura portante delle moderne reti economiche basate sullInformazione e sulla Conoscenza Le reti digitali globali sono il nuovo paradigma: Economia digitale

12 Uneconomia fondata sullinformazione e sulla conoscenza postula la tecnologia delle reti digitali In uneconomia statica la produzione avviene secondo tecniche consolidate dalla tradizione: non cè innovazione no produzione, no scambio di nuova conoscenza Quando le imprese iniziano a competere sullinnovazione e sul tempo gli scambi informativi e cognitivi divengono essenziali Una quantità senpre maggiore di risorse viene destinata alla produzione e allo scambio di nuova conoscenza Ad un certo punto le risorse destinate a I e K possono giungere ad eguagliare, e infine a superare, quelle destinate alla produzione di beni fisici

13 De-materializzazione dell'economia E lecito parlare di de-materializzazione quando la quota di risorse destinata alla produzione di informazione e conoscenza diventa maggiore di quella della produzione fisica ( Es. calzature) Con la crescita degli scambi immateriali le economie industriali diventano economie di servizi ( 70% del PIL negli USA) Anche la quota di consumi immateriali sul totale dei consumi privati è rapidamente crescente (es.: entertainment; cultura e formazione) Le reti digitali sono lo strumento strategico per sostenere economie di questo tipo

14 Caratteri di uneconomia information e knowledge intensive La rivoluzione industriale fu assicurata da nuove tecnologie per produrre e trasportare merci Oggi tecnologie efficienti per produrre e scambiare la merce informazione e conoscenza diventano strategiche Il simbolo della tecnologia produttiva attuale non è più la catena di montaggio o limpianto robotizzato, ma la rete di calcolatori

15 Ma come funziona uneconomia basata su I e K, sostenuta dalle reti digitali (digital economy)? Cambiano: –i tipi di asset che incorporano il valore –le attività degli attori economici –le strategie e i modelli di business –i modelli organizzative delle imprese –i contenuti delle attività individuali (sempre maggiori conoscenze e competenze professionali richieste) –le relazioni inter-organizzative –le strutture di mercato

16 Il nuovo paradigma della Digital Economy Definizioni: –new economy vs old economy; information economy, information society, virtual economy, net economy, digital economy, knowledge economy La digital economy è in grado di generare: –un gran numero di nuovi business –un grande aumento degli scambi, soprattutto di beni immateriali –forti risparmi nella razionalizzazione delle attività tradizionali (trasporti, logistica, procurement, etc.) Effetti previsti: –crescita sostenuta della produzione e del reddito

17 Il paradigma INTERNET Radicalità del paradigma: –dis-accoppia definitivamente la produzione dal consumo di informazione e conoscenza –permette lo sfruttamento di capacità e risorse cognitive distribuite sulle reti digitali fuori dai confini dellimpresa –attiva un gran numero di nuove attività –facilita lacquisizione di economie di scala, scopo, specializzazione –Apre opportunità di nuove strategie

18 Si tratta di un cambiamento sostanziale che ha effetti molto vasti: Le modalità di produzione e di distribuzione dellinformazione e della conoscenza definiscono i caratteri delle istituzioni economiche e sociali (Melody)

19 Modelli di coordinamento online dell'attività economica: Gli scenari limite del MIT Mercato elettronico globale Gerarchia elettronica globale

20 Forme di coordinamento ICT-based I ipotesi: –le Ict porteranno a una riduzione drastica e generalizzata dei costi di informazione e di transazione –di conseguenza i mercati diverranno più efficienti rispetto alle gerarchie come meccanismi di coordinamento (move to the market). Alla fine, le Ict condurranno al Mercato su base planetaria II ipotesi: –emergeranno asimmetrie nella capacità duso delle nuove tecnologie da parte dei vari soggetti (imprese, settori, paesi) –Digital divide –questo rafforzerà il vantaggio competitivo e il potere di mercato di alcuni (più innovativi e efficienti nelluso delle ICT), che quindi acquisiranno una stabile leadership (esempi) –In questo caso la prospettiva è quella di un aumento delle imperfezioni del mercato, seguito da processi di concentrazione in direzione di nuovi equilibri di tipo oligopolistico

21 Allinterno degli scenari limite del MIT esistono molte forme intermedie Tendenze attuali: modelli organizzativi che sfruttano le reti digitali –Limpresa estesa –I business network Extended Enterprise, Virtual Enterprise, Virtual Organisation, Networked firm, Knowledge network, are terms by which scholars refer to models of inter-firm coordination that are in some way alternative to market and hierarchy and often considered in the middle Tutti questi modelli presuppongono un uso intenso delle ICT

22 Diffusione delle ICT: EFFETTI SULLIMPRESA Fonti dellinnovazione e della conoscenza: K. co-prodotta in rete VS sviluppo interno di K. Criticità: capacità di gestire la R&D extra moenia (team in rete) Posizionamento strategico: Ruolo nel value web VS posizionam. prodotto-mercato (1. specialist; 2. integrator; 3. KIBSfirm Size strategica, core business Outsourcing VS produzione interna di valore Criticità: capacità di definire il core business, di integrare competenze interne ed esterne Opportunità di business Nuovi modelli di business VS business tradizionali Criticità: capacità di comprendere le nuove opportunità di business offerte dalla rete, di gestire business online


Scaricare ppt "Economia delle Reti e Commercio Elettronico (G.Gottardi) Temi trattati nella I lezione I nuovi asset fondamentali: Informazione e Conoscenza –Nuove tecnologie."

Presentazioni simili


Annunci Google