La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE PER I BENI CULTURALI E IL TURISMO Prof. Vito Cappellini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Università di Firenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE PER I BENI CULTURALI E IL TURISMO Prof. Vito Cappellini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Università di Firenze."— Transcript della presentazione:

1 LE TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE PER I BENI CULTURALI E IL TURISMO Prof. Vito Cappellini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Università di Firenze Via di S.Marta, Firenze

2 Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) sono di importanza crescente per la conoscenza, conservazione, valorizzazione e fruizione dei Beni Culturali. Inoltre diviene sempre più forte la sinergia fra Beni Culturali e Turismo per organizzare nuove forme di accesso efficiente al patrimonio culturale di un determinato Territorio, unitamente alle varie risorse (paesaggio, tradizioni culinarie, ecc.) del Territorio stesso.

3 Crescono le opportunità di sviluppo di attività da parte delle Imprese nei due settori precedenti, specialmente in una Nazione come l'Italia che ha risorse culturali e turistiche di primissima importanza a livello europeo e internazionale.

4 Per quanto riguarda più in particolare i Beni Culturali alcune linee significative di attività sono le seguenti: - si possono effettuare acquisizioni digitali (2-D, 3-D) dei Beni Culturali di elevata qualità (elevata risoluzione spaziale, buona fedeltà cromatica);

5 - attraverso la documentazione digitale degli oggetti reali (opere darte) si può costituire un archivio numerico sicuro (banche dati contenenti schede, immagini ed anche brani vocali e musicali), praticamente indistruttibile;

6 - realizzando cataloghi elettronici delle opere darte anche a bassa-media risoluzione, si può diffondere la conoscenza dei Beni Culturali a livello nazionale ed internazionale;

7 - con limpiego di opportuni programmi di elaborazione si possono effettuare operazioni di restauro virtuale o elettronico, che permettono di simulare il restauro fisico vero di opere degradate o danneggiate, prima di effettuare tale restauro in pratica;

8 - con limpiego di programmi di rappresentazione 2-D e 3-D, è possibile effettuare anche da sedi remote mediante terminali multimediali (capaci di trattare testi, dati, voce-musica ed immagini) visite virtuali agli ambienti contenenti i Beni Culturali o navigare nella realtà 3-D degli stessi ambienti (sale museali, gallerie, monumenti, siti archeologici, ecc.), superando le barriere dello spazio (Musei Virtuali); è anche possibile ricostruire collezioni di opere disperse nel mondo, relative ad uno stesso artista o epoca;

9 - è possibile proteggere la proprietà intellettuale (copyright) per il settore Beni Culturali; un documento multimediale (in particolare da diffondere via rete telematica) può essere protetto mediante marchiatura elettronica in modo da permettere di rintracciare la sua distribuzione nella catena dal proprietario al fornitore del servizio (distributore) e quindi allutente finale;

10 - è possibile sviluppare archivi digitali integrati, nei quali viene reso possibile il facile accesso a tutti i tipi di Beni Culturali (testi-libri, dipinti-affreschi-statue, monumenti-palazzi, ecc.), realizzando nuove forme di navigazione interattiva ipermediale (motori intelligenti di navigazione), che permettano allutente (studioso, ricercatore, turista) un facile immediato accesso al contenuto culturale di interesse;

11 - con la disponibilità di documentazione elettronica di elevata qualità, relativa alle opere darte ed agli archivi storici, si possono effettuare operazioni di commercio elettronico mediante la distribuzione via rete (INTERNET) della documentazione stessa.

12 Per quanto riguarda il Turismo le tecnologie ICT permettono di collegare fra loro le successive fasi di una visita turistica:

13 - v iaggio (treno, auto, aereo); - alloggio (Hotel, Residence, Agriturismo); - servizi ausiliari (shopping, attività termali, ecc.); - visite ai Beni Culturali, anche con servizi via rete (prenotazione visite, pagamento di biglietti, acquisto documentazione, ecc.).

14 E' possibile creare un sistema di Gestione del Turismo che comprenda le varie fasi precedenti ed attivando le strutture ad esse dedicate (Agenzie di Viaggio, Alberghi, Enti Territoriali, Musei, Siti Archeologici, ecc.), utilizzando essenzialmente le tecnologie ICT ed in particolare la rete INTERNET.

15 In effetti Imprese ed Aziende operanti nelle varie linee indicate possono creare una filiera, nella quale ciascuna di loro esplica ad elevata efficienza la propria attività. Si può anche delineare in prospettiva la crescita di nuove Imprese di Gestione, che internamente svolgano tutte o molte delle funzioni ed attività sopra descritte.


Scaricare ppt "LE TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE PER I BENI CULTURALI E IL TURISMO Prof. Vito Cappellini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Università di Firenze."

Presentazioni simili


Annunci Google