La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro Ricerche Scienze Motorie Giulia Bardaglio, Fulvia Gemelli,Daniele Magistro, Francesca Magno, Danilo Marasso, Giovanni Musella, Simona Nebiolo In.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro Ricerche Scienze Motorie Giulia Bardaglio, Fulvia Gemelli,Daniele Magistro, Francesca Magno, Danilo Marasso, Giovanni Musella, Simona Nebiolo In."— Transcript della presentazione:

1 Centro Ricerche Scienze Motorie Giulia Bardaglio, Fulvia Gemelli,Daniele Magistro, Francesca Magno, Danilo Marasso, Giovanni Musella, Simona Nebiolo In collaborazione con: Dipartimento di Psicologia Silvia Ciairano, Giuseppe Longhitano, Emanuela Rabaglietti, Maria Fernanda Vacirca, Giulia Zucchetti Torino, 9 ottobre 2010

2 Abilità motorie e Stili di vita, nei bambini della scuola primaria… e non solo…

3

4 Circa 1000 bambine/i a partire dalla prima elementare Ricerca longitudinale-sequenziale Sei rilevazioni già effettuate a partire dallinizio della.s. 2007/2008 Intervento di attività motoria specificatamente mirato

5 Ci concentriamo su: Comportamento prosociale Instabilità emotiva Aggressività

6 Gli andamenti rilevati sono simili in tutti i tempi Non sono state evidenziate differenze tra fasce detà.

7

8

9 Credenze sulle proprie capacità di avere successo affrontando un compito in una situazione Come si sviluppa? Esperienza vicaria, di gestione efficace, Persuasione, Stati emotivi e fisiologici E una capacità allenabile Differenze tra autoefficacia individuale e collettiva

10 Rendersi conto che cè un problema Fermarsi a pensare. Stabilire qual è il problema Decidere un obiettivo Pensare a molte soluzioni possibili Pensare alle conseguenze di ciascuna soluzione Scegliere la soluzione migliore Fare un piano graduale per attuare la soluzione

11 Poche risorse Molte risorse Pochi compiti impegnativi Molti compiti impegnativi Ansia Sicurezza Rischio SFIDA Routine Tratto da Hendry e Kloep, 2003 Quando siamo in grado di affrontare una sfida?

12

13 Negli ultimi decenni in bambini e ragazzi vi è stato un incremento di: sovrappeso Obesità sedentarietà (ISTAT, 2002; WHO, 2004) pericolo crescente: benessere individuale salute pubblica (Berenson et al., 1998) promuovere programmi di prevenzione a livello europeo ed internazionale (WHO, 2004).

14 Il 60/70 % dei partecipanti rientra nei parametri del normopeso ma si evidenziano alcune criticità: A.S e A.S sovrappeso di 1° grado incremento dal 15% al 19% sovrappeso di 2° grado dal 7% al 15% Queste oscillazione sono in parte spiegabile in relazione ai veloci cambiamenti di crescita tipici di questa età ma rimane comunque un valore preoccupante.

15 I valori di sovrappeso sono molto simili, mentre quelli dellobesità risultano più elevati nei maschi rispetto alle femmine

16 In generale, si osserva un trend di consolidamento man mano che aumenta letà dal momento che questa abilità è legata alla maturazione del Sistema Nervoso Centrale (Greffou et al., 2008).

17 Fra i dati in entrata e in uscita si evidenzia un netto miglioramento delle abilità. Quindi oltre che alla maturazione, questo risultato sembra imputabile anche alla partecipazione allintervento di attività motoria.

18 Tra i 9 e gli 11 anni si evidenzia una fase sensibile per lapprendimento di questa abilità (Martin,1982).

19 I valori in uscita del gruppo sperimentale sono decisamente migliori.

20 Le abilità riferite al se corporeo presentano in uscita una costante differenza di valori tra gruppo sperimentale e di controllo evidenziando che un intervento specifico è in grado di consolidarle. Qual è landamento dellabilità motoria: Sé corporeo?

21 Le abilità di spazio-tempo rimangono per lo più invariate nel gruppo di controllo, mentre nel gruppo sperimentale si riscontra un valore più elevato al post-test.

22 Il gruppo sperimentale mostra valori più elevati.

23 Anche per le conoscenze relative allo spazio-tempo, landamento tra gruppo sperimentale e gruppo di controllo presenta le medesime analogie.

24 La tendenza è verso il consolidamento di un comportamento sociale corretto.

25 Le relazioni tra pari e con gli adulti possono essere incrementate con un adeguato intervento ma devono essere perseguite con costanza pena un rapido decadimento, come evidenziato dai valori più bassi a W3, legati alla ripresa del progetto dopo le vacanze estive. In pratica si è ripartiti da un valore più basso rispetto al precedente anno; esso tuttavia non solo si è rapidamente modificato, ma addirittura ha raggiunto valori percentuali decisamente superiori alla fine dellanno scolastico (W4).

26 Dati antropometrici attraverso il calcolo del BMI (o Body Max Index) i bambini rientrano generalmente in una condizione di normopeso, anche se si notano valori che fanno pensare ad un progressivo aumento nelle tre rilevazioni della condizione di sovrappeso o di obesità. Abilità motorie si evidenziano delle interessanti fasi sensibili nella fascia presa in considerazione (soprattutto per lequilibrio statico e dinamico) e anche il solo intervento di unora settimanale sembra in grado di modificarne e stabilizzarne lapprendimento. Conoscenze emerge che non è solo necessario far fare, ma anche spiegare come e cosa fare. Questo porta in primo piano la necessità che nella scuola primaria lattività motoria sia affidata a personale altamente qualificato. Inoltre, le bambine dimostrano in uscita un migliore consolidamento delle conoscenze rispetto ai maschi. Comportamenti e relazioni sia per i maschi che per le femmine emerge un consolidamento nel tempo; possono essere incrementati con un adeguato intervento ma devono essere perseguiti con costanza pena un rapido decadimento.

27 L approccio multidisciplinare e multidimensionale dellintervento Educata…mente sport è stato fondamentale al fine di : approfondire la conoscenza delle risorse e delle potenzialità di ciascun individuo accrescere la consapevolezza delle stesse favorire la diffusione di una cultura condivisa del benessere psico-fisico in età scolare

28

29 Dare consulenza Valutare e autovalutarsi Assistere Dimostrare Essere stimato Facilitare lapprendimento Essere continuamente aggiornato Fonte di sapienza Istruire Guidare alla conoscenza Motivare alla prestazione e al miglioramento Pianificatore e organizzatore Supporto al singolo e al gruppo

30


Scaricare ppt "Centro Ricerche Scienze Motorie Giulia Bardaglio, Fulvia Gemelli,Daniele Magistro, Francesca Magno, Danilo Marasso, Giovanni Musella, Simona Nebiolo In."

Presentazioni simili


Annunci Google