La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO PROVINCIALE CAVE Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del 16.05.2006 B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del 30.06.2006 Direzione centrale risorse ambientali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO PROVINCIALE CAVE Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del 16.05.2006 B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del 30.06.2006 Direzione centrale risorse ambientali."— Transcript della presentazione:

1 PIANO PROVINCIALE CAVE Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Direzione centrale risorse ambientali Settore risorse idriche e cave Servizio pianificazione e gestione attività estrattiva Assessorato allAmbiente e Verde, Risorse Naturali e Idraulica, Cave - Parco Sud - Agricoltura ed Energia maggio 2007

2 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Settore merceologico sabbia e ghiaia N° 33 Ambiti Territoriali estrattivi (A.T.E.) N° 39 Cave VOLUME: mc Direzione Centrale Risorse Ambientali Settore merceologico argilla N° 4 Ambiti Territoriali estrattivi (A.T.E.) N° 4 Cave VOLUME: mc

3 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Settore merceologico sabbia e ghiaia N° 12 Cave di Recupero (R) VOLUME: mc Direzione Centrale Risorse Ambientali Settore merceologico sabbia e ghiaia N° 2 Cave di riserva (P) VOLUME: mc

4 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Parco Agricolo Sud Milano N° 10 A.T.E. sabbia e ghiaia N° 13 cave ATEg7 : Pregnana Milanese – Vanzago ATEg25 C1 : Peschiera Borromeo - Pioltello ATEg25 C2 : Pioltello – Rodano ATEg26 : Peschiera Borromeo – Pantigliate ATEg27 : Mediglia ATEg28: Colturano ATEg29: San Donato Milanese - San Giuliano Milanese ATEg30: Pero ATEg31: Zibido San Giacomo ATEg32 C1: Trezzano sul Naviglio – Zibido San Giacomo – Gaggiano ATEg32 C2: Zibido San Giacomo ATEg33 C1: Bareggio ATEg33 C2: Cusago Direzione Centrale Risorse Ambientali mc

5 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Parco Agricolo Sud Milano N° 2 Cave di Recupero (R) Rg10: Milano Rg11 : Milano Direzione Centrale Risorse Ambientali mc

6 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Parco Regionale della Valle del Ticino N° 3 A.T.E. sabbia e ghiaia ATEg1 : Castano Primo - Nosate ATEg2 : Buscate – Dairago - Magnago ATEg4 : Cuggiono Direzione Centrale Risorse Ambientali mc Parco Adda Nord N° 1 Cava di Recupero (R) Rg6 : Truccazzano mc

7 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del P.L.I.S - Roccolo N° 3 A.T.E. sabbia e ghiaia ATEg8 : Arluno ATEg10 : Arluno - Casorezzo ATEg11 : Busto Garolfo - Casorezzo Direzione Centrale Risorse Ambientali mc P.L.I.S. - Grugnotorto N° 2 A.T.E. sabbia e ghiaia ATEg14 : Paderno Dugnano – Nova Milanese ATEg15: Paderno Dugnano mc

8 Piano Provinciale Cave Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del Consorzio Parco delle Groane N° 3 A.T.E. argilla ATEa1 C1 : Garbagnate Milanese ATEa1 C2 : Seveso ATEa1 C3 : Limbiate Direzione Centrale Risorse Ambientali mc

9 Piano Provinciale Cave Settore Argilla Parco delle Groane Direzione Centrale Risorse Ambientali

10 Piano Provinciale Cave Settore Argilla Parco delle Groane Direzione Centrale Risorse Ambientali Differenze sostanziali tra le tipologie di cava relative al settore sabbia/ghiaia ed argilla Il termine cava genera di solito limmagine di una fossa più o meno profonda, con o senza acqua, con scarpate ripide e brulle, evocata dalla frequentazione di cave di sabbia e ghiaia diffuse nel nostro contesto territoriale. Lattività di estrazione di argilla comporta una modificazione ridotta della morfologia, temporanea e discontinua, in genere percepibile solo per la rimozione della copertura vegetale e generalmente mimetizzata dopo pochi anni dalla rivegetazione spontanea. Lampiezza dello scavo, in rapporto alla modesta profondità, lo rende quasi impercettibile, soprattutto dopo la ricostituzione della copertura superficiale.

11 Piano Provinciale Cave Settore Argilla Parco delle Groane Direzione Centrale Risorse Ambientali Differenze sostanziali tra le tipologie di cava relative al settore sabbia/ghiaia ed argilla I giacimenti di argilla sono più localizzati e dipendenti da situazioni geologico/morfologiche alquanto specifiche. Sono generalmente limitati nello spessore, mentre più diffusi e generalizzati sono nel nostro territorio i giacimenti di ghiaie e sabbie, di spessore anche elevato. Ciò rende naturalmente più difficile reperire largilla piuttosto che la ghiaia. Il diverso rapporto tra volume di scavo e superficie interessata, offre alla cava di argilla possibilità di recupero ambientale molto più rapido e significativo di quello effettuabile in cave di ghiaia.

12 Piano Provinciale Cave Settore Argilla Parco delle Groane Direzione Centrale Risorse Ambientali Il terrazzo Mindeliano del Parco delle Groane, si presenta come luogo storicamente interessato da attività estrattiva di argilla per laterizi, al punto da conferire al paesaggio una sua specifica identità. Il terrazzo fluvioglaciale Mindel, caratterizzato da uno strato di alterazione superficiale argilloso ocraceo (ferretto) di spessore fino a 2,5 m si presenta come un terrazzo altimetricamente isolato dal resto della pianura ed allungato in senso Nord- Sud, comprendendo le aree urbanizzate di Lentate sul Seveso, Barlassina, Cesano Maderno, Solaro e le aree agricole interconnesse Largilla di copertura, denominata ferretto per la compattezza e il colore, rappresenta loggetto dellattività estrattiva che si è sviluppata in questarea, così come su aree simili in altre zone della Lombardia Il giacimento di argilla raggiunge lo spessore massimo di 2-2,5 m dal p.c., nella parte centrale del terrazzo delle Groane, più ridotto nelle porzioni periferiche

13 Piano Provinciale Cave Settore Argilla Parco delle Groane Direzione Centrale Risorse Ambientali Cava di Argilla La coltivazione dellargilla interessa, nel territorio provinciale, uno spessore piuttosto esiguo, generalmente non superiore ai 2,5 m, mediamente inferiore ai 2 m Lescavazione dellargilla avviene per fasi temporali contenute, senza installazione di impianti o infrastrutture permanenti. Lo scavo avviene, previo accantonamento del terreno vegetale soprastante, tramite una pala cingolata che arretra via via il fronte di estrazione e carica il materiale su camion con cassoni ribaltabili che trasportano largilla alle fornaci dove avviene il processo produttivo di trasformazione in laterizi.

14 Piano Provinciale Cave Settore Argilla Parco delle Groane Direzione Centrale Risorse Ambientali Cava di Argilla La coltivazione viene articolata su lotti contigui e per fasi temporali contenute, in modo che larea di cava, oggetto dellattività estrattiva, occupi la minima parte possibile. Al termine la coltivazione si sposta sul lotto contiguo, consentendo il recupero ambientale e il riutilizzo tempestivo delle aree cavate. Il recupero ambientale può essere attuato: con modesti movimenti di terra (stesa della coltre superficiale asportata in precedenza) in tempi contenuti (lo scavo si attua in pochi mesi) per lotti pluriennali, concomitanti con i lotti di scavo

15 P.P.C Settore Argilla Direzione Centrale Risorse Ambientali

16 Volume : mc

17 Direzione Centrale Risorse Ambientali Volume : mc

18 Direzione Centrale Risorse Ambientali Volume : mc

19 Direzione Centrale Risorse Ambientali Attività estrattiva: miniere e cave (Regio Decreto n del 29/07/ art. 2) Attività mineraria: finalizzata allo sfruttamento di minerali utilizzabili per lestrazione di metalli, metalloidi, grafite, combustibili solidi-liquidi-gassosi, fosfati, feldspati, bentonite, terre refrattarie, pietre preziose, bauxite, talco, marna da cemento … Attività di cava:finalizzata allo sfruttamento di: torbe, materiali per costruzioni edilizie-stradali-idrauliche, … quarzo e sabbie silicee, …, altri materiali non compresi nella prima categoria

20 Direzione Centrale Risorse Ambientali Normativa vigente in materia di attività estrattiva Regio Decreto 29/07/1927 n Norme di carattere legislativo per disciplinare la ricerca e la coltivazione delle miniere nel regno Legge Regionale 08/08/1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava D.G.R. 24/06/1999 n. VI/43831 Approvazione dello schema tipo di convenzione di cui al 1° comma art. 15 L.R. 14/98 D.G.R. 25/01/2002 n. VII/7857 Determinazione dei criteri e delle modalità per lesercizio delle funzioni di cui al 1 comma art. 42 della L.R. 14/98 D.G.R. 16/09/2002 n. VII/10316 Criteri per la redazione dei progetti degli Ambiti Territoriali Estrattivi ai sensi art. 11 della L.R. 14/98

21 Direzione Centrale Risorse Ambientali Normativa vigente in materia di attività estrattiva Sicurezza e Salute dei lavoratori D.P.R. 27/04/1955 n. 547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro D.P.R. 09/04/1959 n. 128 Norme di polizia delle miniere e delle cave D.Lgs. 25/11/1996 n. 624 Attuazione della direttiva 92/91/CEE relativa alla sicurezza e salute dei lavoratori nelle industrie estrattive per trivellazione e della direttiva 92/104/CEE relativa alla sicurezza e salute dei lavoratori nelle industrie estrattive a cielo aperto o sotterranee

22 Direzione Centrale Risorse Ambientali Vigilanza Attività Estrattiva PROVINCIA L.R. 14/98 D.P.R. 128/59 D.P.R. 547/55 D.Lgs. 626/94 D.Lgs. 624/96 Comune L.R. 14/98 Ente Parco L.R. 14/98 Funzioni di vigilanza e amministrative inerenti allapplicazione delle norme di: polizia delle cave e torbiere prevenzione infortuni Sicurezza e salute dei lavoratori Vigilanza sullesercizio delle attività esplicate entro gli ambiti territoriali estrattivi, per il territorio di propria competenza Collaborazione nellattività di vigilanza, nelle aree di competenza, sulla base di accordi con i Comuni interessati

23 Direzione Centrale Risorse Ambientali Vigilanza Attività Estrattiva A.S.L. ARPA L.R. 16/99 L.R. 4/02 G.E.V. Vigilanza sugli aspetti sanitari Vigilanza nel campo della prevenzione e tutela ambientale Vigilanza generica di carattere ambientale


Scaricare ppt "PIANO PROVINCIALE CAVE Approvato con D.C.R. n° VIII/166 del 16.05.2006 B.U.R.L. 3° Suppl. Straord. al n° 26 del 30.06.2006 Direzione centrale risorse ambientali."

Presentazioni simili


Annunci Google