La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IS-MANET – Milano, 1 Marzo 2004 IS-MANET Applicazioni software per reti ad-hoc orientate ad ambienti difficili WP2T2 DIST – Università di Genova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IS-MANET – Milano, 1 Marzo 2004 IS-MANET Applicazioni software per reti ad-hoc orientate ad ambienti difficili WP2T2 DIST – Università di Genova."— Transcript della presentazione:

1 IS-MANET – Milano, 1 Marzo 2004 IS-MANET Applicazioni software per reti ad-hoc orientate ad ambienti difficili WP2T2 DIST – Università di Genova

2 Workshop SIe-L – Milano, 23 Gennaio 2004 NetC 3 : ambiente di lavoro per Comunicare, Condividere documenti e Cooperare attraverso la rete (DIST – Università di Genova); NAMIDA (Network Addressing Methods: Index-based Distributed Access): rete P2P per la condivisione di documenti, in cui lindice sia completamente distribuito e la localizzazione del documento non sia rilevante ai fini del suo reperimento (DIST – Università di Genova); HELPER: ambiente collaborativo per il supporto alla gestione del soccorso a personale anziano e disabile (DEIS – Università di Bologna e DI – Università di Ferrara). Stato Avanzamento WP

3 Workshop SIe-L – Milano, 23 Gennaio 2004 Net C 3 supportare diversi dispositivi come portatili, wearables e PDA, in ambiente eterogeneo; fornire agli operatori IS-MANET un ambiente di lavoro condiviso e cooperativo; sfruttare tecnologie multipiattaforma per funzionare su ogni dispositivo e su reti fisse o mobili che supportino TCP/IP; fornire un insieme di servizi per operare nellambito dello scenario IS-MANET comunicazione audio, video, lavagna, browser ed editor condivisi) che si adattino alle potenzialità dei vari dispositivi, ad esempio la qualità audio si deve adattare dinamicamente allampiezza di banda disponibile; essere web-oriented e sfruttare le tecnologie Java e il protocollo IP-multicast; supportare sessioni sincrone favorendo la dinamicità dello scambio di informazioni attraverso un meccanismo di richiesta del floor e di token passing. Il team virtuale potrà utilizzare questa politica anche per il controllo delle comunicazioni audio; in tal caso, il team ascolterà solo lutente che detiene il privilegio di controllo della risorsa. supportare un lavoro di squadra che comprenda operatori IS-MANET che si connettono e si disconnettono dinamicamente dalle sessioni.

4 Workshop SIe-L – Milano, 23 Gennaio 2004 NAMIDA … Rete P2P per la condivisione di documenti, in cui lindice sia completamente distribuito e la localizzazione del documento non sia rilevante ai fini del suo reperimento. Documento: unità informativa (un file o un insieme di files, come ad esempio un folder o un intero sito web). Il documento è lentità da condividere sulla rete P2P. Learning Object: categorizzazione semantica di un documento. In una rete P2P destinata alla condivisione di LO, ogni nodo pubblica un certo numero di LO rendendoli disponibili agli altri nodi della rete. Ogni documento pubblicato viene descritto da un metadocumento in cui vengono specificate alcune sue caratteristiche (metadati): titolo, autore, data di pubblicazione, versione del documento, un insieme di keywords significative ai fini della ricerca per parole chiave, descrizione testuale..

5 Workshop SIe-L – Milano, 23 Gennaio 2004 … NAMIDA La distribuzione totale dellindice renderà necessaria una sincronizzazione e una serie di politiche per lassegnazione degli ID che dovranno essere univocamente determinati allinterno della rete. Lo scopo finale della rete P2P sarà quello di astrarre la localizzazione delle risorse e quindi di renderle disponibili a chi le richieda in maniera indipendente dalla localizzazione fisica della risorsa stessa. Le richieste saranno multipasso (cioè dovranno attraversare indenni Nodi che non siano bersaglio della richiesta ma che consentato il suo forwarding) con delle condizioni di uscita prefissate (timeout, numero di passi...); Nei limiti del possibile, le risorse saranno rese disponibili alla rete anche in assenza temporanea del nodo cui esse appartengono (mirroring);

6 Workshop SIe-L – Milano, 23 Gennaio 2004 HELPER Ambiente collaborativo per il supporto alla gestione del soccorso a personale anziano e disabile Gestione dinamica di gruppi; Adattamento del servizio in funzione del contesto ; Determinazione del contesto basato su metadati; Supporto software AGAPE (WP3).


Scaricare ppt "IS-MANET – Milano, 1 Marzo 2004 IS-MANET Applicazioni software per reti ad-hoc orientate ad ambienti difficili WP2T2 DIST – Università di Genova."

Presentazioni simili


Annunci Google