La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione al Lazarillo de Tormes Il genere della narrazione picaresca 1. La parola pícaro 2. Caratteri costitutivi del Lazarillo 3. Traiettoria del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione al Lazarillo de Tormes Il genere della narrazione picaresca 1. La parola pícaro 2. Caratteri costitutivi del Lazarillo 3. Traiettoria del."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione al Lazarillo de Tormes Il genere della narrazione picaresca 1. La parola pícaro 2. Caratteri costitutivi del Lazarillo 3. Traiettoria del genere picaresco 4. Le narrazioni picaresche 5. Il Guzmán di Mateo Alemán (1599 e 1604) 6. Il Buscón di Francisco de Quevedo (ed. 1626) 7. Lanonimo Estebanillo González (1646)

2 La parola pícaro (1) Origine incerta Dal verbo picar, legato a vari mestieri umili pícaro de cocina (1525) // picador [de toros] pícaro = povero, che fa mestieri umili ma legittimi, come esportillero e mozo de recados (ca ) pícaro = povero e malvivente, socialmente dannoso Da Picardie, regione settentrionale della Francia picard pícaro picardía = inganno o burla messa in atto da un povero per bisogno (fame, povertà) colui che la attua (il pícaro ) è ingegnoso, astuto, furbo Dal fiammingo picker o pickaert (= ladro, borseggiatore) Dal germanico Beggaert (= frate; pigro) Da Pyghard bigardo (= setta protestante della Boemia) Altre proposte (dallarabo, dal basco, dalla lingua dei gitani…)

3 La parola pícaro (2) Sebastián de Covarrubias, Tesoro de la lengua castellana o española, 1611 Picaño El andrajoso y despedazado […] y de aquí se llamó picaño el remiendo que se echa al zapato. Pícaro Vide supra Picaño ; y añade que se pudo decir de pica, que es el asta, porque en la guerra, hincándola en el suelo, los vendían ad hastam por esclavos. Y aunque los pícaros no lo son en particular de nadie, sonlo de la República, para todos los que los quieren alquilar, ocupándolos en cosas viles. Picardía Picardear. Sin embargo que Picardía es una provincia de Francia, y pudo ser que en algún tiempo alguna gente pobre della viniese a España con necesidad y nos trujesen el nombre.

4 La parola pícaro (3) Real Academia Española, Diccionario de autoridades, (vol. O-R, 1737) Pícaro Bajo, ruin, doloso, falto de honra y vergüenza. […] Significa también astuto, taimado, y que con arte y disimulación logra lo que desea. […] Se toma algunas veces por chistoso, alegre, placentero y decidor. Picardía Acción baja, ruindad, vileza, engaño y maldad. […] Vale también bellaquería, astucia o disimulo en el decir o hacer alguna cosa […] Se toma asimismo por acción deshonesta o impúdica. Picaresca La junta o profesión de los pícaros.

5 Caratteri costitutivi del Lazarillo Contiene una narrazione retrospettiva in prima persona (autobiografia, ma fittizia ); il destinatario è ignoto La narrazione è volta a chiarire un caso Origini disonorevoli e infanzia difficile Continuo cambio di padroni (e con essi, di scenari spaziali e ambienti sociali) Tentativo di ascesa sociale ed economica, fino a giungere a una relativa stabilità Scoperta della cruda realtà del mondo, e quindi cinismo e disincanto Tema della fame e della povertà Critica al mondo ecclesiastico (corrotto e ipocrita) Critica alla piccola nobiltà (vanagloriosa e superba) Burle, episodi divertenti, comicità (anche se a volte amara)

6 Traiettoria del genere picaresco La pericolosità del termine novela Il Lazarillo : precursore isolato o primo esempio del genere? Ragioni della distanza Lazarillo (1554) – Guzmán (1599) Intervento della censura (1559) Lazarillo castigado (1573) Edizioni, traduzioni e circolazione fuori di Spagna Eccezionalità del Lazarillo nel contesto letterario coevo Esplosione e fioritura della narrativa picaresca ( ca.) Questioni generali: Omogeneità o eterogeneità delle narrazioni picaresche? Rapporti di continuità o discontinuità con il Lazarillo ? Quali sono le migliori narrazioni picaresche?

7 Le narrazioni picaresche Mateo Alemán, Guzmán de Alfarache, 1599 (I) e 1604 (II) Francisco de Quevedo, La vida del buscón, ca (ed. 1626) Gregorio González, El guitón Honofre, 1604 (ed. 1973) Francisco López de Úbeda, La pícara Justina, 1605 Alonso Jerónimo de Salas Barbadillo, La hija de Celestina, 1612 (con aggiunte e ritocchi: La ingeniosa Elena, 1614) M. de Cervantes, Rinconete y Cortadillo (in Novelas ejemplares, 1613) Vicente Espinel, Marcos de Obregón, 1618 Carlos García, La desordenada codicia de los bienes ajenos, 1619 Juan Cortés de Tolosa, El Lazarillo de Manzanares, 1620 Jerónimo de Alcalá Yáñez, El donado hablador. Vida y aventuras de Alonso, mozo de muchos amos, 1624 Alonso Castillo Solórzano, La niña de los embustes, Teresa de Manzanares (1632); Aventuras del bachiller Trapaza (1637); La garduña de Sevilla y anzuelo de las bolsas (1642) ?, Vida y hechos de Estebanillo González, hombre de buen humor, 1646 Antonio Enríquez Gómez, La vida de don Gregorio Guadaña, 1647 Francisco Santos, Periquillo el de las gallineras, 1668

8 Il Guzmán de Alfarache di Mateo Alemán Mateo Alemán (1547- post 1613?) Figlio di un medico, forse converso Vita caratterizzata da studi interrotti, debiti, un matrimonio fallito, detenzione in carcere Dal 1608 va a vivere in Messico Autore di un paio di opere storiche e di una Ortografía (1609) Guzmán de Alfarache (Madrid, 1599; concluso già nel 1597) Straordinario successo editoriale ; 1602, Valencia: Segunda parte… (apocrifa); 1604, Lisboa: Segunda parte… atalaya de la vida humana (autentica) Pessimismo generalizzato e satira sociale Coscienza di essere un pícaro autogiudizio negativo dal punto di vista del narratore (uomo maturo) Inserimento di lunghe digressioni moraleggianti Presenza di novelas intercaladas (per es., Ozmín y Daraja ) Varietà di ambientazione (Spagna, Italia, Francia) e di impieghi (mendicante, soldato, cuoco, galeotto, …)

9 Il Buscón di Francisco de Quevedo Francisco de Quevedo ( ) Historia de la vida del Buscón llamado don Pablos… (stesura tra 1604 e 1606; 1° ed.: Madrid, 1626) Origini ignobili (figlio di delinquenti; il padre verrà decapitato) Si fa amico di un giovane nobile, che accompagna negli studi (perfino alluniversità di Alcalá) Incontra vari personaggi bizzarri (un poeta, un maestro di scherma, un eremita, …) Finisce in prigione, ha alcune avventure amorose, parte per lAmerica Cè la satira delle stranezze (anche linguistiche) umane, ma manca ogni forma di moralismo Gusto per le descrizioni deformanti e gli aspetti grotteschi della realtà

10 Estebanillo González Vida de Estebanillo González, hombre de buen humor (1646) Autore? Estebanillo González, buffone al servizio di vari potenti Gabriel de la Vega, poeta e storico, che avrebbe rielaborato letterariamente i fatti reali della vita del vero Estebanillo Espliciti riferimenti al Lazarillo (opera di fantasia) vs. ripetute dichiarazioni di realtà dei fatti raccontati Varietà di ambienti (Spagna, Italia, Francia, Portogallo, Germania, Lituania, Polonia…) Ampio spazio alla Guerra dei TrentAnni ( ), con figure realmente esistite e battaglie realmente combattute È di origini medie, ma sceglie la vita avventurosa e di fare il pícaro


Scaricare ppt "Introduzione al Lazarillo de Tormes Il genere della narrazione picaresca 1. La parola pícaro 2. Caratteri costitutivi del Lazarillo 3. Traiettoria del."

Presentazioni simili


Annunci Google