La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pagina 1 Associazione degli Industriali di Siracusa Le opportunità offerte dallINAIL alle imprese per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro: i.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pagina 1 Associazione degli Industriali di Siracusa Le opportunità offerte dallINAIL alle imprese per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro: i."— Transcript della presentazione:

1 Pagina 1 Associazione degli Industriali di Siracusa Le opportunità offerte dallINAIL alle imprese per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro: i finanziamenti e gli sconti tariffari Siracusa 23 gennaio 2009 Relatore: Dott. Dario DAmico (CONTARP – INAIL SICILIA) Relatore: Dott. Dario DAmico (CONTARP – INAIL SICILIA)

2 Pagina 2 Il fenomeno infortunistico ITALIA (30.09) Totale infortuni (-2%) (- 4%) Infortuni mortali * (-10%) 880 (- 5%) *1207 morti: Agricoltura:105 – Industria e Servizi: Stato:14 (907 morti in occasione di lavoro – 300 morti in itinere) In proiezione, per il 2008 si prevedono circa 1150 casi mortali (-5%) e una flessione del 4% degli infortuni nel complesso

3 Pagina 3 Il fenomeno infortunistico SICILIA Totale infortuni * (+4%) Infortuni mortali 86 77** (- 10 %) * Costituiscono circa il 4% degli infortuni in Italia e si concentrano soprattutto nelle province di Catania, Palermo e Messina ** 77 morti: Agricoltura: 13 – Industria e Servizi: 62 - Stato: 2

4 Pagina 4 Il fenomeno delle tecnopatie o MP SICILIA MP denunciate (+27%) Si concentrano soprattutto nelle province di Messina, Palermo, Caltanissetta, Enna, Agrigento e Siracusa

5 Pagina 5 Il DLgs 81/2008: Testo Unico sulla Sicurezza e Salute Il Sistema Istituzionale (Titolo I Capo II ) LINAIL: raccoglie e registra, a fini statistici e informativi, i dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell'evento; concorre, d'intesa con l'ISPESL, alla realizzazione di studi/ricerche sugli infortuni e sulle malattie correlate al lavoro; partecipa alla elaborazione, formulando pareri e proposte, della normazione tecnica in materia; eroga le prestazioni del Fondo di cui art. 1, c L 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007-Fondo sostegno famiglie infortunati), con riferimento agli infortuni verificatisi dal 1° gennaio 2007.

6 Pagina 6 Il DLgs 81/2008: Testo Unico sulla Sicurezza e Salute Il Sistema Istituzionale (Titolo I Capo II ) Attività promozionali (Art. 11) LINAIL finanzia progetti di investimento e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro rivolti in particolare alle piccole, medie e micro imprese e progetti volti a sperimentare soluzioni innovative e strumenti di natura organizzativa e gestionale ispirati ai principi di responsabilità sociale delle imprese. Costituisce criterio di priorità per l'accesso al finanziamento l'adozione da parte delle imprese delle buone passi

7 Pagina 7 LINAIL e la Prevenzione Linee di intervento Interventi di carattere generale per laccrescimento della cultura della sicurezza Interventi finalizzati alla effettiva riduzione degli infortuni

8 Pagina 8 LINAIL e la Prevenzione Linee di intervento Interventi di carattere generale per laccrescimento della cultura della sicurezza - formazione e informazione (20 mln euro) - miglioramento sicurezza edilizia scolastica (65 mln euro) - studi e ricerche su infortuni e MP (3 mln euro)

9 Pagina 9 LINAIL e la Prevenzione Linee di intervento Interventi finalizzati alla effettiva riduzione degli infortuni - controlli: contrasto al lavoro nero e irregolare e azioni di regresso comunicazione del P.M. all'Inail dei casi di esercizio dell'azione penale per i delitti di omicidio colposo o di lesioni personali colpose, con violazione delle norme di prevenzione infortuni, con conseguente immediato avvio da parte dellINAIL delle azioni di regresso e, se necessario, costituzione di parte civile - leve premiali: bonus/malus legato allandamento infortunistico e sconti tariffari per aziende che rispettano le norme o effettuano interventi migliorativi - consulenza e assistenza: mirata alle piccole e medie imprese che presentano criticità e con elevati indici infortunistici, attraverso formazione, consulenza tecnica, sostegno progettuale ed attuativo, incentivazione SGSL e buone prassi

10 Pagina 10 D. Lgs. 23 feb 2000 n. 38 capo V, art.23 La Legislazione D. Lgs. 23 feb 2000 n. 38 capo V, art.23 a) programmi di adeguamento delle strutture e dellorganizzazione alle normative di sicurezza e igiene del lavoro delle piccole e medie imprese e dei settori agricolo e artigianale, in attuazione del D.Lgs n. 626/94 e successive modificazioni; b)progetti per favorire lapplicazione degli articoli 21 e 22 del D.L.gs n. 626/94 e successive modificazioni, anche tramite la produzione di strumenti e prodotti informatici, multimediali, grafico visivi e banche dati, da rendere disponibili per chiunque, in forma gratuita o a costo di produzione. Interventi di sostegno per:

11 Pagina 11 Finanziamenti di programmi di adeguamento delle strutture e dellorganizzazione CONTO INTERESSI: erogato dalle Banche a tasso zero (perché coperto da INAIL) CONTO CAPITALE: a fondo perduto per progetti di eccellenza –Valenza e qualità prevenzionale –Estensibilità ad altre realtà produttive

12 Pagina 12 Conto interessi: ASSI 1. eliminazione di macchine prive di marcatura CE e loro sostituzione con macchine marcate CE, comprese le macchine per il sollevamento e la movimentazione dei carichi e quelle che sono escluse dal campo di applicazione del D.Lgs. n.459/96, articolo 1, comma 5, lettera n); 2. acquisto, installazione, ristrutturazione e/o modifica di impianti, apparecchi e dispositivi per: –lincremento del livello di sicurezza contro gli infortuni; –la riduzione della esposizione dei lavoratori ad agenti chimici, fisici e biologici; –leliminazione o la riduzione dellimpiego di sostanze pericolose dal ciclo produttivo;

13 Pagina 13 Conto interessi: ASSI 3. installazione di dispositivi di monitoraggio dello stato dellambiente di lavoro al fine di controllare lesposizione dei lavoratori ad agenti chimici, fisici e biologici; 4. ristrutturazione e/o modifica strutturale degli ambienti di lavoro; 5. implementazione di sistemi di gestione aziendale della sicurezza secondo parametri conformi alla normativa internazionale.

14 Pagina 14 Sono esclusi dal finanziamento i seguenti interventi: –lacquisto di Dispositivi di Protezione Individuale; –lacquisto di qualsiasi genere di automezzi per il trasporto di persone e/o merci, impianti a fune per il trasporto di persone, mezzi di trasporto per vie dacqua, mezzi di trasporto aereo; –il costo del personale interno allimpresa impegnato nella realizzazione del programma (eccetto, entro ,00 lasse n.5) Conto interessi: esclusioni

15 Pagina 15 –ad integrazione del finanziamento in conto interessi, ulteriore finanziamento riservato ai programmi con: particolare valenza e qualità ai fini prevenzionali estensibilità ad altre realtà produttive –consiste in un contributo erogato dallINAIL: entro un limite massimo di ,00 pari al 30% dellimporto del programma che abbia già ottenuto il finanziamento in conto interessi per lasse n. 5 è pari al 60% dellimporto del programma entro un limite massimo di 7.747,00 Conto CAPITALE :

16 Pagina 16 Conto CAPITALE: ASSI 1. modifica e reingegnerizzazione di impianti, macchine e dispositivi riguardanti singoli reparti di produzione o interessanti lintero processo produttivo con impatto diretto e verificabile sullo standard di sicurezza. Non sono finanziabili in conto capitale i soli acquisti e installazioni; 2. modifica e reingegnerizzazione di impianti e processi finalizzati alla riduzione della esposizione dei lavoratori ad agenti chimici, fisici e biologici. Tali progetti devono consentire una valutazione quantitativa o semiquantitativa della riduzione del livello di esposizione. Non sono finanziabili in conto capitale i soli acquisti e installazioni;

17 Pagina 17 Conto CAPITALE: ASSI 3. modifica o reingegnerizzazione di macchine ed apparecchi finalizzate alla eliminazione o riduzione dellimpiego di sostanze pericolose. Leventuale modifica o ristrutturazione finalizzate alla sostituzione di una sostanza pericolosa nel ciclo produttivo non deve introdurre rischi di altro tipo di entità uguale o superiore a quello ridotto o eliminato; 4. ristrutturazioni o modifiche rilevanti degli ambienti di lavoro conseguenti alla riorganizzazione dei lay-out che abbiano uno specifico impatto diretto e sostanziale sulla sicurezza; 5. implementazione, documentabile e verificabile, di sistemi di gestione aziendale della sicurezza secondo parametri conformi alla normativa internazionale.

18 Pagina 18 –formulazione di esplicita richiesta allatto della presentazione della domanda di finanziamento in CONTO INTERESSI. –presentazione, a seguito della concessione del finanziamento in CONTO INTERESSI, di apposita documentazione tecnica aggiuntiva Conto CAPITALE: modalità di richiesta

19 Pagina 19 Riferimenti normativi D.M. 12/12/2000 Nuove Tariffe dei Premi per lassicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali delle gestioni Industria, Artigianato, Terziario e Altre Attività e relative Modalità di Applicazione delle Tariffe (MAT) Tariffe dei premi Modalità per lapplicazione delle tariffe e per il pagamento dei premi assicurativi LOSCILLAZIONE DEL TASSO (OT)

20 Pagina 20 … nel primo biennio di attività (art.20 M.A.T.) … nel primo biennio di attività (art.20 M.A.T.) … dopo il primo biennio di attività a) per andamento infortunistico (art.22 M.A.T.) b) per prevenzione (art.24 M.A.T.) … dopo il primo biennio di attività a) per andamento infortunistico (art.22 M.A.T.) b) per prevenzione (art.24 M.A.T.) Modello OT/20/01 (tutte le aziende) Modello OT/20/01 (tutte le aziende) Modello OT/20/02 (aziende R.I.R.) Modello OT/20/02 (aziende R.I.R.) Modello Unico (ex OT/24/…) Modello Unico (ex OT/24/…) OSCILLAZIONE DEL TASSO -15% -10%/-5%

21 Pagina 21 Oscillazione del tasso medio nei primi due anni di attività (art 19 M.A.T.) Nei primi due anni dalla data di inizio dellattività puo essere applicata una riduzione o un aumento del tasso medio di tariffa nella misura fissa del 15%, in relazione alla situazione dellazienda per quanto riguarda il rispetto delle norme di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro. La misura delloscillazione resta in vigore sino al 31 Dicembre dellanno in cui si completa il predetto biennio Es: unazienda che ha iniziato lattività il usufruirà dellOT 20 fino al

22 Pagina 22 E riconosciuta al Datore di lavoro in regola con le disposizioni obbligatorie in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro. La domanda può essere presentata (su modulistica OT/20/01 oppure OT/ 20/02) contestualmente alla denuncia dei lavori oppure anche successivamente, ma non oltre il primo biennio di attività. Riduzione del tasso medio nei primi due anni di attività (Art. 20 M.A.T)

23 Pagina 23 riduzione = 15% sul tasso medio nazionale riduzione concessa allazienda dichiaratasi in regola con le disposizioni in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro riduzione decorrente dal primo giorno del mese successivo a quello in cui sono state adottate le misure di prevenzione e protezione riduzione in vigore sino al 31 dicembre dellanno in cui si completa il primo biennio di attività OSCILLAZIONE EX ART.20 MAT

24 Pagina 24 Aumento del tasso nel primo biennio di attività (art. 21 M.A.T.) Loscillazione in aumento, sempre nella misura fissa del 15%, è applica dufficio dalla Sede INAIL territorialmente competente qualora risulti, da provvedimenti degli Organismi pubblici competenti in materia, la mancata osservanza delle norme di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro.

25 Pagina 25 modello unico di domanda riduzione in misura fissa pari a: - 10 % per le aziende fino a 500 addetti - 5% per le aziende con oltre 500 addetti scadenza: 31 gennaio di ciascun anno LOSCILLAZIONE EX ART.24 MAT

26 Pagina 26 Oscillazione del tasso medio per prevenzione dopo i primi due anni di attività (art 24 M.A.T.) E riservata ai Datori di lavoro che siano in regola con: -Adempimenti contributivi ed assicurativi ISTRUTT. AMMINISTRATIVA -Disposiz.obbligatorie in materia di prevenzione ISTRUTT. TECNICA Deve trattarsi di interventi che realizzano miglioramenti rispetto alle condizioni minime già previste dalla normativa in materia, in quanto presupposto essenziale per laccesso a tale riduzione è che i beneficiari siano in regola con le disposizioni in materia di prevenzione infortuni e sicurezza dei luoghi di lavoro, oltre che gli adempimenti contributivi ed assicurativi. Gli interventi migliorativi contrassegnati nel modulo di domanda devono essere stati effettuati allinterno dellUnità produttiva nellanno solare precedente quello cui si riferisce la domanda

27 Pagina 27 I requisiti richiesti (oltre ai prerequisiti) - effettuazione di uno degli interventi particolarmente rilevanti di cui alla Sez. A lett. a, b, c del Modulo di Domanda o in alternativa - effettuazione di tre interventi di cui alle altre Sezioni, di cui uno necessariamente ricadente nella Sezione E (Formazione). Oscillazione del tasso medio per prevenzione dopo i primi due anni di attività (art 24 M.A.T.)

28 Pagina 28

29 Pagina 29

30 Pagina 30 La Sezione B

31 Pagina 31 Le Sezioni C e D

32 Pagina 32 La Sezione E

33 Pagina 33 Le Sezioni F e G

34 Pagina 34 Le Sezioni H e I

35 Pagina 35 Verifiche CONTARP sulle richieste di OT24 Laccesso agli sconti, relativamente alla effettuazione di interventi migliorativi degli standard di sicurezza e salute, si base sostanzialmente sul modello dellautocertificazione E necessario, pertanto, successivamente procedere da parte dellIstituto allaccertamento di quanto riportato dalle aziende nei moduli di domanda, al fine di verificare la sussistenza dei requisiti Oscillazione del tasso medio per prevenzione dopo i primi due anni di attività (art 24 M.A.T.)

36 Pagina 36 Problematiche riscontrate dai Consulenti CONTARP In sede di istruttoria tecnica: eccessivo numero di campi contrassegnati (fino a 30 su 40!); utilizzo di modulistica non aggiornata (adottata in anni precedenti) In sede di verifica in azienda: mancato riscontro documentale di quanto dichiarato non comprensione delleffettivo significato delle voci del modulo Oscillazione del tasso medio per prevenzione dopo i primi due anni di attività (art 24 M.A.T.)

37 Pagina 37 Come presentare la domanda OT 24 Sito Internet : On-line 2: Cartacea OT 24


Scaricare ppt "Pagina 1 Associazione degli Industriali di Siracusa Le opportunità offerte dallINAIL alle imprese per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro: i."

Presentazioni simili


Annunci Google