La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Seminario RISCHI DA INCIDENTI STRADALI E SICUREZZA SUL LAVORO (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. – Testo Unico per la Sicurezza D.Lgs. 195/03, Decreto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Seminario RISCHI DA INCIDENTI STRADALI E SICUREZZA SUL LAVORO (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. – Testo Unico per la Sicurezza D.Lgs. 195/03, Decreto."— Transcript della presentazione:

1 1 Seminario RISCHI DA INCIDENTI STRADALI E SICUREZZA SUL LAVORO (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. – Testo Unico per la Sicurezza D.Lgs. 195/03, Decreto 27/3/98 del Ministero dell'Ambiente, C.D.S.) 22 Marzo 2011 ore 9.30 Confindustria Rimini Pierpaolo Neri Dirigente Responsabile Modulo Organizzativo Sicurezza e Igiene del Lavoro Azienda USL Rimini

2 2 RISCHI DA INCIDENTI STRADALI E SICUREZZA SUL LAVORO Gli esiti di uno studio delle Aziende USL di Rimini, Forlì, Cesena, Ravenna nel 2008 La situazione attuale a Rimini Linfortunio sul lavoro stradale ed il D.Lgs.81/2008 Le prospettive di prevenzione 2

3 3 GLI ESITI DI UNO STUDIO

4 4 4

5 5 Nel periodo nellArea Vasta Romagna si è verificato circa un terzo (31%) degli Infortuni lavorativi su strada avvenuti nellintero territorio regionale (a fronte di una popolazione residente pari ad un quarto di quella regionale); un rapporto analogo si è verificato relativamente agli esiti temporanei (31%) e per gli esiti permanenti (31%). La mortalità da Infortuni su strada in AVR è invece pari a un quarto di quella regionale (25%). Nel periodo sono avvenuti circa Infortuni sul lavoro su strada in Emilia-Romagna, in Area Vasta Romagna e a Ferrara; questi rappresentano rispettivamente il 16%, 17% e 15% degli infortuni da lavoro complessivi. A livello delle Ausl dellAVR gli Infortuni sul lavoro su strada sono stati a Ravenna (pari al 16% del totale degli infortuni), a Forlì (17%), a Cesena (14%) e a Rimini (22%).

6 6 GLI ESITI DI UNO STUDIO 2008 Nel periodo sul numero complessivo di Infortuni mortali registrati oltre la metà è avvenuta su strada: 53% in Emilia-Romagna, 59% in Area Vasta Romagna e 55% a Ferrara; in AVR questa percentuale risulta pari al 53% a Ravenna, 65% a Forlì, 50% a Cesena e 68% a Rimini.

7 7 GLI ESITI DI UNO STUDIO 2008 Nel periodo gli Infortuni in itinere hanno costituito la quota più rilevante degli Infortuni lavorativi stradali: 73% in Emilia-Romagna, 77% in Area Vasta Romagna e 71% nellAusl di Ferrara; a livello delle Ausl dellAVR gli infortuni in itinere hanno rappresentato il 74% degli infortuni lavorativi stradali a Ravenna, il 76% a Forlì, il 76% a Cesena e il 79% a Rimini.

8 8 GLI ESITI DI UNO STUDIO 2008 Nel periodo lIndice di Incidenza per addetti (Settori Industria e Artigianato) è più elevato in Area Vasta Romagna rispetto alla Regione, mentre Ferrara si colloca in linea col dato regionale; allinterno delle Ausl di AVR, Rimini presenta i tassi più elevati.

9 9 GLI ESITI DI UNO STUDIO 2008

10 10 LA SITUAZIONE ATTUALE A RIMINI Infortuni su strada sul totale degli infortuni sul lavoro e comparti di riferimento ( ) – fonte ultimo flusso dati riservato INAIL REGIONI

11 11 LA SITUAZIONE ATTUALE A RIMINI Infortuni su strada con mezzi pesanti e comparti di riferimento ( ) Infortuni su strada con mezzi leggeri e comparti di riferimento ( ) Infortuni su strada con mezzi a 2-3 ruote e comparti di riferimento ( )

12 12 Linfortunio sul lavoro stradale ed il D.Lgs.81/2008 TITOLO III - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente Titolo si intende per: a) attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti necessari allattuazione di un processo produttivo, destinato ad essere usato durante il lavoro; b) uso di una attrezzatura di lavoro: qualsiasi operazione lavorativa connessa ad una attrezzatura di lavoro, quale la messa in servizio o fuori servizio, limpiego, il trasporto, la riparazione, la trasformazione, la manutenzione, la pulizia, il montaggio, lo smontaggio; …

13 13 Linfortunio sul lavoro stradale ed il D.Lgs.81/2008 Articolo 71 - Obblighi del datore di lavoro 1. Il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di cui allarticolo precedente, idonee ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle Direttive comunitarie. 2. Allatto della scelta delle attrezzature di lavoro, il datore di lavoro prende in considerazione: a) le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere; b) i rischi presenti nellambiente di lavoro; c) i rischi derivanti dallimpiego delle attrezzature stesse; d) i rischi derivanti da interferenze con le altre attrezzature già in uso

14 14 Linfortunio sul lavoro stradale ed il D.Lgs.81/2008 Articolo 71 - Obblighi del datore di lavoro 3… 4. Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché: a) le attrezzature di lavoro siano: 1) installate ed utilizzate in conformità alle istruzioni duso; 2) oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza di cui allarticolo 70 e siano corredate, ove necessario, da apposite istruzioni duso e libretto di manutenzione; 3) assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza stabilite con specifico provvedimento regolamentare adottato in relazione alle prescrizioni di cui allarticolo 18, comma1, lettera z); b) siano curati la tenuta e laggiornamento del registro di controllo delle attrezzature di lavoro per cui lo stesso è previsto.

15 15 LE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE Contribuire ad analizzare, descrivere e valutare il fenomeno degli Incidenti, dei loro determinanti e conseguenze. Questi elementi di conoscenza sono necessari per orientare le scelte a livello locale, pianificare efficacemente gli sviluppi urbanistici, definire le priorità e gli interventi sulle infrastrutture e orientare lofferta dei servizi di assistenza – Soggetti: Organi di Polizia competenti che analizzano i sinistri ed Aziende Valutare, nellespressione dei pareri di competenza, rischi ed opportunità per la Sicurezza stradale derivanti da pianificazioni urbanistiche, piani particolareggiati e nuovi insediamenti produttivi – Soggetti: AUSL strumenti urbanistici, autorizzazioni insediamenti produttivi, Aziende

16 16 LE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE Contribuire a promuovere sviluppare la cultura della Sicurezza stradale nella popolazione ed indurre il cambiamento degli stili di vita e dei comportamenti a rischio, attraverso campagne comunicative ed interventi rivolti alla popolazione e a gruppi target – Soggetti: tutti per iniziative di formazione ed informazione Contribuire alla diffusione della cultura della Sicurezza stradale anche nella Amministrazione Pubblica, promuovere iniziative di formazione e di aggiornamento sulle azioni efficaci da intraprendere – Soggetti: Enti Locali

17 17 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "1 Seminario RISCHI DA INCIDENTI STRADALI E SICUREZZA SUL LAVORO (Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. – Testo Unico per la Sicurezza D.Lgs. 195/03, Decreto."

Presentazioni simili


Annunci Google