La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEGLI STUDENTI LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEGLI STUDENTI LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEGLI STUDENTI LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA LA VIA EMILIA E IL WEST Modena Lia Gallinari – Az. USL RE

2 D. Lgs. 626/94 LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI Allassunzione, al cambio di mansione, allintroduzione di nuove: attrezzature di lavoro, tecnologie, sostanze e preparati pericolosi. Continua e Ripetuta Periodicamente Commisurata ai risultati della valutazione dei rischi Riferita al posto di lavoro ed alle mansioni In collaborazione con gli Organismi Paritetici Territoriali In orario di lavoro e senza oneri economici per i lavoratori

3 12 ore Decreto 388/2003 In vigore Addetti Pronto Soccorso (gruppo B) Prove Evacuazione D.M Ministero Interno Addetti Emergenza ore D.M Ministero Interno Addetti Prevenzione Incendi (alto-medio-basso rischio) 32 ore Decreto Ministero Lavoro-Sanit à Rappresentante Lavoratori Sicurezza RLS Come sopraD.Lgs. 195/2003Addetto SPP Diversificate a seconda della data di nomina e in attesa di regolamento D. Lgs. 195/2003Responsabile Servizio Prevenzione Protezione RSPP - non Dirigente scolastico 16 ore Decreto Ministero Lavoro-Sanit à D. Lgs. 626/94 DIRIGENTE SCOLASTICO autonominato RSPP DURATALEGGI SOGGETTI 626

4 STUDENTI EQUIPARATI ai lavoratori STUDENTI EQUIPARATI ai lavoratori 4+4=8 h 626 Base 1° Collaboratori Scolastici 626 Collaboratori Scolastici COLLABORATORI SCOLASTICI 4+4=8 h 626 Base 1° + Laboratorio Informatica DIRETTORE Servizi Generali Amministrativi ASSISTENTI AMMINISTRATIVI 4+4+4=12 h 626 Base 1° Base 2° + Laboratorio INSEGNANTI LABORATORIO INSEGNANTI TECNICO PRATICI ASSISTENTI TECNICI 4+4=8 h 626 Base 1° Base 1° Base 2° 626 Base 2° INSEGNANTI DAULA INSEGNANTI PALESTRA DURATAMODULI PROPOSTI LAVORATORI

5 CONTENUTIDURATA 626 BASE 1 Concetti generali- rischio/danno/prevenzione D. Lgs diritti e doveri Assetto Sistema Prevenzionistico Valutazione rischi Norme emergenza dellistituto 4 ore 626 BASE 2 Rischi specifici mansione su ambienti e macchine: Igiene del lavoro - rischi chimici - fisici - biologici Sicurezza del lavoro - rischi meccanici - elettrici Altri rischi (movimentazione manuale carichi e videoterminali) - DPI 4 ore MODULI – FORMAZIONE GENERALE

6 CONTENUTIDURATA LABORATORI Chimica Meccanica Informatica …….. Aspetti specifici legati alla tipologia del laboratorio: Procedure e norme di comportamento Macchine, attrezzature e sostanze Stoccaggio, immagazzinamento e manutenzione Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) 4 ore MODULI - FORMAZIONE SPECIFICA

7 CONTENUTIDURATA 626 COLLABORATORI SCOLASTICI Uso sostanze chimiche Uso attrezzature Piccole manutenzioni Procedure pulizie e disinfezione DPI 4 ore MODULI – FORMAZIONE SUL CAMPO

8 Art. 2 comma 1 - D.Lgs. n. 626/94 ……………………… Art. 2 - D.M. Pubblica Istruzione n. 382/98 la frequenza e luso di laboratori appositamente attrezzati con possibile esposizione ad agenti fisici, chimici e biologici, luso di macchine, apparecchi e strumenti di lavoro in genere ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali. Sono equiparati ai lavoratori, ai sensi dellarticolo, 2 comma 1 lettera a, del D.Lgs. 626/94 gli allievi delle istituzioni scolastiche ed educative nelle quali i programmi e le attività di insegnamento prevedano espressamente la frequenza e luso di laboratori appositamente attrezzati con possibile esposizione ad agenti fisici, chimici e biologici, luso di macchine, apparecchi e strumenti di lavoro in genere ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali. Lequiparazione opera nei periodi in cui gli allievi siano effettivamente applicati alle strumentazioni o ai laboratori in questione. […..] In tali ipotesi le attività svolte nei laboratorio o comunque nelle strutture di cui sopra hanno istituzionalmente carattere dimostrativo-didattico. […..] STUDENTE = LAVORATORE Quando?

9 STUDENTE = LAVORATORE ORDINE SCOLASTICO STUDENTI EQUIPARATI A LAVORATORI OBBLIGHI derivanti dalle norme di sicurezza INFANZIA Nidi-Materne NO Prove di evacuazione PRIMARIA NO Prove di evacuazione Informazioni gestione Emergenze SECONDARIA I° GRADO SI nei Laboratori Prove di evacuazione Informazioni gestione Emergenze Formazione Laboratori SECONDARIA II° GRADO UNIVERSITA SI nei Laboratori e Alternanza Scuola - Lavoro Prove di evacuazione Informazioni gestione Emergenze Informazioni Sistema Prevenzionistico 626 Formazione Laboratori Formazione Scuola Lavoro

10 * secondo gli accordi locali (Organismi Paritetici Territoriali) Scuola: 4 ore Azienda: X ore (*) Formazione generale e specifica 626 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO * aggiornamenti annuali in relazione alle diverse esperienze di laboratorio effettuate da 1 a 4 ore secondo la tipologia di laboratorio (*) Formazione specifica per ogni laboratorio LABORATORI Informazione ACCOGLIENZA NOTEDURATAOBBLIGOQUANDO INFORMAZIONE - FORMAZIONE STUDENTI

11 CONTENUTI CD

12

13

14 ACCOGLIENZA Contenuti - Caratteristiche e uso della scuola - Norme di Prevenzione Incendi e Evacuazione - Organizzazione del Sistema Prevenzionistico Scolastico Come - Libretto scolastico - Piano dellOfferta Formativa

15 Contenuti - Quadro normativo in materia di igiene e sicurezza: Obblighi e responsabilità del docente e degli studenti (consegna e illustrazione procedure norme di comportamento generali e specifiche) -Fattori di igiene e sicurezza degli ambienti di lavoro: Caratteristiche del laboratorio - parametri ambientali, impianti, attrezzature, segnaletica Organizzazione del laboratorio Rischi presenti nel laboratorio - percezione del rischio - situazioni critiche - misure di prevenzione Utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale -Nozioni di tossicologia e primo soccorso Come - Progettazione UNITA FORMATIVA CAPITALIZZABILE Lezioni da 1 a 4 ore in relazione al tipo di laboratorio LABORATORI

16 COMPETENZE Essere in grado di: - Identificare comportamenti rispettosi delle condizioni di sicurezza e salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto degli obblighi previsti dalla normativa vigente in particolare al D.Lgs. 626/94 e al quadro normativo di riferimento - Individuare i comportamenti da adottare in situazioni di emergenza CONTENUTI DELLA FORMAZIONE Quadro normativo in materia di igiene e sicurezza Obblighi e responsabilità del docente e degli studenti - Norme di comportamento generali e specifiche Fattori di igiene e sicurezza del LABORATORIO DI CHIMICA Caratteristiche - parametri ambientali, attrezzature, impianti Organizzazione – tenuta dei reagenti, bombole e apparecchi, tenuta vetreria Rischi – percezione del rischio, situazioni critiche e misure di prevenzione Sostanze e preparati pericolosi – generalità, classificazione, etichettatura Esperienze ed esperimenti sotto cappa Utilizzo dei DPI – guanti, facciali filtranti, lavaocchi, camice Nozioni di tossicologia e primo soccorso LABORATORIO DI CHIMICA ESEMPIO DI UNITA FORMATIVA CAPITALIZZABILE

17 METODOLOGIA Presentazione della materia. Partecipazione attiva degli studenti, alternando momenti di osservazione e analisi di situazioni reali a momenti di riflessione e sistematizzazione concettuale. VALUTAZIONE Test conoscenza legislazione Analisi di un caso - infortunio A partire da una situazione data, individuare comportamenti conformi o non conformi alla normativa sulla sicurezza e tutela della salute nello specifico ambiente di lavoro Analisi dei materiali prodotti Indipendentemente dalla modalità utilizzata, la valutazione deve essere opportunamente documentata. DURATA 4 ore LABORATORIO DI CHIMICA ESEMPIO DI UNITA FORMATIVA CAPITALIZZABILE

18 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO LAZIENDA FORMA in un processo educativo di formazione sul campo Lapplicazione delle leggi di tutela della salute e sicurezza diviene un obbligo preciso a carico della Scuola e dellAzienda Il progetto educativo è il filo che unisce SCUOLA e AZIENDA, per svolgere limportante compito di formare il futuro lavoratore e cittadino. La SCUOLA LAVORA, lo studente entra fisicamente in un luogo di lavoro, la sua equiparazione a lavoratore diviene completa

19 SCUOLA Formazione generale con Corso 626: LABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro AZIENDA Formazione specifica sul campo con tutoraggio ALTERNANZA SCUOLA LAVORO COMPETENZE ALTERNANZA SCUOLA LAVORO COMPETENZE

20 Contenuti 1. Quadro normativo in materia di igiene e sicurezza, in riferimento al titolo I del D.Lgs. 626/94: Obblighi e responsabilità del datore di lavoro e dei lavoratori Organizzazione del sistema prevenzionistico aziendale Valutazione dei rischi e misure di prevenzione e protezione 2. Concetti generali di Rischio, Danno e Prevenzione, negli ambienti di lavoro: Rischi chimici, fisici, biologici, infortuni, organizzazione del lavoro Infortuni e malattie professionali Misure di prevenzione collettiva Misure di protezione individuale – DPI Norme generali – segnaletica di sicurezza Come Corso 626: LABC DELLA SICUREZZA E IGIENE SUL LAVORO Lezioni da 4 ore ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCUOLA - FORMAZIONE GENERALE ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCUOLA - FORMAZIONE GENERALE

21 Contenuti Caratteristica del luogo di lavoro; Organizzazione del sistema prevenzionistico aziendale; Rischi presenti; Misure di prevenzione collettiva e individuale adottate; Procedure operative di sicurezza (pronto soccorso e emergenza). Come N. Ore da definire (secondo gli accordi locali: Organismi Paritetici Territoriali) ALTERNANZA SCUOLA LAVORO AZIENDA - FORMAZIONE SPECIFICA


Scaricare ppt "Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEGLI STUDENTI LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA."

Presentazioni simili


Annunci Google