La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comacchio (FE) - Italy International Po Delta Birdwatching Fair 27 aprile 2012 PROGETTO BE-NATUR BEtter management of NATURe 2000 sites Miglioramento della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comacchio (FE) - Italy International Po Delta Birdwatching Fair 27 aprile 2012 PROGETTO BE-NATUR BEtter management of NATURe 2000 sites Miglioramento della."— Transcript della presentazione:

1 Comacchio (FE) - Italy International Po Delta Birdwatching Fair 27 aprile 2012 PROGETTO BE-NATUR BEtter management of NATURe 2000 sites Miglioramento della Gestione dei Siti della Rete Natura 2000

2 INTRODUZIONE Larresto della perdita di biodiversità è attualmente uno degli obiettivi prioritari della comunità internazionale. È necessario conservare gli ecosistemi naturali, in modo che possano reagire allimpatto delle attività delluomo. Le direttive Habitat e Uccelli sono la base di un forte impianto normativo comunitario per la protezione del patrimonio naturale e della conservazione della biodiversità in Europa.

3 INTRODUZIONE Gli Stati dellEuropa sud-orientale sono attualmente in fasi differenti di applicazione delle direttive comunitarie, con evidenti divari legislativi e gestionali. Gli elementi comuni (habitat, specie) che caratterizzano gli ecosistemi di questa parte del continente, in particolare quelli legati alle zone umide e gli uccelli migratori, necessitano di una gestione comune che attraversi i confini dei singoli Stati e affronti con obiettivi e strategie condivise la difficile sfida della conservazione.

4 direttiva 92/43/CEE Habitat La direttiva 92/43/CEE Habitat ha come obiettivo la salvaguardia della biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, nonché della flora e della fauna selvatiche nel territorio europeo. habitat specie siti di importanza comunitariaSIC Rete Natura 2000 Zone Speciali di ConservazioneZSC La direttiva elenca una serie di habitat e specie (vegetali ed animali, uccelli esclusi) che gli Stati membri devono conservare allinterno di siti di importanza comunitaria (SIC) appositamente individuati, il cui insieme costituisce la Rete Natura I SIC, una volta definitivamente designati, diverranno Zone Speciali di Conservazione (ZSC). DIRETTIVA 92/43/CEE

5 direttiva 09/147/UE Uccelli La direttiva 09/147/UE Uccelli (ex-direttiva 79/409/CEE) ha come obiettivo la salvaguardia degli uccelli selvatici europei. specie zone di protezione specialeZPS Rete Natura 2000 La direttiva elenca una serie di specie di uccelli che gli Stati membri devono conservare allinterno di zone di protezione speciale (ZPS) appositamente individuate e già designate perché particolarmente importanti per diverse fasi del ciclo biologico degli uccelli. Anche linsieme delle ZPS fa parte della Rete Natura DIRETTIVA 09/147/UE

6 Valli di Argenta (parte) Valli di Comacchio (parte) Vene di Bellocchio, Sacca di Bellocchio, Foce del Fiume Reno, Pineta di Bellocchio (parte) Punte Alberete, Valle Mandriole Bardello; Pineta di San Vitale, Bassa del Pirottolo Pialasse Baiona, Risega e Pontazzo Pineta di Casalborsetti, Pineta Staggioni, Duna di Porto Corsini Pialassa dei Piomboni, Pineta di Punta Marina Pineta di Cervia Salina di Cervia Ortazzo, Ortazzino, Foce del Torrente Bevano Pineta di Classe Vena del Gesso Romagnola (parte) Alta Valle del Torrente Sintria Alto Senio Podere Pantaleone Pietramora, Ceparano, Rio Cozzi, Terra del Sole (parte) Biotopi di Alfonsine e Fiume Reno (parte) Bacini di Russi e Fiume Lamone Calanchi Pliocenici dellAppennino Faentino Relitto del Paguro RETE NATURA 2000 IN PROVINCIA DI RAVENNA Siti di Importanza Comunitaria

7 SIC

8 Valle del Mezzano, Valle Pega (parte) Valli di Argenta (parte) Valli di Comacchio (parte) Vene di Bellocchio, Sacca di Bellocchio, Foce del Fiume Reno, Pineta di Bellocchio (parte) Punte Alberete, Valle Mandriole Bardello Pineta di San Vitale, Bassa del Pirottolo Pialasse Baiona, Risega e Pontazzo Salina di Cervia Ortazzo, Ortazzino, Foce del Torrente Bevano Pineta di Classe Vena del Gesso Romagnola (parte) Biotopi di Alfonsine e Fiume Reno (parte) Bacini di Russi e Fiume Lamone Bacini di Conselice Bacini ex-Zuccherificio di Mezzano Bacini di Massalombarda RETE NATURA 2000 IN PROVINCIA DI RAVENNA Zone di Protezione Speciale

9 ZPS

10 OBIETTIVO DEL PROGETTO affrontare e arrestare la perdità di biodiversità attraverso la definizione di azioni comuni per la conservazione del patrimonio naturale e del paesaggio nellEuropa sud- orientale, con particolare attenzione agli habitat e alle specie protetti dalle direttive 92/43/CEE e 09/147/UE e caratteristici delleco-regione Sud-Est europea o particolarmente minacciati dalle alterazioni ambientali causate dalle attività delluomoaffrontare e arrestare la perdità di biodiversità attraverso la definizione di azioni comuni per la conservazione del patrimonio naturale e del paesaggio nellEuropa sud- orientale, con particolare attenzione agli habitat e alle specie protetti dalle direttive 92/43/CEE e 09/147/UE e caratteristici delleco-regione Sud-Est europea o particolarmente minacciati dalle alterazioni ambientali causate dalle attività delluomo

11 RISULTATI ATTESI Per raggiungere tale obiettivo strategico generale ed attuare in modo efficace le due direttive nella regione sud- est europea, il progetto BE-NATUR persegue i seguenti risultati: - Definizione e attuazione di una comune strategia transnazionale per una migliore gestione della Rete Natura Definizione di Piani dAzione transnazionali per la conservazione di habitat e specie comuni e caratteristici del Sud-Est Europa

12 RISULTATI ATTESI - Definizione di metodologie comuni di monitoraggio per la verifica dellefficacia delle scelte compiute - Attività di comunicazione e disseminazione per accrescere la sensibilità dellopinione pubblica e per formare il personale tecnico Per raggiungere tale obiettivo strategico generale ed attuare in modo efficace le due direttive nella regione sud- est europea, il progetto BE-NATUR persegue i seguenti risultati: - Attuazione di progetti pilota per concretizzare le scelte della strategia comune e dei Piani dAzione

13 …IN SINTESI Il progetto finanziato dallUnione Europea nellambito del programma South East Europe, persegue il miglioramento della gestione dei siti Natura 2000 nei territori degli Enti partecipanti, attraverso limplementazione di strategie comuni, lo scambio di esperienze e conoscenze, la redazione di piani dazione comuni per la conservazione di elementi naturali caratteristici dellEuropa sud-orientale.

14 CHI PARTECIPA AL PROGETTO Nimfea – Environment and Nature Conservation Association (LP) (Ungheria) Provincia di Ravenna (Italia) Consorzio di gestione di Torre Guaceto - Brindisi (Italia) Centro di Studio e Ricerca in Agricoltura Raumberg-Gumpenstein (Austria) Università di Klagenfurt – Dipartimento di Economia (Austria) Agenzia di Sviluppo per il Sud Epiro Amvrakikos (Grecia) Direzione del Parco Naturale Strandja (Bulgaria) Regione Veneto – Direzione pianificazione territoriale e parchi (Italia) Istituto nazionale di sviluppo e ricerca del Delta Danubio (Romania) Consiglio della Contea di Timis (Romania) Agenzia di coordinamento sviluppo Lago Balaton (Ungheria) Autorità della biosfera della Riserva del Delta del Danubio (Romania) Università della Tecnologia di Vienna, Dipartimento di Finanza Pubblica e Politica delle Infrastrutture (Austria) Città di Cacak (Serbia)

15 CHI PARTECIPA AL PROGETTO

16 ATTIVITA Comunicazione Definizione di unimmagine coordinata Predisposizione di un sito web di progetto Realizzazione di materiali promozionali a stampa Organizzazione di eventi

17 ATTIVITA Strategia transnazionale e strumenti per migliorare la gestione di Rete Natura 2000 Analisi delle differenze gestionali e attuative tra gli Stati Definizione di Piani di Azione transnazionali per habitat e specie di cui alle direttive 92/43/CEE e 09/147/UE Definizione di un metodo comune di monitoraggio per la valutazione dello stato di conservazione di habitat e specie Linee guida contenenti la strategia comune transnazionale

18 ATTIVITA Strategia transnazionale e strumenti per migliorare la gestione di Rete Natura 2000 Organizzazione di visite di studio per la condivisione di informazioni, esperienze, buone pratiche, problemi e possibili soluzioni

19 ATTIVITA Attuazione concreta della strategia e formazione del personale Formazione per esperti locali sulle strategie di conservazione e sui metodi di monitoraggio Elaborazione di una lista di interventi diretti di conservazione per habitat e specie Realizzazione di interventi concreti (progetti pilota)

20 ATTIVITA Promozione del turismo sostenibile Definizione di materiale didattico comune Organizzazione di eventi sulla conservazione del patrimonio naturale per scuole e famiglie Organizzazione di visite guidate ai siti naturali per scuole e famiglie

21 Che cosè un Piano dAzione Una raccolta di attività gestionali, misure di conservazione, norme di tutela specifiche per la salvaguardia di un habitat o di una specie in unarea vasta (non in un singolo sito). LUnione Europea ha approvato numerosi Piani dAzione a livello continentale. Ciascun singolo Stato può approvare proprio specifici Piani dAzione, relativi al proprio territorio nazionale.

22 Piani dAzione per habitat Tra queste specie, ve ne possono essere alcune di per sé particolarmente importanti dal punto di vista conservazionistico e direttamente protette come tali dalle direttive. Un Piano dAzione per habitat comprende molteplici informazioni sulle numerose specie di piante ed animali che ne compongono la cenosi.

23 Piani dAzione per specie Il Piano dAzione per una specie considera esclusivamente quella determinata specie e le sue interazioni con le altre parti dellecosistema.

24 Piani dAzione Ciascun partecipante al progetto deve individuare un habitat e una specie per i quali elaborare i Piani dAzione, congiuntamente con gli altri che avranno selezionato lo stesso elemento. La selezione è stata effettuata partendo da un insieme di elementi caratteristici dellEuropa sud-orientale, individuati allatto della redazione del progetto.

25 Piani dAzione per habitat HabitatParterCoordinatore Costieri ed alofitici Dune costiere sabbiose Regione Veneto Provincia di Ravenna Torre Guaceto NIMFEA Riserva della Biosfera Delta del Danubio Parco Nazionale Strandja Regione Veneto Acque dolci Boschi ripariali ETANAM Contea di Timis Comune di Cacak ETANAM Torbiere e sfagni Agenzia del Lago Balaton Università di Vienna

26 HABITAT 1. HABITAT COSTIERI E ALOFITICI 11. Mare aperto e zone di marea (1120 * Letti di Posidonion oceanicae; 1130 Estuari; 14. Paludi e prati umidi salmastri mediterranei o termo-atlantici (1410 Pascoli inondati mediterranei Juncetalia maritimi) 15. Steppe salate o gessose interne (1530 * Steppe e paludi salate della Pannonia) 2. DUNE SABBIOSE COSTIERE O INTERNE 21. Dune costiere dellAtlantico, del Mare del Nord e del Baltico (2110 Dune mobili embrionali; 2120 Dune mobili costiere con Ammophila arenaria – dune bianche; 2130* Dune fisse con vegetazione erbacea – dune grigie; 2160 Dune con presenza di Hippophae rhamnoides) 22. Dune costiere del Mediterraneo (2240 Prati dunali Brachypodietalia; 2250* Dune costiere con Juniperus spp.)

27 HABITAT 3. HABITAT DI ACQUA DOLCE 31. Acque stagnanti (3130 Acque stagnanti oligotrofiche o mesotrofiche con vegetazione del Littorelletea uniflorae e/o del Isoëto-Nanojuncetea) 7. TORBIERE, PALUDI E SFAGNI 72. Paludi basse calcaree (7210 * Paludi calcaree con Cladium mariscus e specie del Caricion davallianae; 7230 Torbiere basse alcaline) 9. FORESTE 92. Foreste decidue del Mediterraneo (92A0 Foreste a galleria di Salix alba e Populus alba).

28 Piani dAzione per specie SpecieParterCoordinatore Cicogna bianca (Ciconia ciconia) NIMFEA Contea di Timis Parco Nazionale Strandja NIMFEA Marangone minore (Phalacrocorax pygmeus) Provincia di Ravenna Regione Veneto Comune di Cacak Agenzia del Lago Balaton ETANAM Riserva della Biosfera Delta del Danubio Provincia di Ravenna Testuggine palustre (Emys orbicularis) Parco Nazionale Strandja Torre Guaceto Parco Nazionale Strandja

29 CICOGNA BIANCA (Ciconia ciconia)

30 MARANGONE MINORE (Phalacrocorax pygmeus)

31 TESTUGGINE PALUSTRE (Emys orbicularis)

32 IL PIANO DAZIONE PER GLI HABITAT COSTIERI, ALOFITICI E LE DUNE

33 1120* Letti di Posidonia oceanica Le praterie di Posidonia oceanica sono caratteristiche del piano infralitorale del Mediterraneo (profondità da poche dozzine di centimetri a metri) su substrati duri o mobili, queste praterie costituiscono una delle principali comunità climax. X

34 1130 Estuari Tratto terminale dei fiumi che sfociano in mare influenzato dalla azione delle maree che si estende sino al limite delle acque salmastre. Il mescolamento di acque dolci e acque marine ed il ridotto flusso delle acque del fiume nella parte riparata dellestuario determina la deposizione di sedimenti fini che spesso formano vasti cordoni intertidali sabbiosi e fangosi. La vegetazione vascolare negli estuari è raramente caratterizzata nei fondali da Zostera noltii o sui depositi fangosi da vegetazione alofila a Spartina maritima.

35 1130 Estuari

36 Localmente, le specie di piante più interessanti e caratteristiche sono Zostera marina, Ruppia maritima, Spartina maritima (che forma praterie compatte, habitat endemico dellAlto Adriatico). Tra gli animali vi sono molte specie euriterme ed eurialine di Invertebrati. Nelle acque estuariali si trovano specie ittiche importanti la lampreda di mare (Petromyzon marinus), lo storione comune (Acipenser sturio), lo storione del Po (Acipenser naccarii), la cheppia (Alosa fallax).

37 1130 Estuari Lhabitat può necessitare di interventi di conservazione in seguito alla divagazione fluviale determinata dalla subsidenza, dallinnalzamento del mare, dalla riduzione del trasporto solido fluviale, dalla diminuzione delle portate fluviali, dallerosione costiera. Inoltre, è fortemente minacciato dagli interventi di rettifica ed inalveamento artificiale delle foci, nonché dalla loro trasformazione in porticcioli turistici.

38 1410 Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi) Prateria mediterranea di piante alofile e subalofile, in stagni costieri debolmente salmastri, lungamente inondati e su substrato sabbioso, dominata da giunchi o altre specie igrofile. Sono localmente caratterizzate da Scirpus maritimus (spesso con Aster tripolium e Plantago cornuti) in formazioni piuttosto compatte o da cenosi più rade a Juncus acutus.

39 1410 Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi)

40 Localmente, le specie di piante variano a seconda delle diverse forme di vegetazione che caratterizzano lhabitat, con Juncus maritimus, Juncus acutus, Carex extensa, Aster tripolium, Plantago cornuti, Inula crithmoides, Scirpus maritimus, Puccinellia palustris, Hordeum maritimum, Schoenus nigricans, Orchis coriophora, Artemisia coerulescens, Aeluropus litoralis, Agropyron elongatum. Molte specie di uccelli utilizzano questo habitat come rifugio o sito riproduttivo; tra esse, alcuni rallidi particolarmente rari e localizzati come il voltolino (Porzana porzana) e la schiribilla (Porzana parva).

41 1410 Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi) Per la conservazione di questo habitat è fondamentale una costante manutenzione dei sistemi idraulici, allo scopo di mantenere la salinità e landamento annuale dei livelli che permette linsediamento dei giunchi e previene la loro sostituzione con canna di palude. La principale minaccia, oltre allabbandono gestionale, è dovuta alla dolcificazione o alla salificazione eccessive di questo habitat tipicamente intermedio.

42 2110 Dune mobili embrionali Habitat formato da piante psammofile perenni, che originano i primi embrioni delle dune, dominato da Elymus farctus ssp. farctus (=Agropyron junceum), con Echinophora spinosa e Xanthium italicum. Habitat frammentario, a causa della frequentazione balneare di tutte le spiagge.

43 2110 Dune mobili embrionali

44 Localmente, le specie di piante più caratteristiche sono: Agropyron junceum, Euphorbia peplis, Medicago marina, Eryngium maritimum, Echinophora spinosa, Calystegia soldanella. Una specie ornitica legata a questo habitat per lalimentazione e la riproduzione è particolarmente importante, poiché fortemente minacciata, si tratta del fratino (Charadrius alexandrinus).

45 2110 Dune mobili embrionali Habitat molto raro e localizzato, poiché ovunque eliminato per far posto alle strutture per il turismo balneare; anche nelle spiagge naturali, la pulizia meccanica delle spiagge e la frequentazione antropica e il calpestio rendono la presenza e la conservazione di questo habitat assai problematici.

46 2120 Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria ("dune bianche") Habitat delle dune costiere più interne ed elevate, colonizzate da Ammophila arenaria subsp. Australis, cui si associano localmente Eryngium maritimum, Calystegia soldanella, Echinophora spinosa, Euphorbia paralias, Medicago marina.

47 2120 Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria ("dune bianche")

48 Localmente, le specie di piante più caratteristiche sono: Ammophila arenaria, Echinophora spinosa, Eryngium maritimum, Euphorbia paralias, Medicago marina. Il fratino, citato per lhabitat precedente, si ritrova anche in questo, ad esso strettamente contiguo.

49 2120 Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria ("dune bianche") Come il precedente, è habitat molto raro e localizzato, poiché eliminato per far posto alle strutture per il turismo balneare; anche nelle spiagge naturali, la pulizia meccanica delle spiagge e la frequentazione antropica e il calpestio rendono la presenza e la conservazione di questo habitat assai problematici.

50 2130 * Dune costiere fisse a vegetazione erbacea ("dune grigie") Habitat insediato su dune interne parzialmente e definitivamente stabilizzate, con comunità di piante annuali (Bromus tectorum, Phleum arenarium, Vulpia ciliata) o con comunità più stabili dominate da Scabiosa argentea su sabbie ricoperte da muschi (Tortula ruraliformis e Pleurochaete squarrosa).

51 2130 * Dune costiere fisse a vegetazione erbacea ("dune grigie")

52 Le specie di piante caratteristiche sono: Silene colorata, Vulpia membranacea, Avellinia michelii, Phleum arenarium, Medicago minima, Tortula ruraliformis, Fumana procumbens, Scabiosa argentea, Teucrium polium, Petrorhagia saxifraga, Stachys recta, Sanguisorba minor, Schoenus nigricans, Chrysopogon gryllus, Bromus erectus. Alcuni rettili e anfibi, tra cui la testuggine terrestre (Testudo hermanni), la lucertola campestre (Podarcis sicula), il rospo smeraldino (Bufo viridis) e il rarissimo pelobate fosco (Pelobates fuscus).

53 2130 * Dune costiere fisse a vegetazione erbacea ("dune grigie") Questo habitat lungo le spiagge è, come i precedenti, molto raro e localizzato, poiché eliminato per far posto alle strutture per il turismo balneare; anche nelle spiagge naturali, la frequentazione antropica e il calpestio rendono la presenza e la conservazione di questo habitat assai problematici. Risulta meglio conservato in alcuni campi di dune fossili, distanti dal mare o in radure nelle pinete artificiali.

54 2160 Dune con presenza di Hippophae rhamnoides Habitat insediato su dune stabili con suoli più evoluti, in presenza di una certa umidità, caratterizzato da Hippophae rhamnoides con Juniperus communis e Phillyrea angustifolia. Comunità endemica delle coste del Nord Adriatico.

55 2160 Dune con presenza di Hippophae rhamnoides

56 Gli arbusti che caratterizzano lhabitat endemico sono: Hippophae rhamnoides ssp. fluviatilis, Juniperus communis, Rhamnus catharticus, Phillyrea angustifolia, Pyracantha coccinea. Lhabitat è importante, in particolare, come area di stop-over per i passeriformi in migrazione.

57 2160 Dune con presenza di Hippophae rhamnoides Habitat rarissimo e fortemente minacciato dallespansione urbanistica dei centri balneari e dalla piantumazione delle pinete litoranee a Pinus pinaster. La presenza di piccoli nuclei in aree marginali dei lidi, dovrebbe essere rigorosamente tutelata, anche se talvolta le macchie sono insediate ai bordi di parcheggi o discariche abusive o lungo i fossi di scolo.

58 2240 Dune con prati di Brachypodietalia e vegetazione annua Comunità vegetali annuali effimere delle dune, a sviluppo primaverile, che si localizzano nelle radure della macchia e della vegetazione erbacea perenne sviluppate sulle sabbie che derivano dalla degradazione dei substrati basici. Questa vegetazione occupa una posizione ecologica simile a quella descritta per l'habitat 2230 "Dune con prati dei Malcolmietalia", inserendosi però nella parte della duna occupata dalle formazioni maggiormente stabilizzate sia erbacee che legnose X

59 2250* Dune costiere con Juniperus spp. Lhabitat è caratterizzato da macchie dominate da Juniperus communis su dune consolidate interne, cui si associano talvolta Asparagus acutifolius, Phillyrea angustifolia, Rhamnus alaternus, Clematis flammula, Ruscus aculeatus. Habitat fortemente minacciato dallespansione urbanistica dei centri balneari e dalla piantumazione delle pinete litoranee.

60 2250* Dune costiere con Juniperus spp. Gli arbusti che caratterizzano lhabitat localmente sono: Juniperus communis, Asparagus acutifolius, Rhamnus alaternus, Clematis flammula, Ruscus aculeatus. Lhabitat è importante, in particolare, come area di stop-over per i passeriformi in migrazione.

61 2250* Dune costiere con Juniperus spp. Come le macchie di olivello spinoso, con cui spesso condivide i siti, insediandosi nelle parti meno umide, è habitat raro e fortemente minacciato dallespansione urbanistica dei centri balneari e dalla piantumazione delle pinete litoranee a Pinus pinaster. La presenza di piccoli nuclei in aree marginali dei lidi, dovrebbe essere rigorosamente tutelata, anche se talvolta le macchie sono insediate ai bordi di parcheggi o discariche abusive.

62 AZIONI CONCRETE E PROGETTI PILOTA - Ripristino e conservazione di habitat della direttiva 92/43/CEE; - Reintroduzione e conservazione di specie vegetali o animali della direttiva 92/43/CEE; - Redazione di Piani di Gestione per siti particolarmente critici e minacciati; - Redazione di manuali per la conservazione di habitat e specie; - Attività di monitoraggio; - Seminari sulla conservazione di habitat e specie.

63 AZIONI CONCRETE Seminari sulla conservazione di habitat e specie Piano dAzione sugli habitat costieri e dunali Piano dAzione sul marangone minore Metodo di monitoraggio

64 PROGETTI PILOTA Reintroduzione e conservazione di specie vegetali o animali della direttiva 92/43/CEE Reintroduzione dello storione del Po (Acipenser naccarii) nel fiume Reno (Po di Primaro)

65 PROGETTI PILOTA Reintroduzione e conservazione di specie vegetali o animali della direttiva 92/43/CEE Lo storione del Po è estinto dal territorio della provincia di Ravenna dagli anni 60 del secolo scorso. Le ultime segnalazioni sono relative al fiume Reno, dove la specie è scomparsa a causa della costruzione della diga di Volta Scirocco (fine anni 50). La Provincia di Ravenna sta realizzando presso la diga una scala di rimonta per la fauna ittica (Acipenser naccarii, Alosa fallax).

66 FINE Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Comacchio (FE) - Italy International Po Delta Birdwatching Fair 27 aprile 2012 PROGETTO BE-NATUR BEtter management of NATURe 2000 sites Miglioramento della."

Presentazioni simili


Annunci Google