La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Luciano Hinna 1 Fare spendere e rendicontare alcune riflessioni a margine Luciano Hinna Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Giurisprudenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Luciano Hinna 1 Fare spendere e rendicontare alcune riflessioni a margine Luciano Hinna Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Giurisprudenza."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Luciano Hinna 1 Fare spendere e rendicontare alcune riflessioni a margine Luciano Hinna Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Diritto Pubblico CISPA centro per linnovazione nella PA

2 Prof. Luciano Hinna 2 I punti che si intendono toccare Cenni alle differenti logiche della rendicontazione nelle strutture profit, no profit e pubbliche (storia, strumenti, moda e norme) Levoluzione del sistema di accountability anche alla luce del decreto 150/09 Rapporto/ bilancio sociale: da documento autoreferente a documento condiviso Rapporto/bilancio sociale in compagnia di altri strumenti della CSR La nuova frontiera della rendicontazione

3 Prof. Luciano Hinna 3 Le differenti logiche della rendicontazione tra strutture profit, no profit e pubbliche (storia, strumenti tra moda e norme) Sulla scia del csr delle imprese profit (prevalentemente multinazionali) per gestire il consenso e vendere di più prodotti ed azioni Le strutture non profit, socialmente responsabili per definizione, per gestire il consenso e raccogliere più fondi Le pubbliche amministrazioni per gestire il consenso in una logica nuova di relazione tra ente e cittadino

4 Prof. Luciano Hinna 4 Perché rendicontano le pubbliche amministrazioni italiane Si lega ad una nuova domanda di accountability nel settore pubblico Si lega alla necessità delle strutture organizzative di raccontarsi e raccontare che cosa stanno realizzando e con quale ricaduta sociale La recente riforma introdotta con il decreto 150/09 richiede oggi per norma quello che prima era solo per esigenza (cera stata solo un direttiva)

5 Prof. Luciano Hinna 5 La storia dellaccountability nella P.A. La P.A. ha sempre reso conto: A chi: Molto agli organismi vigilanti (ministeri, regioni, Corte dei conti) e poco agli stakeholder e ai cittadini/azionisti della P.A) Su che cosa: Dei fondi assegnati e spesi e molto poco dei risultati ottenuti con quei fondi Come: Utilizzando come strumento principe il bilancio/rendiconto

6 Prof. Luciano Hinna 6 A chi: Oltre che ai soggetti vigilanti ed in chiave strettamente contabile è si potrebbe rendere conto anche alla opinione pubblica, gli stakeholder tenendo conto del linguaggio dei destinatari La storia dellaccountability nella P.A.

7 Prof. Luciano Hinna 7 Su che cosa: Sui risultati ottenuti con i fondi disponibili (non come si è speso, ma che cosa si è ottenuto) Sui valori assunti a guida della e gestione (come sono stati ottenuti i risultati) La storia dellaccountability nella P.A.

8 Prof. Luciano Hinna 8 Con quale strumento: Il bilancio sociale /rapporto sociale, uno strumento ad assetto variabile che a seconda delle situazioni può assemblare dati per predisporre oltre che un bilancio sociale generale, anche un bilancio per categoria di stakeholder La storia dellaccountability nella P.A.

9 Prof. Luciano Hinna 9 Accountability in PA:Si tratta di una novità? 1908 Francesco De Gregori: La storia siamo noi…

10 Prof. Luciano Hinna 10 Cenni alle differenti logiche della rendicontazione nelle strutture profit, no profit e pubbliche (storia, strumenti, moda e norme) Levoluzione del sistema di accountability anche alla luce del decreto 150/09 Rapporto/ bilancio sociale: da documento autoreferente a documento condiviso Rapporto/bilancio sociale in compagnia di altri strumenti della CSR La nuova frontiera della rendicontazione

11 Prof. Luciano Hinna 11 Levoluzione del sistema di accountability alla luce del decreto 150/09 Qualità servizi Valutazione del personale Trasparenza Meritocrazia Etica ed integrità Nelle riforme precedenti :i valori cerano ma non erano a sistema Accountability

12 Prof. Luciano Hinna 12 Nella riforma attuale gli stessi valori sono a sistema

13 Prof. Luciano Hinna 13 La riforma una serie di valori a sistema Trasparenza Integrità Selettività premialità Merito e premialità Soddisfazione utente Valutazione Pari opportunità Accountability Performance Riforma Misurazione

14 Prof. Luciano Hinna 14 Le esperienze ed i suggerimenti emersi dagli altri paesi erecepiti nel decreto 150/09 IL MODELLO EMERGENTE

15 Prof. Luciano Hinna 15 Uno schema esemplificativo prima della riforma AREA DELLA RENDICONTAZIONE SOCIALE NELLA P.A $inputoutput Outcomeintermedio Outcome finale Efficienza tecnica (efficiency) Efficienza economica (economy) Efficacia sociale Economicità (Value for money Analisi costi benefici)

16 Prof. Luciano Hinna 16 Uno schema esemplificativo dopo la riforma AREA DELLA RENDICONTAZIONE SOCIALE NELLA P.A $inputoutput Outcomeintermedio Outcome finale Efficienza tecnica (efficiency) Efficienza economica (economy) Efficacia sociale Economicità (Value for money Analisi costi benefici)

17 Prof. Luciano Hinna 17 La performance nel modello del Decreto 150 Performance dellENTE SPAN: Input output outcome DEPTH Organizz. Individuo Gruppi PER CONTROLLO ISTITUZIONALE

18 Prof. Luciano Hinna 18 Cenni alle differenti logiche della rendicontazione nelle strutture profit, no profit e pubbliche (storia, strumenti, moda e norme) Levoluzione del sistema di accountability anche alla luce del decreto 150/09 Rapporto/ bilancio sociale: da documento autoreferente a documento condiviso Rapporto/bilancio sociale in compagnia di altri strumenti della CSR La nuova frontiera della rendicontazione

19 Prof. Luciano Hinna 19 Da documento autoreferente (vetrina delle belle cose realizzate) Moda Emulazione Scarsa convinzione Alla scadenza di mandati

20 Prof. Luciano Hinna 20 Approvazione del Top management Identificare gli stakeholder chiave ed i fattori critici di successo e valori Dialogo con gli stakeholders Determinazione degli indicatori chiave; adattare i sistemi di management dellinformazione Monitorare le performance e la soddisfazione con i valori della struttura Obiettivi, budget e piano dazione per il miglioramento Preparare, verificare e pubblicare il resoconto Consultare gli stakeholder riguardo: performance, valori e target di miglioramento Il processo dello stakeholder Reporting/relationship

21 Prof. Luciano Hinna 21 Approvazione del Top management Identificare gli stakeholder chiave ed i fattori critici di successo e valori Dialogo con gli stakeholders Determinazione degli indicatori chiave; adattare i sistemi di management dellinformazione Monitorare le performance e la soddisfazione con i valori della struttura Obiettivi, budget e piano dazione per il miglioramento Preparare, verificare e pubblicare il resoconto Consultare gli stakeholder riguardo: performance, valori e target di miglioramento Il processo dello stakeholder Reporting/relationship

22 Prof. Luciano Hinna 22 Identificazione degli stakeholder chiave e delle aree di interesse Influenza AltoBasso interesse Basso Alto Fonte: Traduzione da The Copenhagen Charter

23 Prof. Luciano Hinna 23 Da documento autoreferente (vetrina delle belle cose realizzate) A documento ad assetto variabile e segmentato per tipologia di stakeholder ed il bilancio sociale diventa documento da sito

24 Prof. Luciano Hinna 24 Identificazione degli stakeholder chiave e delle aree di interesse Influenza AltoBasso interesse Basso Alto Fonte: Traduzione da The Copenhagen Charter Bilancio Sociale Coinvolgimento stakeholder

25 Prof. Luciano Hinna 25 La matrice Attività/Stakeholder ORGANIZZAZIONI DELLA RETE StakeholdersABCDEN Persone fisiche a b c Persone giuridiche a b c … a b c X stakeholder X attività KPI

26 Prof. Luciano Hinna 26 Le matrici Attività/Stakeholder Tipologie di attività svolte a favore di Stakeholders ABCDEN Pensionati a b c Lavoratori attivi a b c Imprese a b c StakeholdersABCDEN Persone fisiche a b c Persone giuridiche a b c … a b c StakeholdersABCDEN Persone fisiche a b c Persone giuridiche a b c … a b c StakeholdersABCDEN Persone fisiche a b c Persone giuridiche a b c … a b c StakeholdersABCDEN Pensionati a b c Lavorato ri attivi a b c Imprese … a b c

27 Prof. Luciano Hinna 27 Cenni alle differenti logiche della rendicontazione nelle strutture profit, no profit e pubbliche (storia, strumenti, moda e norme) Levoluzione del sistema di accountability anche alla luce del decreto 150/09 Rapporto/ bilancio sociale: da documento autoreferente a documento condiviso Rapporto/bilancio sociale in compagnia di altri strumenti della CSR La nuova frontiera della rendicontazione

28 Prof. Luciano Hinna 28 dal bilancio sociale agli altri strumenti Manifesto /carta dei valori Codice etico e suo controllo Comitato etico Training al personale su RSI Misurazione del capitale intellettuale Marketing sociale Azioni di responsabilità sociale Balance scorecard Bilancio sociale Onlus del personale Audit sociale Canali e strumenti di dialogo con gli stakeholder Livello di utilizzobassomedioalto

29 Prof. Luciano Hinna 29 Un tentativo di classificazione Gli strumenti per gestire la Responsabilità sociale: Strategici Operativi di relazione Operativi di supporto Accessori

30 Prof. Luciano Hinna 30 Gli strumenti per gestire la CSR Strumenti strategici: Carta/manifesto dei valori Codice etico Strumenti operativi di relazione: Relazioni, dialogo e coinvolgimento con gli stakeholder Documento di rendicontazione: Bilancio / relazione sociale:

31 Prof. Luciano Hinna 31 Gli strumenti per gestire la CSR Strumenti operativi di supporto : Sistema informativo (Balanced scorecard) Filigrana ed indicatori di performance (KPI) e catena di senso Training al personale su CSR Gestione del patrimonio intellettuale Utilizzo di altri standard di qualità Strumenti accessori: Social audit e social rating Individuazione di iniziative di responsabilità sociale Comitato etico

32 Prof. Luciano Hinna 32 Strumenti di gestione della responsabilità sociale Livello di utilizzo nel settore non profit Livello di utilizzo nel settore profit Potenzialità nelle strutture pubbliche B M A Codice etico Training su CSR Relazione e dialogo con gli stakeholder Iniziative di responsabilità sociale Manifesto carta dei valori Filigrana & KPI Sistema informativo (Balanced score card) Documento di rendicontazione Social auditing & social rating Comitato etico Gestione del patrimonio intellettuale Utilizzo di altri standard B M A Gli spazi per gli aziendalisti

33 Prof. Luciano Hinna 33 Strumenti di gestione della responsabilità sociale Livello di utilizzo nel settore non profit Livello di utilizzo nel settore profit Potenzialità nelle strutture pubbliche B M A Codice etico Training su CSR Relazione e dialogo con gli stakeholder Iniziative di responsabilità sociale Manifesto carta dei valori Filigrana & KPI Sistema informativo (Balanced score card) Documento di rendicontazione Social auditing & social rating Comitato etico Gestione del patrimonio intellettuale Utilizzo di altri standard B M A Gli spazi per gli aziendalisti nei fenomeni di migrazione

34 Prof. Luciano Hinna 34 Cenni alle differenti logiche della rendicontazione nelle strutture profit, no profit e pubbliche (storia, strumenti, moda e norme) Levoluzione del sistema di accountability anche alla luce del decreto 150/09 Rapporto/ bilancio sociale: da documento autoreferente a documento condiviso Rapporto/bilancio sociale in compagnia di altri strumenti della CSR La nuova frontiera della rendicontazione

35 Prof. Luciano Hinna 35 Gli assi sui quali si collocano i vari strumenti della CSR Coinvolgimento degli stakeholder Integrazione degli strumenti CSR AutoreferenzialitàCondivisione Concertazione sommatoria Sistema

36 Prof. Luciano Hinna 36 Gli assi sui quali si collocano i vari strumenti della CSR Coinvolgimento degli stakeholder Integrazione degli strumenti CSR AutoreferenzialitàCondivisione Concertazione sommatoria Sistema fidati misuramicertificami Dal bilancio delle sole parole Con indicatori autoreferenti condivisi

37 Prof. Luciano Hinna 37 La nuova frontiera Stakeholder engagement che presengta una serie di vantaggi: Legame più stretto con categorie di stakeholder Gli stakeholder da spettatori diventano attori Maggiore partecipazione Possibilità di sentire prima gli umori e gestire il consenso di fatto certificano i risultati possibilità di fare stratgia a costo zero

38 Prof. Luciano Hinna 38 Fonte: Traduzione da The Copenhagen Charter

39 Prof. Luciano Hinna 39 Lo scaffale da consultare Qualora si volessero approfondire alcuni dei temi trattati si può far riferimento ad alcuni volumi pubblicati

40 Prof. Luciano Hinna 40 Lo scaffale da consultare Qualora si volessero approfondire alcuni dei temi trattati si può far riferimento ad alcuni volumi pubblicati

41 Prof. Luciano Hinna 41 Coordinate per ulteriori informazioni ed approfondimenti Prof. Luciano Hinna Ordinario di Economia delle aziende pubbliche e non profit Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Diritto pubblico Direttore del CISPA- Centro interdipartimentale per linnovazione nella PA Università di Roma Tor Vergata Cell:


Scaricare ppt "Prof. Luciano Hinna 1 Fare spendere e rendicontare alcune riflessioni a margine Luciano Hinna Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Giurisprudenza."

Presentazioni simili


Annunci Google