La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le scuole tecniche e la manualistica ottocentesca Lezione del corso di Storia della Tecnologia 05/05/2008 Filippo Nieddu.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le scuole tecniche e la manualistica ottocentesca Lezione del corso di Storia della Tecnologia 05/05/2008 Filippo Nieddu."— Transcript della presentazione:

1 Le scuole tecniche e la manualistica ottocentesca Lezione del corso di Storia della Tecnologia 05/05/2008 Filippo Nieddu

2 La crescita della teoria Le conoscenze scientifiche e tecniche si svilupparono in modo molto forte nel corso dellOttocento. La teoria assunse quindi un peso sempre più rilevante, soprattutto per ciò che concerne le industrie a basi scientifiche. Si svilupparono di conseguenza le scuole tecniche, secondo percorsi diversi tra i vari Paesi.

3 La fine del Settecento In questo periodo ci si rende conto che lo sviluppo delle arti e manifatture inglesi fu anche dovuto a una stretta relazione tra teoria e pratica. La posizione è presa da Denis Diderot in un suo saggio del 1752 pubblicato su Le arti. La Lunar Society (fondata a Birmingham nel 1776) costituì un punto di scambio di esperienze e idee tra tecnici (suoi soci furono James Watt, Matthew Boulton, Josiah Wedgewood, John Priestley, Erasmus Darwin e William Withering). Josiah Wedgewood James Watt

4 La Lunar Society Matthew Boulton. Celebre per aver collaborato con Watt alla realizzazione delle prime macchine a vapore efficienti, ideò anche un conio anti-frodo. Erasmus Darwin. Nonno di Charles, fu medico, esperto di botanica e precedette in qualche modo le idee del nipote. Thomas Day. Riformatore del sistema educativo, sostenne la campagna contro la schiavitù. Richard Lovell Edgeworth, Fu pioniere della telegrafia, e attivo sperimentatore nel campo dellelettricità e della meccanica agricola. Edgeworth Darwin Boulton

5 I tecnici statali Il legame tra scienziati e tecnica industriale fu in ogni modo labile sino allinizio dellOttocento. Fu liniziativa statale il trait dunion tra lattività scientifica e le sue applicazioni pratiche. I settori di applicazione principale furono la costruzione di vie di comunicazione e la coltivazione di miniere. Le istituzioni formate per questi scopi erano al livello di scuole superiori, ma si trovavano comunque al di fuori dellambito universitario.

6 La Francia Nel 1748 il Ministero della Guerra istituì lEcole du Génie Militaire a Mézières. La scuola cambiò nome nel 1775, diventando Ecole Royale. Nel 1765 fu organizzata presso Parigi lEcole Royale des Ingenieurs Constructeurs de Vaisseux, che divenne poi lEcole du Génie Maritime. 1783: Ecole des Mines. LEcole du Génie a Mézières

7 Gli altri Paesi / 1 Nel Regno di Sardegna fu istituita una Scuola di Applicazione di Artiglieria e Genio nel Vi insegnò il matematico Joseph- Louis Lagrange, noto anche come uno dei fondatori dellAccademia delle Scienze torinese. Dopo i successi napoleonici il supporto tecnico allesercito sembrò indispensabile, e nel 1816 a Berlino fu fondata una scuola di Ingegneria e Artiglieria a Berlino. Lesempio fu seguito dalla Svezia nel Scuole minerarie furono fondate in tutti i principali Paesi (in Belgio nel 1836 e a Londra nel 1851).

8 Gli altri Paesi / 2 Dal 1820 anche la Russia, la Spagna, il Belgio e gli stati italiani riorganizzarono le scuole militari già presenti. Pur inquadrati militarmente, gli allievi di queste scuole non si occupavano solamente di arti guerresche, ma partecipavano a progetti civili. Altro campo nel quale si avvertì la necessità di scuole specializzate fu larte mineraria. Nel 1763 fu fondata la Bergakademie di Schemnitz (Impero Austroungarico), seguita nel 1765 da unanaloga istituzione a Friburgo (Sassonia) e nel 1770 da unaltra ancora (la Berakademie) a Berlino.

9 Gli insegnamenti Sino a metà Ottocento i corsi erano prevalentemente triennali. Le materie insegnate erano: – meccanica; – filosofia; – progettazione di macchine; – fortificazione; – architettura; – chimica (con laboratorio); – geometria; – idraulica e tecniche minerarie (con visite).

10 Lingegneria civile I primi corsi organizzati per i dipendenti del Corps des Ponts et Chaussées risalgono al 1748, e da questi derivò la scuola omonima. Disegno del ponte di Neuilly - Progetto di Jean-Rodolphe Perronet

11 LEcole des Ponts et Chaussées Il corpo docente non era formato da insegnanti di professione, ma da ufficiali del corpo e dai migliori allievi della scuola. La struttura del corso prevedeva per i tre anni: 1. insegnamenti scientifici generali; 2. meccanica, idraulica, sezioni coniche, misurazioni topografiche, resistenza dei materiali e stereotomia; 3. istruzione su progetti pratici.

12 LEcole Polytechnique Fondata nel 1794, la scuola costituiva la base preparatoria per lammissione alle cosiddette écoles dapplication: – lEcole de lArtillerie et du Génie Militaire; – lEcole des Ponts et Chaussées; – lEcole des Mines. La scuola dipendeva dal Ministero della Guerra, e vigeva in essa una disciplina militare. Strutturato in questo modo, il sistema francese divenne un modello per tutti i Paesi europei.

13 La Russia Il Paese che maggiormente seguì il modello francese fu la Russia. Risale al 1805 la formazione di un Corpo degli Ingegneri di Ponti e Strade. Listituzione fu favorita dalla presenza di ingegneri francesi, allontanatisi dal paese dorigine durante il Primo Impero e la Restaurazione. Tra loro: Emile Clapeyron, Gabriel Lamé e lo spagnolo Augustin de Betancourt (che dal 1810 fu incaricato dal governo di provvedere alla formazione degli ingegneri).

14 La Spagna Lo stesso Augustin de Betancourt tentò di organizzare, sin dal 1792, listruzione superiore tecnica nel proprio paese. Fondò il Gabinete de Maquinas a Madrid, costituendo il nucleo fondamentale della Escuela de Caminos y Canales (1802). La Escuela de Ingenieros de Minas su fondata nel 1835, e ricalcò il modello dellanaloga francese.

15 Il Belgio Il Corps des Ponts et Chaussées e il Corps des Mines furono istituiti nel 1804 e nel Nel 1831, quando lo stato belga divenne indipendente, furono ulteriormente istituite: – lEcole Royale Militaire a Bruxelles; – lEcole des Ponts et Chaussées a Ghent; – lEcole des Mines a Liegi.

16 Gli Stati italiani / 1 Già dalla seconda metà del Cinquecento fu istituito il Collegio degli Architetti e Agrimensori di Milano, che prevedeva un periodo di studio presso il Collegio di Brera o le Scuole Palatine di Milano, seguito da un apprendistato sotto controllo del Collegio stesso. Giuseppe Piermarini fondò nel 1773 presso lAccademia di Brera a Milano una scuola di architettura.

17 Gli Stati italiani / 2 Seguendo la Legge Casati (1859), le scuole tecniche divennero scuole di applicazione per ingegneri, con il grado di sezioni speciali delle facoltà scientifiche. Per entrarvi era richiesto il superamento di un biennio di studi in fisica o matematica. Il corpo docente era costituito da professori della Facoltà di Scienze.

18 Lingegneria industriale Il legame tra industria e università non fu forte per tutta la prima metà dellOttocento. Alcune eccezioni si trovano in Germania: Justus von Liebig insegnò dal 1825 presso luniversità di Giessen (non distante da Francoforte). Il Traité elementaire des machines di J.N.P. Hachette (1811) è altro esempio di opera teorica che molto peso ebbe nelle realizzazioni pratiche. Lapprendistato era considerato la parte più importante della formazione di un tecnico.

19 Le scuole tecniche a Torino Riferimenti Internet: – 3-01/3-01.htm (con le pagine presenti nel menu a sinistra da I fiumi Dora e Po a La grande industria) 3-01/3-01.htm – 1-02/1-2-03/ htm ( htm, htm, htm, htm, htm, htm e htm) 1-02/1-2-03/ htm

20 Riferimenti bibliografici essenziali Vittorio MARCHIS (ed.), Storia delle scienze, vol. V, Conoscenze scientifiche e trasferimento tecnologico, Milano : Electa, 1995


Scaricare ppt "Le scuole tecniche e la manualistica ottocentesca Lezione del corso di Storia della Tecnologia 05/05/2008 Filippo Nieddu."

Presentazioni simili


Annunci Google