La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNE DI ARCORE CENTRO DI RECUPERO TARTARUGHE Progetto Tartarcore di Redaelli Stefano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNE DI ARCORE CENTRO DI RECUPERO TARTARUGHE Progetto Tartarcore di Redaelli Stefano."— Transcript della presentazione:

1 COMUNE DI ARCORE CENTRO DI RECUPERO TARTARUGHE Progetto Tartarcore di Redaelli Stefano

2 Progetto TARTARCORE Istituzione di un centro di recupero e raccolta autofinanziato e senza fini speculativi per accogliere tutte le tartarughe esotiche abbandonate nel territorio Arcorese e per disincentivare futuri abbandoni.

3 L’ abbandono ad Arcore In Estate 2004 sono stati avvistati: oltre 15 esemplari adulti nel laghetto di Bernate oltre 30 esemplari adulti rinvenuti nel canale e nel canneto di Parco Villa Borromeo oltre 40 esemplari adulti rinvenuti nel laghetto di Parco Villa Borromeo alcuni baby esemplari nati in loco rinvenuti nei bacini di Parco Villa Borromeo un numero di esemplari ben piu’ elevato è in realtà presente poiché sfuggono spesso a ricerche visive Gran parte delle specie esotiche si adattano perfettamente ai nostri climi, causando gravi danni al già fragile ecosistema !

4 Il laghetto come habitat ideale Il laghetto artificiale di Parco Villa Borromeo si presenta come un habitat ideale e idoneo alla realizzazione del progetto: Risulta isolato così da impedire la fuga in altri bacini e presenta condizioni ideali a scoraggiare un abbandono spontaneo di queste specie territoriali, in modo da evitare la colonizzazione di altre zone. Non presenta una fauna autoctona per la quale sviluppo e sopravvivenza possono essere minacciati dalle tartarughe. Le dimensioni garantiscono una minor competitività fra esemplari e notevoli risorse di cibo. La profondità e il fondo fangoso rappresentano delle condizioni ottimali per poter consentire agli animali un letargo in tutta tranquillità. La presenza di pesci, insetti acquatici, alghe e piante acquatiche garantisce invece una costante fonte di alimentazione naturale. Lo specchio d’acqua risulta ormai da anni colonizzato da numerosi esemplari che si riproducono con una certa regolarità, con una popolazione in costante crescita a causa di un abbandono fuori controllo.

5 Collaborazioni (1) Comune di Arcore Possibili obiettivi di intervento: Messa a disposizione del laghetto Nomina di un responsabile di progetto Campagna informativa sul giornale locale “Arcore Informazioni” Visibilità del progetto all’ interno delle manifestazioni “Settembre Arcorese” e la “Settimana del volontariato” Investimento per la cartellonistica e una eventuale costruzione in legno nei pressi del laghetto in armonia con l’ ambiente

6 Collaborazioni (2) Tarta Club Italia (TCI) Possibili obiettivi di coinvolgimento: Direzione tecnico/scientifica grazie ai suoi validi esperti nel settore Intervento di volontari per la gestione del progetto Consulenza veterinaria specializzata in fauna esotica per la visita degli animali Preparazione del materiale informativo necessario Colloborazione per la collocazione di eventuali esemplari affidati al TCI

7 Collaborazioni (3) - Corpo Forestale Italiano - ENPA Possibili obiettivi di coinvolgimento:  Consulenza tecnico-giuridica  Colloborazione per la collocazione di eventuali esemplari affidati all’Ente

8 Le finalità  dare prestigio al Comune di Arcore, istituendo il primo centro di recupero e raccolta in Brianza di tartarughe alloctone  valorizzare il laghetto di Parco Villa Borromeo, da sempre nel cuore dei cittadini Arcoresi  regolamentare e controllare gli inevitabili abbandoni ormai troppo frequenti sul territorio Arcorese  liberare i bacini idrici Arcoresi, inadueguati ad ospitare tartarughe alloctone esotiche, contribuendo così a garantire la salvaguardia dello ecosistema locale: la presenza degli animali può rappresentare un grave danno alla fauna locale (pesci, anfibi, uccelli…)  garantire la difesa della biodiversità e la conservazione delle specie  educare e sensibilizzare i cittadini Arcoresi

9 Attività principale 1.ospitare tutti quegli esemplari, che hanno colonizzato zone inadatte all’ interno del Parco Villa Borromeo e sul territorio Arcorese 2.accogliere in maniera controllata ed in un luogo adeguato, tutti quegli esemplari ai quali i proprietari Arcoresi non sono più in grado di garantire una sistemazione adeguata, limitando quindi gli inevitabili abbandoni in zone inadatte, 3.diventare anche un punto di riferimento per comuni limitrofi, enti, associazioni e cittadini di altri Comuni

10 Attività correlate Al fine di sfruttare al meglio le risorse, dare maggior valore al laghetto e soprattutto educare e sensibilizzare le persone verrà prevista:  Installazione di cartelli nei principali bacini arcoresi per scoraggiare gli abbandoni, promuovere le attività del Centro e sensibilizzare i cittadini.  Installazione di cartelli informativi sulle specie ospitate, la loro biologia e le loro abitudini, assicurando al Centro anche una qualificata funzione scientifica ed informativa.  Visite guidate di scolaresche a scopo divulgativo.  Promozione di manifestazioni di carattere naturalistico.  Promozione di programmi di educazione naturalistica e di altre attività di salvaguardia.  Progetto di affido degli esemplari, disincentivando un acquisto spesso illegale, anche grazie alla garanzia di ripresa sotto custodia degli animali affidati qualora non più gestibili dai proprietari.

11 Modalità di gestione (1) Verrà stilato un programma decennale basato sul numero di individui annuali da accogliere, considerando la densità di distribuzione in natura, la mortalità e le nascite, il tutto al fine di evitare sovraffollamenti. Il centro di raccolta avrà un’apertura limitata al periodo maggio/settembre, per garantire il giusto periodo di acclimatamento alle tartarughe prima di affrontare il letargo. Sarà data assoluta precedenza ai cittadini Arcoresi e agli esemplari presenti nei bacini acquatici del nostro Comune. Volontari del centro avranno il compito di raccogliere le richieste dei cittadini, ritirare gli animali, catalogarli, garantire una visita veterinaria e liberare gli esemplari dopo averli marchiati.

12 Modalità di gestione (2) Verrà chiesto al cittadino un contributo simbolico per la sola visita veterinaria (o eventuali spese mediche), per scoraggiare eventuali abbandoni illegali, non essendo il Centro sorvegliato. Gli esemplari liberi nei bacini acquatici arcoresi potranno essere recuperati dai volontari nei periodi adeguati con delle semplici tecniche di cattura e reintrodotti nel nuovo ambiente. Qualora lo si ritenesse opportuno, oppure il numero annuale di esemplari non venisse raggiunto, sarà prevista la possbilità di accogliere esemplari provenienti da Comuni limitrofi, per i quali verrà previsto un contributo spese fisso.

13 Le spese previste 4 cartelli informativi nei pressi del laghetto di Bernate e nei bacini di Parco Villa Borromeo per scoraggiare gli abbandoni e indicare come contattare il centro 10 cartelli da posizionare lungo il perimetro del laghetto con le schede informative delle principali specie ospitate 1 costruzione in legno ai bordi del laghetto, dotata di connessione elettrica, come punto di riferimento e d’appoggio per le attività in loco. Stesura di una rete metallica parzialmente sotterrata per impedire rare ma possibili fughe. Spesa totale prevista xxx €

14 Tarta Club Italia - TCI Associazione di volontariato a fini naturalistici, nata nel 2002 si propone di: 1Favorire la conservazione delle specie, sia in natura che in cattività. 2Divulgare la conoscenza delle specie per meglio allevare quelle in cattività. 3Costituire un punto di riferimento per tutti coloro che amano le tartarughe. 4Tenere informati i soci su novità, eventi, leggi, normative ed altro. 5Creare una sorta di codice etico, che divida nettamente gli appassionati dagli speculatori. 6Bandire ogni pratica deleteria per tutti i generi di tartarughe e per la dignità dei loro proprietari. 7Favorire l’adozione degli esemplari abbandonati o sequestrati. 8Gli utili verranno investiti in progetti a favore della salvaguardia delle specie. TCI è l’unico organizzatore e promotore di “TARTARUGHE BEACH”, esposizione internazionale di tartarughe che si tiene ogni anno in settembre nella provincia di Cesena.

15 Contatti Proposta presentata da: Redaelli Stefano Via Beretta 107, Arcore cell tel Con l’ appoggio dell’ associazione Tarta Club Italia


Scaricare ppt "COMUNE DI ARCORE CENTRO DI RECUPERO TARTARUGHE Progetto Tartarcore di Redaelli Stefano."

Presentazioni simili


Annunci Google