La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL MALATO IN OSPEDALE: INTERAZIONE TRA MEDICI E INFERMIERI Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Comitato per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL MALATO IN OSPEDALE: INTERAZIONE TRA MEDICI E INFERMIERI Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Comitato per."— Transcript della presentazione:

1 IL MALATO IN OSPEDALE: INTERAZIONE TRA MEDICI E INFERMIERI Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Comitato per l’Ospedale Senza Dolore Comitato per l’Ospedale Senza Dolore Corso di Formazione sul dolore acuto nelle aree Corso di Formazione sul dolore acuto nelle aree chirurgiche chirurgiche Relatori: Dr. S. Lippi Dr. S. Criscuolo, Dr. P.Biandolino;Dr. A. Brogi

2 REGISTRAZIONE DEL DOLOREORE VAS A RIPOSO 1-10 INCIDENT VAS 1-10 PRESSIONE ARTERIOSA FREQUENZA CARDIACA FREQUENZA RESPIRATORIA LIVELLO DI SEDAZIONE 1-4 NAUSEAVOMITO DEPRESSIONERESPIRATORIAF.R.<8/MIN;SaO2<85% RITENZIONE URINARIA PRURITO

3 TRATTAMENTO DEL DPO OBBIETTIVI LIMITARE LE TEMPESTE NEUROVEGETATIVE EVITARE LO SVILUPPO DI “PERSISTENT PAIN” FACILITARE IL RISTABILIMENTO DELLA FUNZIONE PSICOFISICA E DELLO STATO FUNZIONALE PRECEDENTE RIDUZIONE DEI TEMPI DI DEGENZA

4 PROGRAMMA DI PREVENZIONE DEL DPO ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE CHE COINVOLGE LE FIGURE PROFESSIONALI CHE INTERAGISCONO CON IL PAZIENTE ( ANESTESISTA,CHIRURGO, INFERMIERE ) CREAZIONE DI UN TEAM CON INDIVIDUAZIONE DEI LIVELLI DI RESPONSABILITA’ SVILUPPO DI UNA “CONTINUOS MEDICAL EDUCATION” INDIVIDUAZIONE DEGLI INDICATORI DI PERFORMANCE -ATTIVITA’ EROGATA(PAZIENTI TRATTATI, TIPOLOGIA DI TRATTAMENTO, FARMACI USATI) - LIVELLO DI EFFICIENZA (PAIN RELIEF RAGGIUNTO ) - PROFILO DI SICUREZZA (FREQUENZA DEGLI EFFETTI COLLATERALI )

5 ANESTESISTA REFERENTE PER SEZIONE CHIRURGO INFERMIERE PROFESSIONALE REFERENTE CHIRURGO REFERENTE ALTRI SPECIALISTI INFERMIERI DI REPARTO

6 TRATTAMENTO DEL DPO PERIODO PREOPERATORIO 1) INFORMAZIONE DEL PAZIENTE 2) PREANESTESIA 3) PRE-EMPTIVE ANALGESIA ( SISTEMICA, LOCOREGIONALE )

7 SALASALA OPERATORIA REPARTO CHIRURGICO CHIRURGICO TERAPIA INTENSIVA POSTOPERATORIA Acute Pain Nurse anaesthetist supervised

8 PRINCIPI GENERALI DI TRATTAMENTO DEL DPO LE TECNICHE DI TERAPIA DEL DPO POSSONO ESSERE GRADUATE IN TRE LIVELLI IN RELAZIONE ALLA DISPONIBILITA’ DI RISORSE, INTENSITA’ DEL DOLORE, ALLE POSSIBILI COMPLICANZE, ALLA EFFICACIA DELLA TERAPIA. 1° LIVELLO 2° LIVELLO 3° LIVELLO PARACETAMOLO E/O FANS A ORARI FISSI INFUSIONE CONTINUA FANS E/o OPPIACEI INFUSIONE CONTINUA E/O PCA FANS E/O OPPIACEI E/O ANESTETICI LOCALI ( VIA EPIDURALE ) PCA IV CON OPPIACEI E/O FANS ANALGESIA EPIDURALE IN INFUSIONE CONTINUA E/O PCA CON ANESTETICI LOCALI E/O OPPIACEI E/O CLONIDINA INFUSIONE CONTINUA IV DI OPPIACEI A ALTE DOSI PCA CON INFUSIONE CONTINUA BASALE INFUSIONE SPINALE CONTINUA DI OPPIACEI A ALTE DOSI

9 CONCLUSIONI L’AZIENDA OSPEDALIERA CON IL TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO EROGA UNA PRESTAZIONE: CHE E’ PREVISTA DAI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA CHE CONTRIBUISCE A DARE UN’IMMAGINE POSITIVA DELL’OSPEDALE ALL’ESTERNO MA SOPRATTUTTO PERSEGUE L’OBBIETTIVO DI ABOLIRE, NEI LIMITI DEL POSSIBILE, IL “ DOLORE INUTILE” ALL’INTERNO DELL’OSPEDALE.

10 TECNICHE ANESTESIOLOGICHE CHE OFFRONO MAGGIORE PROTEZIONE DAL DPO BLENDED ANESTESIA BLOCCHI CENTRALI BLOCCHI LOCOREGIONALI INFILTRAZIONE FERITA CHIRUGICA

11 SERVIZIO DI ANESTESIA PROTOCOLLI ( FLOW-CHART ) TIPO DI PAZIENTE COMPONENTE ALGICA DELL’INTERVENTO ( LIEVE MEDIA MAGGIORE ) DEVE ELABORARE IN BASE E’ RESPONSABILE MISURAZIONE DEL DOLORE MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI COLLATERALI CHE LA TERAPIA SIA PRESCRITTA REGOLARMENTE E PROPORZIONALMENTE AL TIPO DI CHIRURGIA VENGA INDIVIDUATO UN VALORE SOGLIA (ES. VAS>5 ) OLTRE IL QUALE IL PAZIENTE VIENE TRATTATO AUTOMATICAMENTE

12 L’ANESTESISTA, PER IL BAGAGLIO TECNICO CULTURALE CHE GLI E’ PROPRIO SVOLGE UN RUOLO CHIAVE COME COORDINATORE DI UN TEAM RESPONSABILE DEL DPO PER CUI DEVE ELABORARE UN PIANO DI ADDESTRAMENTO E FORMAZIONE PER IL PERSONALE OSPEDALIERO PROGRAMMARE UN AGGIORNAMENTO CONTINUO PER MEDICI E INFERMIERI DOTARSI DI STRUMENTI DI VERIFICA DEI PERCORSI PROPOSTI (RIUNIONI PERIODICHE CON MEDICI E INFERMIERI, VALUTAZIONE DELLE DIARE ALGOMETRICHE DEI PAZIENTI) RICERCARE E INCENTIVARE L’AUTONOMIA INFERMIERISTICA NEL MONITORAGGIO DEL DOLORE E NELLA SOMMINISTRAZIONE DI ROUTINE E SECONDO NECESSITA’

13 COINVOLGERE L’ EQUIPE CHIRURGICA NELL’INTRODUZIONE DI NUOVI MODELLI TERAPEUTICI PERCHE’ IL CHIRURGO HA “PAURA DEL NUOVO” VEDE IL DOLORE COME SPIA DELL’INSORGENZA DI POSSIBILI COMPLICANZE TEME EFFETTI COLLATERALI COME DEPRESSIONE RESPIRATORIA, NAUSEA, VOMiTO


Scaricare ppt "IL MALATO IN OSPEDALE: INTERAZIONE TRA MEDICI E INFERMIERI Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Comitato per."

Presentazioni simili


Annunci Google