La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Assessorato Politiche per la Salute Assessorato Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Assessorato Politiche per la Salute Assessorato Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo."— Transcript della presentazione:

1 1 Assessorato Politiche per la Salute Assessorato Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo e terzo settore LINEE GUIDA per l’implementazione dei Sistemi Informativi sociali e socio-sanitari (SISS) Eleonora Verdini Servizio Sistema Informativo sanità e politiche sociali – Regione ER Con i dati si può Con i dati si può..... I sistemi informativi a supporto del welfare Officina del Welfare, Bologna – 16 Maggio 2014

2 2 27 Settembre 2010: Approvazione della “Relazione finale dal Gruppo Tecnico Integrazione SI sociali e sociosanitari” in Cabina di regia regionale. Il Percorso - Progetto SISS COMITATO di Indirizzo indirizzo e committenza, responsabilità decisionale 11 Marzo 2011 (insediamento 11 Marzo 2011) GDL Fabbisogno Informativo Composto da ref. regionali e ref. Servizi territoriali 16 Marzo 2011 (insediamento 16 Marzo 2011) GDL Architettura del Sistema Composto da ref. regionali e ref. Servizi territoriali 16 Marzo 2011 (insediamento 16 Marzo 2011) COMITATO Tecnico Scientifico condivisione della documentazione tecnica prodotta 1 Febbraio 2011 (approvazione Det. DG 1 Febbraio 2011) Mandato della Cabina di Regia realizzazione SISS [Det. DG n.1513 del 14/02/2011; Det. DG n.6327 del 27/05/2011] Linee Guida restituiscono la Sintesi della Documentazione prodotta dai Gruppi tecnici 8 Ottobre Ottobre 2013 Linee Guida restituiscono la Sintesi della Documentazione prodotta dai Gruppi tecnici 8 Ottobre 2013: approvate dal Comitato di Indirizzo 10 Ottobre 2013: approvazione Comitato Tecnico Scientifico 15 incontri

3 3 Obiettivo prioritario LINEE GUIDA Rendere possibile, agevole e veloce il dialogo fra sistemi informativi diversi (DWH) - per dare accesso e utilizzo ai dati necessari a tutti i livelli di programmazione (locale, regionale, nazionale); - per consentire una gestione efficiente dei servizi sociali e socio-sanitari.

4 4 LG trattano due aspetti fondamentali 2) Gli indirizzi generali e i requisiti funzionali CONSIGLIATI per l’implementazione dei SI socio-sanitari locali, con riferimento alla gestione informatizzata delle attività svolte dai Servizi sociali e socio- sanitari. Ai fini della definizione dei requisiti funzionali del Sistema Informativo locale è stata effettuata un’analisi del processo e del percorso dell’utente. 1) Ricognizione dei SI regionali implementati e l’individuazione del data set di dati mancanti per completare il fabbisogno informativo regionale, con l’obiettivo di restituire un set di indicatori analitici e sintetici al livello locale, attraverso il DWH realizzato dalla Regione ( Report-ER );

5 5 Modello Logico del SISS Flussi Informativi: IASS, CARTELLA SOCIALE, SISAM, FAR, SMAC, ADI, GRAD, FRNA, Spesa Sociale FSSE FSE Fascicolo cittadino Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ISTAT Cisis INPS

6 6 Premessa e Finalità Premessa e Finalità Parte I - Ricognizione degli attuali SI regionali ed individuazione delle Informazioni necessarie e mancanti; ALLEGATO A –Data set minimo di Dati non Rilevati dai SI regionali; ALLEGATO A – Data set minimo di Dati non Rilevati dai SI regionali; ALLEGATO B Nomenclatore regionale degli Interventi e Servizi sociali; ALLEGATO B – Nomenclatore regionale degli Interventi e Servizi sociali; Parte II- Il Processo di accesso per l’erogazione di Servizi/Interventi Sociali e Sociosanitari; Parte II - Il Processo di accesso per l’erogazione di Servizi/Interventi Sociali e Sociosanitari; Parte III- Moduli applicativi e componenti infrastrutturali del Sistema Informatico Sociosanitario Locale; Parte III - Moduli applicativi e componenti infrastrutturali del Sistema Informatico Sociosanitario Locale; ALLEGATO D – La Governance per lo sviluppo del SI locale; Indice LG: 6 Parti e 5 Allegati Tecnici

7 7 Premessa e Finalità Premessa e Finalità Parte IV - Infrastruttura di connessione, interoperabilità fra SI locali e SI socio-sanitario regionale; Parte VIl “cruscotto” regionale di governance; Parte V - Il “cruscotto” regionale di governance; ALLEGATO C – Matrice di indicatori analitici e sintetici; Parte VI Risultati della Rilevazione sullo sviluppo dei Sistemi Informativi socio-assistenziali e socio-sanitari negli ambiti distrettuali; Parte VI - Risultati della Rilevazione sullo sviluppo dei Sistemi Informativi socio-assistenziali e socio-sanitari negli ambiti distrettuali; ALLEGATO E – Mappatura dei SI socio-assistenziali e socio-sanitari in uso negli ambiti distrettuali (Comuni e Ausl); Indice LG: 6 Parti e 5 Allegati Tecnici

8 8 Parte I - Ricognizione degli attuali SI regionali ed individuazione delle Informazioni necessarie e mancanti Sintesi dell’esito della rilettura dei SI regionali attuali di raccolta dati, area sociale e socio-sanitaria e valutazione della loro capacità di soddisfare il fabbisogno informativo regionale, tenendo presente i debiti informativi verso le istituzioni nazionali, cui non si può prescindere;Sintesi dell’esito della rilettura dei SI regionali attuali di raccolta dati, nell’area sociale e socio-sanitaria e valutazione della loro capacità di soddisfare il fabbisogno informativo regionale, tenendo presente i debiti informativi verso le istituzioni nazionali, cui non si può prescindere; Individuazione del livello di “copertura”,carenza informativa:Individuazione del livello di “copertura”, e della carenza informativa: Allegato A - Data Set di dati mancanti non rilevato dagli attuali SI regionali Allegato B - Nomenclatore regionale degli Interventi e Servizi sociali

9 9 Flussi attivi Area SOCIALE Flussi attivi Area SOCIO-SANITARIA PeriodicitàAnnuale………….…...Semestrale/Trimestrale…...Tempo Reale Anagrafe Assistiti Regionale SINA SISAM -ER SISM RURER CAAD/ contributi Unità di Strada Attiv. Comunità Terap. Oltre la Strada Infanzia (SPIER Materna) Servizio Civile SIPS (multi Target) Spesa Sociale TESEO Coop Sociali Volontariato IASS FAR Centri Demenze ATAIDS SINPIAER SI ADI SMAC Costi Comunità Terap. SIDER PROFI LER FRNA GRAD SINSE SIP Campi Sosta Transito SISS

10 10 La Carenza informativa - Area sociale e socio-sanitaria

11 11 SISAM(Minori e loro famiglie, area sociale) SISAM (Minori e loro famiglie, area sociale) flusso regionale SISAM-ER. Il flusso regionale SISAM-ER permette di soddisfare importanti necessità informative riguardanti fenomeni problematici della fascia d’età 0-21 anni (e relative famiglie), conosciuti ed in carico ai Servizi territoriali. Circolare n. 12/2011 ; La Circolare n. 12/2011 ha reso operativa l’integrazione tra i dati di Sisam e quelli dei Servizi che si sono dotati di SI locali sociali; SISAM, applicativo “gestionale” regionale IMPORT-SISAM procedura per acquisire i dati dai SI locali SISAM, applicativo “gestionale” regionale (per 39 Servizi sociali su 57, coprono il 54% pop. residente), e IMPORT-SISAM procedura per acquisire i dati dai SI locali come da Circolare (per 15 Servizi che coprono il 42% pop. residente). Rimangono 3 servizi (4% pop. res.) in attesa di adeguarsi a quanto previsto dalla Circolare. razionalizzazione, in senso riduttivo, per favorire un’integrazione dei nuovi sistemi locali al flusso regionale, Versione semplificata della circolare settembre 2014 razionalizzazione, in senso riduttivo, per favorire un’integrazione dei nuovi sistemi locali al flusso regionale, tenendo conto degli sviluppi progetto nazionale SInBa. Versione semplificata della circolare per settembre 2014, per consentire ai territori di adeguarsi per l’invio dei dati di attività 2014 nel 2015.

12 12 Parte II - Il Processo di accesso per l’erogazione di Servizi/Interventi Sociali e Sociosanitari Ai fini della definizione dei requisiti funzionali consigliati per l’implementazione dei SI socio-sanitari locali (rif. Parte III), il GDL ha effettuato un’analisi del Processo di accesso dell’utente trasversale ai diversi Target di utenza, di cui sono state dettagliate le Macrofasi: Contatto, Segnalazione/Accesso, Valutazione tecnica sociale e multidimensionale, Attivazione, Erogazione.

13 13 Processo di accesso per l'erogazione di Servizi/Interventi Sociali e Socio-Sanitari (Macrofasi)

14 14 Elenca i componenti del SI locale suddivisi in moduli applicativi. Ogni paragrafo espone i requisiti funzionali consigliati che possono essere implementati. Le funzioni previste sono utilizzate per finalità diverse, durante le fasi del processo indicate nella II Parte. Allegato D-La governance per lo sviluppo del Sistema Informativo locale, descrive il percorso adottato dall’Ausl di Piacenza che ha coordinato le attività per la realizzazione di un SI socio-sanitario integrato tra Ausl, Comuni e soggetti gestori, di ambito provinciale. Parte III - Moduli applicativi e componenti infrastrutturali del SI Sociosanitario Locale

15 15 Parte IV Infrastruttura di connessione, interoperabilità fra SI locali e SI socio-sanitario regionale Parte IV - Infrastruttura di connessione, interoperabilità fra SI locali e SI socio-sanitario regionale Descrive l’infrastruttura di connessione del SISS è lo strato di software che garantisce interni ed esterni (sistema di Interoperabilità) è lo strato di software che garantisce l’interoperabilità del SISS con diversi sistemi interni ed esterni (sistema di Interoperabilità) e supporta l’alimentazione del datawarehouse regionale e il modulo di gestione flussi centrale e supporta l’alimentazione del datawarehouse regionale e il modulo di gestione flussi centrale

16 16 Parte V - Il “cruscotto” regionale di governance Ha definito il Set di indicatori, costruiti in maniera partecipata e condivisa tra diversi professionisti (Allegato C - Set di Indicatori Analitici e Sintetici) E’ stato definito un glossario e gli indicatori sono stati calcolati attraverso le banche dati regionali e validati per essere poi implementati nel DWH regionale Report-ER.

17 17 Allegato C - Set di Indicatori Analitici e Sintetici AREA Profilo di Popolazione: 19 indicatori AREA Giovani: 44 indicatori AREA Adulti: 33 indicatori AREA Anziani: 38 indicatori AREA Trasversali e di Sistema: 16 indicatori

18 18 Allegato C - Set di Indicatori Analitici e Sintetici GLOSSARIO - AREA GIOVANI, ADULTI, ANZIANI

19 19 Parte VI Risultati della Rilevazione sullo sviluppo dei Sistemi Informativi locali Parte VI - Risultati della Rilevazione sullo sviluppo dei Sistemi Informativi locali Sintesi della “Rilevazione sullo sviluppo dei SI socio- assistenziali e socio-sanitari di ambito distrettuale”, (Cup 2000 ha somministrato un questionario agli Uffici di Piano e alle Ausl). Finalitàfotografia aggiornata stato di implementazione dei SI gestionali locali integrazione informatica Finalità di restituire una fotografia aggiornata dello stato di implementazione dei SI gestionali locali socio- assistenziali e socio-sanitari in uso e l’integrazione informatica socio-sanitaria tra Comuni e AUSL.

20 20 1. SPORTELLI SOCIALI (Fase Accesso) Sono 37 i distretti che hanno acquisito un applicativo per la gestione accessi Sportello Sociale Rimane un solo distretto che sta per acquisire un Sistema Informativo per la gestione dei contatti registrati agli Sportelli Sociali. Parte VI Risultati della Rilevazione _1 Parte VI - Risultati della Rilevazione _1

21 21 Report IASS (Anni )... Alcuni dati_ Distretti integrati al 31/ (68,4%)34 (89,5%) Copertura della popolazione residente 69%91% DOMANDE ESPRESSE (richieste pervenute allo sportello sociale) CONTATTI (accessi registrati agli sportelli da parte dei soggetti segnalanti) UTENTI (le persone interessate per cui viene registrata una richiesta allo sportello sociale)

22 22 Report IASS (Anno 2013)... Alcuni dati_2 Domande pervenute suddivise per Target ANZIANIDIPENDENZE DISABILI FAMIGLIE E MINORI GIOVANI IMMIGRATI POVERTA E DISAGIO ADULTO

23 23 Prime 10 domande registrate per maggior numero di richieste Report IASS (Anno 2013)... Alcuni dati_3 Domande espresse Totale% Frequenza cumulata sostegno economico Fruizione di interventi di sostegno economico (buoni spesa, buoni pasto, contributi economici, integrazione rette, pagamento utenze, contributi affitto,ecc.) ,4 Supporto alla persona, famiglia e rete sociale (compreso supporto educativo, psicologico, formativo ,158,5 Altro (comprese certificazioni ISE/ISEE) ,165,6 esigenze abitative Sostegno ad esigenze abitative (intermediazione abitativa, assegnazione alloggi, ecc.) ,872,4 sostegno e cura al domicilio Attività di sostegno e cura al domicilio (Assegno di cura, assistenza sanitaria, pasti, cura, igiene ,679 mensa scolastica, Trasporto sociale Servizi di supporto (mensa scolastica, Trasporto sociale, ecc.) ,385,3 strutture residenziali Ospitalità in strutture residenziali ,388,6 Aggregazione/integrazione Aggregazione/integrazione sociale, ludica e culturale ,390,9 Nidi/servizi Nidi/servizi integrativi prima infanzia ,992,8 Regolarizzazione documenti per soggiorno Regolarizzazione documenti per soggiorno in Italia ,994,7 TOTALE Regione Emilia-Romagna

24 24 Report IASS (Anno 2013)... Alcuni dati_4 Domande pervenute suddivise per Target e Distretto

25 25 Sistemi SOCIO-ASSISTENZIALI e SOCIO-SANITARI Quali Tipologie ….... Tipologia 1 e 2 INTEGRAZIONE dei due SISTEMI (Comuni/ Ausl) Due diversi TIPOLOGIE di integrazione dei Sistemi: 1.CTSS di: Bologna, Ferrara, Forlì: SISTEMA uguale utilizzato da AUSL e da tutti i Comuni, con integrazione di informazioni tra i diversi Sistemi; 2.CTSS di: Cesena, Piacenza, Rimini: SISTEMA unico e DB unico condiviso tra Comuni e Ausl; Parte VI Risultati della Rilevazione _2 Parte VI - Risultati della Rilevazione _2

26 26 Parte VI Risultati della Rilevazione _3 Parte VI - Risultati della Rilevazione _3

27 27 Parte VI Risultati della Rilevazione _4 Parte VI - Risultati della Rilevazione _4

28 28 Altri territori: CTSS di: Parma, Reggio Emilia, Modena, Imola e Ravenna, NON hanno ancora realizzato integrazione di dati e processi in modalità informatica tra i Sistemi socio- assistenziali in uso nei Comuni ed il Sistema socio- sanitario dell’AUSL; Inoltre … Alcuni utilizzano Sistemi diversi in Ausl e Comuni, non ancora integrati tra loro (passaggio di dati ancora in cartaceo o file formato Office); Tipologia 3 Nessuna INTEGRAZIONE tra i due SISTEMI (Comuni/ Ausl) Parte VI Risultati della Rilevazione _5 Parte VI - Risultati della Rilevazione _5

29 29 Parte VI Risultati della Rilevazione _6 Parte VI - Risultati della Rilevazione _6

30 30 Risultati Rilevazione 7 Il LIVELLO di REALIZZAZIONE DEI SISTEMI per macro FASI del PROCESSO e per TARGET di UTENZA (% di copertura x Distretto su N. Comuni)

31 31 Risultati Rilevazione 8

32 32 Sperimentazione Distretto di Bologna con estensione ai distretti della città metropolitana Bologna DATA SET di dati “Cartella Sociale” ) DATA SET di dati “Cartella Sociale” (CARENZA Informativa) Utenti in carico ai Servizi Sociali territoriali Interventi/Servizi sociali e socio-sanitari erogati; Utenti in carico ai Servizi Sociali territoriali ed Interventi/Servizi sociali e socio-sanitari erogati; Consentirebbe alla Regione: la ricomposizione dei percorsi assistenziali individuali all'interno del Sistema dei servizi sociali e socio-sanitari (attraverso il DWH regionale – ReportER) la ricomposizione dei percorsi assistenziali individuali all'interno del Sistema dei servizi sociali e socio-sanitari (attraverso il DWH regionale – ReportER) avvio di un percorso di razionalizzazione/standardizzazione dei flussi regionali attualmente presenti, tenendo presente i flussi informativi verso le istituzioni nazionali avvio di un percorso di razionalizzazione/standardizzazione dei flussi regionali attualmente presenti, tenendo presente i flussi informativi verso le istituzioni nazionali

33 33 Un ringraziamento a voi tutti


Scaricare ppt "1 Assessorato Politiche per la Salute Assessorato Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo."

Presentazioni simili


Annunci Google