La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Art. 54.- Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Art. 54.- Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate."— Transcript della presentazione:

1

2 Art Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.

3 Art La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.

4 La Costituzione della Repubblica italiana: uno sguardo d’insieme Come è nata? Come è fatta?

5 Dall’Assemblea costituente alla Costituzione Il fascismo crolla il 25 luglio 1943, quando il Gran consiglio destituisce Mussolini attribuendo il comando del Paese al re. Il maresciallo Badoglio viene nominato capo del Governo e vengono soppresse tutte le istituzioni introdotte durante il periodo fascista (partito, Gran consiglio, camera dei fasci e delle corporazioni).

6 Mussolini viene arrestato e l’8 settembre il Governo italiano annuncia l’armistizio con gli alleati anglo-americani. I tedeschi, subito dopo, invadono il nord del Paese.

7 L’esercito italiano, privo di direttive, è allo sbando. Il re e Badoglio abbandonano Roma per rifugiarsi, sotto la protezione degli Alleati, prima a Brindisi e poi a Salerno. L’Italia è divisa in due: il nord occupato dai tedeschi e il sud dagli Alleati..

8 Il 12 settembre 1943 un commando tedesco libera Mussolini il quale, nell’Italia occupata dai nazisti, fonda la Repubblica sociale italiana, con capitale Salò. La Repubblica di Salò, priva di qualsiasi credibilità politica in quanto dipendente dai tedeschi, assolve all’unica funzione di contrastare il movimento partigiano.

9 Il movimento partigiano è articolato in formazioni armate impegnate in azioni di disturbo e di sabotaggio ai danni dei tedeschi, che rispondono ad ogni attacco con dure rappresaglie.

10 Le prime bande partigiane sorgono come associazioni spontanee, ma dopo la ricostituzione dei partiti antifascisti, che si riuniscono nel Comitato di liberazione nazionale (CNL), si riorganizzano in brigate in base all’orientamento politico.

11 Soltanto nel 1945 la Resistenza riuscirà a liberare definitivamente l’Italia dall’occupazione tedesca. Il 25 aprile il CNL ordina l’insurrezione generale, mentre Mussolini, bloccato mentre tenta di fuggire in Svizzera dopo avere trattato inutilmente la resa, viene giustiziato.

12 Subito dopo la Liberazione, nel giugno del 1945, i partiti antifascisti formano un governo presieduto da Ferruccio Parri, tra i più prestigiosi leader della Resistenza, dopo pochi mesi sostituito dal democristiano Alcide De Gasperi

13 Il 2 giugno 1946 i cittadini italiani, comprese le donne che votavano per la prima volta, scelsero, tramite un referendum, la forma repubblicana di governo e contemporaneamente elessero un’ Assemblea costituente, incaricata di redigere la nuova Costituzione in sostituzione dello Statuto albertino, per la nascente Repubblica italiana.

14 Prima seduta dell’Assemblea Costituente

15 L’Assemblea costituente, che s’insedia il 25 giugno, può contare su 21 donne. Il numero degli eletti è 556.

16 Il testo della carta costituzionale fu messo a punto da una commissione di 75 deputati, scelti fra gli esponenti più prestigiosi di tutti i partiti democratici e antifascisti. Passò poi alla discussione dell’intera Assemblea che lo approvò. La votazione finale avvenne il 22 dicembre La Costituzione italiana entrò in vigore il 1º gennaio 1948

17 Enrico De Nicola firma la Costituzione

18 Composizione dell’Assemblea costituente

19 Dominarono le elezioni tre grandi formazioni: la Democrazia Cristiana che ottenne il 35,2% dei voti e 207 seggi; il Partito socialista 20,7% dei voti e 115 seggi; il Partito comunista 18,9% e 104 seggi.

20 « L'Assemblea ha pensato e redatto la Costituzione come un patto di amicizia e fraternità di tutto il popolo italiano, cui essa la affida perché se ne faccia custode severo e disciplinato realizzatore. » (Umberto Terracini, presidente dell' Assemblea Costituente)

21 >. (Piero Calamandrei)

22 La Costituzione italiana si compone di 139 articoli (alcuni dei quali abrogati nel 2001). Ogni articolo è formato da una o più parti, ciascuna delle quali è detta “comma”.

23 La Costituzione è suddivisa in tre parti una premessa che contiene i Principi fondamentali su cui si basa il nostro sistema politico e sociale (art. 1-12); una prima parte che riguardai Diritti e i doveri dei cittadini nell’ambito dei rapporti civili (art ), dei rapporti etico-sociali (art ), dei rapporti economici (art ) e dei rapporti politici (art ); Una seconda parte dedicata all’Ordinamento della Repubblica (art ), cioè agli organi istituzionali: Parlamento, Presidente della Repubblica, Governo, Magistratura, Regioni, Province, Comuni, Corte Costituzionale

24

25 Concludono il testo 18 Disposizioni transitorie e finali, che servirono a regolare il passaggio dalla monarchia alla repubblica e dal fascismo allo stato democratico.

26 Costituzione legge suprema La Costituzione è gerarchicamente superiore a tutte le altre leggi, è il patto fondamentale su cui è stata edificata la società italiana.

27 I caratteri della Costituzione Dalla lettura della Costituzione nel suo insieme emergono gli elementi e i caratteri che la contraddistinguono come: una costituzione compromesso: si fonda sull’accordo fra i diversi partiti del Comitato di liberazione nazionale, primi fra tutti quello democristiano, comunista e socialista;

28 una costituzione lunga: non solo indica le linee essenziali dell’ordinamento dello Stato e definisce i diritti fondamentali, ma organizza nei particolari i diversi aspetti della società; una costituzione votata: il testo costituzionale è stato approvato da un’Assemblea costituente eletta dal popolo;

29 una costituzione rigida: a differenza dello Statuto albertino, può essere modificata solo attraverso un procedimento speciale. Ciò fornisce una decisa garanzia al mantenimento delle libertà democratiche e crea ostacoli a un ribaltamento dei principi fondamentali dello Stato.

30 Tra i principi costituzionali fondamentali ricordiamo…

31 ……la sovranità popolare Art. 1.- L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

32 …la dignità della persona, i diritti inviolabili dell’uomo, l’eguaglianza Art. 2.- La repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica, sociale.

33 Art. 3.- Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

34 ….la pace art L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

35 ….la forma repubblicana Art. 1.- L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Art La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale

36 … il lavoro Art. 1.- L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.[…] Art. 4.- La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

37 ….. la libertà religiosa Art. 8.- Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto ad organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.

38 ….lo sviluppo culturale, scientifico e tecnologico Art. 9.- La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico artistico della Nazione.

39 ….le norme del diritto internazionale Art L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’ asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici.

40 ….. riconoscimento delle autonomie locali Art. 5.- La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento.

41 Diritti e doveri dei cittadini ……..

42 … rapporti civili (art. 13→28) In questa prima parte, la Costituzione garantisce l’inviolabilità delle libertà personali. Nessun cittadino può essere arrestato o perquisito arbitrariamente; il domicilio è inviolabile. Tutti i cittadini possono manifestare e sostenere pubblicamente le proprie opinioni non solo con la parola, ma anche a mezzo stampa o tramite un qualunque altro mezzo di comunicazione di massa, come la radio o la televisione.

43 Tutti possono difendere i propri interessi in giudizio mediante gli avvocati. Lo Stato deve garantire un avvocato a chi non è in grado di procurarsene uno. Tutti hanno il diritto di riunirsi, pacificamente e senza armi, e di formare associazioni: solo le associazioni segrete e le organizzazioni paramilitari sono vietate.

44 …… rapporti etico-sociali (art. 29→34) La Costituzione afferma il fondamentale ruolo della famiglia e stabilisce la sostanziale uguaglianza dei coniugi nel matrimonio; definisce la salute un diritto fondamentale dell’individuo e si impegna a garantire cure gratuite ai poveri.

45 … la scuola Art L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato. […]

46 Art La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno il diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.

47 …. rapporti economici (art. 35→47) Questa parte della Costituzione tutela i diritti dei lavoratori, uomini e donne; riconosce la proprietà privata; pone però vincoli e limiti alla proprietà terriera privata, per evitare il fenomeno del latifondismo.

48 Art Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’ esistenza libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

49 …. rapporti politici (art. 48→54) Il legame esistente tra l’individuo e lo Stato comporta il diritto e il dovere di ogni cittadino di partecipare alla vita e allo sviluppo del Paese. Questa partecipazione si realizza attraverso il diritto di voto, di candidarsi alle elezioni, di associarsi in partiti e, quindi, di esprimere le proprie idee e valutazioni sulla politica nazionale.

50 Accanto a tali diritti la Costituzione affianca una serie di doveri, come difendere la patria, essere fedeli ai principi costituzionali, osservare le leggi e, soprattutto, dare il proprio contributo alle spese pubbliche, mediante il pagamento delle imposte, in relazione ai propri guadagni e alla propria ricchezza.

51 Infatti lo status di cittadino comporta il vantaggio di usufruire dei servizi che lo Stato predispone a favore della collettività e perciò impone, parallelamente, di collaborare alla gestione delle spese per la realizzazione degli obiettivi che si propone. Art Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

52 Ordinamento della Repubblica (art. 55→139) Questa seconda parte della Costituzione è la più ampia e tratta temi della massima importanza per garantire il buon funzionamento della macchina dello stato e il corretto rapporto fra i poteri statali.

53 La divisione dei poteri Nella Costituzione vengono stabiliti i rapporti tra gli organi dello Stato, in modo da mantenere sempre la divisione dei poteri: il potere legislativo spetta al Parlamento; il potere esecutivo al Governo; il potere giudiziario spetta alla Magistratura. Fino a quando questi tre poteri rimarranno separati, non è possibile che si instauri alcuna dittatura.

54 Il Parlamento La Costituzione pone al centro della vita politica del Paese il Parlamento, l’unico organo eletto direttamente dal popolo a livello nazionale e, perciò, espressione piena della sovranità popolare.

55 Art Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Il Parlamento si riunisce in seduta comune dei membri delle due Camere nei soli casi stabiliti dalla Costituzione

56 La formazione delle leggi Art La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere.

57 Art L’iniziativa delle leggi appartiene al Governo, a ciascun membro delle Camere ed agli organi ed enti ai quali sia conferita da legge costituzionale. Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli.

58 Art Il Governo non può, senza delegazione delle Camere, emanare decreti che abbiano valore di legge ordinaria. Quando, in casi straordinari di necessità e d’urgenza, il Governo adotta, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche se sciolte, sono appositamente convocate […]

59 Il Presidente della Repubblica Art Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri. […] Il Presidente della Repubblica non esercita nessuno dei tre poteri fondamentali, egli rappresenta l’unità della nazione ed ha il compito di vigilare perché i principi democratici della Costituzione vengano sempre rispettati.

60 Art Il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale. Può inviare messaggi alle Camere. Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione. Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo. […]

61 Il Governo Il Governo è costituito da una pluralità di organi, previsti sia dalla Costituzione sia da leggi ordinarie. Art Il Governo della Repubblica è composto dal Presidente del Consiglio e dai ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri. Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

62 La Magistratura Art La giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti soltanto alla legge. Art La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere. Il Consiglio superiore della magistratura è presieduto dal Presidente della Repubblica. […]

63 La Magistratura detiene il potere giudiziario, cioè quello di giudicare e punire i trasgressori delle leggi. La Costituzione stabilisce le norme generali che regolano l’attività della Magistratura.

64 A garanzia dell’ indipendenza della Magistratura, tutte le questioni interne vengono amministrate da un organo di autogoverno: il Consiglio Superiore della Magistratura. Esso è presieduto dal Capo dello Stato.

65 La Corte Costituzionale Tutti i Paesi che adottano Costituzioni rigide sono dotati di strumenti di garanzia costituzionale, volti a controllare la corretta applicazione dei principi sanciti dalla legge fondamentale e a verificare che i supremi organi dello Stato operino in conformità ad essi. In Italia tali compiti di controllo sono affidati alla Corte costituzionale.

66 Art La Corte costituzionale è composta di quindici giudici nominati per un terzo dal Presidente della Repubblica, per un terzo dal Parlamento e per un terzo dalle supreme magistrature ordinaria e amministrativa. […]

67


Scaricare ppt "Art. 54.- Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate."

Presentazioni simili


Annunci Google