La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trasformazioni del lavoro e vita quotidiana Serafino Negrelli Università di Milano Bicocca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trasformazioni del lavoro e vita quotidiana Serafino Negrelli Università di Milano Bicocca."— Transcript della presentazione:

1 Trasformazioni del lavoro e vita quotidiana Serafino Negrelli Università di Milano Bicocca

2 Trasformazioni del lavoro e gestione del tempo di lavoro Dalla riduzione alla gestione flessibile del tempo di lavoro: Fase industrializzazione: lotte per la riduzione della lunga giornata di lavoro; Fase del fordismo e della produzione di massa: obiettivo la “settimana corta” (Italia: 1962 ccnl metalmeccanici) e riduzione orario settimanale (38 ore medie UE e legge 35 ore in Francia); Post anni ‘80: nuovi approcci di gestione più flessibile dell’orario settimanale, del calendario annuo o su periodi plurimensili o plurisettimanali. conciliazione orari di lavoro2negrelli

3 La costruzione sociale del tempo di lavoro (OECD) paesiOrario medio annuo effettivo di lavoro Part time (% occupati/e) U D U D OCSE ,420,29,126,0 OLANDA ,855,117,160,5 GERMANIA ,429,18,538,0 FRANCIA ,624,85,922,1 UK ,440,811,739,3 SVEZIA ,824,19,818,4 ITALIA ,821,16,631,1 REP. CECA ,85,61,96,6 USA ,320,28,417,1 POLONIA ,817,94,912,4 UNGHERIA ,64,33,46,4 conciliazione orari di lavoro3negrelli

4 Modelli? Modello olandese: eliminazione della disoccupazione “estendendo il lavoro part-time e trasformandola in sovranità sul tempo” (Beck, 2000); assicurazione generale di vecchiaia, slegata dal lavoro salariato, e copertura assicurativa generale per tutti i rapporti di lavoro, compresi quelli a basso costo; Modello danese: legge sulla “sospensione del lavoro”: redistribuzione sociale che consente ai lavoratori di staccarsi fino a un anno dal lavoro, per curare il proprio aggiornamento professionale o l’educazione dei figli, andare in vacanza, oziare o svolgere lavoro di impegno civile; Modello francese: riduzione settimanale dell’orario di lavoro (legge sulle 35 ore); Modello tedesco: riduzione dell’orario settimanale dell’orario di lavoro per accordo collettivo (fallita in Germania Est; 28 ore su quattro giorni in caso di crisi; contratti di solidarietà; Modello italiano: manovre di flessibilità sull’orario di lavoro: annualizzazione e distribuzione multiperiodale dell’orario di lavoro (legge Treu 1997), ma anche straordinari… conciliazione orari di lavoro4negrelli

5 Conciliazione tra tempo di lavoro e vita quotidiana Riduzione dell’orario di lavoro per legge o per accordo collettivo, “al fine di ottenere la migliore conciliazione fra la vita di lavoro e quella della famiglia, per rispondere ai bisogni di formazione e qualità del lavoro e nel rispetto degli obiettivi occupazionali” (Risoluzione Congresso ETUC, 2003) conciliazione orari di lavoro5negrelli

6 Orari di lavoro poco conciliabili? La quiet revolution: la diffusione della coppia “dual-income” Negli anni sessanta negli Usa lavorava solo una donna su cinque, con figli piccoli; alla fine degli anni novanta due su tre; Prima della crisi, 50 ore per gli uomini e 40 ore per le donne: la famiglia americana tipo totalizzava 500 ore extra di lavoro retribuito in più rispetto al 1979, ovvero 12 settimane in più… Nella maggior parte dei paesi dell’UE resta prevalente la norma rigida della settimana di 40 ore, dal lunedì al venerdì. conciliazione orari di lavoro6negrelli

7 Soddisfazione e insoddisfazione degli orari di lavoro concilianti, perché? Rigidità dell’impresa che fissa unilateralmente gli orari senza possibilità di modifiche (q39, EWCS): minore per Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Germania, Olanda e Svezia (modelli inclusivi di capitalismo); 30% lavoratori pienamente soddisfatti per l’orario di lavoro “conciliabile” (q41, EWCS): ben oltre la media: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Olanda, Svezia; Modelli di politiche di conciliazione (Naldini, Saraceno, 2011): – familismo di default: totale assenza di sostegno pubblico; – familismo sostenuto: offerta agli individui di congedi remunerati o assegni di cura; – defamilizzazione: responsabilità pubblica diretta di parte del lavoro o del tempo di cura (Danimarca, Svezia, Norvegia e Francia); Il caso dei paesi dell’est con i peggiori servizi pubblici di cura dell’UE. conciliazione orari di lavoro7negrelli

8 Più elevati livelli di soddisfazione degli orari concilianti, perché? regimi di welfare più favorevoli alla conciliazione; rimozione ostacoli all’ingresso della donne nel mdl; orari di lavoro friendly; diffusione part time volontario; eccellenti e diffusi servizi pubblici di cura e assistenza dei figli (vedi anche il caso francese); politiche di reimpiego delle donne dopo la maternità; generosi congedi parentali per madri e padri; politiche efficienti e concretamente implementate di pari opportunità; estesa cultura istituzionale favorevole alla conciliazione tra lavoro e famiglia, non esclusi atteggiamenti più favorevoli da parte delle imprese; concentrazione del lavoro femminile nella pubblica amministrazione, che risponde alle esigenze delle donne in misura superiore alle imprese private; spesa privata di childcare molto significativa (vedi il caso inglese). conciliazione orari di lavoro8negrelli


Scaricare ppt "Trasformazioni del lavoro e vita quotidiana Serafino Negrelli Università di Milano Bicocca."

Presentazioni simili


Annunci Google