La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a. 2008-2009) Modulo II Lezione del 22 ottobre 2008 La politica pensionistica in chiave comparata Docente:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a. 2008-2009) Modulo II Lezione del 22 ottobre 2008 La politica pensionistica in chiave comparata Docente:"— Transcript della presentazione:

1 Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a ) Modulo II Lezione del 22 ottobre 2008 La politica pensionistica in chiave comparata Docente: Franca Maino

2 I sistemi pensionistici: i concetti di base TRE DIMENSIONI DI ANALISI Obiettivi (mantenimento del reddito / prevenzione povertà / eguaglianza dei benefici) Regole Regole di accesso Prestazioni Finanziamento Gestione Disegno istituzionale (insieme di programmi e schemi) I pilastro (suddiviso in tre porzioni) II pilastro III pilastro

3 Il disegno istituzionale dei sistemi pensionistici Tipo di schemaSistema di finanziamento Gestione III pilastroFondi individualiCapitalizzazionePrivata II pilastroFondi professionali CapitalizzazionePrivata I pilastroIII porzione II porzione I porzione Capitalizzazione Ripartizione Fiscale + prova dei mezzi Privata/pubblica Pubblica

4 Le origini dei sistemi pensionistici pubblici Bismackiano (occupazionale) Beveridgiano (universalistico) Obiettivo Mantenimento del reddito Prevenzione della povertà BeneficiariLavoratori Cittadini (anziani bisognosi) Regole di accesso Pagamento contributi Cittadinanza/residenza (bisogno) Prestazioni Collegate al reddito o ai contributi versati Somma fissa FinanziamentoContributiFiscalità generale

5 Alla fine della II Guerra Mondiale i sistemi pensionistici sono costituiti essenzialmente dal I pilastro pubblico e possono essere classificati in … BismarckianiBeveridgiani Germania Austria Belgio Francia Italia Spagna Grecia Portogallo Olanda (pre-1956) (Stati Uniti) Danimarca Finlandia Norvegia Svezia Gran Bretagna Irlanda Svizzera Olanda (post-1956) (Canada) (Australia)

6 Fase espansiva (dagli anni Cinquanta) Rafforzamento della protezione di base Nuove prestazioni e aumento della generosità di quelle esistenti Nuove modalità di finanziamento e gestione delle risorse … MA: la configurazione istituzionale bismarckiana o beveridgiana condiziona la specifica evoluzione dei sistemi pensionistici con riferimento a questi tre tipi di intervento

7 … nello specifico: Paesi bismarckiani Istituzione di uno schema per i cittadini anziani in condizioni di bisogno (pensione sociale) Creazione di nuovi schemi pensionistici per le categorie di lavoratori non ancora protette Abbassamento delletà pensionabile Passaggio a schemi a ripartizione retributivi Paesi beveridgiani Rafforzamento della protezione di base tramite labolizione della prova dei mezzi (pensione di base per tutti i cittadini) Istituzione di un secondo livello di prestazioni pensionistiche supplementari per i lavoratori (con prestazioni collegate alla retribuzione) Finanziamento contributivo degli schemi supplementari

8 Lo sviluppo dei sistemi pensionistici nel sentiero bismarkiano Processo di stratificazione verticale allinterno del I pilastro: agli schemi assicurativi si sono aggiunti nuovi programmi di base, ovvero schemi di protezione minima finanziati attraverso il gettito fiscale (Francia: minimum vieillesse nel 1956) Processo di stratificazione orizzontale allinterno del I pilastro: tra casse destinate a diverse categorie occupazionali Processo di conversione dei programmi ereditati dal XIX secolo: il sistema pensionistico diventa più inclusivo e generoso

9 Levoluzione storica dei sistemi pensionistici dellEuropa centro-orientale CONVERSIONE - Anni 50: si passa da una impostazione bismarckiana ad un modello pensionistico in linea con i principi delleconomia pianificata => sistema pensionistico comunista: Pilastro unico Uguaglianza dei benefici No agli schemi integrativi non pubblici Finanziamento contributivo (a valere sulle imprese pubbliche) Prestazioni legate a requisiti di anzianità/vecchiaia e non ai contributi versati e/o alle retribuzioni Estesi privilegi per alcune categorie e forte discrezionalità nella gestione dei programmi EROSIONE – Anni 80: la una struttura dei benefici omogenea ma poco generosa predispone il sistema pensionistico verso la privatizzazione

10 La crescita dei sistemi pensionistici nel sentiero beveridgiano Regno Unito: multi- pilastro Basic state pension State graduated pensioni Contracting out Rischio povertà elevato per i cittadini privi della copertura degli schemi privati Svezia: ass. sociale di II generazione Pensione popolare Prestazione pensionistica integrativa, di tipo contributivo ma con gestione pubblica e omogenea (unico regime per tutti i lav. dipendenti)

11 Origini e sviluppo dei sistemi pensionistici europei


Scaricare ppt "Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a. 2008-2009) Modulo II Lezione del 22 ottobre 2008 La politica pensionistica in chiave comparata Docente:"

Presentazioni simili


Annunci Google