La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PA.GRC.20 - Allegato 1 Campagna per l’identificazione del paziente: "Presentazione per la formazione del personale dei reparti che partecipano alla sperimentazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PA.GRC.20 - Allegato 1 Campagna per l’identificazione del paziente: "Presentazione per la formazione del personale dei reparti che partecipano alla sperimentazione."— Transcript della presentazione:

1 PA.GRC.20 - Allegato 1 Campagna per l’identificazione del paziente: "Presentazione per la formazione del personale dei reparti che partecipano alla sperimentazione della buona pratica: introduzione di un braccialetto identificativo". In collaborazione con: Centro Sangue Regionale, HPH, SIFO Toscana Azienda USL 3 Pistoia Procedura Aziendale per la gestione della Buona Pratica per la corretta identificazione del paziente: introduzione di un braccialetto identificativo Allegato - PA.GRC.20 Rev. 1: Pag.: 1 di 5

2 Campagna per l’identificazione del paziente In collaborazione con: Centro Sangue Regionale, HPH, SIFO Toscana

3 La campagna GRC Identificazione paziente Strumenti e procedure per la corretta identificazione del paziente Accoglienza di pazienti a rischio Errori di trasfusione

4 Identificazione del paziente: il problema Fattori contribuenti: il trattamento di casi di emergenza (19%) caratteristiche particolari del paziente (16%) pressione temporale nel realizzare una procedura (13%) coinvolgimento di più operatori nella gestione di un caso (13%) realizzazione di più casi in una stessa seduta chirurgica (10%) 67% degli errori trasfusionali sono legati alla trasfusione di emocomponenti sbagliati almeno il 2,6% degli errori di laboratorio sono legati ad una non corretta identificazione del paziente

5 Identificazione del paziente: il problema in Toscana

6 Identificazione del paziente: dati Gli strumenti per l’identificazione del paziente Tra Novembre del 2003 e Luglio 2005, la National Patient Safety Agency (NPSA) ha ricevuto 236 report relativi ad eventi avversi relativi all’assenza di braccialetti identificativi o a braccialetti con informazioni non corrette NPSA, Patient Safety Notice “Wristbands for hospital inpatients improves safety” Ricerche internazionali evidenziano che i pazienti spesso non hanno braccialetti identificativi e questo aumenta la probabilità di errore nella identificazione

7 Introduzione braccialetti identificativi Gestione terapia Gestione intervento chirurgico Gestione trasfusioni

8 Soluzioni esistenti

9 Soluzioni esistenti: Confronto BARCODE - RFID

10 Le esperienze in Italia Ospedale Gemelli – Roma (Barcode) Ospedale Niguarda – Milano (RFID) Ospedale Manzoni di Lecco (info in chiaro su braccialetto)

11 Criteri di valutazione delle esperienze Affidabilità Costo Tracciabilità delle informazioni Impatto sul lavoro dell’operatore Accettabilità del paziente

12 Obiettivi della campagna  Progettare e sperimentare una soluzione per l’identificazione  Facilitare il riconoscimento del paziente da parte dell’operatore  Migliorare la comunicazione fra operatore e paziente  Evitare eventuali errori legati all’identificazione

13 Aziende coinvolte

14 Reparti coinvolti DEA CHIRURGIA

15 Fasi e Tempi GIU LUG SETT OTT NOV DIC GENN FEBB MARZO APR Fase 1 Preparatoria Analisi procedure esistenti e criticità Individuazione criteri di valutazione delle soluzioni esistenti Analisi delle soluzioni esistenti (sperimentazioni, prodotti) Definizione soluzione per sperimentazione Definizione strumenti di comunicazione e formazione per gli operatori coinvolti

16 Fasi e tempi Fase 2 sperimentazione Individuazione unità nelle quali implementare la soluzione Attività di formazione e comunicazione Implementazione soluzione Monitoraggio impatto organizzativo Fase 3 valutazione e definizione linee guida regionali GIU LUG SETT OTT NOV DIC GENN FEBB MARZO APR

17 La soluzione 1.Indicazioni per identificazione 2.Braccialetto 3.Comunicazione e formazione

18 Le indicazioni  All’accettazione Applicazione a tutti Nota informativa a tutti Presentarsi al paziente Identificazione pz incosciente Gestione omonimie  Durante il ricovero o l’attesa in PS Controllo braccialetto e verifica verbale Rimozione e ri-applicazione del braccialetto durante la degenza Taglio del braccialetto all’uscita dal reparto

19 Le attività all’interno del reparto: Al momento della visita e all’atto della prescrizione terapeutica da parte dei medici Somministrazione della terapia farmacologia da parte degli infermieri Prima della preparazione del paziente per un’indagine diagnostica da parte di tutti gli operatori sanitari Prima di una trasfusione di sangue da parte degli infermieri Ogni altro atto che preveda l’univocità del paziente Ricovero o attesa al PS: procedure interne

20 Le attività nei servizi esterni: Preparazione del paziente per un’indagine diagnostica da parte di tutti gli operatori sanitari Riconoscimento del paziente per il trasporto in altro servizio da parte del personale addetto ai trasporti sia in uscita che in entrata e da parte dell’operatore che riceve il paziente e che lo licenzia. Riconoscimento del paziente per il trasporto in sala operatoria da parte del personale addetto ai trasporti sia in uscita che in entrata e da parte dell’infermiere che riceve il paziente e che lo licenzia. Ricovero o attesa al PS: procedure esterne

21 Braccialetto 1.Nome e cognome 2.Comune e data di nascita 3.Sesso 4.Reparto di accettazione 5.Codice fiscale 6.Allergie e uso di farmaci salvavita (TAO e insulina)

22 Comunicazione Al paziente Agli operatori Al pubblico

23 Formazione Al gruppo della sperimentazione Al personale dei reparti Al personale infermieristico per l’applicazione del braccialetto

24 La valutazione Questionario operatoriQuestionario pazienti

25 La valutazione Scheda di rilevazione criticità braccialetti

26 Sviluppo futuro  Costruzione di una buona pratica per la corretta identificazione  Stesura di una guida allo sviluppo della buona pratica IP nelle strutture sanitarie (quaderno regionale)  Creazione premesse per una gestione informatizzata  Diffusione a livello regionale Progetto pilota

27 Guida pratica all’applicazione del braccialetto

28 Accettazione: Stampa del braccialetto Le informazioni da stampare sul braccialetto sono fornite in automatico dal sistema informativo Il braccialetto è stampato al momento dell’accettazione in reparto o al triage L’infermiere è responsabile della stampa Sul braccialetto stampato: Non devono essere aggiunte scritte Vanno evidenziate mediante punzunatura le info aggiuntive su farmaci e allergie

29 Sul braccialetto Farmaci: TAO e Insulina Allergie: documentate o segnalate Accettazione: Segnalazione informazioni aggiuntive Sulla documentazione clinica Casi di omonimia segnalati con bollino rosso

30 Il braccialetto va applicato non appena stampato I braccialetti vanno applicati una alla volta non appena si è finita l’accettazione di un singolo paziente Allergie: segnalate L’applicazione deve essere accompagnata alla consegna della nota informativa al paziente (segnalibro) Non si chiede una autorizzazione a parte per l’applicazione del braccialetto Per il paziente incosciente attribuire un numero e un nome convenzionale come identificativi sul braccialetto (es: N 01) Accettazione: Applicazione

31 Non applico il braccialetto solo a chi si rifiuta esplicitamente di indossarlo (registro il perché) Il braccialetto va applicato sulla mano che utilizzo per scrivere In caso di ominimia : mettere il bollino sulla documentazione clinica, collocarli lontani spazialmente In caso di pz non collaborante: nota informativa ai parenti, attribuire sempre due identificativi (es. n e nome) Accettazione: Applicazione

32 Scheda di rilevazione criticità braccialetti Controllare il braccialetto prima di ogni procedura Farsi riconoscere prima di ogni procedura Chiedere il nome e cognome (e non chiedere conferma del nome e cognome) Ricovero o attesa al PS

33 Non identificare mai per numero di letto Applicare il braccialetto in altro luogo prima di rimuoverlo in caso sia necessario Non togliere il braccialetto in sala operatoria, se la rimozione è inevitabile avvisare il reparto per la stampa di un nuovo braccialetto Applicare ad ogni paziente che ne risulta sprovvisto Ricovero o attesa al PS

34 Il taglio del braccialetto dal polso e la sua conservazione è responsabilità dell’infermiere che fa la dimissione dal reparto che partecipa alla sperimentazione L’infermiere distribuisce il questionario di gradimento al paziente e lo raccoglie una volta compilato e lo conserva Dimissione

35 Tutto il materiale (braccialetti, questionari pz e operatori, schede di criticità) e i commenti raccolti relativi alla sperimentazione vanno raccolti da parte del gruppo di sperimentazione della campagna Il gruppo di sperimentazione della campagna distribuisce e raccoglie i questionari agli operatori Fine sperimentazione

36 Video Caricamento, Sostituzione rullo braccialetti

37 Video - Stampa

38 Video – “Sbucciatura” adesivo

39 Video – Applicazione braccialetto


Scaricare ppt "PA.GRC.20 - Allegato 1 Campagna per l’identificazione del paziente: "Presentazione per la formazione del personale dei reparti che partecipano alla sperimentazione."

Presentazioni simili


Annunci Google