La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

World Wealth Report 2007. World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation 2007 World Wealth Report.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "World Wealth Report 2007. World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation 2007 World Wealth Report."— Transcript della presentazione:

1 World Wealth Report 2007

2 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation 2007 World Wealth Report

3 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Massimo Fortuzzi Chief Operating Officer Merrill Lynch Global Private Client – Italia

4 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Market Sizing and Growth

5 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Key Findings – Market Sizing and Growth 2006 In 2006, 9.5 million people globally held more than US$1million in financial assets – an increase of 8.3% over the 2005 HNWI population HNWI wealth gained 11.4% over 2005 to total US$37.2 trillion The total population of Ultra-HNWIs, people with more than US$30million in Financial assets, now stands at 94,970 an 11.3% increase over 2005 In 2006 GDP Growth and Market Capitalization worked in concert to fuel wealth creation Emerging markets registered strong advances - Singapore, India, Indonesia and Russia witnessed the highest growth in HNWI populations HNWI financial wealth is expected to reach US$51.6 trillion by 2011, growing at an annual rate of 6.8%

6 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Number of HNWIs Worldwide (in Millions) The Global HNWI Population Grew 8.3% in 2006 to 9.5M, Up from 6.5% Growth in 2005 % Change Total HNWI Population North America Europe Asia-Pacific Latin America Middle East Africa 8.6% 6.4% 9.2% 10.2% 12.5% 11.9% Annual Growth % 9.5 Million 8.8 Million (2) 8.2 Million (1) Note:(1) In 2004, number of Asia HNWIs (and thus Global HNWIs) was restated as a result of updated data made available. (2) Bahrain and Qatar added to model for years 2005 onward. As a result, number of HNWIs in 2005 is 8.8M instead of 8.7M as stated in WWR Source:Capgemini Lorenz curve analysis, 2007 HNWI Financial Population by Region (Millions),

7 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation HNWI Wealth Grew by 11.4% in 2006, up from 8.5% in 2005, to Total $37.2 Trillion HNWI Financial Wealth by Region (Trillions), *note: (1) In 2004, HNWI wealth figures were restated as a result of updated data becoming available; (2) Bahrain and Qatar added to model for years 2005 onward Note:All chart numbers are rounded Source:Capgemini Lorenz curve analysis, 2007 HNWI Financial Wealth ($USD Trillions) % Change Total HNWI Wealth 2005 – 2006 North America Europe Asia-Pacific Latin America Middle East Africa 10.5% 7.8% 10.3% 23.2% 14.0% 11.7% Annual Growth % 37.2 Trillion 33.4 Trillion (2) 30.7 Trillion (1)

8 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation $1 m – $5 m $5 - $30 m + $30 m Ultra High Net Worth 95 k (1.0%) k (9.3%) Global Number of Individuals per Wealth Band (k), 2006, and Growth (%), Number of Individuals – % 9.4% Growth (1) k (89.7%)8.2% Mid-Tier Millionaire Wealth Continued to Grow Increasingly Concentrated with The Richest 1% of HNWIs Controlling Over 35% of Total HNWI Wealth Source:Capgemini Lorenz Curve Model; Capgemini World Wealth Report 2007 Note: (1) Figures from Bahrain and Qatar are not included in growth calculation as both countries were added in WWR 2007 and reflected in 2006 HNWI population and wealth figures only – effect on growth at global level is insignificant ; numbers do not add up to 100% due to rounding % Total Wealth 35.1% 22.7% 42.2% 85.4 k (1.0%) k (9.2%) 10.2% 8.4% k (89.8%)6.2% 33.6% 23.0% 43.4% UHNWIs accounted for 1% of total HNWI population and held 35% of HNWI wealth ($13.07 T) in 2006

9 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Source: The Economist Intelligence Unit Forecasts, Real GDP Growth Rates, % North America Western EuropeAsia PacificLatin America WorldEastern Europe Strong labor markets and rising real wages in Western Europe helped support private consumption and real GDP growth. The Global Economy Grew at 5.4% in 2006, Led by Eastern Europe and Asia-Pacific

10 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Similar to GDP, Most Worldwide Market Capitalizations Experienced Accelerated Growth In 2006 Market Capitalization Growth Rates for Major Stock Exchanges by Region*, % Source: Focus, World Federation of Exchanges, Jan 2007; Market capitalization growth rates have risen significantly following their stabilization in 2005 –In 2006, market capitalization remained a strong driver of HNWI wealth growth European markets performed well compared with prior years % %

11 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Region North America HNWI Population Growth 9.2% Robust GDP growth – (US 3.3%, Canada 2.7%) Increase in savings rate as percentage of GDP in the US Solid gains in stock indices in US – (Dow Jones 16.3%, S&P 13.6%) Why? 6.4% GDP growth strong across all of EU % in 2006 up from 1.8% in 2005 Solid stock market returns in Germany, France High stock market returns in economies such as Poland and Czech Republic 8.6% Continued high savings rates – China 50.1%, South Korea 38.4% High, sustained, GDP growth - China 10.5%, India 8.8% Robust stock market performance in China and Indonesia Strong increase in market capitalization in pockets – China 220.6%, Philippines 57.5% Latin America 10.2% Strong GDP growth – 10.4% in Venezuela, 8.2% in Argentina Continued strong market capitalization growth – Mexican Exchange – 45.7%, Sao Paulo SE – 49.6% aided by rising commodity prices Asia- Pacific Europe Emerging Economies Drove Growth and North America Remained Strong While Europe Picked Up Pace Middle East/Africa ME 11.9% High GDP growth in the Middle East Historically high oil prices helped buoy real GDP growth in GCC nations African commodity exporting nations benefited from rising worldwide commodity and energy prices Africa 12.5%

12 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation At 6.8% Global Growth Looking Ahead, HNWI Wealth Is Projected to Total US$51.6 Trillion By 2011, Growing at a Rate of 6.8% US$37.2 T US$33.4 T US$30.7 T US$51.6 T Annual Growth Rate, E Europe North America Asia-Pacific Latin America Middle East Africa 8.5% 7.0% 4.3% 7.2% 6.1% 9.5% Global 6.8% Note:All chart numbers are rounded. Source:Capgemini Lorenz curve analysis, 2007 HNWI Financial Wealth Forecast by Region, E (US$ Trillions)

13 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Asset Allocation

14 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Source:Capgemini Analysis. Key Findings – HNWI Asset Allocation HNWI allocations in 2006 varied from 2005: –Allocations to real estate increased while allocations to alternative investments dipped Globally, high returns in commercial real estate and REITs drove increased allocations to real estate: –In 2006, real estate investments became more liquid and more transparent driven by the increase, globally, in legislation which allows for REIT-type investment structures Certain alternative investments which capitalize on market volatility did not fare well during 2006, a year of relatively low volatility HNWIs globally continued to diversify their holdings as they pulled funds away from North America and Asia-Pacific to Europe

15 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Breakdown of Financial Assets of HNWIs, 2004 to 2008F (%) 100% * Includes: Structured products, hedge funds, derivatives, foreign currency, commodities, private equity/venture capital ** Includes: Commercial Real Estate, REITs, and Other Investment Properties Source: Capgemini/Merrill Lynch Financial Advisor Surveys, March 2006, March % In 2006, HNWIs Allocations to Real Estate Increased As Alternative Investments Dipped

16 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Breakdown of Financial Assets of HNWIs by Region, 2006 (%) * Includes: Structured products, hedge funds, derivatives, foreign currency, commodities, private equity/venture capital ** Includes: Commercial Real Estate, REITs, and Other Investment Properties Source: Capgemini/Merrill Lynch Financial Advisor Surveys, March 2006, March % Asia-Pacific and Latin America Lead the Real Estate Trend with Allocations of 29% and 25% Respectively

17 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation 100% Geographic Breakdown of HNWI Investment, 2005 to 2008F (%) *: weighted based on the net financial wealth of that region and aggregated to create a weighted global allocation *: In 2005 investments to Africa were less than 0.4% Source:Capgemini/Merrill Lynch Financial Advisor Surveys, April 2006, March % From 2005 to 2006, HNWIs Increased their Investments to Europe

18 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Mauro Masciarelli Vice President Financial Services Responsabile Wealth Management Capgemini - Italia

19 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Spotlight

20 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Spotlight Key Findings: Dynamic, Client-Needs Based Service Models are Emerging Leading firms take a new approach to client service –Needs-Based approaches provide the most appropriate products and services and unlock potential value for clients Wealth management firms have adopted a needs-based approach to client segmentation –Several factors beyond client assets under management affect the optimal product and service bundling needed for any single client Advisor practice models and servicing approaches can be customized based upon client and firm needs –Optimizes the life time value of advisor/client relationships Leading firms provide wealth management advisors with more advanced tools –A sophisticated technology platform supports delivery to ensure long-term relationships with HNW clients Sources of wealthGlobalization of spending approaches Life eventsDemographics Investment goalsFinancial behavior and involvement

21 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Wealth management firms need to reconfigure the process for understanding their clients, and provide the right service model. We Recommend Four Critical Success Factors for a Needs-Based and Dynamic Service Model

22 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Strategy and product offers determined prior to analysis of client needs Marketing primarily based on AUM and risk profile Clients offered products based on wealth band Clients placed into practice model based on AUM Service approach driven by practice model Clients segmented by: Assets under management Risk Profile Other demographic characteristics Client needs are not proactively reviewed prior to firm strategy determination Once clients are assigned to a model, service approach is static unless significant changes in AUM occur Traditional ApproachNeeds-Based Approach Clients segmented by criteria beyond AUM and demographics: Current and future investment objectives Behavioral characteristics Aspirational models External interests Preferred communication style/desired level of interaction Client needs determined based on product, service, and investment criteria Needs drive firm strategy and service offering Firm looks at book of business, and existing and target clients to assess its own core competencies and offerings Clients offered products on a needs-based approach. Expected client life-time value drives level of service Practice model and service approach tailored to client needs Multiple delivery channels and practice models used as necessary Ongoing reviews to uncover opportunities for products, services, and investments based on behavioral dynamics, valuation analytics, and other criteria Client Needs Determination and Segmentation Product & Service Alignment Practice Model & Service Approach Determination Service Review A Needs-Based Approach Requires a Continuous Reevaluation of Client Needs

23 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Service-oriented architectures support improved business agility Detailed and dynamic client information is key to anticipating client needs Business rules need to be adjusted to move from static to dynamic service models Business intelligence dashboards allow firms to continuously monitor client satisfaction and retention A Technology Framework for Information Gathering Is Critical to Anticipating Client Needs

24 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Industry Leaders Have Already Started Developing Needs-Based Service Models Creation of Non Resident Indian Wealth Management Teams Support of Sharia Investing in the Middle East Globalization of European Wealth Management Practices

25 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation 2007 World Wealth Report Economic Review – Italy Merrill Lynch & Capgemini March 2007

26 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Numero degli HNWI in Italia (migliaia), N. di HNWI (000) Drivers Crescita del PIL reale del 1.7 nel 2006 (aggiornato a maggio ad 1,9% - fonte: Relazione Annuale Banca dItalia), partendo da una crescita dello 0,1% nel 2005 Guidata dalla crescita nel consumo privato Inflazione bassa, che riflette lalleggerimento dei prezzi del petrolio Crescita del PIL reale del 1.7 nel 2006 (aggiornato a maggio ad 1,9% - fonte: Relazione Annuale Banca dItalia), partendo da una crescita dello 0,1% nel 2005 Guidata dalla crescita nel consumo privato Inflazione bassa, che riflette lalleggerimento dei prezzi del petrolio Ostacoli Il deficit del bilancio è aumentato al 4,4% (Fonte Eurostat) del PIL nel 2006: Esso dovrebbe abbassarsi al 2,1% (fonte: Commissione UE) nel 2007 e al 2,2% (fonte: Commissione UE) nel 2008 Deficit del bilancio/previsione Commissione UE sul PIL: inferiore al 3% nel 2007 Il deficit delle partite correnti è aumentato al 1,8% del PIL Le finanze pubbliche sono in miglioramento La crescita economica rimane indietro rispetto alla media dellarea delleuro, ma è previsto un miglioramento Il deficit del bilancio è aumentato al 4,4% (Fonte Eurostat) del PIL nel 2006: Esso dovrebbe abbassarsi al 2,1% (fonte: Commissione UE) nel 2007 e al 2,2% (fonte: Commissione UE) nel 2008 Deficit del bilancio/previsione Commissione UE sul PIL: inferiore al 3% nel 2007 Il deficit delle partite correnti è aumentato al 1,8% del PIL Le finanze pubbliche sono in miglioramento La crescita economica rimane indietro rispetto alla media dellarea delleuro, ma è previsto un miglioramento Crescita (05-06) 3,8% ISTANTANEE NAZIONALI – ITALIA Fonte: Analisi della curva di Lorenz da parte di Capgemini, dati di base da fonti molteplici, compreso MSCI; Analisi Capgemini, 2006; Eurostat; Previsioni della Commissione Europea (Reuters, il 7 Maggio 2007), Relazione della Banca dItalia del 31 maggio Italia – Analisi economica 2006

27 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Italia – Analisi economica 2006 Driver Eventi 2006 Drivers 2006 Drivers chiave della ricchezza e della crescita degli HNWI Impatto sul Modello Previsione 2007 Crescita del PIL e risparmio Crescita del PIL e risparmio crescita del PIL reale del 1,7% Incremento dallo 0,1% del PIL reale nel 2005 Risparmi al 20,7% del PIL crescita del PIL reale del 1,7% Incremento dallo 0,1% del PIL reale nel 2005 Risparmi al 20,7% del PIL Si prevede che il PIL sarà confermato al 1,7% nel 2006 (aggiornato a maggio ad 1,9% - fonte: Relazione Annuale Banca dItalia), al 1,9% nel 2007 (fonte:Commissione UE), prima di ridursi ad un valore previsto del 1,7% (fonte:Commissione UE) nel 2008: La crescita per quadrimestre è rallentata allo 0,3% nel terzo quadrimestre, se confrontata con lo 0,8% nel primo e lo 0,5% nel secondo Il consumo privato è aumentato del 2% nel 2006, dopo periodi di stagnazione per buona parte del 2004 e del 2005 Si stima che il rapporto debito/PIL subirà un aumento al 107,1% nel 2006 e scenderà a 106,9% nel 2007 (fonte IMF) Si stima che il deficit delle partite correnti subirà un aumento del PIL fino al 1,8% nel 2006 da 1,6% nel 2005, situazione che riflette i prezzi del petrolio più elevati e le aumentate importazioni Il risparmio aumenterà nel 2007 poichè le spese ricorrenti si ridurranno dello 0,7% del PIL sia nel 2007 sia nel 2008: la previsione dellItalia è favorevole poichè il bilancio italiano del 2007 implica aumenti delle entrate e tagli alla spesa (fonte IMF). Si prevede che il PIL sarà confermato al 1,7% nel 2006 (aggiornato a maggio ad 1,9% - fonte: Relazione Annuale Banca dItalia), al 1,9% nel 2007 (fonte:Commissione UE), prima di ridursi ad un valore previsto del 1,7% (fonte:Commissione UE) nel 2008: La crescita per quadrimestre è rallentata allo 0,3% nel terzo quadrimestre, se confrontata con lo 0,8% nel primo e lo 0,5% nel secondo Il consumo privato è aumentato del 2% nel 2006, dopo periodi di stagnazione per buona parte del 2004 e del 2005 Si stima che il rapporto debito/PIL subirà un aumento al 107,1% nel 2006 e scenderà a 106,9% nel 2007 (fonte IMF) Si stima che il deficit delle partite correnti subirà un aumento del PIL fino al 1,8% nel 2006 da 1,6% nel 2005, situazione che riflette i prezzi del petrolio più elevati e le aumentate importazioni Il risparmio aumenterà nel 2007 poichè le spese ricorrenti si ridurranno dello 0,7% del PIL sia nel 2007 sia nel 2008: la previsione dellItalia è favorevole poichè il bilancio italiano del 2007 implica aumenti delle entrate e tagli alla spesa (fonte IMF). Capitalizzazione di mercato Politica Fiscale +28,6% nel ,1% nel ,9% nel ,6% nel ,1% nel ,9% nel 2004 Il numero ed il valore delle IPO (Offerta Pubblica di Vendita) nel 2006 è stato il più alto dal 2000 La crescita MIB è stata del 19%, e ha raggiunto un massimo di 30,949 il 18 Dicembre La Borsa Italiana ha raggiunto e superato i massimi registrati nel Gennaio del 2001 Il numero ed il valore delle IPO (Offerta Pubblica di Vendita) nel 2006 è stato il più alto dal 2000 La crescita MIB è stata del 19%, e ha raggiunto un massimo di 30,949 il 18 Dicembre La Borsa Italiana ha raggiunto e superato i massimi registrati nel Gennaio del 2001 Nonostante una crescita più forte e correzioni sostanziali al bilancio allinizio del 2006, il deficit del PIL è cresciuto dal 4,1% (fonte: Conti Econ. Naz. ISTAT 2006) nel 2005 fino a quasi 4,4% (fonte ISTAT) nel 2006; ciò è dovuto in parte a: Lordinanza della Corte Europea di Giustizia richiede al governo di ripagare circa 16 mld di trattenute di imposta sul valore aggiunto (IVA) sulle auto aziendali Il bilancio 2007 presentato al parlamento si è focalizzato sullaumento delle entrate piuttosto che sui tagli alla spesa per ridurre il deficit del bilancio Il deficit è orientato verso il ribasso, ma il PIL si aggirerà attorno al 2,3% (fonte ISTAT) La spesa pubblica è aumentata del 2,3% (fonte IMF), ma il bilancio 2007 comprende diverse iniziative di contenimento della spesa. Nonostante una crescita più forte e correzioni sostanziali al bilancio allinizio del 2006, il deficit del PIL è cresciuto dal 4,1% (fonte: Conti Econ. Naz. ISTAT 2006) nel 2005 fino a quasi 4,4% (fonte ISTAT) nel 2006; ciò è dovuto in parte a: Lordinanza della Corte Europea di Giustizia richiede al governo di ripagare circa 16 mld di trattenute di imposta sul valore aggiunto (IVA) sulle auto aziendali Il bilancio 2007 presentato al parlamento si è focalizzato sullaumento delle entrate piuttosto che sui tagli alla spesa per ridurre il deficit del bilancio Il deficit è orientato verso il ribasso, ma il PIL si aggirerà attorno al 2,3% (fonte ISTAT) La spesa pubblica è aumentata del 2,3% (fonte IMF), ma il bilancio 2007 comprende diverse iniziative di contenimento della spesa. Fonte:Relazioni nazionali EIU, ; Analisi Capgemini, 2007; World Federation of Exchanges 2005; ISTAT, Conti economici nazionali, 03/01/06, Documento di Programmazione Economica-Finanziaria, Governo Italiano, ; Commissione Europea ; Relazione IMF 2007 sullItalia, Relazione della Banca dItalia del 31 maggio ISTANTANEE NAZIONALI – ITALIA

28 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Italia – Analisi economica 2006 Driver Drivers 2006 Drivers chiave della ricchezza e della crescita degli HNWI Impatto sul Modello Previsione 2007 Politica Monetaria La Banca Centrale Europea (BCE) ha aumentato il suo principale tasso di riferimento di 1,25 punti percentuali negli ultimi 12 mesi per portare il tasso al 3,25% in Ottobre 2006, sono attesi ulteriori rialzi: In Dicembre la BCE ha alzato il suo tasso chiave di rifinanziamento al 3,5% È possibile almeno un ulteriore tasso di aumento prima che il ciclo di inasprimento monetario termini La forza del tasso di cambio delleuro dovrebbe evitare il bisogno di ulteriori rialzi nel 2007/08 Si prevede che linflazione si riduca leggermente da un valore stimato del 2,1% nel 2006 ad un valore appena inferiore al 2% nel 2007 e 2008 La Banca Centrale Europea (BCE) ha aumentato il suo principale tasso di riferimento di 1,25 punti percentuali negli ultimi 12 mesi per portare il tasso al 3,25% in Ottobre 2006, sono attesi ulteriori rialzi: In Dicembre la BCE ha alzato il suo tasso chiave di rifinanziamento al 3,5% È possibile almeno un ulteriore tasso di aumento prima che il ciclo di inasprimento monetario termini La forza del tasso di cambio delleuro dovrebbe evitare il bisogno di ulteriori rialzi nel 2007/08 Si prevede che linflazione si riduca leggermente da un valore stimato del 2,1% nel 2006 ad un valore appena inferiore al 2% nel 2007 e 2008 Altri Fattori Il bilancio 2007 si propone di lanciare la crescita economica e ridurre il deficit del bilancio Le riforme attuate dal 1997 per liberalizzare i contratti di impiego hanno ridotto la disoccupazione, ma il mercato del lavoro italiano rimane uno dei più rigidi nella UE Una recente riforma sulle imposte del reddito personale si propone di circoscrivere la spaccatura tra i ricchi e i poveri aumentando le imposte sui redditi più elevati e riducendole su quelli più bassi Sia Standard & Poors che Fitch Ratings hanno ridotto il rating del debito pubblico italiano di un punto dopo lannuncio del bilancio: Entrambi hanno rilevato linadeguatezza a ridurre il deficit e i timori che le imposte ostacoleranno la crescita economica (agenzia di Rating Moodys Italia, aggiornato al 7 maggio 2007: conferma Aa2, previsione stabile). Il bilancio 2007 si propone di lanciare la crescita economica e ridurre il deficit del bilancio Le riforme attuate dal 1997 per liberalizzare i contratti di impiego hanno ridotto la disoccupazione, ma il mercato del lavoro italiano rimane uno dei più rigidi nella UE Una recente riforma sulle imposte del reddito personale si propone di circoscrivere la spaccatura tra i ricchi e i poveri aumentando le imposte sui redditi più elevati e riducendole su quelli più bassi Sia Standard & Poors che Fitch Ratings hanno ridotto il rating del debito pubblico italiano di un punto dopo lannuncio del bilancio: Entrambi hanno rilevato linadeguatezza a ridurre il deficit e i timori che le imposte ostacoleranno la crescita economica (agenzia di Rating Moodys Italia, aggiornato al 7 maggio 2007: conferma Aa2, previsione stabile). Fonte:Relazioni nazionali EIU, ; Analisi Capgemini, 2007 ISTANTANEE NAZIONALI – ITALIA

29 World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation Questions & Answers


Scaricare ppt "World Wealth Report 2007. World Wealth Report 2007, June 27 th Media Presentation 2007 World Wealth Report."

Presentazioni simili


Annunci Google