La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione."— Transcript della presentazione:

1 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale CONTENUTI ED EFFETTI DEL CODICE COMPORTAMENTALE DELL’AO DI MELEGNANO - L’anticorruzione in sanità Cassano d’Adda, Vizzolo Predabissi, Cernusco s/N 14, 21 e 25 marzo 2014 Dott. Paolo Moneta Direttore U.O. Controllo di Gestione Responsabile della Prevenzione della Corruzione

2 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 2 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale Il tema della corruzione è da tempo al centro di interventi e azioni all’interno delle amministrazioni pubbliche ed è entrato stabilmente anche nel dibattito politico–culturale del nostro Paese. Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità

3 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 3 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Non c’è giorno in cui non appaiano sui media notizie di corruzione, malaffare e illegalità che coinvolgono la PA e la Sanità in particolare. Lo conferma il recente rapporto UE ma anche la Corte dei Conti, che evidenziano la criticità del fenomeno della corruzione in Italia ed i relativo effetti negativi.

4 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 4 INDICE DI PERCEZIONE DELLA CORRUZIONE 2013 Nome e Cognome ITALIA 69° posto

5 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 5 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità La corruzione è più forte nell’Europa dell’est, nell’Asia centrale e nell’Africa subsahariana. L’Italia, con 43 punti (tra il Montenegro e il Kuwait), è al 69° posto, migliorando di tre posizioni rispetto al Peggio di noi in Europa solo: Grecia, Bulgaria, Serbia, Bosnia e Romania.

6 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 6 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Con la legge 6 novembre 2012 n. 190 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e della illegalità nella pubblica amministrazione” l’Italia ha dato attuazione all’art. 6 della Convenzione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite contro la corruzione, adottata dall’Assemblea Generale dell’ONU nel 2003 e ratificata ai sensi della legge n. 116/2009 e ai sensi della Convenzione penale sulla corruzione firmata a Strasburgo nel 1999 e ratificata con la legge n. 110/2012.

7 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 7 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Ai sensi di questa legge il concetto di corruzione è inteso in senso ampio (vedasi Circolare n. 1/2013 del Dipartimento della Funzione Pubblica) e pertanto viene a comprendere le diverse situazioni in cui, nel corso dell'attività amministrativa, si riscontri l'abuso da parte di un soggetto del potere “pubblico” a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati.

8 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 8 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità In tale definizione rientrano quindi NON SOLO l'intera gamma dei delitti contro la Pubblica Amministrazione disciplinati nel Titolo II, Capo I, del codice penale, ma anche le situazioni in cui, al di là della rilevanza penale, venga in evidenza un malfunzionamento dell'Amministrazione a causa dell'uso a fini privati delle funzioni pubbliche attribuite.

9 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 9 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità La citata legge n. 190/2012legge n. 190/2012 (ed i successivi decreti collegati: D.Lgs. n. 33/2013, D.Lgs. n. 39/2013 e D.P.R. n. 62/2013)D.Lgs. n. 33/2013 n. 39/2013 D.P.R. n. 62/2013 hanno fissato alcuni capisaldi cui le amministrazioni pubbliche devono attenersi: 1)Nominare il RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2)Adottare il PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (INCLUSO IL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA’) 3)DARE APPLICAZIONE AL PIANO E MONITORARE LE MISURE DI PREVENZIONE INDIVIDUATE

10 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 10 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Responsabile della prevenzione della corruzione e Responsabile della trasparenza: Paolo Moneta, responsabile U.O. Controllo di Gestione Tel

11 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 11 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Il Responsabile della prevenzione della corruzione deve svolgere i seguenti compiti: elabora la proposta di piano della prevenzione, definisce procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione, verifica l’efficace attuazione del piano e la sua idoneità, propone modifiche al piano in caso di accertamento di significative violazioni o di mutamenti nell’organizzazione, verifica, d’intesa con il dirigente competente, l’effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio di corruzione, individua il personale da inserire nei percorsi di formazione sui temi dell’etica e della legalità.

12 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 12 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Il Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione (P.T.P.C.) 2014 – 2016 è stato adottato su proposta del “Responsabile” dal Direttore Generale il 30 gennaio In una sua sezione è contenuto il Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità (P.T.T.I.). Esso è pubblicato nel sito web aziendale nella sezione Amministrazione Trasparente

13 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 13 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità L’art. 1, c. 9 della legge n. 190/2012 definisce le caratteristiche ed il contenuto del PTPC; in concreto e in estrema sintesi esso deve: esplicitare l’analisi sulle aree di rischio, prevedere le misure (obbligatorie e facoltative) di prevenzione da attuare e le relative tempistiche in relazione all’assetto organizzativo in essere, definire il coordinamento con il ciclo delle performances (Piano della Performance e processo di Budget).

14 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 14 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Analisi sulle aree di rischio L’art. 1 c. 16 della legge 190/2012 considera attività nell'ambito delle quali è più elevato il rischio di corruzione i procedimenti di: a)autorizzazione o concessione; b)scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi; c)concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonchè attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; d)concorsi e prove selettive per l'assunzione del personale e progressioni di carriera.

15 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 15 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Analisi sulle aree di rischio - segue A tale scopo è stata data continuità e valorizzata l’esperienza avviata nel 2007 ed il lavoro svolto negli anni successivi per la predisposizione del Codice Etico Comportamentale dell’AO di Melegnano in linea con i principi del D.Lgs. n. 231 del 2001 “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell’art. 11 della Legge 29 settembre 2000, n. 300” allo scopo di implementare un sistema strutturato di procedure e attività di controllo volto a prevenire sia la commissione delle diverse tipologie di reati contemplate dal D.Lgs. n. 231/2001 sia comportamenti contrari ai valori e principi etici.

16 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 16 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Analisi sulle aree di rischio - segue In concreto si procederà alla revisione dei processi già mappati ai fini dell’aggiornamento del livello di rischio: Area Programmazione e Controllo: processo di Budgeting Area Acquisti (Struttura Gestione delle procedure di gara): processo Acquisto beni e servizi con fondo economale; processo Acquisto beni e servizi di importo fino ad € ; processo Acquisto beni e servizi di importo da € a € ; processo Acquisto beni e servizi di importo superiore a € ; Area Risorse Umane: processo Reclutamento del personale tramite procedura concorsuale; processo Reclutamento del personale tramite incarichi esterni; Area Sanitaria: processo Gestione Agenda Ricoveri (Direzioni Sanitarie di Presidio); processo Gestione richieste di prodotti, preparazione materiali e distribuzione (Farmacia aziendale); processo Gestione degli ordini di acquisto; processo Gestione materiali in accettazione immagazzinamento e conservazione; processo Accesso in Farmacia in orari di chiusura; processo Gestione del File F.

17 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 17 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Analisi sulle aree di rischio - segue E poi la mappatura di nuovi processi organizzativi:  Area Lavori, attività di affidamento degli appalti di lavori e di servizi;  Area Risorse Umane, con riferimento al processo di reclutamento del personale tramite procedura di mobilità e alla gestione dell’attività di formazione del personale e alle attività di gestione delle presenze del personale e di pagamento delle competenze stipendiali;  Area Economico-finanziaria, attività correlate al pagamento delle fatture passive e all’emissione e riscossione delle fatture attive;  Area Sanitaria, con riferimento all’attività di funzionamento delle Camere mortuarie dei PP.OO. aziendali (Direzioni Sanitarie di Presidio), alla gestione degli accessi alle prestazioni erogate in “area a pagamento” (Ufficio Monitoraggio attività ambulatoriali) e dei processi di acquisto beni e servizi di importo fino ad € , da € a € e superiori a € (Farmacia aziendale).

18 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 18 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Misure di prevenzione e contrasto del rischio di corruzione Una volta effettuata l’analisi delle aree a rischio, il Piano si sviluppa attraverso la individuazione di alcune misure di prevenzione. Il nostro Piano si fonda principalmente su azioni volte alla formazione del personale e sulla più ampia e completa attuazione del principio della trasparenza amministrativa.

19 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 19 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Misure di prevenzione e contrasto del rischio di corruzione – FORMAZIONE DEL PERSONALE Il programma di formazione per il 2014 si svilupperà su due livelli:  una formazione di tipo tecnico- specialistico, rivolta al personale assegnato alle aree a maggiore rischio di corruzione  una formazione a carattere più generale sui temi dell’etica e della legalità

20 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 20 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Misure di prevenzione e contrasto del rischio di corruzione – PROGRAMMA DI TRASPARENZA E INTEGRITA’ La trasparenza dell’attività della pubblica amministrazione costituisce livello essenziale delle prestazioni concernenti i diritti sociali e civili (ai sensi dell’art. 117 della Costituzione Italiana) ed essa si realizza tramite il massimo livello di pubblicità dell’azione amministrativa (con la pubblicazione sui siti web istituzionali di atti, provvedimenti, dati e informazioni ritenuti di interesse per il cittadino). L’effettiva attuazione della trasparenza amministrativa diviene essa stessa strumento di prevenzione e deterrente nei confronti dei reati contro la P.A.

21 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 21 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità

22 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 22 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità

23 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 23 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Misure di prevenzione e contrasto del rischio di corruzione - ALTRE MISURE DI PREVENZIONE  Selezione del personale  Rotazione del personale addetto alle aree a rischio di corruzione  Astensione in caso di conflitto d’interesse  Incompatibilità ed inconferibilità  Svolgimento di attività successiva alla cessazione del rapporto di lavoro (c.d. pantouflage – revolving doors)  Svolgimento di incarichi d’ufficio - attività ed incarichi extra-istituzionali  Formazione di commissioni, assegnazioni agli uffici, conferimento di incarichi dirigenziali in caso di condanna penale per delitti contro la pubblica amministrazione  Tutela del dipendente che effettua segnalazione di fatti illeciti o di fatti anomali (c.d. whistleblower)  CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI

24 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 24 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI È stato adottato dall’AO di Melegnano il 29 gennaio 2014 in attuazione dell’art. 54, c.5 del D.Lgs. 165/2001 al fine di specificare le regole di condotta previste dal Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR 62/2013)

25 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 25 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI  Esso definisce i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta da osservare (PRINCIPI DI COMPORTAMENTO)  Tali norme si estendono a tutti i collaboratori o consulenti, titolari di organi e di incarichi, nonché ai collaboratori di imprese fornitrici di beni, servizi e lavori  Principi generali (art. 3 DPR 62/2013)DPR 62/2013

26 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 26 Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI Regole di condotta:  Regali, compensi ed altre utilità (art. 4)  Conflitti d’interesse e obblighi di astensione (artt. 6 e 7)  Comportamento nei rapporti privati e in servizio (artt. 10 e 11)  Responsabilità per violazione del codice di comportamento (art. 16): la violazione degli obblighi previsti dal Codice è fonte di responsabilità disciplinare accertata all’esito del procedimento disciplinare

27 Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale 27 Allegoria del Cattivo Governo – Ambrogio Lorenzetti (1338, Palazzo Pubblico di Siena) Paolo Moneta - l’anticorruzione in sanità Grazie per l’attenzione !!!


Scaricare ppt "Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione anche parziale del materiale Copyright © Tutti i diritti riservati – Vietata la riproduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google