La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Chiare, fresche et dolci acque. Chiare, fresche e dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir'

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Chiare, fresche et dolci acque. Chiare, fresche e dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir'"— Transcript della presentazione:

1 Chiare, fresche et dolci acque

2 Chiare, fresche e dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir' mi rimembra) a lei di fare al bel fianco colonna;

3 erba e fior' che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; aere sacro, sereno, ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse: date udïenza insieme a le dolenti mie parole estreme.

4 S'egli è pur mio destino e 'l cielo in ciò s'adopra, ch'Amor quest'occhi lagrimando chiuda, qualche gratia il meschino corpo fra voi ricopra, e torni l'alma al proprio albergo ignuda.

5 La morte fia men cruda se questa spene porto a quel dubbioso passo: ché lo spirito lasso non poria mai in piú riposato porto né in piú tranquilla fossa fuggir la carne travagliata e l'ossa.

6 Tempo verrà ancor forse ch'a l'usato soggiorno torni la fera bella e mansüeta, e là 'v'ella mi scorse nel benedetto giorno, volga la vista disïosa e lieta, cercandomi; e, o pietà!,

7 già terra in fra le pietre vedendo, Amor l'inspiri in guisa che sospiri sí dolcemente che mercé m'impetre, e faccia forza al cielo, asciugandosi gli occhi col bel velo.

8 Da' be' rami scendea (dolce ne la memoria) una pioggia di fior' sovra 'l suo grembo; ed ella si sedea umile in tanta gloria, coverta già de l'amoroso nembo.

9 Qual fior cadea sul lembo, qual su le treccie bionde, ch'oro forbito e perle eran quel dí a vederle; qual si posava in terra, e qual su l'onde; qual con un vago errore girando parea dir: - Qui regna Amore. -

10 Quante volte diss'io allor pien di spavento: Costei per fermo nacque in paradiso.

11 Cosí carco d'oblio il divin portamento e 'l volto e le parole e 'l dolce riso m'aveano, e sí diviso da l'imagine vera, ch'i' dicea sospirando: Qui come venn'io, o quando?; credendo d'esser in ciel, non là dov'era.

12 Da indi in qua mi piace quest'erba sí, ch'altrove non ò pace.

13 Se tu avessi ornamenti quant'ài voglia, poresti arditamente uscir del bosco, et gir in fra la gente.

14 Ode to the West Wind

15 Thou who didst waken from his summer dreams The blue Mediterranean, where he lay, Lulled by the coil of his crystalline streams, Beside a pumice isle in Baiae’s bay And saw in sleep old palaces and towers Quivering within the wave’s intenser day. Tu che svegliasti dai sui sogni estivi L’azzurro Mediterraneo, dove giaceva, Cullato dal gorgoglio dei suoi fiumi cristallini, Accanto a un’isola di pomice nell’insenatura di Baia E vedesti in sogno vecchi palazzi e torri Tremolanti nella luce più intensa dell’onda

16 All overgrown with azure moss and flowers So sweet, the sense faints picturing them! Thou For whose path the Atlantic’s level powers Cleave themselves chasms, while far below The sea-blooms and the oozy woods which wear Tutti ricoperti di azzurro muschio e fiori Così dolci, che il senso sviene raffigurandoli! Tu Al cui passaggio le potenti superfici dell’Atlantico Si squarciano in abissi, mentre molto giù I fiori marini e i boschi limacciosi che indossano

17 The sapless foliage of the ocean, know Thy voice, and suddenly grow grey with fear, And tremble and despoil themselves: oh, hear! Il fogliame privo di linfa dell’oceano, conoscono La tua voce, e improvvisamente diventano grigi di paura, E tremano e si spogliano: oh, ascolta!

18 Cassese Federica Di Maio Giulia Pandolfi Antea Torrano Fortuna


Scaricare ppt "Chiare, fresche et dolci acque. Chiare, fresche e dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir'"

Presentazioni simili


Annunci Google