La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pag. 1. Pag. 2 APPROCCIO OMEOPATICO ALLE MALATTIE INFETTIVE VIRALI IN UNA COLONIA FELINA Dott. Pecchia Luca Medico Veterinario Omeopata Libero professionista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pag. 1. Pag. 2 APPROCCIO OMEOPATICO ALLE MALATTIE INFETTIVE VIRALI IN UNA COLONIA FELINA Dott. Pecchia Luca Medico Veterinario Omeopata Libero professionista."— Transcript della presentazione:

1 Pag. 1

2 Pag. 2 APPROCCIO OMEOPATICO ALLE MALATTIE INFETTIVE VIRALI IN UNA COLONIA FELINA Dott. Pecchia Luca Medico Veterinario Omeopata Libero professionista APPROCCIO OMEOPATICO ALLE MALATTIE INFETTIVE VIRALI IN UNA COLONIA FELINA Dott. Pecchia Luca Medico Veterinario Omeopata Libero professionista

3 Pag. 3 L’obiettivo è la riduzione delle virosi (fiv-felv) che si manifestano in modo epidemico in una colonia felina composta da 19 gatti a. Problematiche ambientali (spazi,microclima, alimentazione) b. gestione caso clinico ( numero di soggetti) c. Terapia convenzionale d. approccio complementare omeopatico (dopo aver repertorizzato i sintomi) a. Problematiche ambientali (spazi,microclima, alimentazione) b. gestione caso clinico ( numero di soggetti) c. Terapia convenzionale d. approccio complementare omeopatico (dopo aver repertorizzato i sintomi)

4 Pag. 4 LEUCOSI VIRALE DEL GATTO COMPLESSO LEUCEMIA VIRALE FELINA ( FELV ) RETROVIRUS SOTTOFAM. ONCOVIRINAE COMPLESSO LEUCEMIA VIRALE FELINA ( FELV ) RETROVIRUS SOTTOFAM. ONCOVIRINAE

5 Pag. 5 DIFFUSIONE NELL’OSPITE  Contatto mucosa oronasale con saliva infetta  Replicazione nelle gh. Salivari  Distribuzione ai linfonodi  Distribuzione al midollo osseo  Viremia ( leucociti infetti)  Trasmissione trans placentare  Contatto mucosa oronasale con saliva infetta  Replicazione nelle gh. Salivari  Distribuzione ai linfonodi  Distribuzione al midollo osseo  Viremia ( leucociti infetti)  Trasmissione trans placentare

6 Pag. 6 INFEZIONI OPPORTUNISTICHE Funghi (criptococcus,aspergillus) Rickettsie (haemobartonella) Protozoi (toxoplasma) Batteri Funghi (criptococcus,aspergillus) Rickettsie (haemobartonella) Protozoi (toxoplasma) Batteri

7 Pag. 7 MANIFESTAZIONI CLINICHE Effetti oncogenici (linfomi,neoplasia mieloide, neoplasia linfoide) Effetti citopatici (anemia, neutropenia, trombocitopenia) Effetti immunosoppressivi (malattie autoimm., inf.opport., immunodeficienza Effetti oncogenici (linfomi,neoplasia mieloide, neoplasia linfoide) Effetti citopatici (anemia, neutropenia, trombocitopenia) Effetti immunosoppressivi (malattie autoimm., inf.opport., immunodeficienza

8 Pag. 8 DIAGNOSI TEST DI LABORATORIO E.L.I.S.A. CHE IDENTIFICA L’ANTIGENE P 27 DIVERSO DALL’ANTIGENE VACCINALE P 45 KIT RAPIDI DIPSTICK TEST DI LABORATORIO E.L.I.S.A. CHE IDENTIFICA L’ANTIGENE P 27 DIVERSO DALL’ANTIGENE VACCINALE P 45 KIT RAPIDI DIPSTICK

9 Pag. 9 MISURE PREVENTIVE 1. Test diagnostico sui nuovi arrivati 2. Vaccinazione dei singoli soggetti sani 3. Allontanare positivi 4. Pulire e detergere le ciotole 5. Vuoto sanitario 1. Test diagnostico sui nuovi arrivati 2. Vaccinazione dei singoli soggetti sani 3. Allontanare positivi 4. Pulire e detergere le ciotole 5. Vuoto sanitario

10 Pag. 10 RINOTRACHEITE INFETTIVA Herpes virus+calicivirus Sintomi principali 1)Starnuti 2) congiuntivite 3) scolo oculonasale 4) tosse 5) febbre 6) ulcere orali Herpes virus+calicivirus Sintomi principali 1)Starnuti 2) congiuntivite 3) scolo oculonasale 4) tosse 5) febbre 6) ulcere orali

11 Pag. 11 FIV (VIRUS IMMUNODEFICIENZA FELINA) Lentivirus Distruzione linfociti t Sindrome da immunodeficienza Infezioni croniche

12 Pag. 12 Colonia composta da 19 gatti 12 femmine 7 maschi, i gatti sono sparsi tra le varie stanze, ognuno ha il suo posto preferito, nel quale interagiscono con la proprietaria e gli estranei, gerarchie interne tra i gatti nel momento in cui mangiano 12 FEMMINE 11 sterilizzate 9 anziane >7 anni 2 adulte > 3 anni 1 giovane < 1 anno 5 positive 1 fiv 4 felv 12 FEMMINE 11 sterilizzate 9 anziane >7 anni 2 adulte > 3 anni 1 giovane < 1 anno 5 positive 1 fiv 4 felv 7 MASCHI 6 anziani > 7 anni sterilizzati 1 giovane <1 anno 7 MASCHI 6 anziani > 7 anni sterilizzati 1 giovane <1 anno

13 Pag. 13 PRESA DEL CASO a) Prevalenza di femmine anziane sterilizzate b) positive felv-fiv c) stessa alimentazione d) anamnesi remota frammentaria a) Prevalenza di femmine anziane sterilizzate b) positive felv-fiv c) stessa alimentazione d) anamnesi remota frammentaria

14 Pag. 14 PARAMETRI VALUTATI o Temperatura corporea o Frequenza respiratoria o Frequenza cardiaca o Aspetto mucose osservabili o Dimensioni linfonodi esplorabili o Prensione dell’alimento o Temperatura corporea o Frequenza respiratoria o Frequenza cardiaca o Aspetto mucose osservabili o Dimensioni linfonodi esplorabili o Prensione dell’alimento

15 Pag. 15 SINTOMI CLINICAMENTE EVIDENTI 1) rinotracheite 2) congiuntivite 3) sinusite 4) diarrea 5) gengivite 1) rinotracheite 2) congiuntivite 3) sinusite 4) diarrea 5) gengivite

16 Pag. 16 SINTOMI COLONIA o Dimagrimento o Emaciazione o Linfoadenopatia o Suppurazione o Dimagrimento o Emaciazione o Linfoadenopatia o Suppurazione

17 Pag. 17 PUNTI CRITICI Elevato numero di soggetti Assenza profilassi vaccinale Carenze igienico sanitarie Carenze alimentari Elevato numero di soggetti Assenza profilassi vaccinale Carenze igienico sanitarie Carenze alimentari

18 Pag. 18 TERAPIA CONVENZIONALE antibiotici+fermenti lattici fluidoterapia con vitamine e disintossicanti cortisonici interferone umano antibiotici+fermenti lattici fluidoterapia con vitamine e disintossicanti cortisonici interferone umano

19 Pag. 19 ELEMENTI IN COMUNE DELLA COLONIA  stesso ambiente  alimentazione uguale per tutti, con ciotole in comune  nessuno è vaccinato  sverminazioni occasionali  profilassi antipulci in estate  elevato numero di soggetti (sovraffollamento)  prevalenza di femmine anziane sterilizzate  sintomi sovrapponibili  test diagnostici positivi per alcuni soggetti  stesso ambiente  alimentazione uguale per tutti, con ciotole in comune  nessuno è vaccinato  sverminazioni occasionali  profilassi antipulci in estate  elevato numero di soggetti (sovraffollamento)  prevalenza di femmine anziane sterilizzate  sintomi sovrapponibili  test diagnostici positivi per alcuni soggetti

20 Pag. 20 Il rimedio utilizzato è la silicea, appartenente al regno minerale, in natura è uno dei componenti Della crosta terrestre e la troviamo sotto forma di biossido di silicio. Nell’organismo influenza il metabolismo delle ossa e dei connettivi, la nutrizione, la termoregolazione, l’attività del sistema immunitario Il rimedio utilizzato è la silicea, appartenente al regno minerale, in natura è uno dei componenti Della crosta terrestre e la troviamo sotto forma di biossido di silicio. Nell’organismo influenza il metabolismo delle ossa e dei connettivi, la nutrizione, la termoregolazione, l’attività del sistema immunitario SECONDO LE INDICAZIONI DI J. T. KENT RIGUARDO ALLE PATOLOGIE EPIDEMICHE HO CONSIDERATO LA COLONIA COME UN UNICO GRANDE INDIVIDUO

21 Pag. 21 SINTOMI SILICEA DALLA MATERIA MEDICA DI WILLIAM BOERICKE 1. mente: ansioso, eccitabile 2. occhi: avversione alla luce, cheratite ed ulcera corneale 3. orecchie: sensibili al rumore 4. naso: croste secche e dure che sanguinano 5. faccia: eruzione del mento 6. gengive: vescicole sulle gengive 7. gola: dolore quando ingoia, parotidi gonfie 8. stomaco: mancanza di appetito, sete eccessiva 9. addome: duro gonfio,brontolio intestinale, stipsi 1. mente: ansioso, eccitabile 2. occhi: avversione alla luce, cheratite ed ulcera corneale 3. orecchie: sensibili al rumore 4. naso: croste secche e dure che sanguinano 5. faccia: eruzione del mento 6. gengive: vescicole sulle gengive 7. gola: dolore quando ingoia, parotidi gonfie 8. stomaco: mancanza di appetito, sete eccessiva 9. addome: duro gonfio,brontolio intestinale, stipsi 10. retto: stipsi, diarrea di odore cadaverico 11. apparato urinario: urine con sedimento rosso 12. apparato respiratorio: raffreddamento con espettorato, muco purulento (denso e giallo), tosse, faringite 13. schiena: debolezza della spina dorsale 14. sonno: sobbalzi nel sonno 15. estremità: dolori arti, estremità fredde 16. pelle: ascessi 17. febbre: sensibile all’aria 10. retto: stipsi, diarrea di odore cadaverico 11. apparato urinario: urine con sedimento rosso 12. apparato respiratorio: raffreddamento con espettorato, muco purulento (denso e giallo), tosse, faringite 13. schiena: debolezza della spina dorsale 14. sonno: sobbalzi nel sonno 15. estremità: dolori arti, estremità fredde 16. pelle: ascessi 17. febbre: sensibile all’aria

22 Pag. 22 ANALOGIE GATTO SILICEA  Gatto predisposto affezioni apparato respiratorio  Congiuntiviti con secrezioni mucopurulente  Tende a formare lesioni ascessuate  Sulla cute sono presenti piaghe e croste  È frequente nei gatti l’ulcera eosinofilica  Il gatto è tendenzialmente freddoloso  Ama il calore(sole,termosifone)  Non sopporta il bagno, l’acqua lo infastidisce  Gatto predisposto affezioni apparato respiratorio  Congiuntiviti con secrezioni mucopurulente  Tende a formare lesioni ascessuate  Sulla cute sono presenti piaghe e croste  È frequente nei gatti l’ulcera eosinofilica  Il gatto è tendenzialmente freddoloso  Ama il calore(sole,termosifone)  Non sopporta il bagno, l’acqua lo infastidisce

23 Pag. 23  È sensibile e dolce (mildness 3°)  Desideroso di contatto e di carezza (magnetized desires to be 3°)  Soffre allontanamento dal proprio ambiente (home sickness 2°)  Timido al di fuori del suo ambiente (timidity appearing in public 3°)  Insicuro (confidence want of self 2°)  Non è facile indurlo a fare qualcosa contro la sua volontà (contadiction intolerant of 2°)  È abitudinario e cura la propria igiene personale (conscientious 3°)  Si spaventa con faciltà (frichtened easly 2°)  Sussulta facilmente nel sonno  È sensibile e dolce (mildness 3°)  Desideroso di contatto e di carezza (magnetized desires to be 3°)  Soffre allontanamento dal proprio ambiente (home sickness 2°)  Timido al di fuori del suo ambiente (timidity appearing in public 3°)  Insicuro (confidence want of self 2°)  Non è facile indurlo a fare qualcosa contro la sua volontà (contadiction intolerant of 2°)  È abitudinario e cura la propria igiene personale (conscientious 3°)  Si spaventa con faciltà (frichtened easly 2°)  Sussulta facilmente nel sonno CARATTERISTICHE PRINCIPALI GATTO

24 Pag. 24 PUNTI CHIAVE 1. Debolezza fisica e mentale 2. Irritabilità ( irritabile 3°) 3. Ipersensibilità di tutti i sensi (sentiveness 3°) 4. Mancanza di calore vitale (heat vital lach of 3°) 5. Tendenza a suppurare delle lesioni 1. Debolezza fisica e mentale 2. Irritabilità ( irritabile 3°) 3. Ipersensibilità di tutti i sensi (sentiveness 3°) 4. Mancanza di calore vitale (heat vital lach of 3°) 5. Tendenza a suppurare delle lesioni

25 Pag. 25 Il gatto visto dal punto di vista etologico, racchiude in se il desiderio di convivenza con l’uomo (manifestazioni affettive come le fusa, adattabilità all’ambiente domestico), con la volontà di indipendenza (vuole un tipo di alimento, sceglie il posto dove dormire, agguati e tendenze predatorie) Silicea viene definito il rimedio dolce ostinato della materia medica, si piega ma non si spezza come la canna di bambù ricca di silicio Il gatto visto dal punto di vista etologico, racchiude in se il desiderio di convivenza con l’uomo (manifestazioni affettive come le fusa, adattabilità all’ambiente domestico), con la volontà di indipendenza (vuole un tipo di alimento, sceglie il posto dove dormire, agguati e tendenze predatorie) Silicea viene definito il rimedio dolce ostinato della materia medica, si piega ma non si spezza come la canna di bambù ricca di silicio

26 Pag. 26 ANALOGIE FELV-SILICEA Leucosi virale del gatto è una malattia ad andamento cronico, la silicea è un rimedio ad azione lenta Nella felv si ha interessamento dei linfonodi, che sono aumentati di volume ed induriti come in silicea  Dimagramento ed astenia  Anemia  Paralisi regionali  Diarrea cronica  Corizza e sinusite cronica Si riscontra scarsa reattività dell’organismo dovuta alla immunodeficienza, per soppressione della immunità cellulo- mediata, il silicio infatti interagendo con magnesio e zinco deprime la funzione leucocitaria Leucosi virale del gatto è una malattia ad andamento cronico, la silicea è un rimedio ad azione lenta Nella felv si ha interessamento dei linfonodi, che sono aumentati di volume ed induriti come in silicea  Dimagramento ed astenia  Anemia  Paralisi regionali  Diarrea cronica  Corizza e sinusite cronica Si riscontra scarsa reattività dell’organismo dovuta alla immunodeficienza, per soppressione della immunità cellulo- mediata, il silicio infatti interagendo con magnesio e zinco deprime la funzione leucocitaria

27 Pag. 27 ANALOGIE FIV-SILICEA 1. generals-emaciation silicea 3° 2. generals-anemia silicea 1° 3. swelling glands, of emaciation,whith silicea 2° 4. fever-intermittent silicea 2° 5. mouth-inflammation gums silicea 3° 1. generals-emaciation silicea 3° 2. generals-anemia silicea 1° 3. swelling glands, of emaciation,whith silicea 2° 4. fever-intermittent silicea 2° 5. mouth-inflammation gums silicea 3°

28 Pag. 28 Ci sono otto rimedi che potrebbero fornire un apporto efficace nel trattamento dei pazienti sintomatici in particolare gli arsenicali, mi sono soffermato su silicea in quanto avevo corrispondenza con la felv 1. Arsenicum-iodatum 2. arsenicum 3. Sulphur 4. Calcarea- phosphorica 5. Calcarea 6. Natrum muriaticum 7. Nitricum-acidum 8. Phosphorus 1. Arsenicum-iodatum 2. arsenicum 3. Sulphur 4. Calcarea- phosphorica 5. Calcarea 6. Natrum muriaticum 7. Nitricum-acidum 8. Phosphorus

29 Pag. 29 ANALOGIE RINOTRACHEITE INFETTIVA-SILICEA 1. Infiammazione esterna 3° 2. Secrezioni mucose aumentate 2° 3. Perdita di fluidi organici 2° 4. Ulcere 2° 5. Occhi infiammati 3° 6. Lacrimazione 2° 7. Secrezioni dense e gialle 3° 8. Ulcerazione corneale 2° 9. Starnuti 2° 10. Odorato diminuito 3° 1. Infiammazione esterna 3° 2. Secrezioni mucose aumentate 2° 3. Perdita di fluidi organici 2° 4. Ulcere 2° 5. Occhi infiammati 3° 6. Lacrimazione 2° 7. Secrezioni dense e gialle 3° 8. Ulcerazione corneale 2° 9. Starnuti 2° 10. Odorato diminuito 3°

30 Pag. 30 ANALOGIE RINOTRACHEITE INFETTIVA-SILICEA (segue) 11. Corizza cronica 2° 12. Secrezioni dense 3° 13. Secrezioni giallastre 2° 14. Secrezioni dure e secche 3° 15. Formazione di croste sul naso 3° 16. Catarro nel torace 3° 17. Infiammazione nei polmoni 2° 18. Respirazione difficile 3° 19. Scialorrea 2° 20. Infiammazione della faringe 2° 21. Anoressia 3° 22. Vomito 3° 11. Corizza cronica 2° 12. Secrezioni dense 3° 13. Secrezioni giallastre 2° 14. Secrezioni dure e secche 3° 15. Formazione di croste sul naso 3° 16. Catarro nel torace 3° 17. Infiammazione nei polmoni 2° 18. Respirazione difficile 3° 19. Scialorrea 2° 20. Infiammazione della faringe 2° 21. Anoressia 3° 22. Vomito 3°

31 Pag. 31 Prima di somministrare rimedio a. Sospeso cortisone b. Pulizia ambiente c. Detersione ciotole d. Qualità cibo migliore a. Sospeso cortisone b. Pulizia ambiente c. Detersione ciotole d. Qualità cibo migliore Silicea unitario 30 ch sciolto in acqua, una volta al giorno per sette giorni, poi ogni tre giorni per venti giorni,facendo dinamizzare prima di ogni somministrazione RIMEDIO PRESCRITTO

32 Pag. 32 NomeSessoRazzaEtàMantello Cartella Clinica DumboMEuropea 1 a Nero- AttilaMEuropea 7 a Grigio Non castrato ZorroMEuropea 9 a Tigrato Gengivite FIV positivo Starnuti Scolo Nasale CiccioMPersiano 12 a Nero- NeroneMEuropea 13 a Nero FIV positivo LolloMEuropea 13 a Tigrato Sinusite cronica Sovrappeso AramisMEuropea 15 a Bianco rosso Insuff. Renale epatica pancreatica Schema colonia felina (1)

33 Pag. 33 NomeSessoRazzaEtàMantello Cartella Clinica GioiaFEuropea 1 a Nero- LilliFEuropea 3 a Tigrato Inappetenza ulcere corneali SheilaFEuropea 3 a Grigio- PicchiaFEuropea 7 a Nero FIV positivo dermatosi croste PisellinaFEuropea 8 a Bianco Grigio Febbre int. Sovrappeso NuvolaFEuropea 9 a Tricolore FELV positivo asportati i denti TopazioFEuropea 9 a Bianco nero FELV positivo asportati i denti Schema colonia felina (2)

34 Pag. 34NomeSessoRazzaEtàMantello Cartella Clinica IccilaFEuropea 11 a Nero- Fanny (duchessa) FEuropea 13 a Bianco nero FELV positivo asportati i denti diarrea cronica SissiFEuropea 13 a Bianco nero Sovrappeso ChiccaFEuropea 14 a Tricolore Linfoadenopatia gengivite dimagrimento CleopatraFEuropea 15 a Tricolore Croste pelo opaco Schema colonia felina (3) Non trattati Terapia conv. Terapia omeopatica

35 Pag. 35

36 Pag. 36 ARAMIS maschio 15 anni (non trattato) sintomi: 1)dimagrimento 2) Linfonodi esplorabili >volume 3)Mucose pallide 4)Reni induriti alla palpazione 5)Alternanza feci pastose e normali Valori ematici > Creatininemia 1,64 mg\dl(fino a 1,6) > gpt 173 u|litro (fino a 90) > albumina 45,1% > alfa- 2 24,4% (5,5-14) > gamma 19,3% (8-14 ) ARAMIS maschio 15 anni (non trattato) sintomi: 1)dimagrimento 2) Linfonodi esplorabili >volume 3)Mucose pallide 4)Reni induriti alla palpazione 5)Alternanza feci pastose e normali Valori ematici > Creatininemia 1,64 mg\dl(fino a 1,6) > gpt 173 u|litro (fino a 90) > albumina 45,1% > alfa- 2 24,4% (5,5-14) > gamma 19,3% (8-14 )

37 Pag. 37

38 Pag. 38 TOPAZIO femmina 9 anni (felv positiva) sintomi 1)Dimagrimento 2)Ulcerazioni cavità orale(asportati alcuni denti) 3)Alimentata con cibo tritato, dolore alla prensione 4)Linfonodi retromandibolari>volume Valori ematici >alfa % (5,5-14) >gamma 25% (8-14) leucociti >eosinofili Silicea 30 ch > silicea 200 ch aggravamento omeopatico,( fluidoterapia non si alimentava),miglioramento,stabile TOPAZIO femmina 9 anni (felv positiva) sintomi 1)Dimagrimento 2)Ulcerazioni cavità orale(asportati alcuni denti) 3)Alimentata con cibo tritato, dolore alla prensione 4)Linfonodi retromandibolari>volume Valori ematici >alfa % (5,5-14) >gamma 25% (8-14) leucociti >eosinofili Silicea 30 ch > silicea 200 ch aggravamento omeopatico,( fluidoterapia non si alimentava),miglioramento,stabile

39 Pag. 39

40 Pag. 40 ZORRO maschio 9 anni Prima visita positivo fiv test rapido rinotracheite purulenta terapia convenzionale Seconda visita sintomi: corizza profusa,secrezione giallo verdastra, congiuntivite, croste sul naso eseguo tampone nasale colturale+ antibiogramma risposta tampone pseudomonas s.p. Sensibile ad enrofloxacin nuova ricaduta terapia omeopatica con silicea 30 ch unitario dopo alcuni giorni peggioramento dei sintomi, poi miglioramento graduale con gatto più vispo, stato di benessere Valori ematici Positivo fiv laboratorio >alfa-2 21,4% (5,5-14) >gamma 24.7% (8-14) ZORRO maschio 9 anni Prima visita positivo fiv test rapido rinotracheite purulenta terapia convenzionale Seconda visita sintomi: corizza profusa,secrezione giallo verdastra, congiuntivite, croste sul naso eseguo tampone nasale colturale+ antibiogramma risposta tampone pseudomonas s.p. Sensibile ad enrofloxacin nuova ricaduta terapia omeopatica con silicea 30 ch unitario dopo alcuni giorni peggioramento dei sintomi, poi miglioramento graduale con gatto più vispo, stato di benessere Valori ematici Positivo fiv laboratorio >alfa-2 21,4% (5,5-14) >gamma 24.7% (8-14)

41 Pag. 41

42 Pag. 42 PICCHIA femmina 7 anni fiv positiva sintomi a)Dermatosi con prurito b)Formazione di croste c)Eruzione sul mento che suppurano Valori ematici >alfa %(5.5-14) >gamma 24.7%(8-14) Dopo rimedio aumento sintomatologia suppurativa e dermatite poi migliorata PICCHIA femmina 7 anni fiv positiva sintomi a)Dermatosi con prurito b)Formazione di croste c)Eruzione sul mento che suppurano Valori ematici >alfa %(5.5-14) >gamma 24.7%(8-14) Dopo rimedio aumento sintomatologia suppurativa e dermatite poi migliorata

43 Pag. 43

44 Pag. 44 FANNY (duchessa) femmina 13 anni Prima visita 2002 felv positiva diarrea, cistite esame feci laboratorio no parassiti, cibo parz. Digerito esame urine lab. Nella norma Dopo rimedio >diarrea ma animale vivace, urine rossatre (sintomo del rimedio) A distanza di un anno un solo episodio di diarrea FANNY (duchessa) femmina 13 anni Prima visita 2002 felv positiva diarrea, cistite esame feci laboratorio no parassiti, cibo parz. Digerito esame urine lab. Nella norma Dopo rimedio >diarrea ma animale vivace, urine rossatre (sintomo del rimedio) A distanza di un anno un solo episodio di diarrea

45 Pag. 45

46 Pag. 46 CHICCA femmina 14 anni sintomi 1)Dimagrimento 2)Aumento volume linfonodi esplorabili 3)Mucose pallide 4)Gengivite 5)Dolore palpazione reni Valori ematici >amilasi 1882 u/litro ( ) >azotemia 69 mg/dl (30-65) >cpk 1769 u/litro (fino a 300) >ldh 367 u/litro ( ) >alfa % (5.5-14) >leucociti 21,6% (5-19) eosinofili 13% (0-10) >proteine CHICCA femmina 14 anni sintomi 1)Dimagrimento 2)Aumento volume linfonodi esplorabili 3)Mucose pallide 4)Gengivite 5)Dolore palpazione reni Valori ematici >amilasi 1882 u/litro ( ) >azotemia 69 mg/dl (30-65) >cpk 1769 u/litro (fino a 300) >ldh 367 u/litro ( ) >alfa % (5.5-14) >leucociti 21,6% (5-19) eosinofili 13% (0-10) >proteine silicea 30 ch poi silicea 200 ch peggiorata prensione cibo, polidipsia,aumento diuresi,poi miglioramento con >peso corporeo

47 Pag. 47

48 Pag. 48 LILLI femmina 3 anni sintomi 1)Lacrimazione 2)Fotofobia 3)Ulcere corneali Terapia classica con antibiotico sistemico e locale in pomate dava poca risposta, dopo rimedio, aumento secrezione giallastre occhi ed in seguito riduzione ulcere corneali valutate con la fluoresceina e l’oftalmoscopio LILLI femmina 3 anni sintomi 1)Lacrimazione 2)Fotofobia 3)Ulcere corneali Terapia classica con antibiotico sistemico e locale in pomate dava poca risposta, dopo rimedio, aumento secrezione giallastre occhi ed in seguito riduzione ulcere corneali valutate con la fluoresceina e l’oftalmoscopio

49 Pag. 49

50 Pag MIGLIORATA QUALITA’ DELLA VITA 2. RIDUZIONE SINTOMI respirazione migliore, facilità prensione cibo, defecazione regolare, < congiuntivite 3. SITUAZIONE DI BENESSERE RAGGIUNTA IN TEMPI MINORI RISPETTO TERAPIA TRADIZ. 4. MINORI RICADUTE 5. NO SOVRACCARICO CORTISONE ED ANTIBIOTICI 6. RIDUZIONE COSTI GESTIONE COLONIA 1. MIGLIORATA QUALITA’ DELLA VITA 2. RIDUZIONE SINTOMI respirazione migliore, facilità prensione cibo, defecazione regolare, < congiuntivite 3. SITUAZIONE DI BENESSERE RAGGIUNTA IN TEMPI MINORI RISPETTO TERAPIA TRADIZ. 4. MINORI RICADUTE 5. NO SOVRACCARICO CORTISONE ED ANTIBIOTICI 6. RIDUZIONE COSTI GESTIONE COLONIA RISULTATI

51 Pag. 51

52 Pag. 52 AGENTE EZIOLOGICO MALATTIA VISITA CLINICA ESAMI DI LABORATORIO VISITA CLINICA ESAMI DI LABORATORIO CONCLUSIONI DIAGNOSI PROGNOSI DIAGNOSI PROGNOSI TERAPIA OMEOPATICA RISPOSTA AL RIMEDIO SCELTO GUARIGIONE SECONDO LA LEGGE DELLA SIMILITUDINE


Scaricare ppt "Pag. 1. Pag. 2 APPROCCIO OMEOPATICO ALLE MALATTIE INFETTIVE VIRALI IN UNA COLONIA FELINA Dott. Pecchia Luca Medico Veterinario Omeopata Libero professionista."

Presentazioni simili


Annunci Google