La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La civiltà greca Indice La Grecia arcaica Il medioevo ellenico L’Età delle Poleis L’Ellenismo Da La "mappa del mondo" di Piri Reìs ammiraglio turco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La civiltà greca Indice La Grecia arcaica Il medioevo ellenico L’Età delle Poleis L’Ellenismo Da La "mappa del mondo" di Piri Reìs ammiraglio turco."— Transcript della presentazione:

1 La civiltà greca Indice La Grecia arcaica Il medioevo ellenico L’Età delle Poleis L’Ellenismo Da La "mappa del mondo" di Piri Reìs ammiraglio turco

2 La Talassocrazia o dominio del mare Palazzo di Knosso

3 La Talassocrazia o dominio del mare Palazzo di Knosso Egeo è il padre di Teseo, gettato in mare alla vista della nave sulla quale non sventolava il segnale che Teseo era vivo. Al Minotauro venivano dati 7 giovanetti e 7 giovinette provenienti dalle diverse città dell’Ellade/Grecia.

4 Cronologia- Schema Civiltà CreteseCRETA2300 a.C. – 1450 a.C. Civiltà Micenea Achei, Atreo Peloponneso1600 a.C. – 1200 a.C 1230 Caduta di Troia* sui Dardanelli (Ilio Dardano, Teucro) Invasione dei DoriDai Balcani1200 a.C. I colonizzazioneAsia minore900 a.C. – 800 a.C. Distizione etnico- linguistica 800 a.C.Dori>Laconia, Creta, Rodi Ioni>Attica/Atene, Calcide Eoli>Tessaglia, Beozia Sviluppo delle Polis- città stato Dal 800 a.C. II colonizzazioneMar Nero Mar Mediterraneo 750 a.C. Magna Graecia

5 Creta

6 I primi uomini vi giunsero nel 6000 a.C. Creta Popolazioni anatoliche portarono rame e bronzo 3000 a.C. In numerose località vennero edificati numerosi palazzi dal 2000 a.C. Da tavolette micenee scritte in lineare B* Dalla parola minos/re deriva l’aggettivo minoica La scrittura cretese venne chiamata lineare A si sa che Minosse aveva fatto costruire il Palazzo di Cnosso

7 Le sue strade, come quelle di altre sedi di palazzi come Mallia e Phaistos, erano lastricate, con canali di scolo, e su di esse si affacciavano case eleganti a due o tre piani, col tetto piatto e tettoie da usare nelle calde notti estive. Creta

8 Palazzo di Knosso – Sala del re

9 Creta Il toro, animale sacro nel Mediterraneo Eracle affronta un toro per proteggere le terre di Minosse

10 Creta La signora dei serpenti Ritrovata nel palazzo di Knosso, raffigura la dea madre, simbolo della fertilità, nell’atto di schiacciare i serpenti

11 Le regioni dell’Asia Minore

12 I Micenei

13 Quando la civiltà cretese era ancora in espansione, le popolazioni indoeuropee degli Achei e degli Ioni invasero la penisola greca insediandosi le une nel Peloponneso, in Tessaglia e in Beozia, le altre nell’Attica e nell’isola di Eubea. Per alcuni secoli si trattò di una presenza discreta di popoli piuttosto arretrati, la cui economia primitiva si basava essenzialmente sulla pastorizia. Attorno al a.C., per effetto dell’influenza cretese, le cose mutarono: nelle città achee e ioni­che più importanti, come Micene, Argo, Tirinto, Pilo, Tebe, Atene, si costruirono grandi palazzi e tombe reali monumentali, che custodivano corredi preziosi, e comparve la scrittura, fino ad allora sconosciuta.

14 I Micenei Iniziava così l’ascesa di una nuova civiltà, micenea dal nome della città deIl’Argolide, preminente del mondo acheo. L’ascesa si trasformò presto in espansione politico-militare e la stessa Creta fu una delle prime vittime dell’intraprendenza dei nuovi padroni dell’Egeo. A partire dal 1400 a.C., per la pressione politica e la concorrenza economico-commerciale micenea, l’isola era stata investita da un processo irreversibile di decadenza. I palazzi reali erano stati distrutti e l’economia aveva subito un tracollo definitivo: in queste condizioni la conquista anche militare da parte degli Achei fu un fatto quasi scontato. Ori di Micene

15 I Micenei Completata la conquista delle isole dell’Egeo, l’espansione acheo-ionica si rivolse alle coste dell’Asia minore: una fase storica di cui l’epopea omerica della guerra di Troia riflette in maniera leggendaria un episodio fra i più significativi. Egeo

16 I Micenei Per alcuni secoli la civiltà micenea si mostrò come una presenza discreta di popoli piuttosto arretrati, la cui economia primitiva si basava essenzialmente sulla pastorizia. La struttura della società micenea Wanax Capo religioso Lawagetas capo militare Possiedono la terra e la dividono tra guerrieri Basileus Capo del villaggio /damos Basileus Capo del villaggio /damos Basileus Capo del villaggio /damos

17 I Micenei Conoscevano la scrittura e la imponevano ai popoli che dominavano La scrittura lineare B* è sillabica, tradotta grazie alle tavolette conservate sotto le macerie a seguito di un incendio La lineare B è stata ricondotta alla lingua greca Tavoletta di Pylos-

18 I Micenei La Lineare B è scritta da sinistra a destra e conta circa 200 segni, dei quali una novantina sono segni sillabici con valore fonetico mentre i rimanenti sono ideogrammi con valore semantico. Esiste anche un sistema numerico decimale, costituito da linee verticali per le unità, orizzontali per le decine e cerchi per le centinaia. Si tratta di una scrittura arcaica e abbastanza rudimentale, che non evidenzia abbastanza bene i fenomeni fonetici del miceneo; non registra la quantità vocalica.

19 AREA ARCHEOLOGICA Scoperta da H Schliemann, il mercante tedesco che s'improvvisò archeologo e riportò alla luce i sette strati della città per secoli favoleggiata. Confesso che potei a stento dominare la mia commozione, quando vidi dinanzi a me l'immensa pianura di Troia, la cui immagine era già apparsa ai sogni della mia prima fanciullezza. Situata tra due piccoli fiumi, giunti quasi alla loro foce, lo Scamandro e il Simeto, la collina di Issarlik ricopre le molteplici stratificazioni della città e guarda quel mare che, ai tempi di Omero, era molto più vicino. Si entra nel cuore di Troia superando bastioni formati da imponenti blocchi di pietra ben squadrati e sovrapposti: ciò che resta delle sue mura inespugnabili. La Porta Orientale introduce il visitatore in un intrico di fondamenta di abitazioni e depositi; da un sopralzo si scruta il mare. Pietre sparse qua e là è tutto ciò che resta del tempio dorico di Atena Ilia. Si dice che lo stato così rovinoso del tempio sia da attribuire a terremoti ed eserciti distruttori, ma anche alla ricerca estenuante di Schliemann, che s'incaponì nel cercare il mitico tesoro di Priamo proprio in questo luogo. E procedette con metodi che farebbero raccapricciare gli archeologi di oggi, trovando infine, nel 1873, una straordinaria serie di monili d'oro battezzati gioielli di Elena, con i quali agghindò la giovane moglie e la ritrasse. Motivo della Guerra fu il tentativo greco di espandersi verso il Ponto Eusino ed è presumibile che l'evento svoltosi tra il sec. XIII e il XII a. C. sia stato mitizzato a emblematizzare lo scontro "classico" tra civiltà greca e civiltà asiatica. Risorta nel sec. VIII, Troia ebbe speciali cure da parte dei Romani che la consideravano culla della gens Julia (Eneide)

20 Presenta diverse fonti fra le quali Ulisse, Nessuno, Filottete” (www.logisma.it)www.logisma.it

21 Risorta sette volte dalle ceneri

22 %20Dardano%20-%20Dardania.htm Troade Regione storica dell'Asia Minore, affacciata al Mar Egeo, tra l'Ellesponto e il golfo di Adramittio (oggi Edremit). Dominata dal monte Ida (oggi Kazdag) e attraversata dai fiumi Scamandro e Simoenta, corrisponde all'attuale provincia turca di Çanakkale (Anatolia nord-occidentale). La regione, in cui si affermò il dominio di Troia, fu sede di coloni Eoli e Achei sulle coste e all'interno fu occupata dai Frigi. Dopo il dominio dei Lidi, subì quello dei Persiani (446) fino alla conquista di Alessandro Magno. Possesso successivamente di Antigono Monoftalmo, di Lisimaco e dei Seleucidi, appartenne poi al re di Pergamo. Sotto i Romani fece parte della provincia d'Asia

23 %20Dardano%20-%20Dardania.htm Dardano Leggendario capostipite della dinastia regnante di Troia, figlio di Zeus e della ninfa Elettra. Secondo alcune leggende era originario dell’isola di Samotracia, secondo Virgilio invece aveva regnato in Italia, da dove era fuggito per aver ucciso involontariamente il fratello Iasio. Si rifugiò in Asia Minore, dove sposò Bateia, figlia del re della Troade, Teucro, il quale donò al genero il terreno per erigere una città, Dardania. Da Bateia ebbe Erittonio. Alla morte del suocero salì al trono e fondò Troia, che prese il nome dal nipote Troo, figlio di Erittonio. Insegnò ai sudditi a venerare Atena e diede loro due statue della divinità, una delle quali era il famoso Palladio.

24 %20Dardano%20-%20Dardania.htm Ilo Discendente di Dardano e quarto re di Troia, era figlio di Troo e di Calliroe. Fratello di Assaraco e di Ganimede, ebbe da Euridice Laomedonte, il padre di Priamo. Ricostruì e fortificò la città di Troia, che da lui prese il nome di Ilio. Zeus gli mandò dal cielo il Palladio* per proteggere la città, rendendola inespugnabile. Scultura fatta da Atena per l'amica Pallade. Per successiva estensione, talismano la cui presenza protegge una città

25 Il Medioevo ellenico Dal 1200 a.C. I Colonizzazione – Alla ricerca di nuovi spazi

26 I Greci 1

27 La ricerca di spazi II colonizzazione I Greci 1 Dori>Laconia, Creta, Rodi Ioni>Attica/Atene, Calcide Eoli>Tessaglia, Beozia Naxos 734> dedicata ad Apollo Siracusa 733 > Akragas, Gela, Selinunte Mileto> Città di Talete e Anassimandro, distrutta dai Persiani nel 494 che schiavizzarono la popolazione.

28 I Greci 1 Uniti da Religione tradizionale priva di libri sacri (Omero) Politeisti: Dei come uomini Riti celebrati non da una CASTA SACERDOTALE, ma da chi aveva autorità nella comunità Apollo, nel santuario di Delfi, più venerato fra gli dei dell’Olimpo Sacerdotessa Pizia veniva interrogata prima di eventi e decisioni Anfizionie, alleanze sacre per proteggere le vie dei santuari (Delfi) Giochi di Olimpia dedicati a Zeus (dal 776 a.C.) ogni 4 anni Giochi Nemei (Delfi) ogni 2 anni

29 I Greci 1 Polis Molte diverse autonome LEGGI – Costituzioni VIII-V secolo – partecipazione dei cittadini alla polis Anfizionie, alleanze sacre per proteggere le vie dei santuari (Delfi) Giochi di Olimpia dedicati a Zeus (dal 776 a.C.) ogni 4 anni Giochi Nemei (Delfi) ogni 2 anni Politica=partecipazione dei cittadini Aggregazione di villaggi es.Athenae (Teseo) Frugalità – Riflessione - Discorso Ecclesia-assemblea (parlare, decidere) Monarchia-Oligarchia-Democrazia Legislatori

30 GRECIA CLASSICA Polis Atene e Sparta AteneSparta DEMOcrazia OLIGarchia militare - culto della forza ARISTOcrazia gruppo dei Migliori per sangue o censo 621 DRACONE leggi scritte e più giuste 594 SOLONE dal sangue al censo per le cariche, Assemblea non schiavi*debiti 508 CLISTENE Accesso cariche per appartenenza alle tribù (Bulè), Ecclesia non donne schiavi stranieri, ostracismo Cariche non retribuite PERICLE Accesso cariche retribuito*sorteggio, annualità delle cariche Società rigidamente divisa: spartiati/Dori, perieci, iloti Costituzione per mantenere società immobile Due re/diarchia capi religiosi e militari Due assemblee Apella max 28 anni Approva e respinge proposte > Gherusia Elegge 5 efori *controllo re


Scaricare ppt "La civiltà greca Indice La Grecia arcaica Il medioevo ellenico L’Età delle Poleis L’Ellenismo Da La "mappa del mondo" di Piri Reìs ammiraglio turco."

Presentazioni simili


Annunci Google