La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La classe Quinta della scuola Elena Guerra presenta:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La classe Quinta della scuola Elena Guerra presenta:"— Transcript della presentazione:

1 La classe Quinta della scuola Elena Guerra presenta:

2 Capitoli SCHEMA ATENESPARTA MAGNA GRECIA ARTE LA RELIGIONE IL TEATRO LE OLIMPIADI ELLENISMO

3 1200 a. C. Elleni invadono la Grecia abitata dai Micenei Elleni + Micenei Nascita del popolo Greco Penisola Greca Piccole pianure Fiumi brevi e poveri d acqua Molto montuoso Sviluppo della navigazione e del commercio Poco adatto All agricoltura Ricca di isole

4 Acropoli = cittadella Per pregare Agorà = piazza Porto per commercio Polis = stato autonomo Rivalità o alleanze per evitare invasioni Modesti villaggi Cinta Muraria: Per difendere città Esempio di Polis Greca

5 Atene città ricca Atene sorgeva in una posizione geografica favorevole, quasi al centro della regione dell Attica. Nel 621 a.C con larrivo dell aristocratico Dracone, Atene ebbe le prime leggi scritte; Arrivò l aristocratico Solone che stabilì che i cittadini potevano avere diritti in base alla loro ricchezza: chi era più ricco aveva più diritti ma anche più doveri verso la polis. Nel 509 a.C con Clìstene nacque la DEMOCRAZIA, ricchi e poveri avevano uguali diritti. La città fu divisa in gruppi: ogni gruppo eleggeva 50 rappresentanti che formavano il consiglio della polis: la BULÈ, essa preparava le leggi e le proponeva allECCLESIA, che decideva se approvarle o no. Non potevano partecipare all ECCLESIA: stranieri, schiavi e donne ateniesi.

6 Atene città bellissima Al centro di Atene cera lagorà che era una piazza dove si svolgeva il mercato, si trattavano affari e si discuteva. Cera la Stoà dove cerano le botteghe degli artigiani; La città era attraversata da una via Panatenee che portava alla parte alta della città dove cera lAcropoli una cittadella piena di templi per pregare gli Dei. Cera poi la Bulè il consiglio della polis, di fronte ad essa cerano molte statue che rappresentavano gli eroi. agorà

7 Sparta era la polis più potente della LACONIA la regione meridionale del Peloponneso. La città era governata da un gruppo di guerrieri Spartiati che si ritenevano discendenti degli Elleni, i conquistatori della Grecia. Gli Spartiati sottoponevano a loro: i Perieci, uomini liberi senza diritti politici. Infine cerano gli Iloti, gli schiavi, senza diritti ne libertà. Sparta aveva una grande rivale:ATENE. Fra queste due scoppiavano spesso grandi guerre. La più grande fu la guerra organizzata da Pericle, capo ateniese. La guerra si concluse con la vittoria degli Spartani, i quali vinsero anche grazie al fatto che la PESTE colpì gli Ateniesi.

8 Il saper combattere a Sparta contava molto, più delle ricchezze. Appena nati, i bambini venivano portati da un consiglio di anziani, questi ultimi, rispetto al loro fisico decidevano se accettarli o meno. Se venivano accettati,rimanevano con le famiglie fino all età di 7 anni. I bambini maschi, a quella età, venivano portati in campi daddestramento. E imparavano a combattere e a sopportare la fame,il freddo e la fatica. A 20 anni se erano diventati bravi entravano a far parte dell esercito. A 30 anni, se erano ancora vivi diventavano Spartiati.

9 Nell VIII secolo a.C. la Grecia era diventata una delle terre più ricche del mondo. MA nelle città non cerano cibo e lavoro per tutti: per questo molti cittadini decisero di partire per mare cercando altre terre da trasformare in COLONIE: città fondate da persone che vengono da un luogo lontano. I capi aristocratici fornirono: navi, attrezzi e organizzarono gruppi di cittadini guidati da Capi-spedizione. Alcuni Greci si spinsero verso oriente, fino alle coste del Mar Nero. Altri invece si spinsero verso occidente per colonizzare lItalia meridionale e le altre terre del Mediterraneo.

10 I colonizzatori greci, per fondare nuovi insediamenti, scelsero la Sicilia e le coste meridionali della penisola-italica pianeggianti e fertili. La colonia più antica, fondata dai Greco- italici fu Cuma, i cui abitanti fondarono successivamente Napoli. Nacquero poi altre importanti città: Messina, Agrigento, Siracusa, Catania,Taranto, Reggio. Le poleis sorte in Italia divennero molto ricche e furono così numerose che tutto il territorio prese il nome di Magna Grecia, Grande Grecia. La colonizzazione durò molti decenni e in questo tempo la cultura dei Greci si diffuse in tutto il Mediterraneo. I Greci che arrivavano per primi fondavano la colonia. A ondate successive giungevano dalla madrepatria, patria di origine dalla quale partono i coloni. Le colonie e la madrepatria avevano un rapporto molto stretto, sia commerciale, sia culturale.

11 Molti studiosi Greci cercarono di capire il significato della vita questi uomini furono chiamati filosofi. In Grecia nacquero molti studiosi, scienziati e autori. Omero fu scrittore di grandi poemi come lIliade e lOdissea. Poi ci furono anche: Tucìdide che si occupò della storia. Pitagora che fondò una scuola per matematici a Crotone; Infine ci fu Archimede di Siracusa che studiò le regole del cerchio e scoprì le leggi fisiche del galleggiamento dei corpi!

12 La storia racconta di Ulisse, di tutti i suoi viaggi ed incontri con altri popoli. Dopo una lunga battaglia contro Troia, Ulisse partì per mare e ferì il gigante Polifemo, figlio di Poseidone. Da li in poi il potente Dio, padre del ciclope, lo ostacolò per non farlo tornare nella propria patria, Itaca.

13 Il teatro per le persone Greche era un educazione. Ogni polis aveva un teatro. A questi spettacoli partecipavano gratuitamente uomini, donne, bambini e schiavi. Gli spettacoli rappresentavano tragedie e commedie: le tragedie parlavano di drammi, ispirati alcuni anche alla mitologia. Le commedie erano molto spiritose prendendo in giro i filosofi, i ricchi e i potenti.

14 Il teatro era formato da : gradinate per le persone comuni; gradinate per le persone comuni; prima fila destinata agli aristocratici; prima fila destinata agli aristocratici; orchestra dove si esibiva il coro che accompagnava lo spettacolo; orchestra dove si esibiva il coro che accompagnava lo spettacolo; Palco dove venivano esposte le scenografie; Palco dove venivano esposte le scenografie; Proscenio, spazio dove avveniva la recita; Proscenio, spazio dove avveniva la recita; Attori, solo uomini che indossavano maschere Attori, solo uomini che indossavano maschere

15 Le olimpiadi erano uno dei giochi sacri della Grecia. Quando cerano le olimpiadi le guerre venivano sospese. Alle olimpiadi partecipavano i migliori atleti delle poleis greche e delle colonie. Le olimpiadi venivano celebrate ogni 4 anni vicino il santuario di Zeus a Olimpia. Alle olimpiadi partecipavano solo gli uomini, le donne non potevano né partecipare, né assistervi IL DISCOBOLO

16 In Grecia inventarono alcuni sport che si praticano ancora oggi,come la corsa. Nacque l idea di organizzare una competizione internazionale. Alle feste olimpioniche potevano assistere tutti, anche gli schiavi (tranne le donne sposate). Le olimpiadi si svolgevano d estate e duravano 7 giorni; i vincitori erano considerati eroi e al rientro venivano accolti con grande onore LE OLIMPIADI GRECHE

17 Gli Dei erano delle divinità greche. Ogni polis aveva un Dio o una dea che proteggeva la città. una dea che proteggeva la città. Gli dei vivevano sul Monte Olimpo ad Atene. Gli dei avevano laspetto e i sentimenti degli uomini, ma erano immortali

18 I Greci credevano in molti dei. Una delle divinità più importanti dei Greci era Zeus: Il dio del fulmine che governava lUniverso. Venere la dea dellamore e della bellezza, moglie di Efesto: Dio del fuoco. Venere proteggeva tutte le donne più belle della Grecia

19 Atena : è la dea della sapienza e dellintelligenza ed è la fondatrice di Atene. È la protettrice di filosofi e Astronomi. Era: è la moglie di Zeus, protettrice della Maternità e del matrimonio.

20 Poseidone era considerato Il Dio del mare e Viveva negli abissi più PROFONDI. Ade era il Dio del oltretomba e del caos, i greci avevano credenze diverse credevano solo negli inferi.

21 I Greci non costituirono mai uno Stato unitario perché le polis erano divise tra loro e per questo si indebolirono e furono conquistati dalla Macedonia: il Re della Macedonia era Filippo il Macédone. Alessandro figlio di Filippo passò alla storia come Alessandro Magno ( ovvero il grande). In 10 anni ( dal 334 al 324 a.C. ) conquistò le terre circostanti ovvero la Fenicia, la Siria, la Persia, l Indo e l Egitto.

22 Alessandro aveva un grande sogno, quello di realizzare un impero universale che comprendesse i popoli, dal Mediterraneo all Asia in cui le usanze greche e orientali si fondessero in una civiltà. Alessandro sposò una principessa persiana e creò un nuovo esercito formato da guerrieri greci,persiani e macedoni. Morì a 33 anni per colpa della malaria. Grazie alle sue conquiste la cultura greca si incontrò con quella orientale. Questo periodo è chiamato ELLENISMO.


Scaricare ppt "La classe Quinta della scuola Elena Guerra presenta:"

Presentazioni simili


Annunci Google